Apri il menu principale

Nuova Repubblica

Repubblica federale immaginaria dell'universo di Guerre Stellari
Nuova Repubblica
Nome originale New Republic
Universo Guerre stellari
1ª app. in Il risveglio della Forza
Ultima app. in L'ascesa di Skywalker
Dati amministrativi
Lingua ufficiale Basic Galattico
Capitale Hosnian Prime
Politica
Forma di governo Repubblica federale
Cancelliere Supremo Mon Mothma (4 ABYABY)
Lanever Villecham (33 ABY–34 ABY)
Organi deliberativi Senato galattico
Nascita 4 ABY circa
Causa Concordato Galattico
Evoluzione
Preceduto da Rebel Alliance logo.svg Alleanza Ribelle
Emblem of the First Galactic Empire.svg Impero Galattico
Emblem of the First Order.svg Primo Ordine

La Nuova Repubblica (in inglese: New Republic) o la Resistenza (in inglese: Resistance) è un governo immaginario della saga di Guerre stellari.

Si è formata in seguito alla Battaglia di Endor durante la Guerra Civile Galattica. Come l'Alleanza Ribelle, la Nuova Repubblica ha combattuto contro gli Imperiali dopo la caduta dell'Impero Galattico causato dalla sconfitta di Endor.

La futura Nuova Repubblica ha combattuto una grande battaglia sopra il pianeta Jakku, uscendone vincitrice e sancendo così l'indebolimento del malvagio Impero Galattico.[1]

La Capitale e sede nel Senato Galattico, prima della distruzione del sistema di Hosnian da parte del sinistro Primo Ordine, era Hosnian Prime.

Indice

Star Wars LegendsModifica

Nell'universo espanso la Nuova Repubblica Galattica (generalmente conosciuta come Nuova Repubblica) è il governo creato dall'Alleanza Ribelle dopo la sconfitta dell'Impero successiva alla battaglia di Endor. Formata nel 5 ABY, dopo la dissoluzione della Alleanza dei Pianeti Liberi (creata direttamente dopo la battaglia di Endor come governo intermedio) diventa il governo supremo della Galassia. La "Nuova" Repubblica sarebbe dovuta essere una sorta di congiunzione tra la Repubblica originale (conosciuta anche come Vecchia Repubblica).[non chiaro] La Nuova Repubblica viene fondata con il presupposto di fungere come corpo parlamentare rappresentante della Galassia, in maniera equa e giusta — come lo era stata la Vecchia Repubblica per 25.000 anni. La Nuova Repubblica è protetta dal Nuovo Ordine Jedi creato da Luke Skywalker, nella stessa maniera in cui la Vecchia Repubblica era protetta dal Vecchio Ordine Jedi.

Storia nell'Universo espansoModifica

FondazioneModifica

La morte dell'Imperatore Palpatine durante la battaglia di Endor segna la fine dell'Impero. Un mese dopo, la Dichiarazione di una Nuova Repubblica viene resa ufficiale da otto dei più importanti membri della Alleanza Ribelle, ponendo obiettivi, valori, e ideali per formare un nuovo governo. Questi otto membri (tra i più importanti si possono citare Mon Mothma, Leila Organa, Borsk Fey'lya, e l'Ammiraglio Ackbar) diventano i primi membri del governo provvisorio della Nuova Repubblica.

L'obiettivo principale del Consiglio è la riconquista di Coruscant, più per ragioni simboliche che strategiche in quanto sin dalla creazione della Vecchia Repubblica Coruscant era stato il centro principale del governo. Prima di stabilirsi su Coruscant i Consigli si incontrano diverse volte su alcuni mondi membri del governo, come Noquizvor. Durante questo periodo il Governo continua a fornire una guida efficace e a produrre una serie di principi e leggi.

Verso il nucleoModifica

Per i primi mesi dopo la vittoria ad Endor, il governo della Nuova Repubblica decide di promuovere una campagna militare per liberare i mondi governati dagli Imperiali. Ackbar prepara la forza militare per una campagna atta a liberare parti importanti della Galassia dal Governo Imperiale. Per i due anni successivi, la flotta della Repubblica libera innumerevoli mondi nell'Anello Mediano e in quello Interno espandendosi verso i mondi del Nucleo, assicurandosi basi militari importanti per future azioni. Nel 6 ABY il 30% della Galassia ha espresso apprezzamento verso la Nuova Repubblica, con un altro 20% che si mantiene ancora neutrale o è comunque interessato nello sviluppo del nuovo governo.

Coruscant viene conquistato tre anni dopo la Battaglia di Endor, grazie al Rogue Squadron formato dai piloti Wedge Antilles, Corran Horn, e Gavin Darklighter assieme ad altri. Coruscant viene conquistato tramite l'impiego di fulmini ricavati dal sistema di controllo atmosferico del corpo celeste, riuscendo a far spegnere gli scudi planetari. Il Rogue Squadron richiede l'aiuto della flotta della Repubblica comandata da Ackbar per distruggere il resto delle difese del pianeta. Questa era una trappola preparata da Ysanne Isard, leader della Intelligence Imperiale. La Repubblica scopre che gli Imperiali hanno lasciato dietro di essi il Virus Krytos — che causa una malattia mortale che colpisce molte razze non-umane e che può essere curata solo con il bacta. Per aggirare questa minaccia i Ribelli iniziano la Guerra del Bacta contro Isard. Questo porta Thyferra, il pianeta primario da cui si produceva la sostanza, sotto il controllo della Repubblica, che riesce a fermare la minaccia. Con la cattura di Coruscant molti mondi neutrali iniziano a vedere il nuovo governo come una nuova organizzazione giusta ed equa, non più come una debole banda di ribelli.

Mon Mothma diventa il primo Capo di Stato della Nuova Repubblica, la Presidentessa del Senato e Comandante in carica delle Forze Armate. Durante il suo mandato la Nuova Repubblica rimane molto simile a quella del governo provvisorio. Il Consiglio Interno continua ad essere l'autorità superiore, ma il Senato assume il compito del Consiglio Provvisorio. Molti consiglieri della Repubblica iniziano a pensare che la guerra sia giunta al termine quando l'Impero inizia a perdere il controllo di diversi settori della Galassia. Nonostante alcune minacce isolate come quella posta dal Signore della Guerra Zsinj, verso la fine dell'8 ABY circa tre quarti della Galassia è entrato a far parte della Repubblica.

Contrattacco ImperialeModifica

Uno dei pericoli maggiori si verifica nel 9 ABY, quando il Grande Ammiraglio Thrawn si pone a capo dell'Imperial Remnant e porta a termine una campagna contro la Repubblica. Il conflitto politico interno alla Repubblica riduce l'efficacia nel rispondere alla minaccia, in quanto i consiglieri ambiziosi come Borsk Fey'lya cercano di guadagnare prestigio a spese di altri. Nonostante numerose sconfitte, la Repubblica riesce comunque a raggiungere la vittoria nella battaglia di Bilbringi. Thrawn viene ucciso e le sue forze vengono disperse; la Repubblica lancia una serie di attacchi nei settori della Galassia ancora in mano all'Impero, uscendone vittoriosa per un certo periodo. Un anno dopo la morte di Thrawn, l'Imperatore risorto Palpatine comanda un'offensiva dal Nucleo Profondo. Di fronte a forze superiori e a un certo numero di super-armi, la Nuova Repubblica deve ritirarsi e operare in maniera simile alla Alleanza Ribelle scioltasi anni prima. La Nuova Repubblica viene salvata durante la battaglia di Onderon, che si conclude con la sconfitta di Palpatine grazie a Luke Skywalker.

RiformaModifica

Dopo la riconquista di Coruscant avvenuta durante l'11 ABY, il Senato della Nuova Repubblica inizia la prima di una serie di ristrutturazioni al programma del governo. Vengono creati dei consigli specializzati, ognuno dei quali ha maggiori poteri rispetto ai comitati senatoriali e hanno la responsabilità riguardo a certi aspetti di governo. Sono creati il Consiglio della Difesa Comune, il Consiglio della Sicurezza e della Intelligence, il Consiglio della Giustizia, il Consiglio dei Ministri, il Consiglio della Scienza e Tecnologia e il Consiglio del Commercio.

Il Consiglio Interno viene sostituito dal Consiglio Regolante, che ha l'autorità di rimuovere il Capo di Stato per evitare che diventi troppo potente, come era successo un tempo con Palpatine. Luke Skywalker convince il Senato a fornire una migliore protezione alla Repubblica con la creazione del Praxeum Jedi su Yavin IV. Il Praxeum viene usato come luogo di addestramento dei primi cavalieri Jedi, e in seguito diventa un'accademia per giovani studenti Jedi. Durante la riforma Imperiale attuata da Daala Yavin IV viene considerato come punto chiave per sconfiggere la Repubblica, ma gli Jedi difendono il Praxeum con successo. Mon Mothma si ritira dalla vita pubblica e Leila Organa diventa Capo di Stato con l'approvazione del Senato.

Sotto il governo di Organa si hanno ripercussioni a lungo termine. Molti mondi un tempo governati dall'Impero decidono di mettersi sotto la protezione della Repubblica; tuttavia un consistente numero di essi ha mantenuto una visione ideologica comune all'Impero, che causa spesso contrasti con il senato. Dopo aver ricevuto critiche a causa del coinvolgimento della Repubblica nel Grappolo Koornacht, Almania e nel Sistema Corelliano, e a causa di discordie all'interno del Senato tra senatori tradizionali e pro-Imperiali, il Capo di Stato Leila Organa lascia indefinitamente il posto, al quale viene assegnato Ponc Gavrisom.

Pace con l'ImperoModifica

Nonostante la sfiducia crescente tra certi elementi all'interno del governo, la Repubblica rimane unita nello scopo di distruggere l'Impero. Una campagna lanciata dal Supremo Comandante Gilad Pellaeon termina in un disastro, in quanto le forze di Ackbar sconfiggono Pellaeon e riducono l'Imperial Remnant a un semplice gruppo di otto settori nell'Anello Esterno.

Con Ponc Gavrisom diventato Capo di Stato, inizia un nuovo periodo per la Repubblica; il potere del governo viene decentralizzato e spostato più verso i sistemi locali, planetari, settoriali e regionali per evitare la centralizzazione del potere accaduta sotto Palpatine. Vengono creati gli Osservatori della Nuova Repubblica, un'organizzazione che funziona in maniera simile all'Ordine Jedi. Gli Osservatori hanno il compito di riportare ciò che sentono o vedono riguardo ad attività governative illecite che le autorità locali preferiscono nascondere.

Un evento grave durante questo periodo è la crescente tensione tra fazioni pro-Bothan e anti-Bothan, che minaccia di far iniziare una guerra civile, conosciuta come Crisi del Documento Caamas. La crisi, iniziata con la scoperta del Documento Caamas a Wayland, finisce con la stipula degli Accordi di Bastion tra la Repubblica e l'Imperial Remnant, ponendo fine alla Guerra Civile Galattica iniziata 37 anni prima.

Cambio della guardiaModifica

La fine della Guerra Civile Galattica vede l'incorporazione di molti pianeti all'interno della Repubblica. Leila Organa ritorna nel Senato dopo gli Accordi di Bastion sotto insistenza dei suoi amici. La Nuova Repubblica sconfigge il Secondo Imperium con l'aiuto degli Jedi, così come l'Alleanza delle Diversità e il Sole Nero che aveva tentato di dominare la Galassia. Nel 23 ABY, Leila si ritira dal Senato definitivamente. Nelle elezioni successive Borsk Fey'lya viene scelto a rappresentare il ruolo di Capo di Stato con una maggioranza di tre quinti. Altri membri del Senato si ritirano, così come alcuni comandanti militari, tra cui Ackbar e Hiram Drayson. Questi senatori vengono sostituiti da altri meno coerenti, che causano discordie all'interno del governo.

Guerra degli Yuuzhan VongModifica

Nella successiva invasione degli Yuuzhan Vong, il Senato viene paralizzato da incompetenza e codardia. L'amministrazione del capo di Stato Fey'lya non prende la minaccia sul serio, se non quando è troppo tardi. I Vong procedono in velocità conquistando grandi porzioni della Galassia, e aumenta nello stesso tempo la sfiducia nell'Ordine Jedi. La caduta di Coruscant sembra segnare lo sfaldamento della Repubblica e molti membri del Senato dirottano diverse navi per farsi scortare fuori dal sistema stellare. Borsk Fey'lya, responsabile di molte campagne di difesa fallimentari, si sacrifica in battaglia.

Rinascita come Alleanza GalatticaModifica

Il senato viene rilocato su Mon Calamari, e dopo una lunga campagna Cal Omas viene eletto come capo di Stato, nell'ultima elezione della Nuova Repubblica. Dopo la decisiva battaglia di Ebaq 9, Omas riorganizza le rimanenze della Repubblica nella Federazione Galattica delle Libere Alleanze. L'Alleanza cerca di correggere molti dei problemi che il tipo di governo precedente aveva fatto sorgere, lavorando in vicinanza con l'Ordine Jedi per terminare la guerra. Nel 30 ABY l'Alleanza e gli Jedi sconfiggono gli Yuuzhan Vong al termine della liberazione di Coruscant.

Astrografia nell'Universo espansoModifica

Il territorio della Nuova Repubblica è variato in dimensioni diverse volte nel corso della sua storia. Nell'8 ABY oltre 600.000 pianeti erano entrati a far parte del governo, e nel 9 ABY tre quarti della Galassia, inclusi i Mondi del Nucleo eccetto il settore Corellia erano sotto il controllo della Repubblica. Le guerre successive contro Thrawn e Palpatine risorto ridussero il territorio posseduto dal governo democratico, riducendosi intorno al 15 ABY a soli 11.000 pianeti, anche a causa del fatto che molti mondi avevano scelto di mantenersi neutrali fino alla fine del conflitto. Nel 19 ABY la maggior parte della Galassia ritornò sotto il controllo della Repubblica alla luce del fatto che la guerra contro l'Imperial Remnant stava terminando. Coruscant ritornò ad essere la capitale della Repubblica, come lo era stato per la Vecchia Repubblica e per l'Impero Galattico. I mondi inclusi si estendevano dal Nucleo Profondo allo Spazio Selvatico.

FontiModifica

  • Anderson, Kevin J. The Essential Chronology.
  • Denning, Troy Star by Star.
  • McDowell, Michael P. Before the Storm.
  • McDowell, Michael P. Shield of Lies.
  • McDowell, Michael P. Tyrant's Test.
  • Schweighoffer, Peter. Tales from the New Republic.
  • Slavicsek, Bill. A Guide to the Star Wars Universe, Second Edition.
  • Stackpole, Michael A. X-Wing Rogue Squadron: Mandatory Retirement.
  • Stackpole, Michael A. X-Wing: Wedge's Gamble.
  • Star Wars Official Site. http://www.starwars.com
  • Star Wars Technical Commentaries. http://www.theforce.net/swtc
  • West End Games. Cracken's Threat Dossier.
  • Zahn, Timothy. Heir to the Empire.
  • Zahn, Timothy. The Last Command.
  • Zahn, Timothy. Specter of the Past.
  • Zahn, Timothy. Vision of the Future.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Star Wars Battlefront Release Date and Battle of Jakku Pre-Order Offer, su Starwars.ea.com, 17 aprile 2015. URL consultato il 29 aprile 2015.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Guerre stellari: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Guerre stellari