Maria Luisa Albertina di Leiningen-Dagsburg-Falkenburg

nobile tedesca

Maria Luisa Albertina di Leiningen-Dagsburg-Falkenburg, meglio conosciuta come principessa Giorgio (Obrigheim, 16 marzo 1729Neustrelitz, 11 marzo 1818), fu ereditiera della signoria di Broich e, per matrimonio, principessa d'Assia-Darmstadt. È stata la nonna ed insieme l'educatrice della futura regina prussiana, Luisa.

Maria Luisa Albertina di Leiningen-Dagsburg-Falkenburg
MLA Hessen-Darmstadt.JPG
Maria Luisa Albertina di Leiningen-Dagsburg-Falkenburg ritratta da Johann Christian Fiedler nel 1753 circa
Principessa d'Assia-Darmstadt
Principessa Giorgio d'Assia-Darmstadt
Leiningen-Dagsburg.PNG Wappen Hessen-Darmstadt 1736.jpg
In carica16 marzo 1748 –
21 giugno 1782
Altri titoliSignora di Broich
NascitaObrigheim, Elettorato Palatino, Sacro Romano Impero, 16 marzo 1729
MorteNeustrelitz, Granducato di Meclemburgo-Strelitz, 1º marzo 1818 (88 anni)
DinastiaLeiningen per nascita
Assia-Darmstadt per matrimonio
PadreConte Cristiano Carlo Reinardo di Leiningen-Dachsburg-Falkenburg-Heidesheim
MadreContessa Caterina Polissena di Solms-Rödelheim
ConsortePrincipe Giorgio Guglielmo d'Assia-Darmstadt
FigliProtestantesimo

BiografiaModifica

Maria Luisa era figlia del conte Cristiano Carlo Reinardo, Conte di Leiningen-Dagsburg-Heidesheim (1695–1766) e di sua moglie, la contessa Caterina Polissena di Solms-Rödelheim (1702–1765). Alla morte del padre divenne erede della signoria di Broich, ed avviò con il costruttore Nicolas de Pigage il restauro l'espansione del castello di Broich. Nel 1806 Napoleone sciolse la signoria di Broich, che nel 1815 venne annessa al Regno di Prussia.

Il 16 marzo 1748 sposò ad Heidesheim il principe Giorgio Guglielmo d'Assia-Darmstadt, fratello del langravio Luigi IX. A quell'epoca Luigi IX risiedeva quasi esclusivamente a Pirmasens, ed a seguito della scomparsa di sua moglie, la langravia Carolina nel 1774, Maria Luisa divenne la prima dama dello Stato, risiedendo nella residenza di Darmstadt.

Due delle sue figlie furono mogli di Carlo II di Meclemburgo-Strelitz, e morirono ambedue di complicazioni seguite al parto. Dopo la morte della seconda moglie Carlotta, Carlo pose termine al suo servizio di governatore nell'Hannover, e si trasferì con i figli presso sua suocera a Darmstadt. La principessa George era rimasta vedova nel 1782, e s'assunse il compito d'istruire e d'assistere i nipoti, con la sola eccezione di Carlotta, che all'età sedici anni andava in sposa, il 3 settembre del 1785, al duca Federico. Il padre rimase a Darmstadt con i suoi figli, pur visitando spesso Carlotta ad Hildburghausen e dal 1787 divenne presidente della Commissione imperiale dei debiti.

Maria Luisa s'occupò dell'educazione di Luisa, e di quella delle sue sorelle Federica e Teresa, approntando per loro una dimora sicura ed ampiamente informale, il Vecchio Palazzo di Darmstadt, vicino alla piazza del mercato cittadino. In tale dimora ella, utilizzando i metodi educativi regionali, insegnò alle nipoti a condurre uno stile di vita semplice ed informale. Nel 1790 si recò ad assistere, con Luisa, Federica e Giorgio, all'incoronazione dell'imperatore Leopoldo II a Francoforte sul Meno, ed in tale occasione alloggiò presso Katharina Elisabeth Goethe, madre del celebre letterato. Tale viaggio d'istruzione si concluse nei Paesi Bassi nel 1791.

Nel 1792, all'approssimarsi delle Armate rivoluzionarie francesi, fuggì da Darmstadt, rifugiandosi ad Hildburghausen presso la nipote Carlotta, rimanendovi sino al marzo 1793. Lasciata rapidamente Darmstadt, si recò con le nipoti a Francoforte, dove era stato organizzato un primo incontro tra Luisa e il suo futuro marito Federico Guglielmo. Nel 1793 accompagnò Luisa e Federica al loro matrimonio a Berlino.

Maria Luisa fu descritta come una persona magnifica, dotata di calore umano, sempre allegra e pronta a parlare in linea di principio il dialetto palatino. Dotata di cordialità e vicina al popolo, fece da madre al nipote durante gli anni trascorsi a Praga, trasmettendogli i propri valori.

DiscendenzaModifica

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Georg Wilhelm von Leiningen-Dachsburg-Falkenburg Emich XIII von Leiningen-Dachsburg-Falkenburg  
 
Christiane zu Solms-Laubach  
Johann von Leiningen-Dachsburg-Falkenburg  
Anne Elisabeth von Daun-Falkenstein Wilhelm Wirich von Daun-Falkenstein  
 
Elisabeth von Waldeck  
Christian Carl Reinhard von Leiningen-Dachsburg-Falkenburg-Heidesheim  
Johann Reinhard II von Hanau-Lichtenberg Philipp Wolfgang von Hanau-Lichtenberg  
 
Johanna von Öttingen  
Johanna Magdalene von Hanau-Lichtenberg  
Anna Magdalena von Birkenfeld-Bischweiler Christian I von Pfalz-Birkenfeld-Bischweiler  
 
Magdalena Katharina von Pfalz-Zweibrücken  
Maria Luise Albertine zu Leiningen-Dagsburg-Falkenburg  
Johann August zu Solms-Rödelheim Johann Georg II zu Solms-Baruth  
 
Anna Maria zu Erbach-Fürstenau  
Ludwig zu Solms-Rödelheim  
Eleonore Barbara Marie Cratz von Scharffenstein Johann Philipp Cratz von Scharffenstein  
 
Anna Elisabeth Colonna von Völs  
Katharina Polyxena zu Solms-Rödelheim  
Friedrich von Ahlefeldt Friedrich von Ahlefeldt  
 
Birgitte af Ahlefeld-Graasten  
Charlotte Sibylle von Ahlefeldt-Rixingen  
Maria Elisabeth von Leiningen-Dagsburg-Hartenburg Friedrich Emich von Leiningen-Dagsburg-Hartenburg  
 
Elisabeth von Waldeck  
 

BibliografiaModifica

  • Claudia von Gélieu e Christian von Gélieu, Die Erzieherin von Königin Luise, Salomé de Gélieu, Regensburg, 2007, ISBN 978-3-7917-2043-2
  • Carsten Peter Thiede e Eckhard G. Franz, Jahre mit Luise von Mecklenburg-Strelitz, Archiv für hessische Geschichte und Altertumskunde, vol. 43, Darmstadt, 1985

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN81336397 · CERL cnp01164302 · GND (DE104194553 · WorldCat Identities (ENviaf-81336397