Apri il menu principale

Colette (film 2018)

film del 2018 diretto da Wash Westmoreland
Colette
ColetteMovie.png
Colette (Keira Knightley) in una scena del film
Titolo originaleColette
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneRegno Unito, Stati Uniti d'America, Ungheria
Anno2018
Durata111 min
Generedrammatico, biografico
RegiaWash Westmoreland
SoggettoRichard Glatzer
SceneggiaturaWash Westmoreland, Richard Glatzer, Rebecca Lenkiewicz
ProduttoreElizabeth Karlsen, Stephen Woolley, Pamela Koffler, Christine Vachon, Michel Litvak, Gary Michael Walters
Produttore esecutivoMary Burke, Svetlana Metkina, Norman Merry
Casa di produzioneBFI Film Fund, Bold Films, Killer Films, Number 9 Films
Distribuzione in italianoVision Distribution
FotografiaGiles Nuttgens
MontaggioLucia Zucchetti
MusicheThomas Adès
ScenografiaMichael Carlin
CostumiAndreas Flesch
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Colette è un film del 2018 diretto da Wash Westmoreland.

È un film biografico basato sulla vita della scrittrice francese Colette, interpretata da Keira Knightley. Dominic West interpreta suo marito Henry Gauthier-Villars, soprannominato Willy.

Gabrielle Colette è considerata una delle maggiori figure della prima metà del XX secolo. La scrittrice è infatti diventata un mito nazionale in Francia e nel 1948 è stata candidata al Premio Nobel per la letteratura.

TramaModifica

Il personaggio Claudine diventa una vera e propria icona della cultura pop parigina, ma il successo di Colette viene offuscato dal marito, che si prende i meriti pubblicando i romanzi a suo nome. Anni dopo, a causa di debiti di gioco, Willy è costretto a vendere i diritti di Claudine e Colette può porre fine al suo infelice matrimonio e pubblicare i romanzi a suo nome, ottenendo finalmente il successo personale che merita.

Sidonie-Gabrielle Colette è una giovane donna proveniente dalla rurale Saint-Sauveur-en-Puisaye alla fine del XIX secolo, che inizia una relazione con Willy, un noto e famigerato imprenditore letterario. Willy porta Colette a Parigi come sua sposa. Arrivata a Parigi, Colette viene immediatamente trascinata nella società libertina della Belle Époque, che la ispira per una serie di racconti autobiografici intitolata Claudine.

Willy si riferisce a se stesso come un "imprenditore letterario", con un numero di ghostwriter. Tuttavia, trova che la produzione limitata non genera entrate sufficienti per coprire le sue spese, a causa del modo in cui vive in società, e incarica un ghostwriter di lavorare a un romanzo mentre Colette scrive le sue lettere. Un giorno, Colette trova Willy con una prostituta, che porta a una separazione ma alla fine Willy la convince a tornare, promettendo onestà. Colette gli racconta anche dei suoi giorni da studentessa.

Con Willy che vede aumentare le sue spese e che è sempre più incapace di pagare i suoi scrittori, chiede a Colette di scrivere un romanzo basato sulle sue storie scolastiche allora Colette completa una bozza di Claudine à l'école, che Willy rifiuta per mancanza di trama. Anni dopo, alcuni mobili di Willy vengono recuperati e Willy inciampa sulla bozza, allora suggerisce delle revisioni e il romanzo è pubblicato sotto la sua guida. Claudine à l'école diventa un bestseller, attirando in particolare i lettori femminili. Di fronte al suo primo vero successo, Willy dice al suo editore che sta arrivando un sequel, quindi acquista una casa di campagna e blocca Colette in una stanza per costringerla a scrivere. Inizialmente contestando, Colette scrive Claudine à Paris, che diventa un altro bestseller.

Mentre Colette e Willy diventano una coppia sempre più riconosciuta, Georgie Raoul-Duval, una debuttante della Louisiana, attira l'attenzione di Colette. Georgie e Colette iniziano una relazione. Geloso, Willy inizia anche lui una relazione con Georgie. Colette lo scopre e basa il suo prossimo libro, Claudine en ménage, sull'episodio. Temendo lo scandalo, il marito di Georgie acquista e brucia tutte le copie del libro prima della vendita, ma non acquista il copyright, permettendo a Willy di ristampare e vendere il libro.

I libri di Claudine godono di un successo continuo, incluso un adattamento teatrale interpretato da Polaire. Colette inizia una relazione con Missy, una donna con tendenze lesbiche che ama vestire da uomo, che influenzerà anche il modo di vestire di Colette. Con Missy tiene uno spettacolo al Moulin Rouge che genera uno scandalo quando si baciano sul palco. Colette decide di continuare con gli spettacoli mentre Willy prova a continuare il ciclo di Claudine ma senza ispirazione riesce a fare poco. Willy, allora, cita Colette per disastro finanziario e vende tutti i diritti sui libri di Claudine per 5.000 franchi all'insaputa di lei. Arrabbiata e sentendosi tradita, Colette lascia Willy il quale chiede al suo dipendente Paul di incenerire i manoscritti di Claudine ma Paul li restituisce invece a Colette. Colette viene riconosciuta come autrice a pieno titolo.

DistribuzioneModifica

Il film è stato presentato in anteprima al Sundance Film Festival 2018 il 20 gennaio.[1]

Colette è stato distribuito in Italia dal 6 dicembre 2018.[2]

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Colette, sundance.org. URL consultato il 22 gennaio 2018.
  2. ^ Colette, la protesta 100 anni prima di #metoo - Film, su ANSA.it, 6 dicembre 2018. URL consultato il 7 dicembre 2018.
  3. ^ (EN) ‘The Favourite’ Leads the Field in the British Independent Film Award Nominations, variety.com. URL consultato l'11 novembre 2018.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema