Apri il menu principale

Harbin Z-9 Haitun

elicottero
Harbin Z-9
PLAAF Harbin Z-9WA.jpg
Un Harbin Z-9WA della PLAAF
Descrizione
Tipoelicottero utility
Equipaggio1 o 2 piloti
CostruttoreCina Harbin
Data primo volo1981
Data entrata in servizio1994
Utilizzatore principaleCina Zhongguo Renmin Jiefangjun Lujun
Esemplari200+
Sviluppato dalAérospatiale SA 365 Dauphin
Altre variantiHarbin Z-19
Dimensioni e pesi
Lunghezza12,11 m
Altezza4,01 m
Diametro rotore11,94 m
Superficie rotore111,98
Peso a vuoto2 050 kg
Peso max al decollo4 100 kg
Passeggerifino a 10
Capacità1 900 kg (4 189 lb) di carico utile interno, 1 600 kg (3 527 lb) di carico utile lanciato
Propulsione
Motore2 turbine Zhuzhou Aeroengine Factory WZ-8A
Potenza848 hp ognuno
Prestazioni
Velocità max305 km/h
Velocità di crociera260 km/h
Autonomia5h
Raggio di azione1 000 km con serbatoio ausiliario interno
Tangenza4 500 m
Armamento
Cannoni2 Tipo 23-2 da 23 mm (fissi su varianti di attacco)
Missilimissili anticarro HJ-8 o missili aria-aria TY-90
Piloni2
Notei dati relativi alla versione: Z-9B

i dati sono tratti da: Chinese aircraft[1]

voci di elicotteri presenti su Wikipedia

L'Harbin Z-9 (nome in codice NATO Haitun), è un elicottero multiruolo biturbina sviluppato dall'azienda aeronautica cinese Harbin. Esso é una versione costruita su licenza dell'elicottero francese Aérospatiale SA 365 Dauphin.

SviluppoModifica

Il primo Z-9 volò nel 1981 e fu costruito in Cina a partire da componenti forniti da Aérospatiale come parte di una licenza di produzione acquistata il 15 ottobre 1980.[2] Il 16 gennaio 1992, volò la versione indigena Z-9B, costruita con il 70% di componenti fabbricati in Cina. I test di volo terminarono nel novembre dello stesso anno ed il progetto fu completato il mese successivo. La produzione dello Z-9B iniziò nel 1993 ed i primi esemplari entrarono in servizio nelle forze armate cinesi a partire dal 1994.[3]

Come l'AS 365N da cui è stato sviluppato, lo Z-9B è dotato di un rotore di coda in Fenestron, ma dotato di 11 pale invece delle 13 utilizzate nella versione francese. In missioni per il trasporto tattico di truppe, lo Z-9 ha la capacità di trasportare 10 soldati completamente armati. Generalmente lo Z-9 è identico all'AS 365N Dauphin, anche se le varianti successive dello Z-9 incorporano più materiali compositi per aumentare la resistenza strutturale e ridurre la segnatura radar. L'elicottero ha un rotore principale a quattro pale, con due motori turboalbero montati uno accanto all'altro sulla parte superiore della cabina, con una disposizione del motore identica all'AS 365N.

Nel 2002, Harbin ha ottenuto la certificazione cinese per la nuova variante H410A dello Z-9, che dispone di più potenti motori Turbomeca Arriel 2C; Eurocopter ha sollevato obiezioni ufficiali per la decisione di Harbin di continuare la produzione nonostante fosse scaduto l'accordo di licenza-produzione, cosicché ci fu un periodo di negoziati internazionali altamente delicati per risolvere la controversia.[4]

VersioniModifica

UtilizzatoriModifica

  Bolivia
6 Z-9 consegnati.[5]
  Cambogia
12 Z-9 consegnati.[5][6] 9 in servizio al settembre 2017.[6]
  Camerun
4 Z-9WE consegnati a partire dal gennaio 2015, 2 in servizio al maggio 2019 in quanto un esemplare è stato perso ad aprile 2015, ed un altro a maggio 2019.[7][8]
  Cina
50 Z-9 consegnati, 42 in servizio al maggio 2018.[9]
  Ghana
4 Z-9EH consegnati.[5]
  Kenya
9 Z-9WE consegnati.[5][10] 6 in servizo all'ottobre 2017.[10]
  Laos
6 Z-9A consegnati.[5]
  Mali
2 Z-9A consegnati.[5] 1 in servizio al maggio 2018.[11]
  Mauritania
2 Z-9A consegnati e tutti in servizio al maggio 2018.[5][11]
  Namibia
2 tra Z-9EH e Z-9G consegnati.[5] 2 in servizio al gennaio 2019.[12]
  Pakistan
12 Z-9EC consegnati dal 2009.[13][5]
  Zambia
7 Z-9 consegnati.[5]

NoteModifica

  1. ^ Yefim Gordon e Dmitry Komissarov, Chinese aircraft, Manchester, Hikoki, 2008, ISBN 978-1-902109-04-6.
  2. ^ 哈尔滨飞机工业集团有限责任公司, Hafei.com. URL consultato il 16 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 3 aprile 2015).
  3. ^ Z-9 Utility Helicopter, SinoDefence.com, 6 gennaio 2007 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2006).
  4. ^ "China Approves Re-engine Z-9 Twin." Flight International, July 2002. p. 43.
  5. ^ a b c d e f g h i j "La Cina sul mercato globale della difesa" - "Rivista italiana difesa" N. 9 - 09/2017 pp. 44-53
  6. ^ a b "Le forze aeree del mondo. Cambogia" - "Aeronautica & Difesa " N. 371 - 09/2017 pag. 70
  7. ^ "NOUVEL ÉCRASEMENT D’UN HARBIN Z-9 CAMEROUNAIS!", su avionslegendaires.net, 18 maggio 2019, URL consultato il 21 maggio 2019.
  8. ^ "CAMEROONIAN Z9 HELICOPTER CRASHES", su janes.com, 17 maggio 2019, URL consultato il 17 maggio 2019.
  9. ^ "Le forze aeree del mondo. Cina" - "Aeronautica & Difesa" N. 379 - 05/2018 pag. 70
  10. ^ a b "La prova del fuoco: le Forze Armate del Kenya e la guerra somala" - "Rivista italiana difesa" N. 10 - 10/2017 pp. 58-65
  11. ^ a b "LES AÉRONEFS DES FORCES AÉRIENNES DES NATIONS DU G5 SAHEL EN 2018 ET EN IMAGES", su avionslegendaires.net, 10 maggio 2018, URL consultato il 8 marzo 2019.
  12. ^ "LE PARC AÉRIEN DE LA NAMIBIAN AIR FORCE EN 2019 ET EN IMAGES", su avionslegendaires.net, 19 gennaio 2019, URL consultato il 20 gennaio 2019.
  13. ^ "La Marina Pakistana e il suo sviluppo all'ombra dell'India" - "Rivista italiana difesa" N. 9 - 09/2017 pp. 74-81

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica