Apri il menu principale

Il giorno della civetta (film)

film del 1968 diretto da Damiano Damiani
Il giorno della civetta
Nero giorno civetta damiani 1968.jpg
da sinistra Giovanni Pallavicino, Claudia Cardinale e Franco Nero in una scena del film
Titolo originaleIl giorno della civetta
Lingua originaleitaliana, francese, siciliana
Paese di produzioneItalia, Francia
Anno1968
Durata107 minuti
Rapporto2,35:1
Generedrammatico, giallo, poliziesco
RegiaDamiano Damiani
SoggettoLeonardo Sciascia
SceneggiaturaDamiano Damiani, Ugo Pirro
ProduttoreLuigi Carpentieri, Ermanno Donati
Produttore esecutivoErmanno Donati
Casa di produzionePanda Cinematografica, Les Films Corona
Distribuzione in italianoMedusa Film, Euro International Films, CD Videosuono
FotografiaTonino Delli Colli
MontaggioNino Baragli
MusicheGiovanni Fusco
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il giorno della civetta è un film del 1968 diretto da Damiano Damiani, tratto dall'omonimo romanzo di Leonardo Sciascia.

La pellicola, girata a Partinico e a Palermo[1], si è avvalsa di un cast internazionale, comprendente Franco Nero, Claudia Cardinale, Lee J. Cobb, Serge Reggiani e Nehemiah Persoff.

Negli Stati Uniti il film fu distribuito nel 1970 con il titolo The Day of the Owl[2].

TramaModifica

«Io divido l'umanità in cinque categorie: ci sono gli uomini veri, i mezzi uomini, gli ominicchi, poi mi scusi i ruffiani e in ultimo, come se non ci fossero, i quacquaracquà. Sono pochissimi gli uomini, i mezzi uomini pochi, già molti di più gli ominicchi. Sono come bambini, che si credono grandi. Quanto ai ruffiani, stanno diventando un vero esercito. E infine, i quacquaracquà: il branco di oche.»

(Don Mariano Arena)

Sicilia, 1961. L'ufficiale dei Carabinieri Bellodi, parmense ed ex partigiano, in servizio in un piccolo paese, si trova ad indagare sull'omicidio di Salvatore Colasberna, un impresario edile, ucciso per essersi rifiutato di lasciare un appalto ad una ditta protetta della mafia. L'omicidio è avvenuto nelle vicinanze dell'abitazione dove vivono Rosa Nicolosi, il marito e la loro figlioletta. Nella stessa mattina scompare anche il marito di Rosa Nicolosi. Il capitano Bellodi riesce a strappare a Rosa che il marito le ha detto prima di sparire di aver incontrato lungo la strada, in cui ha avuto luogo l'omicidio "Zecchinetta" (il soprannome deriva dalla passione per l'omonimo gioco), un suo conoscente già pregiudicato, il cui nome viene confermato dal confidente di polizia "Parrinieddu". Nel frattempo il boss del paese, Don Mariano Arena, organizza una manovra per far passare l'omicidio Colasberna come dovuto a motivi passionali: praticamente sarebbe stato Nicolosi ad uccidere l'impresario in quanto amante della moglie e poi si sarebbe dato alla latitanza.

Il capitano non crede alla pista passionale e cerca di trovare il corpo del Nicolosi, ritenendo che sia stato ucciso in quanto testimone «scomodo»; riuscirà a trovare un corpo ma sarà quello di "Parrinieddu", ucciso perché ritenuto ormai compromesso. L'inchiesta andrà avanti arrivando anche all'arresto di Don Mariano ma alla fine, grazie agli agganci politici di quest'ultimo, Bellodi verrà trasferito e i mafiosi, tornati liberi, avranno modo di apprezzare, ma anche di insultare fra di loro, osservandolo con il binocolo dal terrazzo di Don Mariano, l'apparente atteggiamento più conciliante del nuovo capitano tanto da essere appellato dai mafiosi stessi "quacquaraquà", cioè uomo senza valore e onore rispetto al precedente capitano Bellodi.

ProduzioneModifica

Il film è stato girato a Partinico e a Palermo adattando il libro omonimo di Leonardo Sciascia che prende spunto dall'omicidio del sindacalista comunista Accursio Miraglia, ucciso a Sciacca nel 1947.

DistribuzioneModifica

Distribuito nei cinema italiani il 17 febbraio 1968, Il giorno della civetta ha incassato complessivamente 1.335.244.000 lire dell'epoca.[3]

CriticaModifica

Nel film risalta in maniera particolare l'atmosfera di omertà esistente nel paese e la corruzione diffusa in tutti gli ambienti: politico, giudiziario, ecclesiastico. Ottima la sceneggiatura di Ugo Pirro e dello stesso Damiani. Ottimi gli attori, a partire dai comprimari Tano Cimarosa e Serge Reggiani, convincente Franco Nero (premiato col David) in una delle sue parti migliori, nel dare al Capitano Bellodi il volto pulito del funzionario dello Stato che ancora crede nei valori della Giustizia; ma superlativi sono Claudia Cardinale (anch'essa premiata) e Lee J. Cobb: torva e sensuale come non mai la prima, mafioso perfetto il secondo (aiutato anche dal doppiaggio italiano di Corrado Gaipa).

«Quando uscì fu vietato ai minori di 18 anni: nella commissione di revisione (leggi: censura) c’era qualche amico degli amici o fu soltanto un eccesso di prudenza?» – Laura, Luisa e Morando Morandini, Il Morandini. Dizionario dei film – 2000, s. v. ‘Il giorno della civetta’.

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Il giorno della civetta – Luoghi riprese, IMDb.it. URL consultato il 19 novembre 2014.
  2. ^ Date di uscita per Il giorno della civetta, IMDb.it. URL consultato il 19 novembre 2014.
  3. ^ Roberto Curti, Italian Crime Filmography, 1968-1980, McFarland, 2013, ISBN 0786469765.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema