McDonnell Douglas DC-10

aereo di linea McDonnell Douglas
McDonnell Douglas DC-10
N313FE Fedex 1988 McDonnell Douglas DC-10-30(F) CN- 48311-440 "Bilal" (13929394625).jpg
Un McDonnell Douglas MD-10-30F di FedEx
Descrizione
TipoAereo di linea
Aereo cargo
Equipaggio2 piloti +
1 Ingegnere di volo+
gli assistenti di volo
ProgettistaStati Uniti McDonnell Douglas
CostruttoreStati Uniti McDonnell Douglas
Data primo volo29 agosto 1970
Anni di produzione1968-1988
Data entrata in servizio5 agosto 1971 con American Airlines
Utilizzatori principali
(Giugno 2020)
Stati Uniti United States Air Force
59 esemplari
Stati Uniti FedEx Express
24 esemplari
Stati Uniti Omega Air
5 esemplari
Utilizzatori storiciStati Uniti FedEx Express
69 esemplari assoluti (1980-presente)
Stati Uniti American Airlines
66 esemplari assoluti (1971-2003)
Esemplari446[1]
Costo unitario20,0 milioni di $ (1972)
(122,0 milioni di $ oggi)
Altre variantiMcDonnell Douglas KC-10 Extender
Dimensioni e pesi
DC10-30v1.0.png
Tavole prospettiche
Lunghezza55,35 m
Apertura alare50,39 m
Diametro fusoliera6,02 m
Freccia alare35°
Altezza17,55 m
Superficie alare338,8
Peso a vuoto120 742 kg
Peso carico253 105 kg
Peso max al decollo251 744 kg
PasseggeriFino a 399
Capacità combustibile137 509 L
Propulsione
Motore3 turboventola GE CF6-50
Spinta206-237 kN
Prestazioni
Velocità max0,88 Mach (1 086,62 km/h)
Velocità di crociera0,82 Mach (1 012,54 km/h)
Autonomia11 112 km (6 000 nmi)
Tangenza12 800 m (42 000 ft)
NoteDati tecnici riferiti alla versione -30

Dati estratti da DC10-boeing.com

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Il McDonnell Douglas DC-10 è stato un trimotore turboventola di linea ad ala bassa prodotto dall'azienda statunitense McDonnell Douglas dagli anni settanta fino al 1990.

Utilizzato su rotte di lungo raggio, era caratterizzato da una fusoliera larga (wide-body), ali basse al di sotto delle quali erano montati due motori turboventola; aveva un ampio piano verticale di coda, alla base del quale era montato il terzo motore, con i piani orizzontali di coda in posizione bassa. L'aereo è stato uno dei più venduti nella configurazione cargo. Il suo ultimo volo per il trasporto passeggeri è stato effettuato nel 2014[2].

Storia del progettoModifica

SviluppoModifica

Il DC-10 è stato il primo aereo commerciale sviluppato dalla McDonnell Douglas (oggi Boeing, dopo la fusione di McDonnell Aircraft Corporation e Douglas Aircraft Company avvenuta nel 1967).

La McDonnell Douglas ha sviluppato il DC-10 su richiesta di American Airlines fatta nel marzo 1966, conosciuta anche come "Jumbo Twin", velivolo più piccolo e con un motore in meno del 747 ma con la stessa autonomia e in grado di decollare su piste più corte. L'American Airlines scelse il DC-10 che così batté il Tristar nato dalla stessa specifica.

Il DC-10 venne lanciato ufficialmente nell'aprile 1968 e il prototipo effettuò il suo primo volo il 29 agosto 1970, mentre la sua entrata in servizio avvenne con la compagnia di lancio American Airlines il 5 agosto 1971. Sono stati consegnati 386 esemplari di DC-10 in diverse varianti; la produzione è cessata nel Dicembre 1988 e l'ultima consegna fatta fu un DC-10-30 alla Nigeria Airways nel luglio 1989.

Impiego operativoModifica

IncidentiModifica

Il DC-10 è stato protagonista di incidenti più e meno gravi, elencati i più importanti:

  • Il 12 giugno 1972 il Volo American Airlines 96, un nuovo DC-10 ebbe il distacco del portellone di carico, l'aereo è riuscito a fare un atterraggio di emergenza.
  • Il 3 marzo 1974 il Volo Turkish Airlines 981 si è schiantato ad Ermenonville in Francia dopo il distacco del portellone che ha danneggiato le connessioni idrauliche rendendo incontrollabile il veivolo. Lo schianto ha ucciso tutte le 346 persone a bordo. Si trovò un difetto nel design del DC-10 e quindi vennero apportate delle modifiche. Si aggiunsero delle bocchette di sicurezza che prevenivano il danneggiamento delle linee idrauliche. Ai tempi fu l'incidente più mortale superato solo dal Disastro aereo di Tenerife nel 1977.
  • Il 25 maggio 1979 il Volo American Airlines 191 si schiantò dopo il decollo vicino all'aeroporto di Chicago O'Hare Int'l Airport dopo il distacco del motore destro, causato da manutenzione impropria, morirono tutte le 271 persone a bordo e 2 persone a terra, è l'incidente mortale più grave in America.
  • Il 28 novembre 1979 il Volo Air New Zealand 901 si schiantò sul Monte Erebus in Antartide uccidendo tutte le 257 persone a bordo.
  • Il 19 luglio 1989 il Volo United Airlines 232 si schiantò sulla pista durante l'atterraggio uccidendo 111 delle 285 persone a bordo.
  • Il 25 luglio 2000 una striscia metallica si staccò da uno dei tre motori sulla pista dell’aeroporto di Parigi, provocando il famigerato incidente del Concorde.
  • Il 31 gennaio 2001 un DC-10 della Japan Airlines (volo Japan Airlines 958) sfiorò un Boeing 747 (volo Japan Airlines 907) sopra Narita.

VersioniModifica

  • DC-10-10: (123 esemplari) versione iniziale di produzione è stata la prima versione civile al mondo ad utilizzare il turbofan della serie CF6 prodotta da General Electric.
  • DC-10-10C: (8 esemplari) versione Combi passeggeri/cargo con le porte cargo nella parte anteriore del ponte principale.
  • DC-10-15: (7 esemplari) versione per operare su aeroporti in quota e caldi. Utilizzava i motori GE CF6-50. È anche conosciuta come "DC-10 Sport".
  • DC-10-30: (166 esemplari) versione di maggior successo. Aveva un'autonomia maggiore grazie all'ottimizzazione dei serbatoi ed montava i motori GE CF6-50; ha avuto un gran successo sul mercato europeo.
  • DC-10-30C: (1 esemplare)
  • DC-10-30CF: (25 esemplari) versione Combi passeggeri/cargo con la porta cargo nella parte anteriore del ponte principale.
  • DC-10-30ER: (3 esemplari) versione "Extended Range" con l'aumento dell'autonomia e con il maggior peso al decollo di tutte le versioni (ben 263.160 kg). Era motorizzato con i propulsori GE CF6-50C2B. Riusciva a volare lungo la tratta Seattle-Hong Kong senza scali.
  • DC-10-30F: (11 esemplari) versione Cargo riconoscibile per l'assenza dei finestrini sulla fusoliera.
  • DC-10-40: (42 esemplari) versione a lungo raggio con motori Pratt & Whitney JT9D, originalmente chiamata DC-10-20 ma cambiato in DC-10-40 su richiesta della Northwest Orient Airlines.
  • MD-10: versione cargo ottenuta con la riconversione e ammodernamento delle altre versioni e con il cockpit predisposto per sole 2 persone.
  • DC-10 Air Tanker: versione con un serbatoio esterno per impieghi antincendio.
  • DC-10-KC-10: (60 esemplari) versione militare per il rifornimento in volo e il trasporto derivata dal DC-10-30F.

Dati tecniciModifica

Specifiche tecniche[3][4][5][6][7]
Dati DC-10-10 DC-10-10CF DC-10-30 DC-10-30CF DC-10-40 DC-10-40CF
Codice ICAO DC10
Codice IATA D10 D1M D1C D1Y D1C D1Y
Equipaggio in cabina di pilotaggio 2 piloti e 1 ingegnere di volo
Capacità massima passeggeri 399
Lunghezza totale 55,55 m 55,35 m 55,54 m
Diametro cabina 5,69 m
Diametro fusoliera 6,02 m
Larghezza piano orizzontale 21,69 m
Apertura alare 47,35 m 50,39 m
Superficie alare 330,0 338,8
Freccia alare 35°
Altezza fusoliera 8,25 m 8,28 m
Altezza totale 17,53 m 17,55 m
Passo 22,07 m
Peso operativo a vuoto (OEW) 108 940 kg 110 563 kg 120 742 kg 121 904 kg 122 567 kg 123 728 kg
Peso massimo senza carburante (MZFW) 151 954 kg 166 922 kg 177 355 kg 166 922 kg 177 355 kg
Peso massimo durante il rullaggio (MTW) 196 406 kg 200 942 kg 253 105 kg
Peso massimo al decollo (MTOW) 195 045 kg 199 581 kg 251 744 kg
Peso massimo all'atterraggio (MLW) 164 881 kg 164 881 kg 182 798 kg 186 427 kg 182 798 kg 186 427 kg
Carico utile massimo 43 014 kg 41 390 kg 46 180 kg 55 451 kg 44 356 kg 53 627 kg
Capacità cargo 85,4 130,2 130,8
Capacità massima carburante 82 376 L 137 509 L
Velocità di crociera 0,82 Mach (1 012,54 km/h)
Velocità massima 0,88 Mach (1 086,62 km/h)
Autonomia 4 200 nmi
7 778 km
6 000 nmi
11 112 km
Quota di tangenza 42 000 ft (12 800 m)
Motori (x3) GE CF6-6D GE CF6-50C PW JT9D-59A
Spinta (x3) 167-182 kN 206-237 kN 175-230 kN

UtilizzatoriModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Utilizzatori del McDonnell Douglas DC-10.

L'ultimo volo passeggeri commerciale è stato effettuato il 1 marzo 2014 da parte di Biman Bangladesh Airlines, da Dacca, Bangladesh, a Birmingham, Regno Unito.[8]

Al 30 giugno 2020, dei 446 esemplari prodotti, 95 sono operativi (21,30%). Il McDonnell Douglas DC-10 non è più in produzione, tutti i velivoli ordinati sono stati consegnati.

CiviliModifica

Gli utilizzatori sono[9][10]:

MilitariModifica

Gli utilizzatori sono[9][10]:

CuriositàModifica

Il McDonnell Douglas DC-10 ha dato il nome ad una delle discoteche più famose di Ibiza, il DC-10.[11]

Freddie Mercury, storico cantante rock e frontman dei Queen, era terrorizzato dai DC-10. Nel 1982 si imbarcò su un DC-10 della Japan Airlines con cui avrebbe dovuto compiere un volo da Tokyo a New York; inizialmente non si accorse di essere a bordo dell'odiato aeromobile, realizzando il fatto solo poco prima del decollo, quando si trovava comodamente seduto in prima classe. A quel punto impose all'equipaggio di farsi sbarcare a tutti i costi, creando un notevole ritardo al volo; fu poi costretto a rimanere per 12 ore all'aeroporto di Tokyo in attesa del primo volo disponibile per New York, un Pan Am operato da un Boeing 747, che secondo la sua opinione era più sicuro, e ad imbarcarsi su tale volo accontentandosi di un posto in classe turistica. Mercury non era l’unico a non sentirsi sicuro sui DC-10, in quanto negli anni ‘70 una serie di incidenti mortali aveva fatto perdere all'opinione pubblica ed alle persone la fiducia in questo aereo.[12][13][14][15]

NoteModifica

  1. ^ DC-10 Model Summary Through May 2009, su active.boeing.com. URL consultato il 21-06-2009.
  2. ^ (EN) Ben Mutzabaugh, The DC-10 makes its final scheduled passenger flight, USA TODAY, 24 feb 2014. URL consultato il 13 mar 2019.
  3. ^ (EN) Boeing, DC/MD-10 AIRPLANE CHARACTERISTICS FOR AIRPORT PLANNING (PDF), su boeing.com.
  4. ^ (EN) EASA, DC-10 TYPE-CERTIFICATE DATA SHEET (PDF), su easa.europa.eu.
  5. ^ (EN) FAA, DC-10 TYPE-CERTIFICATE DATA SHEET (PDF), su rgl.faa.gov.
  6. ^ (EN) EASA, GE CF6 TYPE-CERTIFICATE DATA SHEET (PDF), su rgl.faa.gov.
  7. ^ (EN) Aircrafts codes, su avcodes.co.uk.
  8. ^ (EN) William Turvill, Bowing out in style: Final chapter in the history of the DC10, su Mail Online, 1º marzo 2014. URL consultato il 9 aprile 2020.
  9. ^ a b (EN) McDonnell Douglas DC-10 Production List, su www.planespotters.net. URL consultato il 10 aprile 2020.
  10. ^ a b (EN) McDonnell Douglas DC-10 Operators, su www.planespotters.net. URL consultato il 18 aprile 2020.
  11. ^ (EN) The incredible beginnings of some of the best Ibizan clubs ever, su Ibiza Global TV, 13 giugno 2017. URL consultato il 31 marzo 2020.
  12. ^ Freddie Mercury morì il 24 novembre 1991: il ricordo di Soundsblog (video), su Soundsblog.it, 24 novembre 2013. URL consultato il 31 marzo 2020.
  13. ^ (FR) ANTHEVA, 10 Things You Never Knew About Freddie Mercury, su QUEENWORLD.FR. URL consultato il 31 marzo 2020.
  14. ^ (EN) 10 Things You Never Knew About Freddie Mercury, su Clash Magazine. URL consultato il 31 marzo 2020.
  15. ^ (EN) Phactual.com, 8 Quirky Facts About Freddie Mercury, su https://www.phactual.com/. URL consultato il 31 marzo 2020.

Voci correlateModifica

Aerei comparabili per ruolo, configurazione ed epoca

Altro

Sviluppo correlato

Principali incidenti

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85082562