Apri il menu principale

Michele La Ginestra

attore e conduttore televisivo italiano

Michele La Ginestra (Roma, 7 novembre 1964) è un attore, commediografo, regista teatrale e conduttore televisivo italiano.

Indice

BiografiaModifica

Nato a Roma, ha frequentato il liceo classico statale Giulio Cesare dove si è diplomato. Laureato in giurisprudenza, avvocato, si interessa al teatro scrivendo e dirigendo alcune commedie fino al trampolino televisivo, offerto dalla vittoria del gioco televisivo Beato tra le donne, del 1994. Da quel momento La Ginestra gira spot pubblicitari e alcuni film per la televisione, approdando poi al cinema con la pellicola Cresceranno i carciofi a Mimongo, del 1996.

Diventa conosciuto al grande pubblico per le sue apparizioni televisive in fiction (Nero WolfeRai 1, Matrimoni e altre follie, I Cesaroni, Amiche mie e Nati ieriCanale 5), programmi di intrattenimento (ColoradoItalia 1 – Don Michele) e spot pubblicitari (è il testimonial della De Cecco); oltre per aver co-condotto I fatti vostri (2001) su Rai 2 e Solletico (1999/2000), su Rai 1, da settembre 2014 è “giudice” a Cuochi e fiamme su La 7, è opinionista in Torto o Ragione su Rai 1 ed unico protagonista di Stasera cucina Michele su Fox Life.

Da aprile 2017 conduce il suo nuovo game show Il programma del secolo, su TV2000.

Ha partecipato a vari film (Con il sole negli occhi di Pupi Avati, Immaturi di Paolo Genovese, Viva l'Italia e Nessuno mi può giudicare di Massimiliano Bruno, Pazze di me di Fausto Brizzi), anche se rimane, soprattutto, un protagonista della scena teatrale: ha partecipato come attore, regista o autore a circa 100 spettacoli teatrali; tra tutti, indimenticabile il suo Rugantino al Teatro Sistina, per la regia di Pietro Garinei, con Sabrina Ferilli, Maurizio Mattioli e Simona Marchini.

Dal 1997 è il fondatore e il direttore artistico del Teatro 7 di Roma dove si produce come attore, autore e regista.

CarrieraModifica

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

TeatroModifica

Programmi televisiviModifica

Collegamenti esterniModifica