Apri il menu principale

Massimo Marianella (Roma, 6 aprile 1966) è un giornalista italiano.

BiografiaModifica

Frequenta il liceo classico "Francesco Vivona" a Roma. Divenuto giornalista professionista, dopo le prime esperienze con la carta stampata per i quotidiani Paese Sera e Il Tempo, inizia la carriera come giornalista televisivo. Debutta nell'emittenza romana (Radio Incontro, TeleRoma 56) con Michele Plastino e Sandro Piccinini.

Nel 1987 inizia a lavorare per Tele Capodistria, canale passato nell'orbita di Fininvest proprio in quell'anno. Il 6 aprile 1988 conduce la sua prima telecronaca, quella di Bayer Leverkusen-Werder Brema, semifinale di andata della Coppa UEFA 1987-1988, con Fabio Capello seconda voce. Dopo aver fatto giovanissimo il suo esordio su Tele Capodistria, commenta per l'emittente italo-slovena il campionato europeo di calcio 1988. Insieme a Roberto Bettega segue in telecronaca le partite della nazionale italiana all'europeo di Germania Ovest e il quotidiano sportivo francese L'Équipe lo cita come "il più giovane telecronista ad aver commentato la fase finale di un europeo o di un mondiale".

Nel 1990 è, con Sandro Piccinini e Fabio Caressa, curatore del film ufficiale FIFA sul campionato mondiale di Italia 1990.

Passato alle reti Fininvest nel 1988, è inviato per la trasmissione di Italia 1 Pressing nei primi anni '90.

Trasferitosi nel 1992 alla neonata Telepiù, prima piattaforma italiana di pay-tv, dall'incontro Scozia-Italia del 18 novembre 1992 (valido per le qualificazioni al campionato del mondo 1994) diventa il telecronista abituale della nazionale italiana di calcio per Telepiù. Dopo Nicolò Carosio, Nando Martellini e Bruno Pizzul diviene il quarto italiano a commentare in televisione una partita della nazionale italiana di calcio in una gara ufficiale. Domenica 29 agosto 1993, su TELE+2, è il telecronista del primo posticipo nella storia del campionato italiano di Serie A in pay-tv, Lazio-Foggia. Per Telepiù segue tutte le più importanti competizioni di calcio internazionale, prima di dedicarsi alle telecronache dei posticipi della Serie A su Telepiù, canale dove è rimasto fino al 2003.

Con la nascita di Sky diviene la voce principale della Premier League e la commenta fino al 2014, per poi riprendere tale attività nel 2016, dopo essere stato per due anni la voce principale della Bundesliga. Spesso presente come opinionista su Sky Sport 24, è anche un grande esperto di calcio internazionale, avendo commentato il campionato del mondo 2010 e il campionato del mondo 2014, oltre che varie edizioni della Coppa America.

Per anni è la voce principale di Sky Sport nella UEFA Champions League, commentando ben 10 finali consecutive, dal 2006 al 2015, raccontando la vittoria del Milan per 2-1 sul Liverpool nel 2007 e il successo dell'Inter per 2-0 sul Bayern Monaco nel 2010. Con l'avvento dell'Europa League sulla piattaforma, diviene uno dei suoi principali telecronisti e opinionisti. Sono sue le telecronache delle finali del 2017, 2018 e 2019, rispettivamente Manchester United-Ajax, Olimpique Marsiglia-Atlético Madrid e Chelsea-Arsenal.

Oltre al calcio, segue anche occasionalmente tennis, basket e football americano. Collabora con varie riviste di tennis e pallacanestro, con BBC Radio 5 Live e il mensile calcistico giapponese World Soccer Graphics.

Nel 2015 ha pubblicato il libro Dove ti porta il calcio, una guida dei principali stadi europei arricchita dalla descrizione delle città che ospitano i suddetti impianti. Il libro è stato scritto con la collaborazione di Letizia Conte[1].

NoteModifica

Altri progettiModifica