Don Matteo

serie televisiva italiana
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Don Matteo (disambigua).

Don Matteo è una serie televisiva italiana, prodotta dalla Lux Vide in collaborazione con Rai Fiction, trasmessa in prima visione su Rai1 dal 7 gennaio 2000.

Don Matteo
Don Matteo 13.png
Logo della 13ª stagione
Titolo originaleDon Matteo
PaeseItalia
Anno2000 – in produzione
Formatoserie TV
Generecommedia, sentimentale, giallo, poliziesco, religioso
Stagioni13
Episodi265
Durata55-65 min (st. 1-11)
75 min (ep. 5×24, 8×21)
90 min (ep. 8×24)
100-110 min (st. 12-13)
120 min (ep. 11×25, 12×10)
Lingua originaleitaliano
Rapporto14:9 (st. 1-6)
16:9 (st. 7-13)
(dal 2017 le stagioni 4-5-6 sono state adattate al 16:9)
Crediti
IdeatoreEnrico Oldoini
Regiaregisti vari
Soggettosoggetto di serie:
Alessandro Bencivenni
Enrico Oldoini
Domenico Saverni
Sceneggiaturasceneggiatori vari
Interpreti e personaggi
FotografiaAlessandro Pesci
MontaggioFrancesco Bilotti
MusichePino Donaggio
Andrea Guerra
ScenografiaGiampaolo Monticelli
CostumiMonica Celeste
TruccoBeatrice Di Iorio
Giulio Natalucci
ProduttoreLuca Bernabei
Matilde Bernabei
Produttore esecutivoDaria Hensemberger
Francesca Tura (Rai)
Sara Melodia (creativo)
Francesco Benvenuti
Casa di produzioneLux Vide
Rai Fiction
Prima visione
Dal7 gennaio 2000
Alin corso
Rete televisivaRai1
Opere audiovisive correlate
Inserti
  • I gialli del maresciallo C
  • Le ricette del maresciallo C
  • Le videoguide del maresciallo Cecchini
  • I viaggi del maresciallo C
  • Una giornata spartiacque
  • I racconti del maresciallo C
Spin-offComplimenti per la connessione

TramaModifica

Nel 1999, il sacerdote cattolico don Matteo Bondini, dopo aver trascorso moltissimi anni all'estero come missionario, torna nella sua regione natìa, l'Umbria, e diventa parroco della chiesa di San Giovanni Battista di Gubbio, incarico ottenuto grazie al suo amico vescovo Guido. Nella nona stagione diventa parroco della chiesa di sant'Eufemia di Spoleto (nonostante nel mondo reale Gubbio e Spoleto appartengano a due diocesi differenti). Grazie all'amicizia e alla collaborazione con il maresciallo Cecchini, il presbitero si occupa dei casi seguìti dai Carabinieri e spesso contribuisce a risolverli grazie a un indizio decisivo, che talvolta gli arriva per intuizione innata.

La sua attività di investigatore, però, non è molto gradita né agli ecclesiastici suoi superiori (non presenti in tutte le stagioni) né ai capitani che si susseguono nella locale caserma dei Carabinieri (Flavio Anceschi, Giulio Tommasi e Anna Olivieri), i quali cercano di tenerlo lontano dalle indagini, pur avendo molta stima per lui.

Don Matteo è gentile e disponibile verso tutti e mostra una straordinaria capacità amorevole verso le persone coinvolte nel caso, anche nei confronti degli assassini, considerando che sovente si trova di fronte a casi di omicidio colposo o preterintenzionale, quando non addirittura casi di eccesso colposo di legittima difesa (più frequenti nelle ultime stagioni), in cui la vittima diventa tale perché stava facendo del male al colpevole.

Alcuni episodi hanno una trama diversa dal solito schema. Talvolta, don Matteo stesso è coinvolto nel caso da risolvere. Cápita, nel corso delle varie stagioni che compongono la serie, che qualcuno tenti di ucciderlo, e quindi bisogna capire non solo chi è l'autore dei tentativi di assassinio, ma anche le motivazioni che lo spingono a volere la sua morte. Inoltre, qualche volta don Matteo è il presunto colpevole di alcuni reati, e quindi viene rinchiuso in carcere in regime di custodia cautelare.

Don Matteo, in quasi tutti gli episodi, cita le parole di figure storiche ritenute molto importanti dai credenti della sua religione (come ad esempio Teresa di Calcutta o Agostino d'Ippona), oppure cita direttamente le parole di Gesù e degli apostoli, traendone un insegnamento di tipo catecumenale. Sporadicamente, ha citato qualche massima relativa ad altre religioni e ancora più di rado ha citato opere di matrice laica (come ad esempio la canzone Quelli che benpensano nella prima stagione).

Don Matteo vive in canonica con il sagrestano Pippo – universalmente conosciuto soltanto con questo nomignolo – e con la perpetua Natalina Diotallevi. A metà della tredicesima stagione, don Matteo viene sostituito come parroco a Spoleto da don Massimo, che però viene chiamato anche lui Matteo.

Dalla 1ª alla 3ª stagione, gli episodi hanno una struttura narrativa di tipo stand-alone: la trama è incentrata quasi totalmente sul genere giallo (con casi da risolvere totalmente scollegati l'uno dall'altro) e presenta pochissime deviazioni verso la commedia. A partire dalla 4ª stagione, invece, si da maggior peso al genere commedia, e inoltre è stata introdotta una sottotrama (che si sviluppa da un episodio all'altro) relativa alle vicende sentimentali dei capitani che si sono susseguiti nella serie, e tale sottotrama ha occupato uno spazio via via sempre maggiore nel corso delle stagioni successive. A partire dalla 8ª stagione, inoltre, c'è anche una ulteriore sottotrama incentrata sulle vicende degli adolescenti ospitati in canonica, vicende che talvolta si intrecciano con i misteri da risolvere.

ProduzioneModifica

La serie nacque nel 1998[1] da un'idea del regista Enrico Oldoini. Il responsabile del format di serie è Alessandro Jacchia.[2] Gli autori del soggetto di serie, in quanto tali sempre accreditati nei titoli di testa anche dopo la prima stagione, sono Alessandro Bencivenni, Enrico Oldoini e Domenico Saverni.[2]

I produttori della serie sono Matilde Bernabei[3] e Luca Bernabei.[4]

Il protagonista don Matteo Minelli-Bondini[5] è interpretato da Terence Hill.[6] Il secondo protagonista, don Massimo alias don Matteo Mezzanotte,[7] è interpretato da Raoul Bova.[8]

Durante la fase di ideazione, il titolo provvisorio della serie era Il diavolo e l'acqua santa[9] e per il ruolo del protagonista si era pensato a Lino Banfi o Giancarlo Magalli.[10][11] All'epoca Terence Hill si stava preparando a interpretare il ruolo di sacerdote-investigatore per Mediaset, di carattere molto diverso dal personaggio di don Matteo, ma Mediaset fece saltare tutto a causa del concomitante progetto Rai. A quel punto la Lux Vide chiese a Terence Hill, ormai liberato, di interpretare la propria serie tv.[12] Nella sceneggiatura provvisoria, il protagonista si chiamava Teodoro,[13] ma questo nome non convinse affatto Terence Hill, che lo fece cambiare con il suo sinonimo Matteo[3]. Entrambi i nomi significano "dono di Dio". Questa è, in assoluto, la prima opera audiovisiva in cui Terence Hill ha recitato con la propria voce: in tutte le pellicole e le serie tv antecedenti a Don Matteo, infatti, i personaggi interpretati da Hill erano sempre stati doppiati.[14]

La prima stagione venne girata nel 1998-1999, con il primo ciak avvenuto il 19 ottobre 1998, e diretta da Enrico Oldoini. La prima messa in onda è avvenuta il 7 gennaio 2000 e la serie si è conclusa il 20 febbraio.
La seconda stagione venne girata nel 2001 e diretta da Andrea Barzini e Leone Pompucci. La prima messa in onda è avvenuta il 21 ottobre 2001 e la serie si è conclusa il 9 dicembre.
La terza stagione venne girata nel 2002 e diretta da Andrea Barzini, Enrico Oldoini e Leone Pompucci. La prima messa in onda è avvenuta il 27 settembre 2002 e la serie si è conclusa il 15 novembre.
La quarta stagione venne girata nel 2003-2004 e diretta da Andrea Barzini e Giulio Base. La prima messa in onda è avvenuta il 19 febbraio 2004 e la serie si è conclusa il 6 maggio.
La quinta stagione venne girata nel 2005-2006 e diretta da Giulio Base, Carmine Elia ed Elisabetta Marchetti. La prima messa in onda è avvenuta il 1 febbraio 2006 e la serie si è conclusa il 27 aprile.
La sesta stagione venne girata nel 2007-2008 e diretta da Giulio Base, Fabrizio Costa ed Elisabetta Marchetti. La prima messa in onda è avvenuta il 17 gennaio 2008 e la serie si è conclusa il 10 aprile.
La settima stagione venne girata nel 2009 e diretta da Giulio Base e Lodovico Gasparini. La prima messa in onda è avvenuta il 10 settembre 2009 e la serie si è conclusa il 26 novembre.
L'ottava stagione venne girata nel 2011 e diretta da Giulio Base, Carmine Elia, Fernando Muraca e Salvatore Basile. La prima messa in onda è avvenuta il 15 settembre 2011 e la serie si è conclusa l'8 dicembre.
La nona stagione venne girata nel 2013 e diretta da Monica Vullo, Luca Ribuoli e Jan Maria Michelini. La prima messa in onda è avvenuta il 9 gennaio 2014 e la serie si è conclusa il 10 aprile.
La decima stagione è stata girata nel 2015[15] e diretta da Jan Maria Michelini, Daniela Borsese e Monica Vullo, la prima messa in onda è avvenuta il 7 gennaio 2016 e la serie si è conclusa il 14 aprile.
L'undicesima stagione è stata girata nel 2017 e diretta da Jan Maria Michelini, Alexis Sweet e Raffaele Androsiglio. La prima messa in onda è avvenuta l'11 gennaio 2018 e la serie si è conclusa il 19 aprile.
La dodicesima stagione è stata girata dal 29 aprile 2019 al 28 gennaio 2020 ed è diretta da Raffaele Androsiglio negli episodi dall'1 al 5,[2] e da Cosimo Alemà negli episodi dal 6 al 10.[2] La prima messa in onda è avvenuta il 9 gennaio 2020 e si è conclusa il 19 marzo.

Al termine della stessa, viene confermata la produzione della tredicesima stagione,[16] le cui riprese sono iniziate il 31 maggio 2021[17] e concluse il 13 febbraio 2022.

Prima che iniziassero le riprese, era diffusa la notizia che non ci sarebbe stata «nessuna sostituzione» per il protagonista.[18] Poi, invece, Terence Hill decide di lasciare definitivamente la serie, e sarà presente solamente fino alla 4ª puntata. Nelle puntate successive verrà sostituito da Raoul Bova, che interpreta Don Massimo, il nuovo parroco di Spoleto. A tal proposito in un'intervista a Super Guida TV il regista Jan Michelini, che ha diretto Terence Hill per ben 35 episodi nella Serie, ha dichiarato: «Il suo addio alla serie segna la fine di un’epoca ma Terence ci dà una testimonianza di un’incredibile spirito che è rimasto giovane e che lo rimarrà per sempre. Ha sempre dimostrato di essere professionale oltre che essere un esempio umano per tutti noi. Sono convinto che Terence farà molto altro dopo Don Matteo.»[19] La 13ª stagione è iniziata il 31 marzo 2022 e la messa in onda in prima visione si è conclusa il 26 maggio 2022.

Qualche giorno dopo la serie viene ufficialmente confermata per la quattordicesima stagione.[20][21]

Questa serie non è tratta da un format straniero[5] ed è stata esportata dalla Rai in vari Paesi, tra cui Slovacchia, Germania, Francia, Finlandia, Giappone e Australia.[5][22]

Nelle prime sei stagioni la serie è stata girata in 14:9[23] e dalla settima stagione viene girato nel formato panoramico 16:9, in alta definizione. Gli autori delle musiche sono Pino Donaggio (st.1-10, 12-13) e Andrea Guerra (st.11).[5] A causa delle critiche scaturite in seguito alla sostituzione della colonna sonora di Pino Donaggio nell'undicesima stagione, dalla dodicesima stagione torna il motivo principale, e alcune delle vecchie musiche; tale motivo ha avuto due arrangiamenti nel corso delle varie stagioni, il primo dalla prima alla sesta e il secondo dalla settima alla decima e dalla dodicesima in corso.

EpisodiModifica

La serie, attualmente composta da 265 episodi, è stata trasmessa in prima visione su Rai1 fin dall'inizio, a differenza di altre fiction (come ad esempio Il commissario Montalbano) la cui prima visione iniziò su Rai2, per poi traslocare sul primo canale. La serie è trasmessa in replica da Rai1, Rai Premium, San Marino RTV e in passato da TV2000. È inoltre disponibile sulle piattaforme RaiPlay (l'intera serie) e Netflix (stagioni 11 e 12).

Stagione Episodi Prima TV
Prima stagione 16 2000
Seconda stagione 16 2001
Terza stagione 16 2002
Quarta stagione 24 2004
Quinta stagione 24 2006
Sesta stagione 24 2008
Settima stagione 24 2009
Ottava stagione 24 2011
Nona stagione 26 2014
Decima stagione 26 2016
Undicesima stagione 25 2018
Dodicesima stagione 10 2020
Tredicesima stagione 10 2022

Personaggi e interpretiModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Don Matteo.

ProtagonistiModifica

  • Don Matteo Minelli, interpretato da Terence Hill.
    Presbitero-investigatore, e talvolta docente di religione. Era andato via dall'Italia alla fine dell'ultimo episodio della 5ª stagione, ma rientrò già all'inizio della successiva. Nel corso della 13ª stagione, invece, esce di scena per davvero.
    Essendo conosciuto solo per nome, il cognome di Don Matteo è a volte ambiguo, come nell'episodio 8x24 in cui il capitano Tommasi chiede a Emanuela, di confermare le accuse nei confronti di "Matteo Boldrini", e in cui Pippo porta un giornale a Don Matteo, nel quale si legge "Don Matteo Boldrini avrebbe assalito in chiesa una donna".
  • Don Massimo Sartori/Matteo Mezzanotte, interpretato da Raoul Bova.
    Nuovo parroco che sostituisce don Matteo a Spoleto dalla quinta puntata della 13ª stagione. Di lui si conosce soltanto che è un ex capo dei gruppi speciali dei Carabinieri che ha nascosto la sua identità per diventare prete. Il vero nome viene rivelato da un criminale nell'ultima puntata della tredicesima stagione.

ComprimariModifica

  • Antonio (talvolta Antonino) "Nino" Cecchini, interpretato da Nino Frassica.
    Maresciallo dei carabinieri e amico di don Matteo. La moglie e le due figlie che appaiono nella prima stagione sono diverse dalle tre che entrano nel cast nella seconda stagione.
  • Natalina Diotallevi, interpretata da Nathalie Guetta.
    È la perpetua prima di don Luigi (il prete molto molto anziano che morì poco prima dell'episodio 1x01), e poi dei due don Matteo.
  • Filippo "Pippo" Gimignani Zarfati, interpretato da Francesco Scali.
    Sagrestano di entrambi i don Matteo. All'inizio della serie non abita in canonica.

Per l'elenco completo di tutti i personaggi del cast fisso (in inglese regular cast) si rimanda alla pagina di approfondimento Personaggi di Don Matteo.

Guest starModifica

Quando Bud Spencer era ancora in vita, il pubblico aveva più volte richiesto di fare partecipare anche lui come guest star[6] in almeno un episodio, al fine di ricomporre la storica coppia cinematografica. Tali richieste non furono esaudite.

Luoghi delle ripreseModifica

Ambientazione di Don Matteo
 
A sinistra Palazzo Bufalini utilizzata nella serie come caserma dei carabinieri in piazza del Duomo a Spoleto dalla nona stagione
 
Casa Menotti utilizzata nella serie come bar dalla nona stagione
 
Chiesa di Sant'Eufemia a Spoleto utilizzata nella serie come chiesa di don Matteo dalla nona stagione
 
A destra il Teatro Caio Melisso utilizzato come canonica in via del Duomo a Spoleto dalla nona stagione
 
La Rocca Albornoziana il portone al centro utilizzato nella serie come Casa Circondariale dalla nona stagione

L'ambientazione principale della serie dalla prima all'ottava stagione è stata Gubbio.[5] Numerosi sono i luoghi interessati dalle riprese: la chiesa Don Matteo si trova nella parte bassa del centro storico di Gubbio ed è infatti la Chiesa di San Giovanni Battista. Quest'ultima è stata utilizzata solamente nelle sue vesti esterne; gli interni utilizzati nella serie sono invece di una chiesetta appena fuori dal centro storico, quella di San Marziale, a due passi dalla funivia che conduce a Sant'Ubaldo. Sempre in piazza San Giovanni si trova la canonica, i cui interni sono stati riprodotti in un apposito set cinematografico a partire dalla terza stagione.

Un'altra location della serie è indubbiamente la Caserma sede della Compagnia dei Carabinieri dove prestano servizio il Maresciallo Cecchini ed i Capitani Anceschi e Tommasi: l'edificio che ospita gli ambienti dei Carabinieri è infatti Palazzo Pretorio situato in piazza Grande, a un livello sopra piazza San Giovanni. Nella prima stagione l'ingresso della Caserma era su uno di lati corti, successivamente spostato sul lato lungo, che fronteggia Palazzo dei Consoli. Dalla prima alla terza stagione, proprio come per la canonica, gli interni utilizzati sono quelli reali, successivamente replicati abbastanza fedelmente in studio per motivi prettamente logistici. Nella realtà la Caserma è la sede del Municipio di Gubbio.

Altro luogo di culto per gli appassionati della serie è sicuramente Palazzo dei Consoli, che appare periodicamente, essendo affacciato direttamente su Palazzo Pretorio. Tra la terza, quarta e quinta stagione, è stato utilizzato come set per alcuni episodi, come ad esempio sede comunale di Laura Respighi. Altra location è il Bar Ducale in Piazza Grande, luogo di ritrovo di don Matteo e Cecchini, a oggi una memoria storica della serie, che al suo interno conserva fotogrammi delle riprese con dediche e autografi degli attori delle varie stagioni.

Nonostante Gubbio fosse l'unica ambientazione della serie tv, nelle prime tre stagioni il protagonista e i comprimari non nominavano esplicitamente Gubbio, ma dicevano il paese. Si sottolinea che però l'ambientazione chiariva di quale luogo si trattasse. Ad esempio nel nono episodio della prima stagione, nella scena della foto segnaletica a don Matteo si può leggere Gubbio sul cartello, oppure all'inizio dell'episodio 14 della terza stagione la narratrice nomina esplicitamente Gubbio come sede del torneo di scacchi.

Per la stagione 7, le riprese in esterna, e alcune di quelle in interno, dell'ospedale, vengono girate all'ospedale San Giovanni Battista di Foligno.

A partire dalla nona stagione la serie si è spostata a Spoleto.[4] Le location principali sono situate in piazza Duomo dove si trovano la sede della canonica, Santa Maria Assunta, nella realtà ingresso secondario al teatro e Palazzo Bufalini, trasformato per le riprese nella caserma. La basilica di Sant'Eufemia è invece la chiesa di Don Matteo, facente parte della sede arcivescovile. A pochi passi di distanza, lungo la scalinata che porta al Duomo si trova il Bar ristorante Tric Trac, gestito da Spartaco Grilli, interprete di sé stesso nella serie. La maggior parte degli interni, fatto salvo per le chiese e un paio di altri edifici, sono interamente ricostruiti all'interno dei set di Formello di proprietà della Lux Vide.

Sono state utilizzate anche alcune ambientazioni minori in Umbria.

  • Assisi compare in alcuni episodi della prima serie quando don Matteo va dal vescovo.
  • Perugia nell'episodio 5x10.
  • Presso il comune di Narni sono state effettuate alcune riprese della quarta stagione.
  • Bevagna è stata la sede di alcune riprese esterne della sesta e della settima stagione, qui sono ambientati ad esempio il "Bar delle Mura" (episodio 7x16), e il "Ristorante La Piccola India" (episodio 7x17).
  • Presso il comune di Foligno sono state effettuate alcune riprese della settima stagione, in particolare, le scene girate all'esterno dell'ospedale San Giovanni Battista e all'esterno della casa circondariale.
  • A Umbertide, comune dell'altotevere umbro, sono state girate numerose scene, come le riprese esterne dell'Abbazia di Montecorona, e la stazione centrale, considerata in alcune puntate del telefilm la stazione ferroviaria di Gubbio.[24]
  • A Fossato di Vico, la cui stazione è considerata in alcune puntate della serie la stazione ferroviaria di Gubbio.[24]
  • A Frascati è stata girata parte dell'episodio 5x07 "Legittima difesa".
  • A Orvieto sono state girate alcune scene della nona stagione.
  • Nella nona e nella decima stagione, nei brevi video che precedono le puntate, sono stati mostrati diversi luoghi caratteristici dell'Umbria. In tali video, intitolati "I viaggi del maresciallo Cecchini", compaiono diversi personaggi della serie che presentano, con delle scenette comiche, diversi luoghi.
  • All'interno del palaghiaccio di Ussita sono state girate alcune scene dell'episodio 4x11 "I volteggi del cuore".

Inoltre:

Nell'episodio 10x17 "L'amico ritrovato", appaiono alcune scene girate a Gubbio, vecchio luogo della serie.

La casa circondariale compare esteriormente dalla prima stagione, l'interno invece compare dalla terza. I luoghi dove sono state girate le scene della circondariale sono:

  • Carcere circondariale di Civitavecchia nella prima stagione
  • Via Baldassini sotto a Palazzo dei Consoli a Gubbio nella seconda e terza stagione
  • Piazza San Pietro vicino all'omonima chiesa a Gubbio nella quarta, metà della quinta stagione.
  • Via Ducale vicino a Palazzo Ducale sempre a Gubbio nella quinta e sesta stagione.
  • Piazza Don Michele Faloci Pulignani, 3 a Foligno nella settima stagione.
  • di nuovo a Piazza San Pietro vicino all'omonima chiesa a Gubbio nell'ottava stagione.
  • Rocca Albornoziana a Spoleto dalla nona stagione.

Popolarità e formatModifica

Secondo le rilevazioni statistiche di Auditel, questa serie è stata sempre vista da moltissimi telespettatori.[3][25][16] In particolare, nel 2004 Don Matteo riuscì a sconfiggere lo spettacolo serale del Grande Fratello[26] e, generalmente, nel corso delle varie stagioni,[27][28][29] si è sempre aggiudicato la vittoria nella prima serata. Visti gli ottimi risultati di ascolto, il primo canale Rai ha costantemente ritrasmesso la serie in replica, principalmente durante l'estate ma talvolta anche durante il periodo di garanzia.

Il format Don Matteo ha dato origine alla serie remake polacca Ojciec Mateusz, in onda su TVP1 dal 2008. Il ruolo equivalente a quello di don Matteo è interpretato da Artur Żmijewski. L'azione della serie si svolge nella città di Sandomierz, che secondo gli autori polacchi assomiglia molto alla città di Gubbio.
Il format è stato inoltre venduto per il mercato russo, dove si è realizzato un adattamento in cui il protagonista è un rappresentante della chiesa ortodossa.[30] La serie si intitola Otec Matvej (Отец Матвей).[31] Il ruolo equivalente a quello di don Matteo, un pope della Chiesa ortodossa sposato e con due figli, è interpretato da Vladimir Kolganov mentre la città dove si svolge la serie è Suzdal. È andata in onda da settembre 2014 su ORT 1[32].

Umberto Eco in un suo saggio sulla traduzione prende come esempio il personaggio di don Matteo per l'introduzione anche nella lingua italiana dell'abitudine di origine anglosassone di riferirsi ai sacerdoti con il termine padre invece che come reverendo.[33]

Federico Ruozzi nel testo Voci e immagini della fede: radio e tv (Istituto Treccani) rileva come tra le fonti di ispirazione che portarono alla definizione del personaggio possa essere citato Padre Brown di Gilbert Keith Chesterton[34].

L'enciclopedia Treccani nella voce televisione cita quello di don Matteo tra gli esempi di successo improvviso e a volte misterioso di serie e personaggi televisivi legati ai buoni sentimenti[35].

Il 3 maggio 2012, su Rai Premium è andata in onda la quarta puntata del programma Fictionmania dedicata alla serie Don Matteo.

Il 19 novembre 2021, ancora su Rai Premium è andata in onda una puntata del programma Allora in onda[36] dedicata alla serie Don Matteo. Nel corso della puntata è stato mostrato un breve videoframmento dell'edizione del 2000 di Quelli che il calcio, in cui Terence Hill parlava della serie con Fabio Fazio, e ribadiva di essere contento del fatto che per la prima volta aveva interpretato un personaggio con la propria voce e in italiano.

Spin-offModifica

Nel 2016 e nel 2017 la Rai ha trasmesso in prima TV Complimenti per la connessione, lo spin-off di Don Matteo composto da episodi che durano circa 6 minuti.

Sono presenti alcuni componenti del cast principale di Don Matteo (ma non il presbitero protagonista), i quali cercano di far capire al pubblico, con parole semplici e in modo ironico, i concetti basilari da sapere per la navigazione in rete. Il programma è nello stile di Non è mai troppo tardi.

MerchandisingModifica

  • Il 1º ottobre 2002, Edizioni San Paolo pubblicò un libro dal titolo Don Matteo: La strategia dello scorpione - La rosa antica (ISBN 88-215-4793-0). Il libro, scritto dalla sceneggiatrice del telefilm Alessandra Caneva, contiene una prefazione di Terence Hill e la trasposizione letteraria dei due episodi omonimi della prima stagione, sceneggiati rispettivamente da Domenico Saverni e Anna Samueli.
  • Dall'aprile del 2004, il settimanale Il Giornalino pubblica delle strisce a fumetti ispirate al telefilm Don Matteo.
  • Nel maggio del 2004, il settimanale TV Sorrisi e Canzoni ha proposto, come allegato alla rivista, un CD Audio contenente i brani della colonna sonora di Don Matteo, composti da Pino Donaggio.
  • Il 2 marzo 2005, Edizioni San Paolo ha distribuito nel mercato home video (non in edicola, ma nei negozi fisici e virtuali) un'edizione speciale in DVD dei quattro episodi della prima stagione Anna, La strategia dello scorpione, Il piccolo angelo, In attesa di giudizio. Successivamente, la stessa azienda ha commercializzato i cofanetti DVD delle stagioni complete: la prima stagione nel 2007, la seconda nel 2008, la terza nel 2011 e la quarta nel 2014.
  • Dal 17 aprile 2008, il settimanale Oggi ha proposto una collezione di DVD contenenti tutti gli episodi della prima e della seconda stagione della serie, in edizione diversa da quella distribuita nei negozi.
  • Dal 10 gennaio 2013 al 20 giugno 2013, il settimanale A sua immagine ha proposto una collezione di DVD distribuiti dalle Edizioni Master, contenenti tutti gli episodi della quarta, quinta e sesta stagione.
  • Dal 16 gennaio 2018 al 7 maggio 2019 vengono pubblicati con TV Sorrisi e Canzoni e la Gazzetta dello Sport, con periodicità settimanale, i DVD contenenti gli episodi di tutte le stagioni della fiction (dalla 1ª alla 11ª) in edicola. Dall’11 febbraio 2020 al 14 aprile dello stesso anno la collezione in edicola continua con i DVD degli episodi della 12ª stagione completa.
  • Dal 27 agosto 2020 al 7 gennaio 2021 sono stati pubblicati con periodicità settimanale I gialli di don Matteo, su iniziativa della Gazzetta dello Sport e Rai Libri. L'opera, composta da 20 volumi, ricopre parzialmente l’11ª stagione e interamente la 12ª stagione della fiction.

RiconoscimentiModifica

  • Nel 2002, nella 42ª edizione del Festival Internazionale della Televisione di Monte Carlo, sono stati assegnati due riconoscimenti relativi al telefilm Don Matteo: Terence Hill miglior attore dell'anno e Alessandro Jacchia miglior produttore europeo dell'anno.[37]
  • Nel 2012 l'ottava stagione ha vinto il 52º Premio Regia Televisiva come miglior fiction.[38]
  • Nel 2014 la nona stagione ha vinto il 54º Premio Regia Televisiva come miglior fiction.[39]
  • Il 28 febbraio 2014 è stata conferita la cittadinanza onoraria di Gubbio a Terence Hill "per aver contribuito a dare prestigio, attraverso la straordinaria interpretazione di 'Don Matteo', al patrimonio architettonico, storico, culturale, sociale della Città; per aver stretto in forma pubblica e privata legami speciali con la comunità eugubina, in tante cerimonie e momenti significativi; per essere esempio di coerenza e impegno morale e civile, riferimento per le generazioni attuali con le proposte della sua carriera cinematografica e televisiva".[40]
  • Il 6 marzo 2020 esce il singolo Sembro matto del cantautore italiano Max Pezzali, il cui videoclip è ambientato nell’universo immaginario di Don Matteo. Hanno partecipato al videoclip diversi componenti del cast fisso della dodicesima stagione della serie. Il videoclip è diretto da Cosimo Alemà, regista di alcuni episodi della serie.

NoteModifica

  1. ^ Don Matteo, al via da lunedì le riprese a Gubbio, in Televisionando.it, 21 giugno 2007. URL consultato il 2 luglio 2015.
  2. ^ a b c d Don Matteo – Crediti, su sito ufficiale Lux Vide. URL consultato l'8 gennaio 2023.
  3. ^ a b c Silvia Fumarola, In dieci milioni per Don Matteo, Hill: "Non è buonista, è come Trinità", in la Repubblica, 9 gennaio 2016. URL consultato il 13 gennaio 2016.
  4. ^ a b Michela Tamburrino, Belen Rodriguez è la sorpresa che attende Don Matteo, in Il Secolo XIX, 8 aprile 2015. URL consultato il 30 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 3 aprile 2016).
  5. ^ a b c d e Stefano Padoan, Don Matteo, l'inossidabile Terence Hill per una serie tv senza rivali, in Kataweb, 23 giugno 2015. URL consultato il 2 luglio 2015.
  6. ^ a b Salvatore Cau, Dalla prima lettera di don Matteo agli eugubini, in Davidemaggio.it, 4 aprile 2013. URL consultato il 26 giugno 2015.
  7. ^ Stefania Stefanelli, Don Massimo, posso chiamarla don Matteo?, su DavideMaggio.it. URL consultato l'8 gennaio 2023.
  8. ^ Don Matteo 13, è arrivato Raoul Bova. E adesso?, su Vanity Fair. URL consultato l'8 gennaio 2023.
  9. ^ Grazie a Don Matteo Spoleto sbarca su "Tv Sorrisi e Canzoni", su Tuttoggi.info, 22 gennaio 2014. URL consultato il 26 giugno 2015.
  10. ^ Don Matteo, Terence Hill: "Non accetto altri ruoli per proteggere il personaggio. Disponibile alla decima stagione", su TVblog.it, 23 gennaio 2014. URL consultato il 26 giugno 2015.
  11. ^ Don Matteo, chi avrebbe dovuto fare il prete al posto di Terence Hill, su meteoweek.com. URL consultato il 24 agosto 2020.
  12. ^ Terence Hill, "Don Matteo" doveva essere Lino Banfi, su la Stampa, 31 agosto 2009. URL consultato il 26 giugno 2015.
  13. ^ Silvia Fumarola, Le sette vite di Terence Hill: da Trinità a don Matteo, in la Repubblica, 26 novembre 2009. URL consultato il 29 giugno 2015.
  14. ^ Chi è Terence Hill, il celebre attore ora in TV nei panni di don Matteo, su ilSussidiario.net, 22 febbraio 2014. URL consultato il 30 giugno 2015.
  15. ^ Tiziana Lupi, Belen Rodriguez sarà in «Don Matteo», in TV Sorrisi e Canzoni, 7 aprile 2015. URL consultato il 29 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2015).
  16. ^ a b Don Matteo, la nuova serie si farà. Terence Hill di nuovo a Spoleto per la tredicesima edizione della fiction, su Corriere dell'Umbria, 27 marzo 2020. URL consultato il 10 gennaio 2023.
  17. ^ Dal 31 maggio al via le riprese di 'Don Matteo 13', su spoletonline.com, 13 maggio 2021. URL consultato il 10 gennaio 2023.
  18. ^ Anticipazioni Don Matteo 13 - Articolo del 2 maggio 2021, su meteoweek.com. URL consultato il 10 gennaio 2023.
  19. ^ Thomas Cardinali, "Don Matteo", il regista Jan Michelini parla di Terence Hill, su Super Guida TV, 20 novembre 2021. URL consultato il 10 gennaio 2023.
  20. ^ Don Matteo 14 si farà: Raoul Bova torna a girare la nuova stagione, su Oggi, 1º giugno 2022. URL consultato il 10 gennaio 2023.
  21. ^ Don Matteo 14, le novità della prossima stagione: Anna e Marco ci saranno?, su iO Donna, 30 maggio 2022. URL consultato l'11 gennaio 2023.
  22. ^ Antonella Manni, Don Matteo 10, tutto pronto per il primo ciak in Piazza Duomo, in Il Messaggero, 29 maggio 2015. URL consultato il 29 giugno 2015.
  23. ^ Don Matteo – Alberto Trevisan, su youtube.com. URL consultato il 26 giugno 2015.
  24. ^ a b In realtà Gubbio aveva la sua stazione ferroviaria in via Beniamino Ubaldi 2, oggi non esiste più, solo la rimessa locomotive è presente oggi ed è stato trasformato in un pub. La stazione faceva parte della linea Arezzo-Fossato di Vico chiusa nel 1945 a causa dei bombardamenti della Seconda guerra mondiale.
  25. ^ Paolo Scotti, Boom d'ascolti di Don Matteo. Il segreto? Infonde speranza, in il Giornale, 11 gennaio 2014. URL consultato il 29 giugno 2015.
  26. ^ Gli ascolti di Don Matteo, su youtube.com. URL consultato il 24 giugno 2015.
  27. ^ Alberto Puliafito, Ascolti Tv di martedì 29 dicembre 2009 - Don Matteo 6 batte tutti - Striscia e Affari tuoi alla pari, in TVblog.it, 30 dicembre 2009. URL consultato il 1º febbraio 2016.
  28. ^ Don Matteo 8 - Il segreto degli ascolti tv da record, su ilSussidiario.net, 21 ottobre 2011. URL consultato l'11 gennaio 2023.
  29. ^ Don Matteo 12 fa record di ascolti, su HuffPost, 11 gennaio 2020. URL consultato l'11 gennaio 2023.
  30. ^ Simone Rossi, Successo per fiction Don Matteo a Miptv Cannes, a breve il set a Mosca, in Digital-News, 26 aprile 2014. URL consultato il 26 giugno 2015.
  31. ^ Salvatore Cau, Don Matteo: dalla Russia… con amore, in Davidemaggio.it, 11 giugno 2014. URL consultato il 26 giugno 2015.
  32. ^ Si scrive Atec Matvey, si legge Don Matteo. Ecco come sarà la versione russa della serie tv di Rai1, su media.rai.it. URL consultato il 30 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2017).
  33. ^ Umberto Eco, Dire quasi la stessa cosa, in Tascabili, Bompiani, 2003. URL consultato il 13 settembre 2018.
  34. ^ Federico Ruozzi, Voci e immagini della fede: radio e tv, in Cristiani d'Italia, Istituto Treccani, 2011. URL consultato il 15 settembre 2018.
  35. ^ televisione, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  36. ^ Allora in onda 2021 – Don Matteo, su RaiPlay. URL consultato il 10 gennaio 2023.
  37. ^ Terence Hill premiato come miglior attore dell'anno, su Terencehill.com. URL consultato il 7 marzo 2006 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2013).
  38. ^ Laura Balbi, I vincitori del Premio Tv 2012, in Fanpage.it, 12 marzo 2012. URL consultato il 26 giugno 2015.
  39. ^ Cecilia Uzzo, Premio Tv 2014, da Insinna a Carlo Conti tutti i vincitori, in Vanity Fair, 10 marzo 2014. URL consultato il 26 giugno 2015.
  40. ^ Terence Hill è ufficialmente eugubino, in Cronaca Eugubina, 20 gennaio 2014. URL consultato il 1º febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2016).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica