Apri il menu principale

Filippo Baldi

tennista italiano
Filippo Baldi
Baldi RGQ19 (4) (48002678877).jpg
Filippo Baldi al Roland Garros 2019
Nazionalità Italia Italia
Altezza 183 cm
Peso 79 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 0-3 (0,00%)
Titoli vinti 0
Miglior ranking 144º (29 luglio 2019)
Ranking attuale 146º (12 agosto 2019)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open Q2 (2019)
Francia Roland Garros Q1 (2019)
Regno Unito Wimbledon Q1 (2019)
Stati Uniti US Open
Doppio1
Vittorie/sconfitte 0-1 (0,00%)
Titoli vinti 0
Miglior ranking 226º (6 maggio 2019)
Ranking attuale 323º (12 agosto 2019)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 16 agosto 2019

Filippo Baldi (Milano, 10 gennaio 1996) è un tennista italiano.

Il tennista vigevanese in carriera ha conquistato un titolo Challenger in singolare, un titolo Challenger in doppio, due titoli Futures in singolare e nove titoli Futures in doppio.[1][2][3]

CarrieraModifica

JunioresModifica

Nel 2012, conquista la Coppa Davis Junior insieme a Gianluigi Quinzi, sconfiggendo la nazionale australiana e regalando il primo successo all'Italia in questa manifestazione.[4][5]

Nel 2013, approda alle semifinali agli Australian Open Juniores e il 28 gennaio sale alla posizione nº 5 della classifica mondiale Under 18.[6]

Nel 2014 raggiunge i quarti al torneo giovanile di Wimbledon.

ProfessionismoModifica

2014-2017: due tornei FutureModifica

Nei primi anni di carriera professionistica disputa prevalentemente tornei Future, riuscendo a ottenere buoni risultati soprattutto in doppio, dove conquista nove titoli: due nel 2014 entrambi in Italia, due nel 2015 in Turchia e Italia, tre nel 2016 tra Italia (i primi due) e Tunisia, due nel 2017, in Finlandia e Tunisia.

A settembre 2017, in Tunisia, vince il primo torneo di singolare in carriera, nel Future Tunisia F27 di Hammamet, sconfiggendo in finale il portoghese Frederico Ferreira col punteggio di 6-0, 6-4.[1] La settimana successiva sempre ad Hammamet concede il bis in singolare nel Future Tunisia F29, dove in finale ha la meglio sul giocatore di casa Aziz Dougaz per 5-7 6-4 6-3.[1] Nel mese di novembre 2017 raggiunge per la prima volta la semifinale in un torneo Challenger, ad Andria,[7] entrando per la prima volta tra i top 400, al 369º posto[8].

2018: prima vittoria Challenger e Top 200Modifica

Ottiene i primi risultati di rilievo in stagione a partire da aprile, quando raggiunge i quarti di finale del torneo di singolare al Challenger di Francavilla. Nel mese di maggio, fa il suo debutto assoluto nel circuito maggiore partecipando al Masters 1000 di Roma. La finale raggiunta nel torneo di pre-quali[9] gli aveva permesso di entrare nel tabellone delle qualificazioni, che supera eliminando l'ungherese Marton Fucsovics, nº 59 del mondo (l'avversario con la migliore classifica da lui mai battuto) e lo spagnolo Guillermo Garcia-Lopez, nº 69, entrambi in tre set. Nel tabellone principale trova, nel suo primo incontro ATP in carriera, il georgiano Nikoloz Basilashvili, nº 74 ATP, che lo sconfigge in rimonta per 4-6, 6-4, 6-4.[1]

A giugno, vince il torneo di doppio al Challenger dell'Aquila in coppia con il connazionale Andrea Pellegrino, superando in finale lo spagnolo Pedro Martinez e l'olandese Mark Vervoort per 4-6, 6-3, 10-5. Nello stesso torneo giunge ai quarti di finale in singolare, impresa che ripete, nel mese di agosto, al Challenger di Como, dopo essere entrato per la prima volta in top 300 nel mese di luglio. In settembre raggiunge la semifinale a Banja Luka, la sua seconda a livello Challenger, grazie alle vittorie sul belga Kimmer Coppejans, il cileno Christian Garin e l'argentino Juan Ignacio Londero, risultato che gli consente di entrare tra i primi 250 giocatori della classifica mondiale a partire dal 17 settembre. Nel successivo Challenger di Biella, non va oltre il secondo turno, sconfitto in due set dall'argentino Facundo Argüello. All'inizio del mese di ottobre prende parte alla prima edizione della Firenze Tennis Cup, dove in singolare giunge ai quarti di finale eliminando ai sedicesimi, in tre set, il connazionale Stefano Travaglia e negli ottavi, in due set, lo spagnolo Tommy Robredo, ex nº 5 del mondo.[10] Porta il proprio ranking al nº 244. Nello stesso torneo, disputa la prova di doppio insieme al connazionale Salvatore Caruso, con cui viene sconfitto in finale dalla coppia formata dall'australiano Rameez Junaid e dall'olandese David Pel. Al torneo di Barcellona raggiunge la sua terza semifinale Challenger in carriera, sconfiggendo al primo turno la wild-card locale Álvaro López San Martín in due set, negli ottavi un altro iberico, Sergio Gutiérrez Ferrol, in tre set e nei quarti il serbo Miljan Zekić in due partite, prima di arrendersi a Pedro Martinez in due. In classifica sale al 239º posto.

Sul cemento indoor del successivo Challenger di Ismaning, sconfigge la testa di serie nº 3, l'argentino Marco Trungelliti in due set e successivamente il francese Benjamin Bonzi in tre. Nei quarti di finale affronta il giocatore di casa Kevin Krawietz, che supera in rimonta, approdando per la terza volta in stagione a una semifinale Challenger, la sua quarta in carriera. Nel penultimo atto del torneo, supera in 2 set il francese Ugo Humbert, raggiungendo la sua prima finale in un torneo di questa categoria.[11] Sconfiggendo in due partite il francese Gleb Sakharov con un doppio 6-4, conquista il suo primo titolo Challenger in carriera, debuttando tra i primi 200 giocatori del mondo, al nº 176 del ranking.[12] Due giorni dopo scende di nuovo in campo, sul cemento indoor del Challenger di Brest, dove paga le fatiche della settimana precedente con una sconfitta al primo turno in due set per mano di Stefano Travaglia.[13] La prematura uscita di scena non gli impedisce di salire alla posizione nº 174 del ranking ATP.

Dopo un mese di sosta torna alle gare al Challenger di Andria, dove difende la semifinale raggiunta l'anno precedente. Al primo turno sconfigge il francese Yannick Jankovits per 6-3, 7-66. Negli ottavi supera il qualificato bosniaco Aldin Šetkić per 7-66, 6-4. Nei quarti di finale, pur cedendo un set all'ucraino Illja Marčenko riesce a imporsi col punteggio di 6-2, 2-6, 7-5 raggiungendo la quinta semifinale Challenger in carriera.[14] Nel penultimo atto, Baldi supera con un doppio 6-4 il francese Quentin Halys.[15] Disputa così la seconda finale Challenger in carriera, ritrovando dopo poco più di un mese Ugo Humbert, testa di serie nº 1 del torneo, che vendica la sconfitta subita a Ismaning sconfiggendolo col punteggio di 6-4, 7-63.[16] Il 24 dicembre Baldi raggiunge il suo best ranking ATP salendo alla posizione nº 165.

2019Modifica

Il primo torneo in stagione lo vede uscire al primo turno al Challenger di Noumea. Tenta per la prima volta l'approdo al tabellone principale di un torneo del Grande Slam, disputando le qualificazioni agli Australian Open, dove viene eliminato al secondo turno. Tornato in Europa subisce due sconfitte consecutive al primo turno nei tornei Challenger francesi di Rennes e Quimper. Il primo incontro vinto in stagione in un main draw giunge sul cemento indoor del torneo Challenger di Budapest, a spese del francese Alexandre Muller, superato in tre set. Negli ottavi di finale, Baldi subisce la rimonta dello slovacco Filip Horanský. A causa di un grave lutto familiare, non prende parte al Challenger 80 di Bergamo.[17]

Raggiunge i quarti di finale al Challenger di Sophia Antipolis e riesce a entrare nel tabellone dell'ATP 250 di Estoril come lucky loser dove è battuto da Pablo Cuevas, poi finalista del torneo. Grazie al torneo di prequalificazione ottiene una wild card per il tabellone di qualificazione del Masters 1000 di Roma e dopo aver battuto Martin Klizan esce nel turno decisivo contro Taylor Fritz. Non va oltre il primo turno di qualificazione dell'Open di Francia, dove debutta da professionista.

Al Challenger di Vicenza raggiunge la finale, la terza in carriera nel circuito Challenger, dopo aver battuto nell'ordine Mats Moraing (6-2, 6-2), Andrea Vavassori (6-3, 1-6, 7-5), Andrea Pellegrino (7-5, 6-2) e Benjamin Hassan (6-7, 6-4, 7-5) prima di arrendersi in finale ad Alessandro Giannessi (5-7, 2-6). Con questo risultato migliora il proprio best ranking.

StatisticheModifica

Tornei minoriModifica

SingolareModifica

Vittorie (3)Modifica
Legenda tornei minori
Challenger (1)
Futures (2)
No. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 8 ottobre 2017   Tunisia F27, Hammamet Terra battuta   Frederico Ferreira Silva 6-0, 6-4
1. 15 ottobre 2017   Tunisia F28, Hammamet Terra battuta   Aziz Dougaz 5-7, 6-4, 6-3
3. 21 ottobre 2018   Wolffkran Open, Ismaning Carpet Indoor   Gleb Sakharov 6-4, 6-4

DoppioModifica

Vittorie (10)Modifica
Legenda tornei minori
Challenger (1)
Futures (9)

NoteModifica

  1. ^ a b c d Filippo Baldi | Player Activity | ATP World Tour | Tennis, su ATP World Tour. URL consultato il 14 settembre 2018.
  2. ^ Federazione Italiana Tennis - www.federtennis.it, PRE-QUALI: FILIPPO BALDI "Ora sento di aver intrapreso la strada giusta", in Federazione Italiana Tennis. URL consultato il 14 settembre 2018.
  3. ^ Filippo Baldi riparte da Palermo. URL consultato il 30 settembre 2018.
  4. ^ DAVIS CUP JUNIOR - Filippo Baldi e Gianluigi Quinzi regalano il primo storico e sofferto trofeo all´Italia, in Tennis World Italia. URL consultato il 14 settembre 2018.
  5. ^ Vittoria Italia Coppa Davis Junior, su itftennis.com.
  6. ^ Filippo Baldi junior profile, su itftennis.com.
  7. ^ (EN) ATP Challenger Andria: Baldi che peccato! La finale è Ignatik-Heyman, in UBITENNIS, 26 novembre 2017. URL consultato il 29 settembre 2018.
  8. ^ (EN) Rankings | Singles | ATP World Tour | Tennis, in ATP World Tour. URL consultato il 29 settembre 2018.
  9. ^ Baldi-Sonego, il trionfo delle Pre-Quali. URL consultato il 14 settembre 2018.
  10. ^ Tennis, challenger Firenze: Baldi domina Tommy Robredo, è nei quarti, in Vigevano24.it, 4 ottobre 2018. URL consultato il 4 ottobre 2018.
  11. ^ Tennis: prima finale challenger in carriera per Filippo Baldi, in Vigevano24.it, 20 ottobre 2018. URL consultato il 20 ottobre 2018.
  12. ^ Challenger Ismaning 2018, Filippo Baldi trionfa: battuto in finale Sakharov, in SportFace, 21 ottobre 2018. URL consultato il 21 ottobre 2018.
  13. ^ Tennis: Filippo Baldi esce al primo turno del challenger di Brest, in Vigevano24.it, 23 ottobre 2018. URL consultato il 24 ottobre 2018.
  14. ^ Challenger Andria: LIVE i risultati dei Quarti di Finale. Filippo Baldi in semifinale (VIDEO). URL consultato il 24 novembre 2018.
  15. ^ Challenger Andria 2018, Filippo Baldi vola in finale: doppio 6-4 al francese Halys, in SportFace, 24 novembre 2018. URL consultato il 24 novembre 2018.
  16. ^ TENNIS, CHALLENGER ANDRIA: BALDI CEDE A HUMBERT IN FINALE - Sport - Repubblica.it, su sport.repubblica.it. URL consultato il 26 novembre 2018.
  17. ^ Tennis italiano in lutto: è morto il padre di Filippo Baldi, su www.livetennis.it. URL consultato il 27 febbraio 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica