Nusaybin

città in Turchia
(Reindirizzamento da Nisibi)

Nusaybin (in curdo Nisêbîn‎; in assiro: Nṣībīn; in accadico: Naṣibina[2]; in greco Νίσιβις?, Nísibis, Nisibis; in arabo نصيبين?, Niṣībīn, e in armeno Մծբին?, Mtsbin: ) è una città nella provincia di Mardin, in Turchia. La popolazione della città è di 83832 abitanti[3] al 2009. La popolazione è prevalentemente curda e yezida, ma vi si trova anche una piccola comunità assira.

Nusaybin
comune
(KU) Nisêbîn
Nusaybin – Veduta
Nusaybin – Veduta
Localizzazione
StatoBandiera della Turchia Turchia
RegioneAnatolia Sud Orientale
ProvinciaMardin
DistrettoNusaybin
Amministrazione
SindacoErgün Baysal (nominato dal governo)[1] dal 2016
Territorio
Coordinate37°05′N 41°13′E / 37.083333°N 41.216667°E37.083333; 41.216667 (Nusaybin)
Altitudine471 m s.l.m.
Superficie1 169,15 km²
Abitanti88 047 (2012)
Densità75,31 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale47300
Fuso orarioUTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Turchia
Nusaybin
Nusaybin
Sito istituzionale

Con una storia che risale a quasi 3000 anni fa, Nusaybin fu governata e stabilita da vari gruppi. La prima volta come un insediamento arameo: Naşibīna nel 901 a.C., fu catturato dall'Assiria nel 896 a.C.[4] Nel IV e V secolo d.C. fu uno dei grandi centri della lingua siriaca, insieme alla vicina Edessa.[5]Nisibis o Nisibi (anche Nisibia e Nisibin) è il nome antico della moderna città di Nusaybin, nella Turchia sud-orientale, al confine con la città siriana di Qamishli.

Nisibis era un'antica città della Mesopotamia. I successori di Alessandro il Grande la rifondarono col nome di Antiochia Mygdonia (greco: Ἀντιόχεια τῆς Μυγδονίας); venne menzionata per la prima volta da Polibio, nella descrizione della marcia di Antioco I contro il Molone.[6] Plutarco suggerì che la città fosse popolata da coloni di discendenza spartana.

Storia modifica

Storia antica modifica

Nisibis
 
La chiesa di San Giacomo di Nisibis, oggetto di scavi archeologici.
Periodo di attività città e fortezza legionaria romana da Lucio Vero (?) o da Settimio Severo (197) al 363
Località moderna Nusaybin in Turchia
Unità presenti III Parthica
Provincia romana Mesopotamia

Periodo assiro-persiano modifica

Già nell'852 a.C. Nisibis faceva parte del neo Impero assiro, apparendo all'interno di una lista in lingua assira (Limmu) come sede di un governatore provinciale chiamato Shamash - Abua. La città rimase sotto il dominio assiro fino al suo crollo, avvenuto nel 608 a.C. Passò sotto il controllo dell'Impero babilonese fino al 536 a.C., quando cadde in mano degli Achemenidi, e qui vi rimase fino alle campagne di Alessandro Magno del 332 a.C. e dei suoi successori Seleucidi. Con il crollo di questa dinastia passò, verso la fine del II secolo a.C., prima sotto il dominio del regno d'Armenia e poi sotto quello dei Parti.

Periodo romano-persiano modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Guerre romano-persiane e Assedio di Nisibis (68 a.C.).

La città di confine di Nisibis fu coinvolta nelle guerre romano-persiane, trovandosi al confine delle sfere di influenza della Repubblica e dell'Impero romano a occidente e dell'Impero dei Parti prima e di quello dei Sasanidi poi a oriente.

Il generale romano Lucio Licinio Lucullo catturò Nisibi dopo un lungo assedio nel 68-67 a.C., strappandola al fratello di Tigrane II di Armenia,[7] fratello di Vologase I di Partia.[8] L'imperatore Traiano riconquistò la città nel 115, ricevendo il titolo di Parthicus per averne sconfitto la guarnigione partica,[9] per poi perderla e riconquistarla ai ribelli giudei durante la guerra di Kitos. Venne inclusa nella provincia romana della Mesopotamia. Persa dai Romani nel 194, Nisibis fu riconquistata da Settimio Severo pochi anni dopo (nel 197), diventandone il quartier generale ed assumendo il rango di colonia.[10] Sembra sia stata poi perduta nel 242 e riconquistata dai romani l'anno successivo, rimanendo sotto il dominio romano fino al 252. Sapore I, riuscì infatti a conquistarla, poi a perderla (attorno al 260/261) e forse a riconquistarla pochi anni più tardi. Era sotto la dominazione sasanide verso la fine del III secolo, quando Narsete di Persia (nel 298), fu costretto a cederla in seguito ad un trattato di pace siglato con Galerio. Il sovrano sasanide Sapore II riprese le ostilità nel 337, alla morte di Costantino I, e assediò Nisibis per ben tre volte, nel 338, 346 e 350.

A causa della sua importanza strategica, Nisibis fu attentamente fortificata e qui fu posto il campo della legione romana III Parthica, che però a partire dal trattato del 363 (dopo la morte dell'imperatore Giuliano), tra Gioviano e Sapore II, fu ceduta alla Persia in cambio della pace. Lo storico romano del IV secolo Ammiano Marcellino, testimone oculare, a descrivere gli eventi: sebbene la gente del luogo cercasse di convincerlo di essere in grado di difendere autonomamente la città, Gioviano tenne fede agli impegni presi, concedendo solo tre giorni per l'evacuazione di Nisibis da parte della popolazione romana, destinata a trasferirsi ad Amida. È sempre Ammiano che ebbe uno stretto rapporto con la città, in quanto qui visse l'inizio della sua carriera militare, agli ordini del governatore della città Ursicino. Egli definisce la città urbs inexpugnabilis ("città imprendibile") e murus provinciarum ("mura delle province").

Nisibi cristiana modifica

 
Interno della chiesa di san Giacomo di Nisibis.
  Lo stesso argomento in dettaglio: San Giacomo di Nisibi, Scuola di Nisibi e Arcidiocesi di Nisibi.

Nisibis ebbe il suo primo vescovo cristiano dal 300, un certo Babu, morto nel 309. A questi successe san Giacomo. Nisibis fu poi la patria del santo Efrem il Siro, che qui rimase fino alla resa ai Persiani dell'imperatore romano Gioviano nel 363. Un'altra personalità legata a Nisibis è Santa Febronia.

La scuola di Nisibi, fondata al momento dell'introduzione del cristianesimo nella città dall'etnia assira della Chiesa assira d'Oriente, fu chiusa quando la provincia fu ceduta ai Persiani. Lo stesso Efrem il Siro si unì all'esodo generale dei cristiani e ristabilì la scuola su un terreno romano più sicuro, a Edessa. Nel V secolo, la scuola divenne un centro del cristianesimo nestoriano e fu chiusa dall'arcivescovo Ciro nel 489. I disordini e i dissensi sorti nel VI secolo nella scuola di Nisibis favorirono lo sviluppo delle sue rivali, soprattutto quella di Seleucia; tuttavia, essa iniziò a declinare solo dopo la fondazione della scuola di Baghdad (832). Tra i personaggi di spicco associati alla scuola vi sono il suo fondatore Narses, Abramo, suo nipote e successore, Abramo di Kashkar, restauratore della vita monastica, e l'arcivescovo Elia di Nisibis.

Come città fortificata di frontiera, Nisibis svolse un ruolo importante nelle guerre romano-persiane. Divenne la capitale della nuova provincia di Mesopotamia dopo l'organizzazione della frontiera orientale romana da parte di Diocleziano. Divenne nota come "Scudo dell'Impero" dopo una resistenza vittoriosa nel 337-350. La città passò di mano diverse volte e, una volta in mano ai Sasanidi, Nisibis fu la base delle operazioni contro i Romani. La città era anche uno dei principali punti di passaggio per i mercanti, sebbene fossero in atto elaborate misure di sicurezza contro lo spionaggio.

Periodo islamico modifica

La città fu conquistata senza resistenza dalle forze del Califfato Rashidun sotto Umar nel 639 o 640. Sotto il primo dominio islamico, la città servì come centro amministrativo locale. Nel 717 fu colpita da un terremoto e nel 927 fu saccheggiata dai Carmati. Nel 942 Nisibis fu conquistata dall'Impero bizantino, ma fu poi riconquistata dalla dinastia Hamdanid. Fu nuovamente attaccata dai Bizantini nel 972. Dopo gli Hamdanidi, la città fu amministrata dai Marwanidi e dagli Uqaylidi. A partire dalla metà dell'XI secolo fu soggetta alle incursioni turche e minacciata dalla Contea di Edessa, venendo attaccata e danneggiata dalle forze selgiuchidi sotto Tughril nel 1043. La città rimase comunque un importante centro di commercio e di trasporto.

Nel 1120 fu conquistata dagli Artuqidi sotto Ilghazi ibn Artuq, seguiti dagli Zengidi e dagli Ayyubidi. I geografi e gli storici arabi dell'epoca descrivono la città come molto prospera, con imponenti terme, mura, case sontuose, un ponte e un ospedale. Nel 1230 la città fu invasa dall'Impero mongolo. Alla sovranità mongola seguì quella degli Ag Qoyunlu, dei Kara Koyunlu e dei Safavidi. Nel 1515, grazie agli sforzi di Idris Bitlisi, fu conquistata dall'Impero Ottomano sotto Selim I.

Storia moderna modifica

Alla vigilia della Prima Guerra Mondiale, Nusaybin contava una comunità cristiana di 2000 persone, insieme a una popolazione ebraica di 600.[29] Nell'agosto del 1915 ebbe luogo un massacro di cristiani, in seguito al quale la comunità cristiana di Nusaybin si ridusse a 1200 persone. Furono presi di mira giacobiti siriani, cattolici caldei, protestanti e armeni.

Come concordato dai governi della Francia e della nuova Repubblica di Turchia nel Trattato di Losanna del 1923, il confine tra Turchia e Siria avrebbe seguito la linea della ferrovia di Baghdad fino a Nusaybin, dopodiché avrebbe seguito il percorso di una strada romana che portava a Cizre. Dopo l'istituzione del Mandato francese per la Siria e il Libano, Nusaybin perse oltre il 60% della sua popolazione a causa degli insediamenti che si trovavano in quella zona, primo fra tutti Qamishli.

Nusaybin era un luogo di transito degli ebrei siriani che lasciavano il Paese dopo la formazione di Israele nel 1948 e il conseguente esodo degli ebrei dai Paesi arabi e musulmani. Una volta raggiunta la Turchia, dopo un percorso che li portava attraverso Aleppo e la Jazira, a volte con l'aiuto di contrabbandieri beduini, la maggior parte si dirigeva verso Israele. A Nisibis esisteva una grande comunità ebraica fin dall'antichità, molti dei quali si trasferirono a Qamishli all'inizio del XX secolo per motivi economici. Oggi una sinagoga di Gerusalemme pratica i riti di Nisibis e Qamishli.

XXI secolo modifica

Nusaybin è balzata agli onori della cronaca nel 2006 quando gli abitanti di un villaggio vicino a Kuru hanno scoperto una fossa comune, sospettata di appartenere ad armeni e assiri ottomani uccisi durante i genocidi armeno e assiro. Lo storico svedese David Gaunt ha visitato il sito per indagare sulle sue origini, ma se n'è andato dopo aver trovato prove di manomissione. Gaunt, che ha studiato 150 massacri compiuti nell'estate del 1915 a Mardin, ha affermato che il governatore del Comitato per l'Unione e il Progresso di Mardin, Halil Edip, aveva probabilmente ordinato il massacro del 14 giugno 1915, lasciando 150 armeni e 120 assiri morti. L'insediamento era allora conosciuto come Dara (oggi Oğuz). Il presidente della Società Storica Turca, Yusuf Halaçoğlu, seguendo la politica del governo turco di negazione del genocidio armeno, ha affermato che i resti risalivano all'epoca romana. Özgür Gündem ha riferito che l'esercito e la polizia turca hanno fatto pressioni sui media turchi affinché non riportassero la scoperta.

Nel 2012 il Ministero degli Interni turco ha preso in considerazione la possibilità di sciogliere il consiglio comunale di Nusaybin dopo che questo aveva deciso di utilizzare l'arabo, l'armeno, l'aramaico e il kurmanci sulla segnaletica della città, oltre alla lingua turca.

Società modifica

Etnie e minoranze straniere modifica

Nusaybin è etnicamente prevalentemente curda. La popolazione della città ha stretti legami con la vicina città di Qamishli e i matrimoni transfrontalieri sono una pratica comune.[11][12] La città ha anche una popolazione araba minoritaria.[13] Una piccolissima popolazione assira rimane in città; ciò che rimase della popolazione assira emigrò durante il conflitto curdo-turco degli anni '90 e, come conseguenza del conflitto del 2016, solo una famiglia assira rimase in città.[14][15]

Economia modifica

A seguito della guerra civile siriana, il confine della città con la Siria (e più precisamente la grande città siriana di Qamishli) è stato chiuso, sostenendo che la cessazione del traffico ha portato a un aumento del 90% della disoccupazione in città.[16]

Infrastrutture e trasporti modifica

Nusaybin è servita dalla strada europea E90 e da altre strade per le città circostanti. La stazione ferroviaria di Nusaybin è servita da 2 treni al giorno. L'aeroporto più vicino è l'aeroporto di Qamishlo 5 chilometri a sud di Nusaybin, situato a Qamishli in Siria. L'aeroporto turco più vicino è l'aeroporto di Mardin, 55 chilometri a nord-ovest di Nusaybin.

Note modifica

  1. ^ (TR) DBP'nin kayyum atanan belediyeleri, su bbc.com, BBC Turkish, 3 novembre 2016. URL consultato il 13 novembre 2016.
  2. ^ Mechanisms of Communication in the Assyrian Empire, in People, gods, & places, History Department, University College London, 2009. URL consultato il 18 dicembre 2010.
  3. ^ Archived copy, su tuikapp.tuik.gov.tr. URL consultato il 25 giugno 2017 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2015).
  4. ^ (EN) Nusaybin - Google Arts & Culture [collegamento interrotto], in Google Cultural Institute. URL consultato il 9 luglio 2018.
  5. ^ Irfan Shahîd, Byzantium and the Arabs in the Sixth Century, Harvard University Press, 3 aprile 1995, ISBN 978-0-88402-347-0.
  6. ^ Polibio, v.51.
  7. ^ Plutarco, Lucullus, 32, 3-5.
  8. ^ Cassio Dione, Storia romana, XXXV, 6-7.
  9. ^ Cassio Dione, LXVIII, 23.
  10. ^ Cassio Dione, LXXV, 23.
  11. ^ How Bashar Assad Has Come Between the Kurds of Turkey and Syria, su content.time.com, Time. URL consultato il 5 maggio 2016.
  12. ^ (TR) 2013, http://www.openaccess.hacettepe.edu.tr:8080/xmlui/bitstream/handle/11655/1200/f14a9da4-8096-432e-bee7-226d3f6471dc.pdf?sequence=1.
  13. ^ Fatma Meral Halifeoğlu, SAVUR GELENEKSEL KENT DOKUSU İLE SOSYAL YAPI İLİŞKİSİ ÜZERİNE BİR İNCELEME, in Elektronik Sosyal Bilimler Dergisi, vol. 5, n. 17, 2006, pp. 76–84, ISSN 1304-0278 (WC · ACNP). URL consultato il 19 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2016).
  14. ^ Son Süryaniler de göç yolunda, su evrensel.net, Evrensel. URL consultato il 5 maggio 2016.
  15. ^ Nusaybin'in son Süryani ailesi: Terk etmeyeceğiz, su evrensel.net, Evrensel. URL consultato il 5 maggio 2016.
  16. ^ https://www.economist.com/news/europe/21564870-fiercely-anti-assad-stance-turkey-taking-syria-aggravating-long-running-troubles Turkey, Syria and the Kurds: South by south-east

Bibliografia modifica

Fonti primarie
Fonti secondarie
  • C.A. Pinelli, NISIBIS, in Enciclopedia dell'arte antica, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1963. URL consultato il 12 agosto 2022.
  • M. Falla Castelfranchi, NISIBIS, in Enciclopedia dell'arte antica, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1996. URL consultato il 12 agosto 2022.

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN157323868 · LCCN (ENn2007000918 · GND (DE4117957-2 · BNF (FRcb12557850s (data) · J9U (ENHE987007521013705171 · WorldCat Identities (ENlccn-n2007000918