Apri il menu principale

BiografiaModifica

George Montgomery nacque da una coppia di emigrati russi, genitori di quindici figli[1]. Divenuto campione di boxe mentre frequentava l'università nel Montana, Montgomery raggiunse Los Angeles per continuare questa disciplina sportiva sotto la guida dell'ex campione James J. Jeffries[1]. Notato dagli studi cinematografici per il suo bell'aspetto e per il fisico vigoroso[1], a metà degli anni trenta esordì sul grande schermo partecipando come comparsa e stuntman in vari film western ed azione[1].

Nel 1939 la 20th Century Fox lo mise sotto contratto per fargli interpretare una lunga serie di personaggi di giovanotti belli e affabili, sebbene un po' privi di carattere, al fianco delle più affascinanti star femminili dell'epoca[1], come Ginger Rogers in Condannatemi se vi riesce! (1942), Gene Tierney in Ragazza cinese (1942), Maureen O'Hara in I cavalieri azzurri (1942), Betty Grable in L'isola delle sirene (1943).

Arruolato durante la seconda guerra mondiale, Montgomery interruppe la carriera e la riprese al termine del conflitto. Ebbe l'opportunità di interpretare il ruolo del detective privato Philip Marlowe nel noir La moneta insanguinata (1947), ma la sua interpretazione risultò poco convincente[2], principalmente a causa della sceneggiatura del film che, puntando più sull'intreccio della vicenda che sull'efficacia delle singole scene, non consentì all'attore di rappresentare le sfumature del personaggio[2]. Successivamente gli si presentarono occasioni sempre meno interessanti[1], prevalentemente in western a basso costo[3], come Sterminio sul grande sentiero (1950) e La vendetta del corsaro (1951).

Durante gli anni cinquanta, dopo aver interpretato una lunga serie di western e pellicole d'avventura, Montgomery passò dietro la macchina da presa per dirigere e produrre robusti film d'azione, come I guerriglieri dell'arcipelago (1961) e Gli ammutinati di Samar (1962), in entrambi i quali fu anche protagonista[3].

Dal 1943 al 1963, Montgomery fu sposato con la cantante e attrice Dinah Shore[1], dalla quale ebbe una figlia, Melissa (nata nel 1948), e con la quale nel 1954 adottò il figlio John David, detto "Jody".

Filmografia parzialeModifica

Doppiatori italianiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g Il chi è del cinema, De Agostini, 1984, pag. 364
  2. ^ a b Il cinema, grande storia illustrata, De Agostini, 1981, Vol. II, pag. 218-220
  3. ^ a b Le Garzantine - Cinema, Garzanti, 2000, pag. 797

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN22342319 · ISNI (EN0000 0000 5935 2976 · LCCN (ENn82054429 · GND (DE1075337100 · BNF (FRcb14036255m (data) · WorldCat Identities (ENn82-054429