Apri il menu principale

Miriam Candurro (Napoli, 10 ottobre 1980) è un'attrice italiana.

Indice

BiografiaModifica

Miriam nasce e vive a Napoli, dove consegue la maturità, presso il Liceo Classico Giuseppe Garibaldi, e dove successivamente si laurea in Lettere Classiche all'Università degli Studi di Napoli Federico II.

Nel 2004 esordisce come attrice con Certi bambini di Andrea e Antonio Frazzi, film vincitore di tre David di Donatello. Il ruolo complesso e sofferto di Caterina le varrà il Premio Domenico Rea, come miglior attrice esordiente.

Successivamente partecipa a varie fiction tv: E poi c'è Filippo, con Neri Marcorè e Giorgio Pasotti, Angela, film tv di Rai 1, con Sabrina Ferilli, Don Matteo 5, La squadra 7, L'inchiesta. Nel 2007 è protagonista, insieme a Massimo Ranieri e Michelle Bonev, della miniserie tv Operazione pilota, in onda su Rai 1.

Nel 2008 ritorna sul piccolo schermo con la fortunata serie tv Capri, e sul grande schermo con la commedia La seconda volta non si scorda mai e con il film italo-americano The Eternal City. Nel 2010 recita in Capri 3.

Il 12 marzo 2012 debutta nella soap opera di Rai 3 Un posto al sole nel ruolo di Serena Cirillo.

Vita privataModifica

Miriam Candurro è sposata ed è mamma di una bambina nata a maggio 2010 di nome Vittoria e di un bambino nato a novembre 2011 di nome Fabrizio.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

CortometraggiModifica

RiconoscimentiModifica

  • Premio Domenico Rea come attrice emergente per Certi Bambini - Ischia 2005
  • Migliore attrice nella rassegna Il Giardino dei Corti per "Noemi" - Venticano 2007
  • Premio Goffredo Petrassi per la fiction Capri 2' - Roma 2008
  • Premio Donna Oro Capri come personaggio dell'anno per la fiction Capri 2 - Capri 2008
  • Fashion awards 2008 come attrice rivelazione dell'anno
  • Premio Masaniello come eccellenza Napoletana
  • Premio Napoli è Donna - Lydia Cottone 2016 categoria spettacolo
  • premio “ galà del cinema e fiction “ come migliore attrice di commedia - 2018

Collegamenti esterniModifica