Luigi Tommaso di Savoia-Soissons

Luigi Tommaso
Luigi Tommaso di Savoia.jpg
Conte di Soissons
Stemma
In carica 6 giugno 1673 –
24 agosto 1702
Predecessore Eugenio Maurizio di Savoia-Soissons
Successore Emanuele Tommaso di Savoia-Soissons
Nascita Parigi, 15 dicembre 1657
Morte Petit-Landau, 24 agosto 1702
Dinastia Savoia-Carignano-Soissons
Padre Eugenio Maurizio di Savoia-Soissons
Madre Olimpia Mancini
Consorte Uranie de La Cropte de Beauvais
Figli Maria Anna Vittoria
Luigi Tommaso
Teresa Anna Luisa
Emanuele Tommaso
Maurizio
Eugenio
Religione Cattolico

Luigi Tommaso di Savoia-Soissons (Parigi, 15 dicembre 1657Petit-Landau, 24 agosto 1702), II Conte di Soissons.

BiografiaModifica

Luigi Tommaso era il maggiore dei figli del principe Eugenio Maurizio di Savoia, conte di Soissons e di sua moglie, Olimpia Mancini, nonché il fratello maggiore del Principe Eugenio di Savoia. Sua madre era una delle nipoti del cardinale Mazzarino, nota, per questo, insieme alle sue sorelle e a due cugine come Mazarinettes.

Sposò la bellissima Uranie de La Cropte de Beauvais, che Saint-Simon una volta aveva descritto come "radiante come il mattino glorioso". Sua figlia alla fine ereditò la tenuta di Eugenio.

I suoi cugini materni includevano il Duca di Vendôme nonché il Duca di Bouillon e Louis Henri de La Tour d'Auvergne. I suoi cugini paterni includevano Vittorio Amedeo I, Principe di Carignano e Luigi Guglielmo, Margravio di Baden-Baden.

Dopo la morte di suo padre e la fuga di sua madre in Spagna dovuta al suo coinvolgimento nel famigerato affare dei veleni, Luigi Tommaso e Urania furono incaricati, insieme alla nonna paterna di Luigi Tommaso, di crescere i suoi fratelli minori. Eugenio non dimenticò mai l'amorevole amore parentale surrogato della coppia.

Luigi Tommaso ottenne un incarico come ufficiale nell'esercito francese, ma Luigi XIV aveva disegni amorosi su sua moglie. Urania, tuttavia, respinse le avance romantiche del re. Irritato, Luigi licenziò Luigi Tommaso dall'esercito, e, quando Luigi Tommaso cercò una posizione all'estero, rescise la sua pensione e debiti.

Nel 1699, tutto tranne che in bancarotta, Luigi Tommaso cercò l'aiuto di suo fratello minore, Eugenio, a Vienna. Con l'aiuto di Eugenio, ottenne una commissione dell'esercito imperiale austriaco. Fu ucciso in azione durante l'Assedio di Landau contro i francesi all'esordio della guerra di successione spagnola il 24 agosto 1702, colpito da una bomba nemica. Alla morte gli successe il figlio Emanuele Tommaso

OnorificenzeModifica

  Cavaliere dell'Ordine supremo della Santissima Annunziata

FigliModifica

Dal matrimonio ebbe i seguenti figli:

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Carlo Emanuele I di Savoia Emanuele Filiberto I di Savoia  
 
Margherita di Francia  
Tommaso Francesco di Savoia  
Caterina Michela d'Asburgo Filippo II di Spagna  
 
Elisabetta di Francia  
Eugenio Maurizio di Savoia-Soissons  
Carlo di Borbone-Soissons Luigi I di Borbone-Condé  
 
Francesca d'Orléans-Longueville  
Maria di Borbone-Soissons  
Anna di Montafià Luigi di Montafià  
 
Giovanna di Coesme  
Luigi Tommaso di Savoia-Soissons  
Paolo Mancini Lorenzo II Mancini  
 
Olimpia Massimo  
Michele Lorenzo Mancini  
Vittoria Capocci Vincenzo Capocci  
 
Lucrezia Glorieri  
Olimpia Mancini  
Pietro Mazarino Girolamo Mazarino  
 
Margherita de Franchis Passavera  
Geronima Mazarino  
Ortensia Bufalini Giulio Buffalini  
 
Francesca Belloni  
 

BibliografiaModifica

  • Max Braubach: Prinz Eugen von Savoyen. Eine Biographie. Band 1: Aufstieg. Oldenbourg, München 1963.
  • Karl Gutkas: Prinz Eugen und das barocke Österreich. Verlag Residenz, Salzburg u. a. 1985, ISBN 3-7017-0428-7.