Apri il menu principale
Diocesi di Guiratinga
Dioecesis Guiratingensis
Chiesa latina
Suffraganea dell' arcidiocesi di Cuiabá
Regione ecclesiastica Oeste 2
Sacerdoti 18 di cui 7 secolari e 11 regolari
5.666 battezzati per sacerdote
Religiosi 9 uomini, 46 donne
Abitanti 153.800
Battezzati 102.000 (66,3% del totale)
Superficie 41.675 km² in Brasile
Parrocchie 13
Erezione 12 maggio 1914
Soppressione 25 giugno 2014
Rito romano
Cattedrale San Giovanni Battista
Indirizzo Av. Marechal Rondon 878, C.P. 114, 78760-000 Guiratinga, MT, Brazil
Sito web diocguiratinga.webnode.com.br
Dati dall'Annuario pontificio 2007 (ch?)
Chiesa cattolica in Brasile

La diocesi di Guiratinga (in latino: Dioecesis Guiratingensis) è una sede soppressa della Chiesa cattolica in Brasile.

TerritorioModifica

La diocesi comprendeva i seguenti comuni dello stato brasiliano del Mato Grosso: Guiratinga, Alto Araguaia, Alto Taquari, Alto Garças, Araguainha, Dom Aquino, Ponte Branca, Poxoréo, Primavera do Leste, Ribeirãozinho, Tesouro, Torixoréu. Apparteneva alla diocesi anche l'enclave indigena di Jarudore.

Sede vescovile era la città di Guiratinga, dove fungeva da cattedrale la chiesa di San Giovanni Battista.

Nel 2006 il territorio si estendeva su 41.675 km² ed era suddiviso in 13 parrocchie.

StoriaModifica

La missione salesiana del Mato Grosso fu elevata al rango di prelatura territoriale con il nome di Registro do Araguaia il 12 maggio 1914, ricavandone il territorio dall'arcidiocesi di Cuiabá e dalla diocesi di Corumbá.

Il 13 luglio 1940, il 15 giugno 1957 e il 13 maggio 1969 cedette porzioni del suo territorio a vantaggio dell'erezione rispettivamente della prelatura territoriale di Chapada (oggi diocesi di Rondonópolis-Guiratinga), della diocesi di Campo Grande (oggi arcidiocesi) e della prelatura territoriale di São Félix.

Il 27 maggio 1969 la sede prelatizia fu trasferita da Registro do Araguaia a Guiratinga e la prelatura assunse il nome di prelatura territoriale di Guiratinga.

Il 3 ottobre 1981 la prelatura territoriale fu elevata a diocesi con la bolla Institutionis propositum di papa Giovanni Paolo II.

Il 27 febbraio 1982 cedette un'altra porzione di territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Barra do Garças.

Il 25 giugno 2014 la diocesi è stata soppressa con la bolla Ad totius dominici di papa Francesco, e il suo territorio è stato diviso fra le diocesi di Rondonópolis (che ha contestualmente assunto il nome di diocesi di Rondonópolis-Guiratinga), di Barra do Garças e di Primavera do Leste-Paranatinga.

Cronotassi dei vescoviModifica

  • Antônio Malan, S.D.B. † (25 maggio 1914 - 3 gennaio 1924 nominato vescovo di Petrolina)
  • João Batista Conturon, S.D.B. † (21 luglio 1925 - 1937 deceduto)
  • José Selva, S.D.B. † (27 dicembre 1937 - 13 agosto 1956 deceduto)
  • Camillo Faresin, S.D.B. † (14 settembre 1956 succeduto - 20 novembre 1991 ritirato)
  • José Foralosso, S.D.B. † (20 novembre 1991 - 12 gennaio 2000 nominato vescovo di Marabá)
  • Sebastião Assis de Figueiredo, O.F.M. † (29 agosto 2001 - 20 dicembre 2007 deceduto)
  • Derek John Christopher Byrne, S.P.S. (24 dicembre 2008 - 25 giugno 2014 nominato vescovo di Primavera do Leste-Paranatinga)

StatisticheModifica

La diocesi nel 2006 su una popolazione di 153.800 persone contava 102.000 battezzati, corrispondenti al 66,3% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1966 135.000 145.000 93,1 27 1 26 5.000 39 48 9
1970 ? 81.000 ? 28 1 27 ? 27 62 8
1976 122.000 130.000 93,8 31 1 30 3.935 48 72 14
1980 195.000 205.000 95,1 36 6 30 5.416 39 80 17
1990 109.000 119.000 91,6 16 6 10 6.812 17 38 12
1999 100.000 150.000 66,7 18 7 11 5.555 14 47 12
2000 100.000 150.000 66,7 19 8 11 5.263 14 47 14
2001 100.000 150.000 66,7 19 7 12 5.263 15 50 13
2002 100.000 150.000 66,7 21 8 13 4.761 16 50 13
2003 100.000 150.000 66,7 19 6 13 5.263 16 47 13
2004 100.000 150.000 66,7 19 6 13 5.263 16 47 13
2006 102.000 153.800 66,3 18 7 11 5.666 9 46 13

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica