Il giovane Montalbano

serie televisiva italiana (2012-2015)
Il giovane Montalbano
Il giovane Montalbano.png
Immagine dalla sigla della serie televisiva
PaeseItalia
Anno2012-2015
Formatoserie TV
Generegiallo, poliziesco
Stagioni2
Episodi12
Durata100 min (episodio)
Lingua originaleitaliano
Rapporto16:9
Crediti
IdeatoreAndrea Camilleri
Interpreti e personaggi
Casa di produzioneRai Fiction, Palomar
Prima visione
Dal23 febbraio 2012
Al19 ottobre 2015
Rete televisivaRai 1
Opere audiovisive correlate
OriginariaIl commissario Montalbano

Il giovane Montalbano è una serie televisiva italiana prodotta dal 2012 al 2015 e trasmessa da Rai 1.

È il prequel de Il commissario Montalbano in quanto vede protagonista un Salvo Montalbano in giovane età. La serie è firmata da Andrea Camilleri e Francesco Bruni ed è tratta da alcune raccolte della serie letteraria di Montalbano.

TramaModifica

Sicilia, primi anni 90 del XX secolo. Un giovane Salvo Montalbano, appena divenuto commissario a Vigata, comincia le sue prime indagini. Nonostante l'età, Salvo già dimostra abilità nel risolvere misteri all'apparenza molto complicati anche se il talento nel lavoro, in cui si getta a capofitto, fa da contraltare alle sue relazioni con le persone che gli sono intorno, verso cui è ancora schivo e diffidente.

Prima stagioneModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi de Il giovane Montalbano (prima stagione).

Salvo è il poco più che trentenne vice commissario relegato tra le montagne sicule, luogo che non gradisce per via della lontananza dal mare. È fidanzato con Mery, insegnante catanese con cui vive una complicata relazione a distanza destinata presto a concludersi. La promozione a commissario lo fa tornare a Vigata, cittadina dove Montalbano aveva già vissuto da bambino negli anni successivi la morte della madre. Qui conosce i suoi nuovi colleghi tra cui Carmine Fazio, esperto ispettore che l'aiuta a inserirsi nella nuova realtà, Agatino Catarella, simpatico e imbranato poliziotto, il giovane Giuseppe Fazio, figlio di Carmine e desideroso di seguire le orme paterne, e Mimì Augello, con cui inizialmente non c'è simpatia. La nuova realtà lo riporta inoltre a stretto contatto con suo padre, produttore di vino, con cui ha da tempo un difficile rapporto.

Seconda stagioneModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi de Il giovane Montalbano (seconda stagione).

Con il passare del tempo Montalbano è riuscito a costruire un affiatato gruppo con i colleghi Giuseppe Fazio, Catarella e soprattutto con Mimì Augello, comprendendo ogni giorno sempre più le dinamiche criminali dell'isola anche grazie a Carmine Fazio, ormai in pensione, che di tanto in tanto è pronto a consigliarlo nelle sue indagini. Sul piano personale ha parzialmente riallacciato i legami con il padre e porta avanti una solida relazione con Livia Burlando, architetto genovese conosciuta nei mesi precedenti e con cui è in procinto di convolare a nozze, nonostante Salvo non resti indifferente a Stella, direttrice della banca cittadina con cui nasce un reciproco sentimento.

EpisodiModifica

Stagione Episodi Prima TV
Prima stagione 6 2012
Seconda stagione 6 2015

Personaggi e interpretiModifica

 
Michele Riondino, il protagonista della serie nei panni di un giovane Salvo Montalbano.
  • Salvo Montalbano (stagioni 1-2), interpretato da Michele Riondino.
    È il protagonista della serie, un giovane vice commissario già abile nel risolvere le indagini, ma talvolta inesperto e troppo irruente. La promozione a commissario lo riporta a Vigata, città dove ha trascorso l'infanzia.
  • Domenico "Mimì" Augello (stagioni 1-2), interpretato da Alessio Vassallo.
    È il nuovo vice commissario di Vigata. Fin troppo sensibile al fascino femminile, inizialmente non corre buon sangue con Montalbano e addirittura i due si contendono l'amore di Livia.
  • Carmine Fazio (stagioni 1-2), interpretato da Andrea Tidona.
    È il padre di Giuseppe Fazio ed esperto collega di Montalbano. Aiuta il giovane commissario a inserirsi nel suo nuovo commissariato.
  • Agatino Catarella (stagioni 1-2), interpretato da Fabrizio Pizzuto.
    È un poliziotto, anch'egli appena assegnato a Vigata, già imbranato e pasticcione. Risponde al centralino del commissariato e smista le telefonate in ingresso.
  • Giuseppe Fazio (stagioni 1-2), interpretato da Beniamino Marcone.
    È il figlio di Carmine Fazio, anche lui entrato in Polizia. Diventa presto uno dei colleghi più fidati del commissario Montalbano.
  • Livia Burlando (stagioni 1-2), interpretata da Sarah Felberbaum.
    È la ragazza di cui Montalbano s'innamora dopo la fine della storia con Mery.
  • Il padre di Montalbano (stagioni 1-2), interpretato da Adriano Chiaramida.
    È il padre del commissario. È vedovo, e non ha un buon rapporto col figlio. Possiede un'azienda vinicola vicino Vigata.
  • Gallo (stagioni 1-2), interpretato da Maurilio Leto.
    È un agente del commissariato di Vigata. Si vanta di essere un ottimo guidatore della Volante.
  • Paternò (stagioni 1-2), interpretato da Alessio Piazza.
    È un agente del commissariato di Vigata.
  • Dottor Pasquano (stagioni 1-2), interpretato da Giuseppe Santostefano.
    È il medico legale di Vigata. Lui e Montalbano non si trovano in simpatia e non perdono occasione per punzecchiarsi e prendersi in giro.
  • Nicolò Zito (stagioni 1-2), interpretato da Carmelo Galati.
    È un giornalista della televisione locale Rete Libera. Montalbano capisce presto che il giornalista può essergli d'aiuto in alcune sue indagini e stabilisce subito con lui una bella amicizia.
  • Questore Alabiso (stagioni 1-2), interpretato da Massimo De Rossi.
    È il questore di Montelusa.
  • Calogero (stagioni 1-2), interpretato da Luciano Messina.
    È un amico di Montalbano, proprietario di un ristorante in cui il commissario va sempre a mangiare.
  • Stella Parenti (stagione 2), interpretata da Serena Iansiti.
    È la direttrice della banca di Vigata.
  • Gegé Gullotta (stagione 2), interpretato da Massimiliano Davoli.
    È un vecchio amico d'infanzia del commissario.

ProduzioneModifica

 
Set delle riprese a Ragusa Ibla

Il giovane Montalbano è prodotta da Rai Fiction e da Palomar, entrambe già dietro alla serie madre Il commissario Montalbano. Questo prequel ha come oggetto le esperienze e le indagini vissute da Salvo Montalbano in giovane età, periodo in cui ha incominciato a diventare il personaggio che il pubblico ha poi conosciuto. In questi anni Montalbano inizia a capire di chi fidarsi e da chi guardarsi le spalle e inizia a capire come rapportarsi con la mentalità criminale della sua terra. Viene inoltre sviluppato il rapporto fra il commissario e il padre, il suo primo amore e l'incontro con la storica fidanzata Livia.[1]

Come la serie originaria, anche il prequel è stato girato in Sicilia, in particolare a Siracusa e Agrigento, oltre ai luoghi che già fanno da sfondo alla serie maggiore (Noto, Punta Secca, Ragusa Ibla, Scicli e Vittoria).[2] Rispetto alla serie madre i dialoghi sono caratterizzati da un più marcato uso della lingua siciliana, similmente con quanto avviene nei romanzi di Camilleri.[3]

Ancora prima della messa in onda in Italia, la serie ha avuto richieste di acquisto dal mercato estero.[4] Nell'aprile del 2012, al termine della messa in onda della prima stagione, il produttore Carlo Degli Esposti ha confermato la produzione di una seconda stagione della serie,[5] in onda in patria sul finire del 2015.[6]

CastModifica

Il protagonista Michele Riondino ha avuto il ruolo su proposta del produttore Carlo Degli Esposti.[3] L'attore non aveva seguito la serie originaria[7] e ha accettato il ruolo solo dopo aver parlato col regista Gianluca Maria Tavarelli e con Luca Zingaretti, interprete del personaggio in età adulta, per convincersi della bontà del progetto.[3] Riondino era già un lettore e fan delle opere di Andrea Camilleri,[7] creatore di Montalbano, e proprio lo scrittore l'ha aiutato nell'opera di ricostruzione del passato del personaggio.[3]

L'attore ha descritto il giovane Salvo Montalbano come «introverso, timido, riservato, anche un po' insolente nel rapporto con gli altri, forse per mascherare le sue debolezze. A volte abusa un po' del suo ruolo, ma solo per darsi un tono. Odia le gerarchie, ma fa parte della piramide. Insomma, vive un po' in contraddizione»,[3] aggiungendo che «i tratti dell'età adulta li troverete tutti, ma acuiti dalla giovinezza. Ribelle con i superiori, di cui detesta l'arroganza, con i suoi sottoposti non è meglio. Come poliziotto già da 10 e lode, ma umanamente appena sufficiente».[7]

Colonna sonoraModifica

I brani che accompagnano i titoli di testa e di coda, rispettivamente Curri, curri e Vuci mia cantannu, sono di Andrea Guerra e interpretati in lingua siciliana da Olivia Sellerio che nella seconda stagione è anche autrice e interprete di sei canzoni originali, anch'esse in siciliano, inserite all'interno degli episodi.[8]

NoteModifica

  1. ^ Il giovane Montalbano, dal 23 febbraio su Raiuno, su tvblog.it, 11 febbraio 2012.
  2. ^ Stiben Mesa Paniagua, “Il giovane Montalbano”, via alle riprese nel ragusano, su qds.it, 4 agosto 2011.
  3. ^ a b c d e Michele Riondino è Il giovane Montalbano, da giovedì su Raiuno, su sorrisi.com, 22 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 27 febbraio 2012).
  4. ^ Il Commissario Montalbano trasmesso dalla Bbc in Inghilterra. Stessa sorte anche per il prequel?, su tvblog.it, 7 ottobre 2011.
  5. ^ Daniela Bellu, Torna Il commissario Montalbano e in futuro tornerà anche Il giovane Montalbano!, su blogapuntate.it, 4 aprile 2012.
  6. ^ Il giovane Montalbano, la seconda stagione (più matura) su Raiuno, su tvblog.it, 14 settembre 2015.
  7. ^ a b c Debora Marighetti, Michele Riondino non vuole rimanere incastrato nel ruolo di Giovane Montalbano, su tvblog.it, 22 febbraio 2012.
  8. ^ Porta a Porta: Olivia Sellerio e le musiche di Montalbano, Rai 1, 17 settembre 2015.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione