Francesco Giacinto di Savoia

Francesco Giacinto
Francesco Giacinto di Savoia, Duke of Savoy by an unknown artist.jpg
Duca di Savoia
Stemma
In carica 7 ottobre 1637 –
4 ottobre 1638
Predecessore Vittorio Amedeo I
Successore Carlo Emanuele II
Altri titoli Marchese di Saluzzo
Principe di Piemonte
Conte d'Aosta
Conte di Moriana
Conte di Nizza
Re di Cipro
Re di Gerusalemme
Custode della Sacra Sindone
Nascita Torino, 14 settembre 1632
Morte Torino, 4 ottobre 1638
Sepoltura Sacra di San Michele
Casa reale Savoia
Padre Vittorio Amedeo I di Savoia
Madre Cristina Maria di Francia
Religione Cattolico

Francesco Giacinto di Savoia (Torino, 14 settembre 1632Torino, 4 ottobre 1638) fu marchese di Saluzzo, duca di Savoia, principe di Piemonte e conte d'Aosta, Moriana e Nizza dal 1637 al 1638. Fu anche re titolare di Cipro e Gerusalemme.

BiografiaModifica

Francesco Giacinto di Savoia, secondo figlio di Vittorio Amedeo I di Savoia, non ebbe mai veramente l'opportunità di regnare: la madre, Maria Cristina di Borbone-Francia, manteneva infatti la reggenza sul Piemonte data la giovane età del duca (quando il padre si spense, Francesco Giacinto aveva solo cinque anni).

Gli stati sabaudi erano allora campo di battaglia tra la Francia e la Spagna: imperversava la guerra dei trent'anni. Maria Cristina si appoggiò alla corona francese, anche sotto pressione del cardinale Richelieu esercitate tramite il suo ministro Michel Particelli d'Héméry. Le truppe francesi, comunque, si rivelarono presto insufficienti per salvare la città di Vercelli, assediata dalle truppe spagnole di stanza nel milanese, che fu costretta a capitolare.

Francesco Giacinto, nominato principe di Piemonte, in quegli anni travagliati risiedeva al castello del Valentino. Di salute cagionevole, poté mantenere questo titolo appena undici mesi. Il 14 settembre 1638 il duca bambino si metteva a letto colto da un improvviso attacco di febbre. Il 4 ottobre l'ultimo consulto dei medici: Cristina ordinò di convocare il consiglio dei grandi della corona, ma quando questi giunsero al castello del Valentino, Francesco Giacinto era già morto. La necroscopia constatò che:

«tutte le parti del corpo del principe erano guaste, al di fuori del cervello»

Francesco Giacinto si era spento alle tre di notte. Il giorno seguente, su una lettiga bianca, il corpo dell'erede di Savoia venne trasportato nel Duomo di Torino per i funerali. I suoi ultimi atti sono stati annotati da Luigi Cibrario:

«Preso dal male, disse a Carlo Emanuele, suo minor fratello: Pigliati pur la corona, ché io ho finito di regnare.
Moribondo, si fece dare il crocifisso: dopo d'averlo baciato finì la vita con queste parole: «Or sono contento di morire». Durante la malattia fu cresimato dal nunzio Gaffarelli, e gli fu recata a baciare l'insigne reliquia della SS. Sindone dall'abate Scoto, primo elemosiniere, accompagnato dal nunzio e dall'arcivescovo.»

(Storia di Torino, 1846)
 
La tomba di Francesco Giacinto alla Sacra di San Michele

Dal 1836 la salma è tumulata alla Sacra di San Michele, dove oggi riposa in un sarcofago in pietra al centro del Coro vecchio della Chiesa.

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Emanuele Filiberto I di Savoia Carlo III di Savoia  
 
Beatrice di Portogallo  
Carlo Emanuele I di Savoia  
Margherita di Francia Francesco I di Francia  
 
Claudia di Francia  
Vittorio Amedeo I di Savoia  
Filippo II di Spagna Carlo V d'Asburgo  
 
Isabella di Portogallo  
Caterina Michela d'Asburgo  
Elisabetta di Valois Enrico II di Francia  
 
Caterina de' Medici  
Francesco Giacinto I di Savoia  
Antonio di Borbone Carlo I di Borbone-Vendôme  
 
Francesca d'Alençon  
Enrico IV di Francia  
Giovanna III di Navarra Enrico II di Navarra  
 
Margherita di Francia  
Maria Cristina di Borbone-Francia  
Francesco I de' Medici Cosimo I de' Medici  
 
Eleonora di Toledo  
Maria de' Medici  
Giovanna d'Austria Ferdinando I d'Asburgo  
 
Anna Jagellone  
 

OnorificenzeModifica

  Gran maestro dell'ordine supremo della Santissima Annunziata
  Gran maestro dell'ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro

BibliografiaModifica

  • Carlo Merlini, Ambienti e Figure di Torino Vecchia. Torino, 1938.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN88716941 · Europeana agent/base/147139 · GND (DE1018054707 · BAV (EN495/115185 · CERL cnp01417861 · WorldCat Identities (ENviaf-316485565