Monte Zoncolan

montagna
Monte Zoncolan
Cima Zoncolan.JPG
La cima dello Zoncolan con gli impianti di risalita (sullo sfondo il gruppo del Coglians)
StatoItalia Italia
RegioneFriuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia
ProvinciaUdine Udine
Altezza1 750 m s.l.m.
CatenaAlpi
Coordinate46°30′08.89″N 12°55′34.82″E / 46.50247°N 12.92634°E46.50247; 12.92634Coordinate: 46°30′08.89″N 12°55′34.82″E / 46.50247°N 12.92634°E46.50247; 12.92634
Altri nomi e significatiÇoncolan (friulano)
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte Zoncolan
Monte Zoncolan
Mappa di localizzazione: Alpi
Monte Zoncolan
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Orientali
Grande SettoreAlpi Sud-orientali
SezioneAlpi Carniche e della Gail
SottosezioneAlpi Carniche
SupergruppoAlpi Tolmezzine Orientali
GruppoGruppo dell'Arvènis
SottogruppoDorsale Tamai-Zoncolan
CodiceII/C-33.I-D.11.a

Il Monte Zoncolan (Çoncolan in friulano standard) è una montagna delle Alpi Carniche, alta 1.750 m s.l.m., posta a sud della catena carnica principale (Alpi Tolmezzine Orientali - gruppo montuoso Monte Arvènis-Tamai), in Carnia, in Friuli, tra i territori dei comuni di Sutrio, Ovaro e Ravascletto, sede di un importante polo sciistico del Friuli-Venezia Giulia.

DescrizioneModifica

Sulla cima (raggiungibile da Ovaro e Sutrio attraverso delle strade che salgono fino in cima, e da Ravascletto tramite la Funivia Ravascletto-Zoncolan che nella stagione invernale porta gli sciatori in vetta oppure a piedi tramite il sentiero denominato "Gjalinâr" (utilizzato soprattutto in estate)) e lungo i versanti del monte è sorto un esteso polo sciistico che è uno dei più importanti della regione con quasi 30 km di piste (con piste verdi, blu, rosse e nere conta 25 piste di discesa e 26 da fondo).

Considerato il balcone delle Alpi Carniche, da esso si gode un panorama che abbraccia quasi tutta la Carnia: sono facilmente riconoscibili le cime delle Dolomiti Pesarine, e a nord gran parte della Catena carnica principale con il monte Peralba (2.692 m), il Monte Volaia (2.470 m), il Coglians (2.780 m), la Creta delle Chianevate (2.769 m), Crostis (2.251 m), il Dimon (2.043), il Monte Paularo (2.043), il Sernio (2.190 m), oltre a diversi paesi del fondovalle carnico.

Sella di Monte ZoncolanModifica

La parte sommitale della salita stradale dello Zoncolan è nota come Sella di Monte Zoncolan, punto culminante della salita dai versanti di Ovaro e Sutrio, nei pressi della stazione sciistica di Ravascletto.

SportModifica

Sul monte Zoncolan è praticato il ciclismo, sia a livello amatoriale che professionistico; in particolare nel 2003, nel 2007, nel 2010, nel 2011 e nel 2018 il monte è stato sede di passaggi del Giro d'Italia.[1][2]

 
Profilo altimetrico della salita dal versante di Ovaro
 
Profilo altimetrico della salita dal versante di Sutrio
 
Arrivo funivia da Ravascletto
 
Arrivo del Giro d'Italia (Stadio dello Zoncolan)
 
Particolare della salita
Anno Tappa Partenza Km Vincitore Secondo Terzo Maglia Rosa Versante Tempo
2003 12ª San Donà di Piave 185   Gilberto Simoni   Stefano Garzelli   Francesco Casagrande   Gilberto Simoni Sutrio
2007 17ª Lienz 142   Gilberto Simoni   Leonardo Piepoli   Andy Schleck   Danilo Di Luca Ovaro 39'03"
2010 15ª Mestre 222   Ivan Basso   Cadel Evans   Michele Scarponi   David Arroyo Ovaro 40'45"
2011 14ª Lienz 172   Igor Antón   Vincenzo Nibali[3]   Michele Scarponi[3]   Vincenzo Nibali Ovaro 40'50"
2014 20ª Maniago 167   Michael Rogers   Franco Pellizotti   Francesco Manuel Bongiorno   Nairo Quintana Ovaro 44'30"
2018 14ª San Vito al Tagliamento 186   Chris Froome   Simon Yates   Domenico Pozzovivo   Simon Yates Ovaro 39'58"

Giro RosaModifica

Anno Tappa Vincitore Versante
1997 10ª   Fabiana Luperini Sutrio
2018   Annemiek Van Vleuten Ovaro

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ A. SIMEOLI, Zoncolan. La montagna diventata mito, Udine, Forum, 2014
  2. ^ Francesco Guidolin lo Zoncolan l’ho scoperto io, su Ciclonews.biz, 21 maggio 2018. URL consultato l'11 ottobre 2020.
  3. ^ a b Dopo la squalifica di   Alberto Contador, originariamente giunto secondo.

Altri progettiModifica