Ospedale dei Castelli

L'Ospedale dei Castelli è una struttura ospedaliera in località Fontana di Papa, nel territorio comunale di Ariccia, nella città metropolitana di Roma, nell'area dei Castelli Romani. La struttura, inizialmente ideata come policlinico, raccoglie i reparti frazionati tra gli ospedali di Genzano di Roma, Albano Laziale, Ariccia e fornisce assistenza sanitaria anche alla fascia territoriale di Pomezia, Ardea, Aprilia[1] e del litorale sud romano.

Ospedale dei Castelli
StatoBandiera dell'Italia Italia
LocalitàAriccia
IndirizzoVia Nettunense, Km 11,500
Fondazione2013 (posa prima pietra e avvio cantieri)
Posti letto342
Num. impiegati774
Sito webwww.aslroma6.it/c/portal/layout?p_l_id=346185&p_v_l_s_g_id=0
Mappa di localizzazione
Map

La posizione e la struttura dei Poli Ospedalieri "San Giuseppe" di Albano ed "E. De Santis" di Genzano creavano difficoltà all'idea di ampliare i vecchi nosocomi, considerando inoltre che un lavoro di riqualificazione e ampliamento non avrebbe risolto la segmentazione dei reparti, presente nell'area dei Castelli Romani. A questa problematica si aggiungeva anche l'incremento della popolazione in una zona, come quella dei Castelli, a cui le vecchie strutture non erano in grado di far fronte.

L'idea di realizzare un policlinico ai Castelli Romani risale quindi al 1999, ma solo nel gennaio 2007 si è avviato l'iter per la realizzazione della struttura. Il 26 gennaio 2007 la giunta regionale ha approvato l'accordo di programma per la variante al piano regolatore generale di Ariccia,[2] il 30 gennaio è stato presentato lo studio di fattibilità (curato dal professor Ferdinando Terranova e dalla prof.ssa Francesca Giofrè dell'università degli Studi di Roma La Sapienza), il 7 febbraio si è tenuta la conferenza stampa di presentazione dell'opera.

Dopo alcune difficoltà sorte nell'estate 2009,[3] il 6 marzo 2010 fu posata la prima pietra della struttura a cui però fecero seguito problematiche inerenti alla cantierizzazione dell'area.

Nel dicembre 2010 il collegio di vigilanza sull'opera, appoggiato dalla presidente della Regione Renata Polverini, intimò alla ASL di far riprendere i lavori, per evitare ulteriori danni all'erario; ed il 3 gennaio 2011 sono ripresi i lavori nel cantiere di Fontana di Papa.[4] In particolare, sono state necessarie ricerche archeologiche preliminari e lo sminamento di alcune bombe della seconda guerra mondiale inesplose: due ordigni, del peso di 125 chili ciascuno, sono stati trovati a metà giugno e fatti brillare il 18 giugno dopo il blocco della circolazione in via Nettunense e lo sfollamento di alcune decine di residenti,[5] mentre altre due sono state rinvenute a fine luglio e fatte brillare il 2 agosto.[6]

Ad Agosto 2018, a pochi mesi dell'apertura dell'Ospedale dei Castelli, la Asl Rm 6 revoca le due gare di appalto riguardanti gli arredi interni della nuova struttura optando così per il riutilizzo di materiale in uso nelle strutture di Albano e Genzano ormai prossime alla definitiva chiusura.

Il 25 novembre 2018, con la chiusura del reparto di dialisi, il Polo Ospedaliero "San Giuseppe" di Albano cessa definitivamente le attività; il 29 novembre il Polo Ospedaliero "E. De Santis" di Genzano viene chiuso definitivamente.

Il Polo Ospedaliero "Luigi Spolverini" di Ariccia, contrariamente a quanto annunciato, resta operativo se pur con un sostanziale ridimensionamento delle attività.

Il 13 dicembre 2018 l'Ospedale dei Castelli effettua il primo ricovero; il 18 Dicembre 2018 alla presenza del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, dell'assessore alla sanità Alessio D'Amato e dei vari amministratori locali, l'ospedale viene inaugurato ufficialmente.[7] Il costo dell'opera è stato di 120 milioni di euro.

Dal 28 gennaio 2019 l'ospedale ospita il polo universitario della Saint Camillus International University of Health Sciences, a seguito dell'accordo di programma firmato con la Regione Lazio.

Da Marzo 2020 a causa della pandemia di COVID-19 viene utilizzato come Hub Covid Center dell'ASL Roma 6, insieme alle RSA Covid e Drive-in allestiti presso gli ex Poli Ospedalieri "E. De Santis" di Genzano e "San Giuseppe" di Albano Laziale.

Nel Marzo 2023 l'ospedale, non avendo ancora raggiunto la piena operatività e rimanendo comunque lontano dagli standard inizialmente prospettati, diventa oggetto di una petizione lanciata dai cittadini dei Castelli Romani e rivolta alle amministrazioni locali, ritenute dagli stessi, responsabili del mancato sviluppo della struttura.

Servizi

modifica

I servizi della struttura sono così distribuiti:

È dotato di 9 sale operatorie, 3 sale parto e 1 sala di radiologia interventistica[8].

L'ospedale riserva un'area dedicata al progetto "4 Zampe con te", istituito dalla regione Lazio, che consente l’accesso degli animali d’affezione in visita ai pazienti ricoverati in un’area apposita e con personale sanitario dedicato.

 
Vista lato pronto soccorso, sullo sfondo i Colli Albani

Collegamenti

modifica

L'area del nosocomio si estende su quindici ettari, l'accesso principale è situato al Km 11,500 della strada regionale 207 Nettunense, mentre è presente un secondo accesso sulla limitrofa Via Campoleone riservato ai mezzi di soccorso; l'ampliamento e la riqualificazione di parte di quest'ultima via è prevista con il raggiungimento della piena operatività della struttura.

Dal 3 dicembre 2018 è stato potenziato il trasporto regionale ad opera della società Cotral che, oltre alla tratta già esistente Roma Anagnina-Nettuno, con cui è possibile raggiungere la struttura, ha istituito l'apposita tratta Albano Laziale-Ospedale dei Castelli; dal 1 Febbraio 2019 sono in funzione le linee locali in grado di collegare il nosocomio con i comuni di Lanuvio, Nemi, Genzano di Roma, Albano Laziale, Castel Gandolfo, Marino e Rocca di Papa. La struttura è inoltre raggiungibile dalle stazioni di Cecchina (Ferrovia Roma-Velletri), Campoleone (Ferrovia Roma-Napoli, Ferrovia Roma-Nettuno), Albano Laziale (Ferrovia Roma-Albano).

  1. ^ Susanna Rossi Esser, Il Policlinico dei Castelli Romani: futuro polo di eccellenza, in Vivavoce, n. 98, febbraio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2019.
  2. ^ Silvana Tripaldella, Il Policlinico dei Castelli Romani, in Il Pontino, 15 febbraio 2007, su ilpontino.it. URL consultato il 13-08-2011 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2014).
  3. ^ Francesca Ragno, Ariccia: ancora silenzio dalla Regione sul policlinico dei Castelli Romani, Castelli.RomaToday, 2 settembre 2009, su romatoday.it. URL consultato il 13-08-2011.
  4. ^ Francesca Ragno, Ariccia: ripresi i lavori per il Policlinico dei Castelli, Castelli.RomaToday, 4 gennaio 2011, su castelli.romatoday.it. URL consultato il 13-08-2011.
  5. ^ Ariccia, domenica il disinnesco delle bombe, in La Città Metropolitana, 17 giugno 2011, su cittametropolitana.info.
  6. ^ Roma: personale ASL impegnato domani in disinnesco bombe Ariccia, su Libero, 1º agosto 2011. URL consultato il 15 giugno 2023 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2012).
  7. ^ Enrico Tata, Inaugurato dopo 5 anni di lavori il nuovo ospedale dei Castelli Romani, Roma Fanpage, 18 dicembre 2018, su roma.fanpage.it. URL consultato il 09-01-2018.
  8. ^ Radiologia interventistica, su aslroma6.it.

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica