Grumo Appula

comune italiano
Grumo Appula
comune
Grumo Appula – Stemma Grumo Appula – Bandiera
Grumo Appula – Veduta
Piazza Vittorio Veneto. Municipio
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Apulia.svg Puglia
Città metropolitanaCittà metropolitana di Bari-Stemma.png Bari
Amministrazione
SindacoMichele Antonio Minenna (lista civica) dal 22-9-2020
Data di istituzione19-1-1863
Territorio
Coordinate41°01′N 16°42′E / 41.016667°N 16.7°E41.016667; 16.7 (Grumo Appula)
Altitudine181 m s.l.m.
Superficie81,3 km²
Abitanti12 132[1] (31-5-2022)
Densità149,23 ab./km²
FrazioniMellitto
Comuni confinantiAltamura, Binetto, Cassano delle Murge, Sannicandro di Bari, Toritto
Altre informazioni
Cod. postale70025
Prefisso080
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT072024
Cod. catastaleE223
TargaBA
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona D, 1 441 GG[3]
Nome abitantigrumesi
Patronosan Rocco, Maria SS. di Monteverde
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Grumo Appula
Grumo Appula
Grumo Appula – Mappa
Posizione del comune di Grumo Appula all'interno della città metropolitana di Bari
Sito istituzionale

Grumo Appula (Gréume in dialetto locale[4], Grumum in latino) è un comune italiano di 12 132 abitanti della città metropolitana di Bari in Puglia. Situato a sud-ovest dal capoluogo a circa 16 km.

Nel 2005 riceve il titolo onorifico di Città per mezzo del Decreto del Presidente della Repubblica e nel 2011 riceve il titolo di "Città Garibaldina".

Geografia fisicaModifica

Il territorio si estende per circa 81 km² e parte di esso rientra nel parco nazionale dell'Alta Murgia. La pineta comunale Lagopetto è una delle attrazioni del parco nazionale.

Le caratteristiche climatiche e morfologiche consentono la coltivazione di uliveti e vigneti.

Origini del nomeModifica

Il primo elemento del nome della città è di origine incerta: alcuni lo fanno risalire al termine greco "drùmon" (quercia), altri al latino "grumum" (agglomerato di case). La seconda parte del nome (aggiunta solo nel 1863[5]) fa invece riferimento alla regione storica dell'Apulia.

StoriaModifica

La città sorse come centro apulo in epoca preromana. Plinio fa, probabilmente, riferimento agli abitanti di Grumo nella "Naturalis Historiae" (105, III) quando, nell'elencare i popoli della Calabria, come allora era chiamata la Puglia, elenca i "Grumbestini" assieme a "Palionenses" di Palo del Colle (Palion) e "Butuntini" di Bitonto (Butuntum). Nel suo territorio si sono rinvenute sepolture italiche e monete greche e romane.

Alla caduta dell'Impero romano d'Occidente entra a far parte del regno ostrogoto, cui si avvicenderanno i bizantini, che restituiranno, seppure per poco, l'Italia all'Impero all'epoca della "restitutio" giustinianea del VI secolo. Solo sfiorata dalla dominazione longobarda, finisce, in seguito, sotto la dominazione normanna, quando il borgo fu compreso nel feudo di Conversano (Bari), passando, poi, verso la metà del XIII secolo, a Goffredo di Montefusco.

Nel 1410 fu venduta da Ladislao di Durazzo a Pietro Busio de Senis. Nel XVI secolo, al tempo di Filippo IV di Spagna, il feudo apparteneva al Regno di Napoli, nel 1600 passò alla famiglia della Tolfa, poi ai Guevara e nel 1631 al marchese spagnolo Antonio Castellar per 56.000 ducati (ne valeva in realtà 85.000). Infine, nel 1715 divenne possedimento dei Caracciolo, prima di essere dichiarata città regia nel 1800.

Era stata fatta una proposta di unire due comuni vicini ad esso, Toritto e Binetto, formando un nuovo comune ma alla fine il progetto venne abbandonato.

SimboliModifica

Lo stemma è stato riconosciuto con decreto del capo del governo del 12 gennaio 1935 e successivamente concesso con DPR del 19 gennaio 1999.[6]

«Partito semitroncato: nel primo, di argento, alla quercia di verde, fustata al naturale, nodrita nella campagna di verde; nel secondo, di azzurro, ai due crescenti montanti, ordinati in fascia, d'oro; nel terzo, di rosso, al crescente montante, d'oro; con la fascia diminuita d'argento, posta sulla troncatura tra il secondo ed il terzo. Ornamenti esteriori da Città.»

Nello scudo di foggia sannitica campeggia una quercia nella partizione di sinistra, mentre in quella di destra figurano tre mezzelune, una in campo rosso e due in campo blu: l'interpretazione di queste ultime resta difficoltosa. Sebbene possano essere istintivamente associate agli arabi, che pure per un ventennio, agli inizi dell'XI secolo, tennero Bari e zone limitrofe, va fatto presente che la mezzaluna campeggiava sin da tempi remoti sulle insegne degli eserciti Romani da cui, peraltro, gli stessi arabi ne mutuarono l'uso. In considerazione di questo, le mezzelune che campeggiano sull'arma di Grumo, in mancanza di fonti attendibili, non possono essere, ad oggi, attribuite con certezza all'influenza degli uni o degli altri dominatori succedutisi nei secoli. Lo scudo è sormontato dalla corona di Città e decorato con gli ornamenti dorati e presenta nella parte inferiore due rami, uno di quercia e uno di ulivo, tenuti insieme da un fiocco tricolore. Il gonfalone è un dappo troncato semipartito: nel primo, di bianco, nel secondo, di rosso, nel terzo, di azzurro.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

 
Chiesa Matrice, dedicata alla Santa Vergine Maria Assunta

Architetture religioseModifica

Chiesa di Santa Maria AssuntaModifica

Una delle principali architetture religiose di Grumo Appula è la Chiesa matrice dedicata alla Santa Vergine Maria Assunta. Risale al XIII secolo e molto probabilmente fu costruita al posto di un'altra chiesa demolita per cause dovute alle critiche condizioni architettoniche. L'edificio presenta segni dell'architettura romanica-pugliese e ha una pianta a croce greca. Al suo interno giacciono le spoglie del Cardinale Francesco Colasuonno morto nel maggio del 2003.

Altre chieseModifica

 
Chiesa di Monteverde
  • Chiesa di Maria Santissima delle Grazie;
  • Chiesa di Maria Santissima di Mellitto;
  • Chiesa di San Rocco (XV secolo);
  • Chiesa di San Francesco (XIII secolo);
  • Chiesa del Santissimo Rosario (XVII secolo);
  • Chiesa di Maria Santissima di Monteverde;
  • Chiesa di Sant'Antonio;
  • Chiesa di San Lorenzo (XV secolo);
  • Chiesa di Sant'Anna;
  • Chiesa dell'Immacolata Concezione;
  • Chiesa di San Giuseppe.

Architetture civiliModifica

I palazziModifica

  • palazzo D'Alessandro (Barocco Pugliese);
  • palazzo Scippa;
  • palazzo Comunale;
  • piazza Vittorio Veneto e piazza Aldo Moro;
  • centro storico e centro cittadino.

CulturaModifica

Film girati a Grumo AppulaModifica

EventiModifica

 
Chiesetta di Mellitto

Di grande importanza a Grumo Appula sono le feste patronali di San Rocco e di Maria di Monteverde che ricorrono rispettivamente nel mese di settembre e maggio.

Festa della Madonna di MellittoModifica

Degna di nota è la festa della Madonna di Mellitto che si svolge in estate. Nei giorni di festa, per le vie del paese, si tiene una processione nella quale sono presenti, oltre che la statua della Madonna di Mellitto, anche carri realizzati con fiori di carta. Questi carri, che raffigurano figure religiose, sono trainati da cavalli. Il mattino seguente alla processione in paese, la statua della Madonna e i carri vengono portati, accompagnati da molti fedeli, nella frazione di Mellitto, distante circa 9 km dal centro cittadino.

Festival dei TammurrModifica

 
Esibizione di un gruppo folkloristico durante il Festival dei Tammurr

Altra festività importante è il Festival dei Tammurr, nato nel 1969[7] e che si svolge anch'esso nei mesi estivi. Durante i giorni di festa si esibiscono per il paese vari gruppi folkloristici internazionali assieme alle basse bande, piccoli gruppi di musicisti che di solito aprono le processioni.

La notte dei fornaiModifica

La notte dei fornai (anche chiamata "Farin ca'tremb") è una tradizione di questua con squadre di suonatori e cantanti che girando per la città al suono di fisarmoniche e chitarre[8], nella notte tra il 23 e 24 dicembre, portano di casa in casa il suono della "Pastorale" e delle canzoni tipiche natalizie.

I Riti della Settimana SantaModifica

I riti si aprono a Grumo con la processione dell’Addolorata, il venerdì di Passione, immagine portata a spalla dai macellai del paese, processione che attraversa le vie della città. Al termine alcuni uomini circa 20, in piazza Cardinale Colasuonno intonano il Canto del venerdì Santo antica nenia interamente in dialetto grumese, che narra la Passione di Cristo.

Il venerdì Santo invece c’è la bellissima e commovente processione dei Misteri, processione composta da 12 simulacri in cartapesta realizzati tra la fine del 1700 e gli inizi del 1900. Significativa è la presentazione spirituale dei singoli Misteri, che avviene all’uscita dalla chiesa Matrice. In Corso Umberto dopo una breve riflessione da parte del parroco, avviene la consegna del Crocifisso nelle mani dell’Addolorata, dov’è tutta la città accorre per vedere questo momento intenso e significativo.

ScuoleModifica

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[9]

Etnie e minoranze straniereModifica

Gli stranieri residenti nel comune sono 225. Di seguito sono riportati i gruppi più consistenti[10]:

Infrastrutture e trasportiModifica

StradeModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Strade provinciali della città metropolitana di Bari.
  • SS96, che, partendo dalla Basilicata, giunge fino a Bari;
  • SP 1, che si distacca dalla SS96 e attraversa il centro abitato, passando dalla zona industriale e riallacciandosi nuovamente con la strada statale;
  • SP 17, la Grumo - Sannicandro;
  • SP 44, la Binetto - Palo;
  • SP 71, la Cassano - Grumo;
  • SP 228, circonvallazione di Grumo Appula.

FerrovieModifica

La città dispone di tre impianti ferroviari:

 
Esterno della Stazione delle Ferrovie dello Stato
 
Esterno della stazione delle Ferrovie Appulo Lucane

Mobilità urbanaModifica

Il centro urbano è servito dalle corse di autobus operate dalla FAL e dalla STP Bari.

AmministrazioneModifica

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
29 settembre 1988 15 febbraio 1991 Pasquale Campanelli Democrazia Cristiana Sindaco [11]
15 febbraio 1991 7 giugno 1993 Vito Vitulli Democrazia Cristiana Sindaco [11]
7 giugno 1993 11 giugno 1996 Rocco Colasuonno Democrazia Cristiana Sindaco [11]
10 luglio 1996 18 novembre 1996 Donato Cafagna - Comm. pref. [11]
19 novembre 1996 14 maggio 2001 Nicola Domenico Rutigliano centro-sinistra Sindaco [11]
14 maggio 2001 4 febbraio 2005 Nicola Domenico Rutigliano centro-sinistra Sindaco [11]
9 febbraio 2005 5 aprile 2005 Rosa Maria Padovano - Comm. straordinario [11]
5 aprile 2005 30 marzo 2010 Vito Panzarino Polo per le Libertà Sindaco [11]
30 marzo 2010 3 giugno 2015 Michele D'Atri lista civica Sindaco [11]
3 giugno 2015 29 ottobre 2019 Michele D'Atri lista civica Sindaco [11]
30 ottobre 2019 22 settembre 2020 Francesco Tarricone - Comm. straordinario [11]
22 settembre 2020 in carica Michele Antonio Minenna lista civica Sindaco [11]

SportModifica

PallavoloModifica

 
Interno del palazzetto dello sport P. Mastrangelo durante una partita di Serie C di pallavolo.

A Grumo Appula si trova la società di pallavolo ASD Sport e Cultura Grumo che dopo la vittoria in Serie D nella stagione 2014/2015[12], ha militato nella stagione 2015/2016 nel campionato di Serie C maschile[13]. Disputa le gare al Palazzetto dello Sport P. Mastrangelo.

CalcioModifica

A Grumo ha sede anche una squadra di calcio dilettantistica, la ASD Grumese 1919 che, nella stagione 2021-22, milita nel campionato di Prima Categoria pugliese (girone A) e gioca le sue partite presso il campo comunale Antonucci di Bitetto.[14] Invece, l'ASD Paolo Di Giorgio è attiva a livello giovanile.

AtleticaModifica

A Grumo Appula il 27 febbraio 1992 è nato Massimo Stano, vincitore della medaglia d'oro nella 20 km di marcia alle Olimpiadi di Tokyo 2020.

Altri sportModifica

Altre società sportive sono:

  • la società di arti marziali ASD Athena;
  • la società di softair ASD Red Scorpion Grumo;
  • l'ASD Ginnastica Artistica Double Fire.

Impianti sportiviModifica

I principali impianti sportivi sono:

  • Palazzetto dello Sport P. Mastrangelo;
  • campo sportivo, situato nei pressi dell'Istituto Tecnico Tommaso Fiore.

NoteModifica

  1. ^ Bilancio demografico anno 2022 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani., Milano, Garzanti, 1996, p. 320, ISBN 88-11-30500-4.
  5. ^ Storia dei comuni, su Elesh. URL consultato il 26 luglio 2022.
  6. ^ Grumo Appula, su Archivio Centrale dello Stato.
  7. ^ "31 °Festival dei Tammurr" a Grumo Appula con gastronomia, artisti di strada, mercatini e musica popolare dall'8 al 10 settembre 2017
  8. ^ Grumonline Torittonline, La Notte di Farin Ca Trembe 2013 a Grumo Appula - Pasquale Sabatino. URL consultato il 3 gennaio 2019.
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28 dicembre 2012.
  10. ^ Popolazione residente per sesso e cittadinanza al 31 dicembre 2016, su demo.istat.it, ISTAT. URL consultato l'11 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2017).
  11. ^ a b c d e f g h i j k l http://amministratori.interno.it/
  12. ^ Volley, ASD Grumo il sogno diventa realtà: Serie C
  13. ^ Fipav Puglia
  14. ^ Tuttocampo.it

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN236889888
  Portale Puglia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Puglia