Apri il menu principale

E Dio disse a Caino...

film del 1970 diretto da Antonio Margheriti (aka Anthony Dawson)
(Reindirizzamento da E Dio disse a Caino)
E Dio disse a Caino...
E dio disse a caino tormenta.jpg
La tormenta nella città
Titolo originaleE Dio disse a Caino...
Paese di produzioneItalia, Germania Ovest
Anno1970
Durata96 min
Rapporto2.35 : 1
Generewestern
RegiaAnthony Dawson
SoggettoGiovanni Addessi
SceneggiaturaGiovanni Addessi, Antonio Margheriti
ProduttoreGiovanni Addessi
Casa di produzioneDC.7 Film, Peter Cartsen Films
Distribuzione in italianoPanta Cinematografica
FotografiaRiccardo Pallottini, Luciano Trasatti
MontaggioNella Nannuzzi
Effetti specialiCataldo Galliano
MusicheCarlo Savina
ScenografiaMario Giorsi
CostumiMario Giorsi, Silvano Giorsi
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

E Dio disse a Caino... è un film del 1970 diretto da Antonio Margheriti, con lo pseudonimo di Anthony Dawson.

Il film è stato uno tra i 32 film scelti per la retrospettiva dedicata agli spaghetti-western durante la Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia del 2007.

Come disse anche il regista:

«Il produttore Giovanni Addessi e io abbiamo scritto il copione con la chiara volontà di uscire dal genere, di sottrarci al già visto. E poi, non ho mai amato seguire i dettami. Mi piace fondere più registri, lo faccio in quasi ogni mio film: sono un ribelle.[1]»

(Antonio Margheriti)

il film realizza una commistione tra il genere dello spaghetti-western e l'horror-gotico.

TramaModifica

Gary Hamilton, ex ufficiale dell'esercito nordista, è in carcere condannato ai lavori forzati, per omicidio e tentata rapina. In realtà è stato un suo amico, Acombar, a commettere la razzia e a lasciare, sul luogo del crimine, la borraccia di Gary, per impossessarsi di tutti i suoi averi e sposare la sua donna. Dieci anni dopo, graziato per i suoi precedenti meriti, Gary torna al paese natio, deciso a vendicarsi di Acombar e di sua moglie.

 
Gli uomini di Acombar

Ma, sulla diligenza che lo porta in città, Gary incontra il giovane Dick, figlio di Acombar, il quale è all'oscuro di tutto. Gary lo incarica allora, spacciandosi per un amico di Acombar, di avvertire il padre del suo prossimo arrivo. Ricevuto il messaggio, Acombar organizza la difesa della città e della sua magione, per evitare a tutti i costi che Gary riesca a giungere in paese. Ma l'ex militare, grazie all'intricata rete sottorrenea della città, un vecchio cimitero indiano, e approfittando di un violento tornado che riduce di molto la visibilità, riesce, nel corso della notte, a massacrare ad uno ad uno tutti gli sgherri di Acombar nei modi più efferati (uno viene impiccato alla corda della campana della chiesa in modo che questa, mossa dal tornado, suoni e faccia ondeggiare su e giù il corpo dell'uomo).

 
L'uomo impiccato alla campana in chiesa

Intanto Dick viene a conoscenza della verità su suo padre e sua madre, ma decide di schierarsi ugualmente al suo fianco. Quando Gary è ormai giunto alla magione, si fa vedere dalla moglie. Questa scappa ad avvisare il marito, ma proprio in quel momento entra Dick, e Acombar lo uccide. Acombar legatissimo al figlio accusa della morte la moglie, che lo aveva messo in tensione, e la uccide. Rimasto solo cerca Gary nella magione, lo trova, e i due si sfidano a duello. Gary lo uccide, e avuta la sua vendetta, lascia la città lasciando agli abitanti tutto l'oro accumulato da Acombar.

RegiaModifica

 
Gary (Klaus Kinski), all'uscita dalla prigione

Scrive Edoardo Margheriti:

«Antonio lavorò in questo film per la prima volta con Klaus Kinski, un attore notoriamente difficile. [...] Per sua sfortuna Antonio non aveva un carattere facile sul set e non gli era da meno, per cui la "corda" si spezzò dopo pochissimi giorni di riprese: stavano girando dentro delle caverne, quando Kinski ebbe una delle sue crisi da "primadonna" e stava per lasciare il set. Antonio non ci vide più dalla rabbia e cominciò ad insultarlo, arrivando anche a tirargli dietro uno dei fucili di scena. Curiosamente, questo gesto accrebbe smisuratamente il rispetto di Kinski per Antonio e tornò sul set docile come un cagnolino, completando il film senza dargli ulteriori fastidi.[1]»

(Edoardo Margheriti)

Collegamenti ad altri mediaModifica

 
Il duello finale tra gli specchi, con la casa in fiamme

«Il Signore disse a Caino: «Dov'è Abele, tuo fratello?». Egli rispose: «Non lo so. Sono forse il guardiano di mio fratello?». Il Signore disse: «Che hai fatto? La voce del sangue di tuo fratello grida a me dalla terra. Ora tu sarai maledetto, scacciato lontano dalla terra che ha aperto la sua bocca per ricevere il sangue di tuo fratello dalla tua mano. Quando coltiverai il suolo, esso non ti darà più i suoi prodotti e tu sarai vagabondo e fuggiasco sulla terra».»

(Genesi 4:9)

Titoli per l'esteroModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c Informazioni sul film E Dio disse a Caino, disponibili qui Archiviato il 30 ottobre 2007 in Internet Archive.; ultimo accesso il 5 novembre 2007.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema