Massimo Mollica

attore italiano
Massimo Mollica

Massimo Mollica (Pace del Mela, 19 marzo 1929Messina, 1º maggio 2013[1]) è stato un attore italiano.

È noto essenzialmente per la sua interpretazione di Don Vito Cascio Ferro nello sceneggiato televisivo Joe Petrosino che la Rai trasmise nel 1972, per la regia di Daniele D'Anza, interpretato insieme al concittadino Adolfo Celi.[2] Il grande successo dello sceneggiato lo portò a partecipare come ospite d'onore a Canzonissima condotto da Pippo Baudo e Loretta Goggi, nella puntata in cui era ospite anche Mariangela Melato. È considerato come uno dei più sensibili e intensi interpreti del teatro di Pirandello, di cui fu attento studioso e biografo, oltre che regista e attore principale di messe in scena pirandelliane nei massimi teatri italiani (Liolà, Il berretto a sonagli, Sei personaggi in cerca d'autore, Pensaci, Giacomino).[3]

BiografiaModifica

Da attore teatrale, Mollica ha debuttato da ragazzo, sotto la guida del regista Cutrufelli. Apprezzato regista teatrale, va ricordata la sua regia e interpretazione del pirandelliano Liolà, spettacolo che ebbe numerose repliche. Fu anche il primo a portare in scena Il Bell'Antonio di Brancati (nella versione rivisitata, che Mollica concordò con la Proclemer, vedova di Brancati) e a interpretare Il Re muore di Ionesco davanti al suo autore in una recita a Catania nel 1972. Ha legato il suo nome alla riscoperta e alla messa in scena al teatro greco di Tindari della traduzione in lingua siciliana della versione di Pirandello del Ciclope di Euripide (U Ciclupi diretto da Camilleri), del Glauco di Morselli e della commedia siciliana Ccu i' nguanti gialli di Pirandello. È stato direttore della Compagnia Stabile di Prosa di Messina, [3]da lui stesso fondata nel 1965. Ha fondato e diretto diversi teatri di Messina (Ridottissimo,San Carlino, Pirandello, Teatro di Campagna), ha inaugurato il teatro in Fiera di Messina con una regia di Camilleri (1977) ed è stato direttore artistico del teatro Parioli di Roma. Nella stagione teatrale 2008-2009 è impegnato nello spettacolo Il berretto a sonagli e nella commedia Pensaci, Giacomino!, entrambi di Luigi Pirandello al Teatro Lelio di Palermo[4]. Gli ultimi spettacoli degli anni novanta e duemila, portati in scena al Teatro Pirandello e al Teatro di Campagna, hanno avuto come prima attrice Giovanna Battaglia, con cui ha interpretato opere di Nicolaj, De Benedetti, Pirandello, Ionesco, Brancati. Mollica fu protagonista anche di recital teatrali in diverse rassegne culturali, tra cui sei edizioni della Rassegna Teatro popolare al Teatro Tenda di piazza Mancini di Roma.

Filmografia parzialeModifica

TeatroModifica

(tratto dalla Scheda del servizio stampa della Rai, 1973)

  • L'abisso di Giovannetti, 1954;
  • Il miracolo di Manzari, 1958-59;
  • Sei personaggi in cerca d'autore. Drammi marini di O'Neill e Il traforo di Quintavalle, 1959;
  • Elena o la gioia di vivere di Roussin, 1960;
  • Enrico IV e il Berreto a sonagli, 1963;
  • S.Sebastiano di Narbona di Stilo, 1964;
  • Barabba di De Ghelderode, Tutto per bene, 1965;
  • La tempesta, Sogno di una notte di mezza estate, 1967;
  • Il muro del silenzio di Messina, 1969;
  • I menecmi di Plauto, Il re cervo di Gozzi, Il pendolo di Niccolai, L'uomo, la bestia e la virtu, I viceré (prima mondiale a Taormina);
  • Il Ciclope di Euripide-Pirandello, Tindari, 1971;
  • Il Glauco di Morselli, tradotto da Pirandello, prima mondiale, Tindari;
  • Il re muore di Ionesco, Messina, 1970, Catania, 1972;
  • La Mandragola di Machiavelli, La Lisistrata, 1972-73;
  • Probo Viro di Fava, 1973;
  • Otello, 1973-74.
  • Il Vendicatore di F.Lanza, 1974-75;
  • Liolà di Pirandello 1974-75;
  • L'eredità dello zio Bonanima di Giusti, 1976-77;
  • L'avaro di Moliere, 1977-78;
  • L'aria del continente, estate 1979;
  • U contra di Martoglio (regia Camilleri), 1979;
  • Il Bell'Antonio di Brancati, 1980;
  • Cuu i Nguanti gialli di Pirandello, 1981;
  • Il Barbiere di Siviglia (adattamento di S.Correnti), 1982-83;
  • Teofilo e famiglia, di Rapisardi, 1982;
  • Mastro Don Gesualdo, 1983-84;
  • Io e te, amore mio, ci ameremo eternamente, di Verde, 1984 REGIA DI C.Lizzani (cfr. N.Garrone, Quanti amori usciranno dalla macchina per scrivere?, "Repubblica", 20 ottobre 1984); Su Raidue nel novembre 1985 andò in onda Io, te, amore mio ci ameremo eternamente di Dino Verde, con protagonista Mollica, con Josè Greci, Pietro De Vico, Nino Scardina e il giovane attore e futuro regista messinese Walter Manfrè (regia teatrale di Lizzani e televisiva di Carlo Nistri.
  • La scuola delle mogli di Moliere, 1984-85;
  • Il berretto a sonagli di Pirandello, 1985

TelevisioneModifica

(dalla scheda Rai)

  • Il novellieri di Verga, 1968 regia di D.D'Anza;
  • Maigret e i diamanti, regia di M.Landi, 1969;
  • Dal tuo al mio, regia di M.Landi, 1970;
  • Lazzarillo De Tormes, regia di A.Camilleri, 1970;
  • Il Re Cervo di Gozzi, regia di A.Camilleri, 1971;
  • Omertà, della serie Di Fronte alla legge, regia di S.Maestranzi, 1972;
  • Petrosino, regia di D.D'Anza, 1972.

Ha partecipato anche agli sceneggiati e film-tv: La Contessa Lara, Il Vendicatore, Domenica di Ferragosto e La mano sugli occhi di P.Passalacqua (tratto dal romanzo di Camilleri Il corso delle cose, trasmesso da RAi2 dal 21/9 al 28/9/1979, dove interpreta il maresciallo Corbo, antesignano del commissario Montalbano) e Gioco di società di N.Loy.

Altre opereModifica

È autore di alcuni libri e dischi (Rime d'amore, Leggende d'amore della mia terra, Concerto di poesia, I Madrigali, etc.)

NoteModifica

  1. ^ È scomparso a Messina l'attore Massimo Mollica Archiviato l'8 luglio 2013 in Internet Archive. Si24.it
  2. ^ Sergio Di Giacomo, "Joe Petrosino, in Rai due grandi messinesi", Gazzetta del Sud, 19 agosto 2016)
  3. ^ a b Massimo Mòllica, su Massimo Mòllica. URL consultato il 14 dicembre 2019.
  4. ^ Stagione Teatrale 2008/2009 Archiviato il 17 ottobre 2008 in Internet Archive.

BibliografiaModifica

  • L'attore Massimo Mollica e il giornalista della Rai Luciano Luisi ai microfoni della Rassegna Cinematografica di Taormina. Teatro Greco. Estate 1965. L'attore dà notizia della nascita del Teatro Stabile di Prosa di Messina, in "Sicilia Tempo", ottobre 1965
  • L'attore Massimo Mollica nella parte di Vito Cascioferro, come apparirà nel primo canale domenica per l'ultima puntata di Petrosino, in "Il Mattino"-Tv, 12-18 novembre 1972
  • G. Greco, Massimo Mollica la sua vita e il suo teatro, 1980;
  • N. Cacia, Biografia Teatrale di Massimo Mollica, scritta da Nino Cacia fino al 1981
  • Massimo Mollica. Vent'anni di palcoscenico con la "Stabile di prosa di Messina", a cura di Geri Villaroel, Messina, 1986
  • Il Teatro di Massimo Mollica, a cura del Teatro Stabile di Messina: Il Bell'Antonio e Mastro Don Gesualdo, Messina, 1989
  • M. Pappalardo, Classe di ferro inaugura il 20 la stagione del teatro Pirandello diretto da Mollica, in "Gazzetta del Sud" del 12 ottobre 2005
  • S. Di Giacomo, Massimo Mollica. L'arte come identità, in "Margine Esterno"-Messina, aprile 2008, pp. 5–7
  • Massimo Mollica racconta Shakespeare, in "Moleskine"-Messina, marzo 2010, pp. 54–57
  • S. Di Giacomo, Tutto cominciò con Camilleri e Biagio Belfiore l'8 ottobre 1977 (inaugurazione del Teatro in Fiera di Messina), in "Gazzetta del Sud" del 2 gennaio 2013
  • S. Di Giacomo, È morto il grande attore Massimo Mollica, in "Gazzetta del Sud"-Messina, 3 maggio 2013, p. 29 (con scheda biografica)
  • G. Giacobbe, La grande avventura del palcoscenico e quell'inedito "scovato" di Pirandello, in "Gazzetta del Sud" del 3 maggio 2013 (p. 29)
  • E. Reale, Per te nonno, recitare era vita, era ossigeno, in "Gazzetta del Sud" del 3 maggio 2013
  • S.V., Pirandelliano, reso popolare dalla tv, in "La Sicilia", del 3 maggio 2013
  • G. Parisi, È morto a Messina Massimo Mollica, in "Giornale di Sicilia" del 3 maggio 2013
  • S. Di Giacomo, Messina piange l'attore e regista Massimo Mollica, in "Avvenire" del 3 maggio 2013 (spettacoli)
  • G. Villaroel, Mollica, dedicargli uno spazio per i "cimeli" della sua carriera, in "Gazzetta del Sud" del 4 maggio 2013, p. 30
  • V. Ronsisvalle, La sua avventura di grande teatrante, in "Gazzetta del Sud" del 4 maggio 2013
  • S. Di Giacomo, Addio al grande attore Massimo Mollica, "Prisma"-Newsletter di Cultura, 11 maggio 2013
  • Giovanna Battaglia, Mollica, il suo amore per il teatro un patrimonio da custodire, in "Gazzetta del Sud" dell'8 maggio 2013
  • Massimo Mollica, scheda biografica, Repubblica-Palermo, del 9 maggio 2013
  • Maurizio Marchetti, Addio Caro Mollica, in Centonove del 10 maggio 2013
  • G. M. Allone, In ricordo di Massimo Mollica, in "Moleskine"-Messina, maggio 2013.

RiconoscimentiModifica

Ha ricevuto diversi premi per la sua attività artistica e culturale: nel 1974 il Premio Centro Studi La Ghibellina di Firenze; nel 1981 il Premio Chianciano della critica radiotelevisiva per la migliore trasmissione culturale dell'anno (Mastro Don Gesualdo, 35 puntate su Radio 2); nel 1986 il Premio Eleonora Duse ad Asolo per la regia de Il Berretto a sonagli; nel 1987 è stato insignito del premio Re D'argento Dagala del Re a Santa Venerina. Nel 2007 è stato insignito del premio Giomi Città di Messina. Nel 2012 ha ricevuto il Premio Antonello da Messina (promosso dall'Associazione omonima con sede a Roma) e il premio Poesia da Contatto alla carriera.[1].

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN233248990 · SBN IT\ICCU\PALV\052518 · BNF (FRcb177888422 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n84050195
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie