Apri il menu principale

Pepe Mel

allenatore di calcio ed ex calciatore spagnolo
Pepe Mel
Pepe mel 2011 001.jpg
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 179 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Squadra Las Palmas
Ritirato 1998 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1984-1987 Real Madrid B 71 (15)
1987-1988 Osasuna 0 (0)
1988-1989 Castellón 62 (28)
1989-1993Betis 112 (50)
1993-1995Granada 66 (31)
1995-1996Benidorm 31 (15)
1996-1997Getafe 37 (17)
1997-1998Angers 16 (3)
1998 Écija? (?)
Carriera da allenatore
2000-2001 Real Murcia
2001-2002 Tenerife
2002-2003 Getafe
2003-2004 Alavés
2004-2006 Poli Ejido
2006-2010 Rayo Vallecano
2010-2013 Betis
2014 West Bromwich
2014-2016 Betis
2017Deportivo
2019- Las Palmas
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 24 ottobre 2017

José Mel Pérez – noto come Pepe Mel – (Madrid, 28 febbraio 1963) è un allenatore di calcio ed ex calciatore spagnolo, di ruolo attaccante, tecnico del Las Palmas.

Indice

Carriera da calciatoreModifica

Carriera da allenatoreModifica

La prima era al BetisModifica

Nella stagione 20102011 vince il campionato di Liga Adelante, riportando il Real Betis Balompié nella massima divisione spagnola. Cade nei quarti di finale di Copa del Rey contro il Barcellona con un risultato complessivo di de 6-3, sconfitta per 5-0 al Camp Nou e vittoria per 3-1 al Benito Villamarín.

Durante la sua permanenza ha attinto spesso al settore giovanile verde bianco, facendo debuttare 16 "canteranos" in prima squadra (Ezequiel, Beñat Etxebarria, Sergio Rodríguez, Álex Martínez, Miki Roqué, Manu Palancar, José Alberto Cañas Ruiz-Herrera, Razak Brimah, Fran No, Álvaro Vadillo, Alejandro Pozuelo, Nono, Adrián San Miguel del Castillo, Eder Vilarchao, José Antonio Caro Martínez e Pepelu).

Nella stagione 2011-2012 riesce ad ottenere alcuni buoni risultati come la vittoria nello Stadio Ramón Sánchez Pizjuán nel derby della città andalusa o riuscendo a segnare al Camp Nou nel campionato per la prima volta (gara terminata 4-2 per i catalani). Raggiunge la salvezza a tre giornate dalla fine dopo una stagione di alti e bassi, con quattro vittorie consecutive nelle prime quattro giornate (Granada, Mallorca, Athletic Club e Zaragoza) e 9 sconfitte nelle successive dieci giornate. L'esonero viene evitato dalla rimonta sul Valencia al Benito Villamarín, dove il Real Betis rimonta lo 0-1 con 2 gol di Rubén Castro in zona recupero.

Nella stagione 2012-2013 il Betis fa un salto di qualità dal lottare per la salvezza ad ambire alla zona europea. La squadra biancoverde chiude la stagione ottenendo la qualificazione per la UEFA Europa League grazie al suo settimo posto finale. Questo risultato gli porta il rinnovo col club.

Nella stagione 2013-2014 i risultati negativi portano all'esonero, il 2 dicembre 2013 dopo un pareggio per 2-2 contro il Rayo Vallecano, con il Betis ultimo in classifica con 10 punti dopo 15 giornate di Liga.

West Bromwich AlbionModifica

Il 9 gennaio 2014 viene ingaggiato dal WBA. Raggiunge l'obiettivo salvezza del club inglese all'ultima giornata, concludendo la stagione alla diciassettesima posizione. Risolve consensualmente il contratto.

Il ritorno al BetisModifica

Il 20 dicembre 2014, il Real Betis Balompié conferma il ritorno di Mel, ufficializzato il lunedì 22 dicembre. Sostituisce l'allenatore della seconda squadra Merino, che aveva guidato il Betis per le quattro partite successive all'esonero di Julio Velázquez.

Il 10 gennaio 2016 viene sollevato dall'incarico dopo la sconfitta sul campo del Getafe per 1-0.

Il 28 febbraio 2017 viene nominato nuovo allenatore del Deportivo la Coruna.

ScrittoreModifica

Autore di due romanzi: El mentiroso (2011) e El camino al más allá (2013).

PalmarèsModifica

AllenatoreModifica

Competizioni nazionaliModifica

Rayo Vallecano: 2007-2008
Betis: 2010-2011

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica