Apri il menu principale

Giovanni Muciaccia

conduttore televisivo e attore teatrale italiano

Giovanni Muciaccia (Foggia, 26 dicembre 1969) è un conduttore televisivo e attore teatrale italiano.

Indice

BiografiaModifica

Formazione nel TeatroModifica

Giovanni Muciaccia è nato a Foggia e si è formato artisticamente frequentando la Scuola di Teatro "Mario Riva" e l'Accademia d'arte drammatica della Calabria a Palmi. In teatro ha recitato opere di Euripide, Eschilo, Luigi Pirandello e Bertolt Brecht, lavorando anche per registi tra i quali Patrick Rossi Gastaldi e Alvaro Piccardi.

Carriera televisivaModifica

L'esordio in televisione arriva alla fine del 1992 con Disney Club e nei due anni successivi ha condotto La Banda dello Zecchino. Ha partecipato con un suo cortometraggio dal titolo Sformat al terzo Sacher Festival di Nanni Moretti. Nel 1998-1999 diventa il presentatore di Art Attack su Disney Channel, uno dei programmi più seguiti del canale televisivo, che acquisisce tanta notorietà da essere trasmesso anche su Rai 2.

Dopo il successo della trasmissione, per vari anni presenta nelle piazze italiane un laboratorio ispirato ad Art Attack, nel quale realizza alcune creazioni dal vivo e tutti i partecipanti le riproducono, come nel programma televisivo. Nell'edizione 1998-1999 ritorna anche al Disney Club presentando dei singolari servizi sugli animali, per scoprirne i segreti e le abitudini. Successivamente viene affiancato da Carolina Di Domenico, nelle quattro edizioni dal 1999 al 2002.

Nei primi anni duemila diventa oggetto delle imitazioni di Fiorello, nelle edizioni del programma di Rai 1 Stasera pago io del comico siciliano. Il 10 marzo 2006, insieme a Petra Loreggian, conduce il pre-show della Cerimonia di apertura dei IX Giochi paralimpici invernali di Torino di quell'anno. Dal 28 settembre 2007 è uno dei protagonisti maschili della quarta edizione di Ballando con le stelle, sempre su Rai 1. È doppiatore italiano di Cornelio Robinson nel film d'animazione fantascientifico del 2007 I Robinson - Una famiglia spaziale (viene inoltre menzionato in una scena dell'edizione italiana del film[1]).

Nel 2010 conduce il programma Freestyle, prodotto da Magnolia/De Agostini, per il canale DeA Kids 601 di Sky, un singolare format in cui vengono modificate le camerette dei ragazzi, ispirandosi alle loro passioni, ai loro sogni, alle loro aspirazioni. Dall'8 gennaio 2011 torna in onda con l'edizione italiana del programma Art Attack. Le puntate vengono registrate a Buenos Aires anziché a Londra a differenza delle edizioni precedenti.[2] Dal 30 marzo al 6 aprile 2014 partecipa insieme a Lorella Cuccarini, Marco Columbro, Nek, alla crociera solidale di Trenta ore per la vita.[3]

Dal 3 aprile 2015 è a capo di un singolare gruppo di costruttori/inventori: gli X Makers (Massimo Temporelli, Giulia Palaferri, Francesco Marchioro e I-Cub), in onda su DeA Kids. Nel programma vengono ideati e realizzati dei nuovi prototipi tecnologici grazie all'uso di stampanti 3D, frese, laser cutter e schede Arduino. Per la prima volta si parla di alfabetizzazione tecnologica per ragazzi nel primo format televisivo mondiale sulla digital fabrication. Fra l'altro è produttore e distributore in Italia e nel mondo del "Line Splitter", un dispositivo da lui stesso ideato e utilizzato nella pratica del kitesurf.[4]

Nel 2017 viene reclutato da Sky per la promozione del film Raffaello Sanzio il Principe delle Arti in 3D, attraverso una mini serie a puntate per il web in cui incontra e intervista filosofi, critici, professori di storia dell'arte, sulle tracce del grande artista. Dal 20 agosto dello stesso anno affianca Osvaldo Bevilacqua in Sereno variabile estate sempre su Rai 2 e dal 9 settembre diventa il conduttore di Sereno Variabile invernale.

L'11 settembre 2018 lascia la conduzione di Sereno Variabile per iniziare una nuova avventura nel mondo della divulgazione con 5 cose da sapere in onda dal Martedì al Venerdì sempre sulla stessa rete alle 7.00 del mattino.

Vita privataModifica

Si è sposato nel 2009, in Polinesia, con Chiara Tribuzio (nota al grande pubblico per essere arrivata 3ª a Miss Italia 1998) dalla quale ha avuto due figli: Edoardo e Maria Vittoria[5][6]

Nella cultura di massaModifica

Il video del brano Vinavil del cantautore Giorgio Poi si ispira a Muciaccia.[7]

TeatroModifica

  • Marat Sade di P. Weiss - Teatro Spazio Zero - Regia G. Mazzoni
  • II Festival Nazionale dei nuovi tragici di P. De Silva - Teatro dell'Orologio - Regia P. De Silva
  • La favola del figlio cambiato di L. Pirandello - Teatro Anfitrione - Regia G. Mazzoni
  • A coloro che verranno brani tratti da B. Brecht e K. Valentin - Teatro in Trastevere - Regia P. Rossi Gastaldi
  • Agamennone di Eschilo - Teatro della città di Palmi - Regia A. Piccardi
  • Ifigenia in Aulide di Euripide con U. Pagliai e P. Gasmann - Tournée - Regia A. Piccardi
  • Il borghese gentiluomo di Molière - Teatro Greco - Regia F. Crisafi
  • Niente paura siamo in pericolo! di P. Levrey - Teatro dei Satiri - Regia L. Frazzetto
  • 150 l'Italia canta di A. Bonfanti - Tournée - Regia A. Bonfanti
  • Impara l'arte e non metterla da parte di A. Bonfanti - Tournée - Regia P. Sessa

TelevisioneModifica

WebModifica

  • 2017 - Sulle tracce di Raffaello

SpotModifica

  • Lycia Persona (campagna pubblicitaria nazionale)
  • Pantene (campagna pubblicitaria nazionale)
  • Dr.Oetker (per la Francia)
  • Cetelem (per la Francia)
  • Giotto (campagna pubblicitaria nazionale)
  • Toyota (per il Web)
  • Kellog's Coco Pops (per il Web)
  • Netflix - Una Serie di Sfortunati Eventi (per il Web)
  • Mondo Camerette (campagna pubblicitaria nazionale e Web)
  • Hot Wheels (campagna pubblicitaria in esclusiva per Super)

PremiModifica

  • 2001 Telegatto - Miglior programma per ragazzi - Disney Club
  • 2002 Telegatto - Miglior programma per ragazzi - Disney Club
  • 2002 Premio AGE (Associazione genitori) - Miglior programma per ragazzi - Art Attack
  • 2003 Telegatto - Miglior programma per ragazzi - Art Attack
  • 2004 Telegatto - Miglior programma per ragazzi - Art Attack
  • 2006 Nickelodeon Kids'Choice Awards - Miglior programma per ragazzi - Art Attack
  • 2009 Input-Tv di Budapest - Miglior idea per un programma per ragazzi - Freestyle
  • 2015 Premio Tv Moige - Per la formula innovativa del programma - X Makers

NoteModifica

  1. ^ Louis: A chi assomiglia Cornelio?
    Wilbur: A Giovanni Muciaccia.
    (dialogo tra Louis e Wilbur in una scena del film)
  2. ^ «L'arte è arte ovunque, anche nelle televendite» - Video - Corriere TV
  3. ^ Dal sito di Trenta Ore per la Vita http://www.trentaore.org/pageID/266/langID/it/Trenta_Ore_in_viaggio_per_la_Vita.html Archiviato il 26 ottobre 2014 in Internet Archive.
  4. ^ Kitesurf: cavi sempre in chiaro con il Line Splitter, parola di Giovanni Muciaccia, in Liguria Nautica News, 19 giugno 2016. URL consultato il 1º febbraio 2017.
  5. ^ Alcune curiosità su Giovanni Muciaccia: lo storico conduttore di Art Attack!, su Donna Glamour, 13 ottobre 2017. URL consultato l'8 dicembre 2018.
  6. ^ Giovanni Muciaccia: «A Sereno Variabile per dire, su VanityFair.it, 1503647405. URL consultato l'8 dicembre 2018.
  7. ^ Giorgio Poi è Art Attack, su deerwaves.com, 18 dicembre 2018. URL consultato il 15 marzo 2019.