L'insegnante viene a casa

film del 1978 diretto da Michele Massimo Tarantini
L'insegnante viene a casa
L'insegnante viene a casa2.jpg
Edwige Fenech e Renzo Montagnani
Paese di produzioneItalia, Francia
Anno1978
Durata90 min
Rapporto1,85:1
Generecommedia, erotico
RegiaMichele Massimo Tarantini
SoggettoFrancesco Milizia, Michele Massimo Tarantini, Luciano Martino
SceneggiaturaMarino Onorati, Michele Massimo Tarantini, Francesco Milizia, Jean Louis
ProduttoreLuciano Martino
Casa di produzioneDevon Film,
Medusa Distribuzione, Les Films Jacques Leitienne,
Im.Ex.Ci.
FotografiaGiancarlo Ferrando
MontaggioAlberto Moriani
MusicheFranco Campanino
ScenografiaElio Micheli
CostumiSilvio Laurenzi
TruccoFranco Schioppa
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

L'insegnante viene a casa è un film di genere commedia sexy all'italiana del 1978 diretto da Michele Massimo Tarantini[1][2] (reduce del successo de La liceale) con Edwige Fenech, Renzo Montagnani ed Alvaro Vitali.

Il film è oggi in pubblico dominio ed è visibile su Youtube.

Questo film corrisponde al terzo della serie L'insegnante interpretato da Edwige Fenech[2].

TramaModifica

Luisa De Dominicis, un'attraente e giovane insegnante di pianoforte italiana, prende in affitto un appartamento a Lucca per stare più vicina al suo fidanzato, l'assessore Ferdinando Bonci Marinotti che a sua volta è più anziano di lei ed è già sposato con un'altra donna. Luisa, all'oscuro di ciò, non vede l'ora di convolare a nozze con Ferdinando e per questo lo cerca sempre con insistenza. Ferdinando, essendo in politica, vuole evitare uno scandalo ed un eventuale divorzio da sua moglie, quindi illude Luisa con promesse che poi non può mantenere.

Inoltre, nel condominio dove alloggia Luisa vivono diversi uomini e giovanotti che, colpiti dalla disinibita avvenenza della donna, la scambiano erroneamente per una prostituta e tentano con vari pretesti e sotterfugi d'introdursi in casa sua e approfittarsene. L'unico che riesce a distrarla da Ferdinando è Marcello, il figlio del dottor Busatti così Luisa s'innamora di lui perché capisce che tra loro non c'è solo attrazione fisica.

NoteModifica

  1. ^ Marco Bertolino, Ettore Ridola, Vizietti all'italiana: l'epoca d'oro della commedia sexy, Molino, 1999.
  2. ^ a b Marco Giusti, Dizionario dei film italiani stracult, Sperling & Kupfer, 1999.

Collegamenti esterniModifica