Marcello Vittorini

urbanista e ingegnere italiano

Marcello Vittorini (L'Aquila, 31 ottobre 1927Roma, 16 marzo 2011) è stato un urbanista e ingegnere italiano.

Marcello Vittorini

BiografiaModifica

Nasce all'Aquila dove compie gli studi; nel 1944 si iscrive alla facoltà di Ingegneria di Roma, conseguendo la laurea in Ingegneria civile edile nel 1949.[1] Per alcuni anni è assistente volontario; nel 1963 consegue la libera docenza in Pianificazione Urbanistica. Svolge attività didattica nelle facoltà di Architettura di Venezia e Napoli oltre che in quella di Roma che, nel 2004, gli conferisce la carica di Professore emerito.

Inizia la sua attività professionale nel campo della progettazione architettonica nell'ente Fucino (1950-1956), con progetti di borghi e scuole rurali. Successivamente progetta complessi di edilizia pubblica a Bologna, Salerno, Torino, Roma, Napoli, Boscoreale, Potenza e opere pubbliche come l'Ospedale regionale dell'Aquila, lo stadio San Filippo di Messina, un complesso parrocchiale a Ponticelli, un centro culturale commerciale ed amministrativo a Boscoreale, il Parco e il Museo archeologico di Classe. Partecipa a numerosi concorsi di architettura e urbanistica.

Tra gli anni sessanta e settanta si svolge la maggior parte della sua attività di pianificazione urbanistica; nel 1973 predispone, con Ennio Borzi, Mario d'Erme, Piero Maria Lugli e Camillo Nucci, una proposta di variante generale al PRG di Roma che sarà adottata, per le sole norme tecniche redatte dagli uffici comunali, nell'agosto di quell'anno, e che sarà infine sostituita da una nuova variante generale interamente allestita dagli uffici comunali nel 1974 (la "variante Samperi")) e approvata dalla Regione Lazio nel 1979. Tra il 1975 e il 1985 coordina i piani socio-sanitari delle regioni Campania, Sicilia e Calabria. Elabora, tra gli altri, i piani regolatori dei comuni di Cosenza, Catanzaro, Ravenna, Faenza, Piacenza, Trento, Bolzano, Verona, Firenze, Aversa, Rocca di Mezzo, Colleferro oltre ai piani territoriali nel napoletano e nel bresciano, al Piano di Bacino dell'Adige e al Programma di sviluppo integrato delle Colline romane.

Negli stessi anni svolge attività politica nella corrente più a sinistra del Partito Socialista Italiano[2], nonché attività culturale e professionale, anche all'estero. In Nepal è coordinatore per conto dell'ONU di una ricerca per un programma di potenziamento delle infrastrutture di trasporto; in India è componente del Comitato internazionale per il Piano di Jaipur; in Brasile elabora una proposta di piano sanitario per lo Stato del Ceará. Nel biennio 1999-2000 è inoltre impegnato nel coordinamento del Piano di Sviluppo urbano dell'area metropolitana di San Salvador.

Direttamente impegnato in incarichi e ruoli istituzionali partecipa attivamente all'elaborazione delle nuove leggi urbanistiche e di studi e di proposte in materia di pianificazione territoriale. Socio dell'INU dal 1954 (e componente del Consiglio direttivo) ha avuto incarichi presso il Ministero dei lavori pubblici, come membro del Consiglio Superiore e Segretario Generale del Servizio Studi e Programmazione, presso il CNR e nella Commissione per la difesa della natura. È componente della Commissione Ministeriale per la frana di Agrigento e delle Commissioni che, subito dopo, elaborano la legge 6 agosto 1967, n. 765 detta "legge-ponte", i decreti ministeriali n. 1404/68 e n. 1444/68 sugli standard urbanistici e la legge 865/71 della "legge sulla casa".[1] Collabora a lungo con Giovanni Astengo negli anni in cui quest'ultimo è assessore all'urbanistica a Torino e assessore regionale per il Piemonte e negli anni di fondazione ed avvio del corso di laurea in Urbanistica a Venezia.

Le sue pubblicazioni comprendono scritti e saggi su temi di attualità e denuncia, sulle politiche del territorio e dell'energia, sulla pianificazione urbanistica e documentano gli esiti dell'attività di pianificazione urbana e territoriale, di progettazione, di didattica e di ricerca svolta dagli anni settanta in poi. Articoli, scritti e saggi sono pubblicati su riviste specializzate italiane e straniere, tra cui: Architettura Cronache e Storia, Casabella, Urbanistica, Economia pubblica, Urbanistica Informazioni, Astrolabio, Città-Regione, Parametro; per la rivista giapponese Toshi Yutaku (Tokio, 1976) cura il numero monografico dal titolo Nuovo modo di pensare le città.

Muore il 16 marzo 2011 a Roma[3].

Attività didatticaModifica

Negli oltre quaranta anni di attività didattica a partire dal 1963 è professore straordinario e ordinario nelle Facoltà di Urbanistica a Venezia e nella Facoltà di Architettura a Napoli (1973-1984), e poi professore ordinario presso la Facoltà di Architettura dell'Università degli Studi di Roma “La Sapienza” (1984-2003). Conclude la sua esperienza a Roma, nell'anno accademico 2002-2003, come responsabile del Laboratorio di sintesi del Programma Sperimentale dell'Unione Europea nonché titolare del Corso di progettazione Urbanistica. Nel 2004 riceve il conferimento della carica di Professore Emerito.

OpereModifica

Progetti architettoniciModifica

(Per alcuni progetti sono presenti le schede dettagliate)[4]

  • 1952-1955 Progetto di borgo rurale a “Borgo Ottomila”, Celano; Progetto di borgo rurale a Trasacco; Progetto di borgo residenziale a Via Nuova, Avezzano;
  • 1956-1964 Progetto del quartiere INA-Casa e INCIS di via Cavedone a Bologna (in collaborazione)
  • 1956-1958 Quartiere di Via Cavedone a Bologna - Progetto di sette corti di abitazione (in collaborazione)
  • 1957 Ricostruzione di una casa di abitazione, distrutta dalla guerra a Ortona a Mare (con F. Gorio)
  • 1958 Quartiere CPE a Salerno, Studio della produttività edilizia; Quartiere CEP a Monte Po, Catania (con F. Gorio); Case per senza tetto a Vibo Valentia, S. Gregorio d'Ippona e Paola (con F. Gorio)
  • 1959-1960 Quartiere INA-Casa di Via Cavedone a Bologna, Progetto degli edifici pubblici (con F. Gorio)
  • 1960-1964 Palazzina per la Cooperativa Fiorenza Romana a Via Manassei, Roma (con F. Gorio)
  • 1960-1962 Due edifici di abitazioni a Via XX Settembre, L'Aquila (con F. Gorio); Casa di abitazione con 24 alloggi a Catania (con F. Gorio);
  • 1962 Scuola elementare a Milano - Concorso Nazionale di Milano, 1º premio (con F. Gorio)
  • 1962-1964 Progettazione integrale di un edificio intensivo a Roma, Via Anagni (in collaborazione); Progettazione di un quartiere Cooperativo Emilia Levante, Bologna (in collaborazione);
  • 1962-1965 Progetto della scuola media G. Mazzini, L'Aquila
  • 1964 Scuola elementare Milano - Concorso di II grado, Progetto vincitore, poi realizzato (con F. Gorio); Progetto di casa di abitazione e negozi a Vibo Valentia; Progetto della casa B., a Belvedere, L'Aquila (con F. Gorio)
  • 1965 Progetto della Scuola media prefabbricata a Gordiani, Roma, a seguito di appalto-concorso (con C. Chiarini); Progetto della Casa B., a Via Strinella, L'Aquila; Cappella funeraria De Paulis a Paganica, L'Aquila
  • 1965-1966 Progetto della Casa O., a Via Strinella, L'Aquila
  • 1966 Progetto di due lotti di case di abitazione a Spinaceto, Roma (a seguito di appalto-concorso, in collaborazione)
  • 1966-1967 Villa N. a Bellavista, L'Aquila
  • 1968 Liceo scientifico di Grosseto (a seguito di appalto-concorso, in collaborazione)
  • 1969-1992 Progetto dell'Ospedale regionale S. Salvatore a L'Aquila (in collaborazione; capogruppo e direttore lavori)
  • 1972-1973 Piano Planivolumetrico della zona di Castel Giubileo, Roma (con N. Di Cagno)
  • 1975 Edilizia residenziale pubblica (IACP) a Roma, Primavalle (con G. Squadrilli)
  • 1976 Edilizia residenziale pubblica a Roma, Torrevecchia (con P. Barucci, L. Passarelli e G. Squadrilli)
  • 1978 Edilizia residenziale pubblica (IACP) a Roma, Primavalle (capogruppo coordinatore)
  • 1984 Cappella funeraria Vittorini a L'Aquila
  • 1990-2000 Progetto del nuovo Stadio di Messina (in collaborazione)
  • 2000 Museo Archeologico di Classe, Ravenna - Progetto preliminare e definitivo, coordinamento generale e progetto architettonico; progetto esecutivo 1º e 2º stralcio
  • 2006-2007 Progetto di recupero del Palazzo Dragonetti a Piazza S. Giusta, L'Aquila (in collaborazione; capogruppo)

