Apri il menu principale

Italia Marittima

(Reindirizzamento da Lloyd Triestino)
Italia Marittima
StatoItalia Italia
Forma societariasocietà per azioni
Fondazione1836 a Trieste
Sede principaleTrieste
SettoreTrasporto
Prodottitrasporti marittimi
Sito web

Italia Marittima è il nome assunto dal 1º marzo 2006 dalla compagnia di navigazione Lloyd Triestino di navigazione.

L'azienda nacque nel 1836 come una branca dell'Österreichischer Lloyd[1] sotto l'Impero asburgico ed è fra le più antiche compagnie di navigazione del mondo. La sua sede centrale e direzione si trovano a Trieste.

StoriaModifica

 
La sede storica del Lloyd Triestino, ora sede della Regione Friuli Venezia Giulia.

Già alle origini si rivolse principalmente verso l'Oriente, realizzando collegamenti merci e passeggeri dal Mare Mediterraneo. Nel dicembre 1837 la compagnia impiantò a Trieste una propria officina di riparazioni, in un edificio situato presso il vecchio lazzaretto. L'officina, che nel 1839 venne ingrandita e dotata di nuovi macchinari fu in forma embrionale il primo arsenale Lloyd.

Nel 1853 per la manutenzione e le riparazioni periodiche delle navi della compagnia venne decisa la realizzazione a Trieste di un grande cantiere navale denominato Arsenale Lloyd da destinare non solo alle riparazioni ma anche alla costruzione di nuove navi. La posa della prima pietra per la costruzione del cantiere avvenne il 30 maggio 1853 alla presenza dell'Arciduca Ferdinando Massimiliano. L'opera realizzata dall'architetto danese Hans Christian Hansen venne ultimata nel 1861 e l'arsenale occupava 3.000 lavoratori.

Tra il 1854 ed il 1859, il Lloyd gestì una regolare linea di navigazione che collegava, con piroscafi a vapore, Venezia e Trieste, tramite il Po ed Ticino, con Pavia, dove, grazie al Naviglio Pavese, era poi possibile proseguire la navigazione fino a Milano[2].

Dal 1855 il "Lloyd Adriatico", avendo assunto un'importanza strategica per l'Impero austriaco ebbe dei finanziamenti statali. Durante la guerra contro l'Italia nel 1866, molte navi della compagnia vennero consegnate alla Marina Imperiale ed utilizzate come trasporto di truppe.

Il ruolo di Trieste vide crescere la sua importanza nel 1867 con la realizzazione della Südbahn (Ferrovia Meridionale) che facilitava il trasporto delle merci dal porto verso le regioni dell'Europa centro-orientale. In quel periodo il Lloyd era la più grande compagnia di navigazione del Mediterraneo e Trieste il principale porto dell'Impero asburgico.

Nel 1867 con l'Ausgleich l'Impero austriaco diventava Impero austro-ungarico e nel 1872 il Lloyd austriaco assumeva la denominazione di "Österreichisch-Ungarischer Lloyd - Lloyd Austro-Ungarico". Intanto nel 1869 il Lloyd era diventato azionista della Compagnia di Suez di cui Pasquale Revoltella, uno dei componenti del consiglio di amministrazione del Lloyd, ebbe la carica di vice presidente. Con l'apertura del canale vennero attivate le rotte per l'estremo oriente e alla cerimonia ufficiale di apertura tre navi a vapore del Lloyd "Pluto", "Vulkan" e "America" fecero parte del convoglio inaugurale.

Tra il 1880 e il 1883 venne costruita la nuova sede centrale a Trieste, che attualmente ospita la sede della Regione Friuli Venezia Giulia. Il palazzo della nuova sede venne realizzato dall'architetto Heinrich von Ferstel, che aveva in precedenza progettato l'Università di Vienna.

Durante i festeggiamenti per il cinquantenario della fondazione, il 27 settembre 1886, venne varata la nave a vapore "Imperator" destinata ad operare sulle rotte dell'Asia orientale.

Intanto, con il crescere dell'importanza di Fiume che era nella parte ungherese dell'Impero Asburgico, il Regno d'Ungheria prese la decisione di destinare alla Società di Navigazione Adria, che aveva la sua sede a Fiume, i finanziamenti precedentemente destinati al Lloyd. In seguito a questo, nel 1891 la denominazione della società tornò ad essere "Österreichischer Lloyd - Lloyd Austriaco".

Nel 1906 la sede centrale della compagnia venne trasferita da Trieste a Vienna.

Nel 1909 i cantieri navali vennero costituiti in una società che apparteneva al 50% al Lloyd austriaco e per il 50% allo Stabilimento Tecnico Triestino.

Con il passaggio di Trieste all'Italia nel 1919 la compagnia cambiò nome in Lloyd Triestino di Navigazione.

Nel 1936 a seguito di una ristrutturazione delle maggiori compagnie di navigazione, il coordinamento ed il controllo passò sotto la giurisdizione della Finmare, una finanziaria a controllo statale.

Alla compagnia, dopo decenni di crescita e ricchezza, al termine della seconda guerra mondiale rimasero solo 5 navi.

La società riconquistò gradualmente le linee con Africa, India, Pakistan, Australia ed Estremo Oriente. Nel 1956 la flotta del Lloyd Triestino contava già 31 unità, di cui 28 di proprietà.

Gli anni settanta rappresentarono anni di forti cambiamenti nel settore dei trasporti con l'avvento dei container. La Società riuscì a modernizzarsi ed a rendere i suoi servizi globali.

Gli anni ottanta videro ancora una crescita della compagnia, mentre gli anni novanta videro il trasferimento della compagnia nella nuova sede a Palazzo della Marineria una modernissima struttura che dal 1991 è la sede centrale.

La rinascita del Lloyd AustriacoModifica

Nel 1921 l'accordo di Barcellona aveva riconosciuto agli stati che si erano formati in seguito alla prima guerra mondiale e privi di uno sbocco sul mare, il diritto ad esercitare il traffico commerciale marittimo. Questo rese possibile la rinascita del "Österreichischer Lloyd" con sede a Vienna. Questa società nacque tuttavia molti anni dopo, nel 1951, facendo propri la storia e i simboli dell'"Österreichischer Lloyd".

Il gruppo EvergreenModifica

Il Lloyd Triestino alla fine del 1998 venne acquisito dalla multinazionale taiwanese Evergreen Marine Corporation, a sua volta facente parte dell'Evergreen Group, con la quale aveva iniziato una stretta collaborazione sin dal 1993.

Il 1º marzo 2007 le quattro compagnie di navigazione del gruppo Evergreen, Italia Marittima SpA, Evergreen Marine Corp (Taiwan) Ltd., Evergreen Marine (Regno Unito) Ltd ed Evergreen Marine (Hong Kong) Ltd., in seguito ad un accordo diventato operativo dal successivo 1º maggio hanno dato vita, pur mantenendo ciascuna la propria autonomia, alla Evergreen Line.

FlottaModifica

Dati relativi alla consistenza della flotta societaria a giugno 2016[3].
(Fonti: RINA, American Bureau of Shipping, Germanischer Lloyd e banca dati sistema Equasis).

Nome
porto di immatricolazione
Bandiera nr. IMO id. Radio MMSI Dimensioni
L.f.t. X Largh. X Imm.
(in metri)
stazza lorda in t.s.l. portata lorda in t.p.l.
nr. max di TEU
Cantiere Data consegna
( età )
M/N ITAL Usodimare
Trieste
  9196979        
IBPO
247009600 285x40x12,7 69.218 t.s.l. (GT) 63.216 t.p.l. (DWT)
5.652 TEU
Mitsubishi Heavy Industries
Kōbe, Giappone
27 novembre 2000
( 18 anni e 357 giorni )
M/N ITAL Unica
Trieste
  9196981        
IBSM
247012800 285x40x12,7 69.218 t.s.l. (GT) 63.216 t.p.l. (DWT)
5.364 TEU
Mitsubishi Heavy Industries
Kōbe, Giappone
13 marzo 2001
( 18 anni e 251 giorni )
M/N ITAL Universo
Trieste
  9196993        
IBSP
247012900 285x40x12,7 69.218 t.s.l. (GT) 63.216 t.p.l. (DWT)
5.364 TEU
Mitsubishi Heavy Industries
Kōbe, Giappone
31 maggio 2001
( 18 anni e 172 giorni )
M/N ITAL Lunare
Trieste
  9322499        
ICES
247206900 294,05x32,2x13,5 54.152 t.s.l. (GT) 68.038 t.p.l. (DWT)
5.060 TEU
Hanjin Heavy Industries
Yeongdo, Corea del Sud
21 maggio 2007
( 12 anni e 182 giorni )
M/N ITAL Laguna
Trieste
  9322463        
ICBF
247185200 294,05x32,2x13,5 54.152 t.s.l. (GT) 68.038 t.p.l. (DWT)
5.060 TEU
Hanjin Heavy Industries
Yeongdo, Corea del Sud
6 novembre 2006
( 13 anni e 161 giorni )
M/N ITAL Libera
Trieste
  9322475        
ICDK
247188100 294,05x32,2x13,5 54.152 t.s.l. (GT) 68.038 t.p.l. (DWT)
5.060 TEU
Hanjin Heavy Industries
Yeongdo, Corea del Sud
14 febbraio 2007
( 12 anni e 278 giorni )
M/N ITAL Lirica
Trieste
  9322487        
ICEI
247190800 294,05x32,2x13,5 54.152 t.s.l. (GT) 68.038 t.p.l. (DWT)
5.060 TEU
Hanjin Heavy Industries
Yeongdo, Corea del Sud
2 aprile 2007
( 12 anni e 231 giorni )
M/N ITAL Mattina
Trieste
  9315915        
ICLJ
247233100 264,21x32,20x12,80 40.020 t.s.l. (GT) 53.644 t.p.l. (DWT)
4.363 TEU
Hyundai Mipo Dockyard
Ulsan, Corea del Sud
20 giugno 2007
( 12 anni e 152 giorni )
M/N ITAL Milione
Trieste
  9349617        
IBTZ
247268700 264,21x32,20x12,80 41.855 t.s.l. (GT) 53.611 t.p.l. (DWT)
4.363 TEU
Hyundai Mipo Dockyard
Ulsan, Corea del Sud
9 giugno 2008
( 11 anni e 163 giorni )
M/N ITAL Moderna
Trieste
  9349629        
IBZT
247283500 264,21x32,20x12,80 40.020 t.s.l. (GT) 53.644 t.p.l. (DWT)
4.363 TEU
Hyundai Mipo Dockyard
Ulsan, Corea del Sud
24 ottobre 2008
( 11 anni e 26 giorni )

ArchivioModifica

La documentazione proveniente dal Lloyd austriaco, dal Lloyd triestino e dai Cantieri riuniti dell'Adriatico è stata depositata dalla Fincantieri CNI spa presso l’Archivio di Stato di Trieste[4], ed è riunita nel fondo denominato Arsenale triestino San Marco (estremi cronologici: 1861-1962)[5].

NoteModifica

  1. ^ ÖSTERREICHISCHER LLOYD - LLOYD AUSTRIACO, su nuovolitorale.org. URL consultato l'11-1-2008 (archiviato dall'url originale il 7 giugno 2010).
  2. ^ LA NAVIGAZIONE SUL FIUME PO E IL CONTRIBUTO DEL LLOYD AUSTRIACO (PDF), su cherini.eu.
  3. ^ Cfr. il sito ufficiale di Italia Marittima alla pagina dedicata. Dati al 06/09/2014
  4. ^ Archivio di Stato di Trieste, su SIAS - Sistema informativo degli Archivi di Stato. URL consultato il 14 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2018).
  5. ^ fondo Arsenale triestino San Marco, su SIAS - Sistema informativo degli archivi di Stato. URL consultato il 14 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2018).

BibliografiaModifica

  • Ronald E. Coons, I primi anni del Lloyd Austriaco. Politica di governo a Vienna e iniziative imprenditoriali a Trieste (1836-1848), vol. XV della serie "Civiltà del Risorgimento", Udine, Del Bianco Editore, 1979
  • Umberto Del Bianco, Il Lloyd Austriaco e la marina postale dell'Austria e dell'Ungheria. Le linee dell'Adriatico, vol. XII della serie "Civiltà del Risorgimento", Udine, Del Bianco Editore, 1979
  • Umberto Del Bianco, Il Lloyd Austriaco e la marina postale dell'Austria e dell'Ungheria. La rete austriaca nel Levante ed il ruolo della Società Triestina, vol. XIII della serie "Civiltà del Risorgimento", Udine, Del Bianco Editore, 1979
  • Valerio Castronovo, Giovanni Paoloni, Le poste in Italia, vol. I, Bari, La Terza, 2009, ISBN 9788842074977.
  • Gregor Gatscher-Riedl: Alt-Österreich auf hoher See. Das Flottenalbum des Österreichischen Lloyd. Bilder und Verkehrsgeschichte aus Österreichs maritimer Vergangenheit. Kral-Verlag, Berndorf 2017, ISBN 3-990-24682-8.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica