Apri il menu principale
Pascale Petit in una scena del film Lettere di una novizia (1960)

Pascale Petit, nome d'arte di Anne-Marie Petit (Parigi, 27 febbraio 1938), è un'attrice francese, in auge particolarmente fra gli anni cinquanta e gli anni sessanta. Nel 1958 ha vinto il Prix Suzanne Bianchetti destinato alla miglior promessa del cinema francese.

Nel 1967 e nel 1968 è stata ritratta nelle pagine del periodico Playmen. È apparsa anche sulla copertina di Stern.

Attiva fra il 1956 ed il 1991 anche in televisione, è ricordata per le sue interpretazioni in alcuni film di genere erotico. È stata sposata con l'attore belga Giani Esposito (1930-1974) da cui ha avuto una figlia, Douchka, anch'essa attrice.

BiografiaModifica

Nata a Parigi, Pascale Petit ha trascorso l'adolescenza a Vaires-sur-Marne. Ha un fratello e una sorella più giovani. Ha debuttato nel cinema nel 1956 sotto la direzione di Raymond Rouleau in Les Sorcières de Salem. Fu tuttavia la sua interpretazione nel film di Marcel Carné Les Tricheurs che l'ha fatta conoscere al grande pubblico dandole una tale notorietà da farle guadagnare il premio intitolato a Suzanne Bianchetti (edizione 1958), come migliore promessa femminile del cinema francese.

Petit ha sposato in seconde nozze il poeta e attore teatrale di origine napoletana Giani Esposito. Prima di divorziare, la coppia ha avuto una figlia, Duska Bojidarka, divenuta poi cantante ed attrice per la Disney France con il nome di Douchka.

A metà degli anni sessanta la carriera cinematografica di Petit ha virato verso una produzione di b-movie girati particolarmente in Germania ed Italia, paesi nei quali l'attrice ha quindi acquisito una certa notorietà. Una popolarità che è andata invece scemando nel suo paese natale. Un tentativo di ritornare al cinema a grandi livelli nel 1971, con il film Chronique d'un couple non ha avuto esito felice, così come un insuccesso si è rivelato il tentativo da parte dell'artista di avvicinarsi al mondo della musica leggera.

Filmografia parzialeModifica

Doppiatrici italianeModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN66608925 · ISNI (EN0000 0001 1461 6517 · LCCN (ENno2009160347 · GND (DE1061773124 · BNF (FRcb131943174 (data) · WorldCat Identities (ENno2009-160347