Progetti e piani urbanistici e territorialiModifica

  • 1950-1951 Piano particolareggiato di Via Strinella, L'Aquila (in collaborazione con C. Botta e G. Inverardi)
  • 1952 Progetto del Villaggio del Bracciante a Caruscino, Avezzano
  • 1954 Studio della Regione Marsicana – Provveditorato alle O.O.P.P. L'Aquila (in collaborazione)
  • 1957-1958 Studio territoriale della Regione Abruzzo, in preparazione del Piano Generale, Provveditorato alle O.O.P.P. – L'Aquila (in collaborazione)
  • 1958 Piani particolareggiati di Roio Poggio e della base della Funivia del Gran Sasso, Assergi, L'Aquila (in collaborazione con F. Gorio); Ministero dei Lavori Pubblici: Indagine Preliminare al Piano territoriale di coordinamento della Regione Abruzzese (in gruppo)
  • 1962 Osservazione al PRG di Roma, nella zona dell'Asse Attrezzato, su incarico dell'IACP di Roma (in collaborazione con N. Di Cagno)
  • 1963 Cassa per il Mezzogiorno: Piano di valorizzazione turistica di tre zone dell'Abruzzo (Gran Sasso, Maiella, Fascia costiera) nel quadro dello sviluppo economico della Regione; Programma di fabbricazione e Piani di zona del Comune di Cosenza, ai sensi della Legge 167/62
  • 1963-1964 Coordinamento per la redazione dei progetti urbanistici planovolumetrici relativi al primo biennio di attuazione della Legge 167 a Roma
  • 1964 Piano Regolatore del Comune di Cosenza (capogruppo coordinatore); Progetto integrale per il quartiere in Via Valtrumplina, Brescia (a seguito dell'appalto concorso; Capogruppo coordinatore);
  • 1964-1965 Piano planivolumetrico della zona Fontana Candida a Roma (in collaborazione)
  • 1969-1973 Studi e Piano Regolatore Comunale 1973 di Ravenna (direzione e coordinamento)
  • 1972-1973 Piano Planivolumetrico della zona di Castel Giubileo a Roma (in collaborazione con N. Di Cagno)
  • 1973 Documento programmatico per l'assetto territoriale della Regione Lazio (in gruppo)
  • 1974 Parco dell'Uccellina: studi, ricerche e piano (in collaborazione con G. Tamburini e G. Marcialis); Piano di zona del Comune di Catanzaro (capo gruppo coordinatore); Variante del Piano regolatore di Roma (in gruppo con D'Erme, Nucci e Borzi)
  • 1975 Documento programmatico per l'avvio della pianificazione territoriale in Puglia (in collaborazione)
  • 1978 Proposte di Piano Socio-sanitario della Regione Siciliana (in collaborazione)
  • 1978-1980 Piano Regolatore Generale (PRG 80) di Piacenza (Coordinamento e direzione)
  • 1979 Proposta di Piano Socio-sanitario della Regione Calabria (in collaborazione)
  • 1979-1980 Piano Regolatore generale (PRG 80) di Faenza (Coordinamento e direzione, in collaborazione)
  • 1980-1983 Piano Regolatore Generale (PRG 83) di Ravenna (coordinamento e direzione)
  • 1982-1985 Progetto Urbanistico dell'area di Ponticelli, Napoli (in collaborazione); Commissario Straordinario di Governo - Coordinatore degli interventi di Napoli Ponticelli e di Boscoreale
  • 1985 Piani Urbanistici di ricostruzione e di sviluppo del Comune di Torella dei Lombardi (Avellino) distrutto dal terremoto del novembre 1980
  • 1986 Piano urbanistico di ricostruzione e di sviluppo (PRG 86) del Comune di S. Michele di Serino (Avellino)
  • 1987-1989 Piano Regolatore Generale (PRG 89) del Comune di Trento (coordinamento e direzione)
  • 1988 Piano Regolatore Generale del Comune di Messina (in gruppo); Governo Federale e Governo dello Stato del Cearà - Brasile: Studi per un piano sanitario e ospedaliero per lo Stato del Cearà;
  • 1988-2000 Piano Territoriale Provinciale (PTP) di Teramo (in gruppo)
  • 1989 Comune di Trento: Piano generale (PRG 89) dei Centri storici del capoluogo e dei sobborghi (Coordinamento e direzione); Progetto preliminare del Piano regolatore (PRG '89) di Verona (Coordinamento e direzione)
  • 1989-1990 Provincia di Trento: Studio di una metodologia per i piani regolatori sovracomunali (Direzione e coordinamento)
  • 1989-1993 Piano regolatore (PRG 92) del Comune di Firenze (Coordinamento e direzione)
  • 1990-1992 Provincia di Trento: Consulenza urbanistica per il sistema di mobilità alternativa del Trentino centrale (1990); Piano regolatore del Comune di Pinzolo-Madonna di Campiglio (Trento), Progetto preliminare (Coordinamento e direzione); Regione Lazio: Partecipazione agli studi di delimitazione e pianificazione dell'Area Metropolitana di Roma; Regione Lazio: Studio per il recupero del Ghetto di Roma (in collaborazione); Conseil General des Hauts de Seine (Paris - France): Concorso internazionale per la realizzazione della Maille Urbaine Souterraine Express - Coordinamento della proposta urbanistica e architettonica (Progetto selezionato per la realizzazione); Piano urbanistico comunale (PUC 92) del Comune di Bolzano (coordinamento e direzione)
  • 1991-1993 Programma di ristrutturazione urbanistica e di riqualificazione urbana della ex-darsena di città di Ravenna; Piano regolatore (PRG 93) del Comune di Ravenna (in gruppo); Piano regolatore generale (PRG 92) del Comune di Caivano (Napoli);
  • 1994 Studio per il Parco del Gran Sasso (capogruppo coordinatore)
  • 1995-1996 Piano di Sviluppo dell'Area Metropolitana di San Salvador - Piano Territoriale, Piano Ambientale e Piani di Recupero del centro della città, delle periferie e delle aree libere (verde e servizi) (Redattore della "Propuesta Tecnica" vincitrice del Concorso internazionale: Coordinamento e direzione del Piano dal marzo 1995 al maggio 1996)
  • 1999 Piano territoriale provinciale (PTC '99) di Napoli (Coordinatore del gruppo di progettazione)
  • 2000 Ente Parco Appia Antica - Consulenza per il piano di assetto
  • 2000-2001 Programma di gestione integrata della fascia costiera del Golfo di Napoli (coordinatore del gruppo di lavoro incaricato dall'Amministrazione provinciale di Napoli); Piano regolatore generale (PRG 2000) del Comune di Ragoli (TN)
  • 2000-2002 Piano regolatore generale (progetto preliminare) del Comune di Rocca di Mezzo (AQ); Piano di Recupero del centro storico di Gries (progetto preliminare), Bolzano; Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti – Provincia di Napoli – Comune di Bacoli – Programma integrato per lo sviluppo dei Campi Flegrei – coordinatore; Piano territoriale provinciale di Brescia – Responsabile scientifico e coordinatore del progetto preliminare
  • 2000-2003 Piano di Bacino dell'Adige (Coordinamento e direzione)
  • 2001 Regione Abruzzo - Comune dell'Aquila: Analisi dei centri storici del “Comitatus aquilanus” e relative proposte di piano; Piano regolatore generale (PRG 2001) del Comune di Aversa (CE)
  • 2002-2007 Adeguamento del PRG 2002 del Comune di Rocca di Mezzo (AQ)
  • 2003-2004 Patto territoriale delle Colline romane - ASP Agenzia Sviluppo Provincia di Roma (Capo gruppo - coordinatore)
  • 2004-2006 Piano urbanistico comunale (PUC 2006) del Comune di Siano (SA) (in collaborazione)
  • 2005-2006 Programma di sviluppo integrato delle Colline romane, Progetto strategico n. 2: Qualità urbana, città sostenibile - ASP Agenzia Sviluppo Provincia di Roma

Progetti per concorsiModifica

  • 1951 Concorso Nazionale per un quartiere INA CASA a Capri (in collaborazione), progetto segnalato
  • 1953 Concorso Nazionale per la sistemazione del quartiere Monte di Pietà a Palermo (Capogruppo) primo premio per la prima parte (Relazione) e terzo premio per la seconda parte (proposta progettuale)
  • 1955 Concorso con esito positivo, per gruppi di progettisti INA CASA (Gruppo Gorio)
  • 1959 Concorso per la Biblioteca Nazionale di Roma – progetto segnalato (con F. Gorio); Concorso per il quartiere CEP Barene di S. Giuliano a Venezia – Secondo premio ex aequo (in collaborazione)
  • 1960-61 Concorso per una scuola elementare a Milano – XII Triennale – selezionato nel primo grado, vincitore nel secondo grado (con F. Gorio)
  • 1964 Appalto-concorso per un quartiere di edilizia sovvenzionata IACP a Brescia, nel quadro della legge 167 (Capo gruppo coordinatore) Primo premio ex aequo
  • 1965 Appalto-concorso per una scuola prefabbricata nel Comune di Roma (in collaborazione) Primo premio (realizzato)
  • 1966 Appalto-concorso per due lotti di edifici di abitazione a Spinaceto (in collaborazione) Primo premio
  • 1967 Appalto-concorso per due edifici ISES a Torino (in collaborazione) Primo premio; Concorso per l'ampliamento del Parlamento a Roma (in collaborazione) Primo premio ex aequo; Concorso per la sistemazione della valle della Caffarella (in collaborazione) Primo premio ex aequo
  • 1968 Concorso per il liceo scientifico a Grosseto (in collaborazione) Primo premio; per la realizzazione dell'edificio fu studiato un sistema di prefabbricazione “pesante”, poi brevettato dal consorzio Cooperative di Bologna, denominato VIMAG (Vittorini, Masi, Grassi) poi largamente usato dal Consorzio stesso.
  • 1971 Concorso internazionale ONU per il “Reconnaissance Surwey” of Kingdom of Nepal – Coordinamento generale – Proposta vincente.
  • 1983 Concorso per la nuova stazione di Bologna – in collaborazione.
  • 1987 Concorso nazionale di progettazione bandito dalla Regione Emilia-Romagna per la sperimentazione della Normativa Tecnica – Progetto vincitore – Consulente generale
  • 1990 Concorso internazionale per la “Maille Urban Souterraine Express” (MUSE) bandito dal “Conseil General des Hauts de Seine (Paris)” – Capogruppo coordinatore della proposta urbanistica e architettonica – proposta segnalata
  • 1994 Concorso internazionale per il “Plan Maestro del Area metropolitana di S. Salvador” – Predisposizione della Propuesta Tecnica vincitrice
  • 2007 Concorso nazionale per l'incarico di Coordinatore metodologico del PRG di Colleferro (concorso vinto)

ScrittiModifica

Ha pubblicato numerosi scritti ed articoli, collaborando dal 1957 a quotidiani e riviste, tra cui Urbanistica, Aut, Economia Pubblica, Casabella, Città-Spazio, Città-Regione, il Comune Democratico, Hinterland, Urbanistica-Informazioni, Parametro, Astrolabio, L'Industria delle costruzioni. È inoltre autore di numerosi saggi e pubblicazioni. Di seguito è riportata una selezione degli scritti più significativi:

  • Indagine sulla Marsica (in collaborazione) Poligrafico dello Stato, L'Aquila 1957.
  • Indagine preliminare al P.T.C. della Regione Abruzzo (in collaborazione), Poligrafico dello Stato, L'Aquila, 1960.
  • I problemi dell'edilizia sovvenzionata in Italia, CIRIEC - Milano, settembre 1964.
  • La progettazione come mezzo per la razionalizzazione dei sistemi edilizi tradizionali, Università di Cagliari, 1967.
  • Studi preparatori per la realizzazione di un Centro ospedaliero, L'Aquila, gennaio 1968.
  • Didattica Ricerca Territorio, Napoli, 1972.
  • M. Vittorini, Petrolio e potere, Venezia, Marsilio, 1974.
  • Un nuovo modo di pensare le città, Toshi Yutaku - Tokio, 1976.
  • Regione Lazio - Programmi, Normative, Tipologie per l'edilizia residenziale, Ed. DEI - Roma, 1978.
  • Governo del territorio e partecipazione popolare, in Ravenna, una capitale a cura di V. Emiliani, Edizioni Alfa, 1978.
  • M. Vittorini, Dallo spreco edilizio alla politica di recupero dell'esistente, Napoli, Guida, 1979.
  • Il Mezzogiorno ancora all'opposizione, Ed. Guida - Napoli, 1979.
  • Ravenna - PRG 1973, Ed. OVER - Milano, 1982.
  • Piacenza PRG 1980, Ed. OVER - Milano, 1982.
  • Faenza PRG 1980, Ed. OVER - Milano, 1982.
  • Ravenna PRG 1983, I manifesti del Piano Regolatore, Comune di Ravenna, 1983.
  • La spesa pubblica nel processo di pianificazione e gestione del territorio, Edizioni Officina, 1986.
  • Roma, Parigi, New York - Quale urbanistica per le metropoli, Gangemi Editore, Roma, 1986.
  • Recupero del Ghetto di Roma, Multigrafica Editrice - Roma 1990.
  • Eupolis - La riqualificazione delle città in Europa, Editore Laterza, 1990.
  • La formazione del Piano di Bacino dell'Adige, Autorità di Bacino dell'Adige, 1993.
  • Studio per il Parco del Gran Sasso d'Italia, Tecnocasa e.t.a., 1994.
  • Quaderni del Piano Regolatore di Bolzano (n. 3, 1988-90), Comune di Bolzano, Assessorato all'Urbanistica.
  • Quaderni del Piano Regolatore di Trento (n. 7, 1987-94), Comune di Trento, Assessorato all'Urbanistica.
  • Quaderni del Piano Regolatore di Firenze (n. 5, 1991-92), Comune di Firenze, Assessorato all'Urbanistica, Relazione generale e Norme tecniche, 1992.
  • Quaderni del Piano Regolatore di Verona (n. 1, 1992), Comune di Verona - Assessorato all'Urbanistica.
  • Anastilosi. L'antico, il restauro, la città (AA.VV.) Editore Laterza (1986).
  • Atlante di Firenze - Il nuovo PRG di Firenze, Marsilio Editori, 1993.
  • Piano di Bacino dell'Adige (Quaderni n. 3) Autorità di Bacino dell'Adige, Trento, 1993-2007.
  • Studio per il Parco del Gran Sasso d'Italia - Regione Abruzzo, 1994.
  • Continuità e innovazione nei PRG 1973, 1983, 1993, in Progetto Ravenna. PRG 93 (AA.VV.) Montanari Editore, 1994.
  • La città borghese: nuove istituzioni e nuove centralità, in L'Aquila e la Provincia aquilana - Economia, Società e Cultura dal 1859 al 1920 (AA.VV.) La Provincia aquilana e le comunicazioni nell'800 – Cassa di Risparmio della Provincia dell'Aquila, 1994.
  • Potenza di una Capitale in Il Papa eremita a cura di Bruno Vespa – Edizioni Fotogramma – 1996.
  • Recupero e riqualificazione dei centri storici del “Comitatus aquilanus”, L'Aquila, 2002 (coordinatore, in collaborazione).
  • Programma di Sviluppo Integrato delle Colline Romane – ASP Grottaferrata 2003.
  • I casi delle Colline Romane e della Darsena di Città a Ravenna in AA.VV. Marcello Vittorini. Professione e formazione multidisciplinare per progetti di piano e di architettura – Gangemi Editore, Roma 2004.
  • M. Vittorini, Dallo Zuccherificio al Museo Archeologico di Classe, Roma, Gangemi, 2007, ISBN 978-88-492-1228-0.

Incarichi istituzionali e tecnico-scientificiModifica

  • 1952-1957 Capo del Servizio Urbanistica ed opere edilizie dell'Ente Fucino-Ente di riforma agraria
  • 1963-1980 Componente del Consiglio superiore dei LL.PP. (massimo organo tecnico consultivo dello Stato)
  • 1966 Componente della commissione ministeriale di indagine sulla situazione edilizia di Reggio Calabria
  • 1966-1967 Componente della Commissione ministeriale di indagine tecnica sulla frana di Agrigento
  • 1967-1969 Componente della Commissione interministeriale sulla difesa del suolo
  • 1967-1970 Componente della Commissione De Marchi per la difesa del suolo
  • 1968-1972 Segretario generale del Servizio Studi e programmazione del Ministero dei LL.PP.
  • 1970 Componente della Commissione ministeriale per una nuova legge sui Parchi nazionali
  • 1970 Relatore ufficiale alla conferenza Europea sulla Conservazione della Natura (Strasburgo 9-12 febbraio 1970) ed ai IX Stati generali dei comuni d'Europa (Londra, 15-18 luglio 1970).
  • 1970-1972 Componente del gruppo di lavoro presso il Ministero dei LL.PP. per la redazione delle proposte di legge relative alla Legge per la Casa (n. 865/1971); inoltre, quale Consulente dell'ONU partecipa a ricerche e studi di pianificazione relativi ai paesi in via di sviluppo; Coordinatore del gruppo di lavoro che predispone la Delibera programmatica per l'assetto del territorio della Regione Lazio e componente del gruppo di lavoro che predispone la Variante del PRG di Roma. Come Presidente della Sezione laziale dell'INU, imposta e promuove un programma di ricerche e di analisi sui problemi di Roma e del Lazio.
  • 1970-1971 Ministero dei LL.PP. – Regione Abruzzo: Coordinatore del gruppo di lavoro per le Ipotesi di assetto territoriale dell'Abruzzo; Ministero dei LL.PP. Lazio: Coordinatore del gruppo di lavoro per le ipotesi di assetto territoriale del Lazio
  • 1971-1972 ONU - World Bank - Kingdom of Nepal General Survey ai fini del Piano di sviluppo e di mobilità
  • 1972-1990 Consulente delle Regioni Piemonte, Puglia, Lazio, Campania per lo studio di leggi e piani regionali
  • 1976-1981 Componente del Consiglio nazionale delle ricerche (CNR)
  • 1974-1980 collabora con le Pubbliche amministrazioni e le Regioni, occupandosi dell'attività legislativa e di pianificazione delle Regioni Piemonte, Lazio, Campania, Calabria, Puglia, Sicilia.
  • 1974-1975 Capo della Segreteria Tecnica del Ministero del Mezzogiorno
  • 1976-1980 Componente della Commissione per la difesa della natura del CNR; Approfondisce - a livello legislativo e programmatico - gli studi relativi alla gestione del territorio e dei servizi sociali in relazione al quadro istituzionale ed al sistema delle autonomie locali, con particolare riferimento alla formazione dei Piani Socio Sanitari ed all'attuazione della legge n. 833/1978.
  • 1979 University of Rajasthan (India): Relatore alla “International conference on human ecology – Jaipur and its environs”
  • 1980-1981 Capo della Segreteria Tecnica del Ministero del Mezzogiorno (1980-81 e 1974-75)
  • 1980 Membro del Comitato tecnico-scientifico della Regione Campania per i piani degli interventi di ricostruzione a seguito del terremoto del novembre 1980; Componente della Commissione della Presidenza del Consiglio dei ministri per il programma degli interventi di emergenza dopo il terremoto del novembre 1980 e per la preparazione della legge di ricostruzione
  • 1981-1983 si occupa dei problemi connessi con la ricostruzione delle zone colpite dal terremoto del novembre 1980, partecipando a Commissioni e gruppi di lavoro a livello interministeriale, parlamentare e regionale.
  • 1991-1992 Consulente tecnico del Ministero della Protezione Civile.
  • 1992-1994 Componente del Comitato Scientifico del Ministero dell'Ambiente.
  • 1997 Presidente del Comitato Tecnico scientifico Regione Abruzzo per il Giubileo 2000.

ArchivioModifica

L'archivio professionale, riconosciuto di interesse storico particolarmente importante dal Ministero per i beni e le attività culturali con decreto del 31 dicembre 2007, testimonia sessant'anni di intensa attività professionale, culturale didattica e di ricerca, documentata da materiali inediti e significativi relativi a circa 140 progetti, concorsi e piani urbanistici - con relazioni, studi, disegni, documenti, modelli, pannelli, fotografie - e oltre 400 scritti, articoli, saggi e pubblicazioni. Il fondo Marcello Vittorini è conservato presso l'Archivio di Stato di L'Aquila[5].

NoteModifica

  1. ^ a b Marcello Vittorini, su SAN - Portale degli archivi degli architetti. URL consultato l'8 gennaio 2018.
  2. ^ Vittorio Emiliani, "Cinquantottini: l'Unione goliardica italiana e la nascita di una classe dirigente"
  3. ^ Il Centro, È morto il progettista Marcello Vittorini, su ilcentro.gelocal.it. URL consultato il 17 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2011).
  4. ^ Marcello Vittorini, su SAN - Portale degli archivi degli architetti. URL consultato l'8 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2018).
  5. ^ Marcello Vittorini, su Sistema informativo unificato per le Soprintendenze archivistiche. URL consultato il 5 gennaio 2018.

BibliografiaModifica

  • G. Gresleri, Marcello Vittorini per Napoli, in Parametro n.167, 1988.
  • Marcello Vittorini, scheda in Guida agli archivi di architettura a Roma e nel Lazio, a cura di M.Guccione, D.Pesce, E.Reale, Gangemi Editore, Roma 2008.
  • M. Guccione, D. Pesce, E. Reale (a cura di), Guida agli archivi di architettura a Roma e nel Lazio : da Roma capitale al secondo dopoguerra, Roma, Gangemi, 2007, ISBN 978-88-492-1387-4.
  • F. Rosa, Archivio Marcello Vittorini, scheda in AAA Italia. Bollettino n.9/2010, pagg. 48-49, maggio 2010.
  • G. Tamburini, A. Marino (a cura di), Archivio Marcello Vittorini. Città nascenti. I borghi del Fucino – Gangemi Editore, Roma 2010.
  • D. Lama, Marcello Vittorini in Cemento romano – CLEAN Editore, Napoli 2010.
  • Angela Marino, Valeria Lupo (a cura di), Omaggio a Marcello Vittorini. Un archivio per la città - Gangemi editore, Roma 2012
  • Scheda dedicata a Marcello Vittorini in: L'Architettura sulla carta. Archivi di architettura in Abruzzo, catalogo della mostra a cura della Soprintendenza Archivistica dell'Abruzzo, Pescara (28 settembre – 26 ottobre 2013) e altre sedi

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN245975263 · ISNI (EN0000 0003 8580 3541 · LCCN (ENn79095547 · ULAN (EN500051866 · WorldCat Identities (ENlccn-n79095547