Apri il menu principale

La corruzione

film del 1963 diretto da Mauro Bolognini
La corruzione
La corruzione.jpg
Adriana (Rosanna Schiaffino) nei titoli del trailer
Paese di produzioneItalia, Francia
Anno1963
Durata83 min
Dati tecniciB/N
Generedrammatico
RegiaMauro Bolognini
SoggettoUgo Liberatore
SceneggiaturaFulvio Gicca Palli, Ugo Liberatore
ProduttoreAlfredo Bini per ARCO Film
Casa di produzioneArco Film, Burgundia Film, S.O.P.A.C.
Distribuzione in italianoINCEI - Titanus
FotografiaLeonida Barboni
MontaggioNino Baragli
MusicheGiovanni Fusco
ScenografiaMaurizio Chiari
CostumiPiero Tosi
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La corruzione è un film del 1963 diretto da Mauro Bolognini.

Indice

TramaModifica

Stefano è un timido giovane, appena diplomato alle superiori ed uscito dal collegio. Suo padre è un affermato imprenditore dell'editoria milanese; sua madre è ricoverata in clinica per un disturbo nervoso.

Stefano non è attratto dal mondo spietato degli affari; piuttosto, si sente chiamato a consacrare a Dio la sua vita. Il padre però è fermamente contrario a questa scelta. Per convincere Stefano a cambiare idea, lo porta in barca con sé per una breve crociera. A bordo però c'è anche Adriana, ragazza bella e calcolatrice, una escort, che su pressione del padre del ragazzo, inizia a corteggiarlo.

Stefano è risoluto e spiega le ragioni della sua scelta al padre, che non comprende e si irrita, giungendo prima a negargli il suo assenso (Stefano non ha ancora ventun anni e dunque non è maggiorenne) e poi ad impedire che il figlio sbarchi. Frastornato dal conflitto col padre e turbato dal fascino di Adriana, Stefano finisce per capitolare e passa la notte con Adriana.

Dopo la corruzione Stefano si sente in colpa: non sa cosa fare e vorrebbe scappare. Alla fine, sentendosi indegno, riuncia al suo progetto di vita e si dà agli affari nell'impresa paterna. Ma a contatto con il cinismo, la freddezza e la corruzione del padre e dell'ambiente di lavoro, Stefano avverte di nuovo il desiderio di ribellarsi al suo destino e di riabbracciare la sua vocazione.

CommentiModifica

Anche se da alcuni non è considerato uno dei film più riusciti di Bolognini[1][2], Non mancano gli apprezzamenti per la dimensione poetica del film (Moreno Fabbri: "Mauro Bolognini. La Corruzione con poesia" ne "Il tremasse" nº 100, settembre/dicembre 2009). Ai tempi della sua uscita, colpì in una certa misura il pubblico per la malizia con cui trattava l'argomento , in particolare il personaggio della Schiaffino raccolse le critiche del Vaticano[senza fonte].

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema