Apri il menu principale

Festival di Berlino 1968

edizione del festival cinematografico
La diva danese del muto Asta Nielsen, in concorso con un documentario autobiografico e vincitrice di due premi.

La 18ª edizione del Festival internazionale del cinema di Berlino si è svolta a Berlino dal 21 giugno al 2 luglio 1968, con lo Zoo Palast come sede principale.[1] Direttore del festival è stato per il diciottesimo anno Alfred Bauer.

L'Orso d'oro è stato assegnato al film svedese Anghingò di Jan Troell.

Fuori concorso è stato proiettato il film Les biches - Le cerbiatte di Claude Chabrol, per il quale Stéphane Audran si è aggiudicata l'Orso d'argento per la migliore attrice.[2]

Le retrospettive di questa edizione sono state dedicate all'attore statunitense W. C. Fields e al regista, sceneggiatore e attore tedesco Ernst Lubitsch.[3]

Indice

StoriaModifica

«... a Berlino in particolare si potrebbero creare le condizioni ideali per una ristrutturazione del Festival... Naturalmente, molto dipende dalle posizioni che porteranno gli studenti di Berlino... sarebbero ingenui se considerassero il cinema solo una buona scusa per dimostrare e non percepissero l'oggetto per il quale dovrebbero richiedere cambiamenti... Interrompere il festival sarebbe di per sé un successo discutibile, sarebbe meglio forzare per la creazione di un nuovo festival.»

(Enno Patalas, Die Zeit, 31 maggio 1968[4])

Il 1968 fu un anno caratterizzato da ondate di contestazione socio-politica che attraversarono quasi tutti i Paesi del mondo e il cinema non fu esente da questo clima rivoluzionario. Due anni prima, il critico Enno Patalas aveva chiesto che la Berlinale si emancipasse da "modelli" come quello di Cannes, dove ora studenti e lavoratori avevano trovato un palcoscenico per l'agitazione, sostenuti da registi come François Truffaut, Jean-Luc Godard, Claude Lelouch e Louis Malle.[1]

Contestazioni c'erano state anche al Festival del cinema sperimentale di Knokke-le-Zoute, al Festival internazionale del cortometraggio di Oberhausen e alla Mostra internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro.[4] Nessuno credeva che la Berlinale sarebbe rimasta immune e lo stesso Patalas vide la situazione in linea con ciò che aveva già chiesto in passato, ovvero rendere il festival un «luogo di confronto, non solo di complimenti reciproci».[5] Per questo suggerì di aprire le porte alla protesta, un'idea che si faceva carico della volontà degli studente a collaborare.[1]

La lettera di protesta di Jean-Marie Straub a Alfred Bauer

«Caro dott. Bauer,
grazie per il vostro invito, ma non verrò a Berlino:
- perché non desidero sottopormi a un tribunale che solo tre anni fa nella stessa sede (in una seduta esecutiva) ha condannato a morte il mio precedente film Non riconciliati;
- perché non mi piacciono i cani poliziotto e la polizia criminale (anche in abiti civili), le puttane che si aggirano in questi festival (di solito, ahimè, sono scrittori) i parassiti e i protettori di un'industria che dimostra sempre meno immaginazione (anche della varietà capitalistica) e sempre più cinismo. Eppure sono contento (nonostante l'assurdità di ogni competizione) che Cronaca di Anna Magdalena Bach sia proiettato al Festival, per i berlinesi che potranno così vederlo sul grande schermo (sebbene non abbia né presupposti né un distributore);
- e perché credo che questo film sia (anche) una protesta, un attacco alla legislazione di sostegno alla cinematografia e un appello alle strutture sociali ed economiche che rendono ogni film accessibile a tutti.
Cordiali saluti,
Jean-Marie Straub
28 giugno 1968».[6]

Il 23 giugno 1968, nella sala Audimax dell'Università tecnica di Berlino si tenne un incontro tra gli studenti dell'Accademia del cinema e della televisione di Berlino e alcuni giovani registi, tra cui Alexandre Kluge e Edgar Reitz, per raggiungere una base comune per l'azione. La discussione prese una piega diversa e gli studenti manifestarono la loro insoddisfazione per la scena cinematografica tedesca (anche con lancio di uova) e accusarono i presenti di non essere veramente impegnati, definendoli "disertori della struttura".[7]

Lo stesso giorno, nell'Auditorium Humboldt dell'Urania si svolse un evento pubblico che aveva come slogan "Quali possibilità per la Berlinale". Alla presenza di giornalisti e addetti ai lavori, tra cui il regista e produttore Peter Schamoni, il direttore del festival Alfred Bauer e Walther Schmieding, capo della Berliner Festspiele GmbH al quale la rassegna era stata trasferita l'anno prima, si aprirono alle critiche.[8] La discussione riguardò tra le altre cose l'eliminazione del concorso e dei premi, la distinzioni tra film commerciali e artistici e l'introduzione di biglietti d'ingresso gratuiti.[9] Tutto fu messo in discussione, anche se un tale stravolgimento avrebbe messo a serio rischio lo "status A" assegnato al festival dalla FIAPF 12 anni prima, quindi la possibilità di ottenere film importanti. Ciò che fu effettivamente realizzato in un primo momento fu solo la creazione di "dibattiti pubblici permanenti" e la proiezione di film dell'Accademia.[1]

Ma al di là di questo, il festival mostrò in qualche modo il segno dei tempi: Week End - Una donna e un uomo da sabato a domenica di Godard fu visto come la continuazione della realtà attraverso i mezzi del cinema e Cronaca di Anna Magdalena Bach di Straub e Huillet fu collegato alla critica fondamentale della società e delle sue forme di riproduzione.[1] Lo stesso Bauer aveva inoltre tentato senza successo di assicurarsi due film come Rosemary's Baby di Roman Polański e 2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick, rifiutando Yellow Submarine di George Dunning e riuscendo comunque a portare in concorso Segni di vita, il primo lungometraggio di Werner Herzog.[1]

Giuria internazionaleModifica

Selezione ufficialeModifica

PremiModifica

Premi della giuria internazionaleModifica

Premi delle giurie indipendentiModifica

  • Premio FIPRESCI: Verginità indifesa di Dušan Makavejev
    Menzione d'onore: Asta Nielsen, per i suoi significativi risultati nello sviluppo dell'arte cinematografica
  • Premio OCIC: Anghingò di Jan Troell
  • Premio CIDALC: Asta Nielsen di Asta Nielsen
    Premio CIDALC "Gandhi": Tolerancija di Zlatko Grgić e Branko Ranitovic
  • Premio UNICRIT: Anghingò di Jan Troell
  • Premio INTERFILM "Otto Dibelius": Anghingò di Jan Troell
  • Medaglia d'oro IWG: Bengt Forslund e Jan Troell per la sceneggiatura di Anghingò e Alain Robbe-Grillet per la sceneggiatura di L'uomo che mente
  • Jugendfilmpreis per il miglior lungometraggio: Come l'amore di Enzo Muzii

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f 18th Berlin International Film Festival - June 21 - July 2, 1968, www.berlinale.de. URL consultato il 4 aprile 2018.
  2. ^ Berlin International Film Festival - 1968 Awards, www.imdb.com. URL consultato il 4 aprile 2018.
  3. ^ Retrospectives Before 1977, www.berlinale.de. URL consultato il 4 aprile 2018.
  4. ^ a b Jacobsen (2000), p. 154
  5. ^ Jacobsen (2000), p. 143
  6. ^ Jacobsen (2000), p. 158
  7. ^ Jacobsen (2000), p. 155
  8. ^ Jacobsen (2000), p. 156
  9. ^ Jacobsen (2000), p. 155-156

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema