Apri il menu principale

Pietro Colonna Pamphili

cardinale e arcivescovo cattolico italiano
Pietro Colonna Pamphili
cardinale di Santa Romana Chiesa
Coa fam ITA pamphili.jpg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato7 dicembre 1725 a Roma
Ordinato diacono22 dicembre 1759
Ordinato presbitero27 gennaio 1760
Nominato arcivescovo28 gennaio 1760 da papa Clemente XIII
Consacrato vescovo16 febbraio 1760 da papa Clemente XIII
Creato cardinale26 settembre 1766 da papa Clemente XIII
Deceduto4 dicembre 1780 (54 anni) a Verona
 

Pietro Colonna Pamphili (Roma, 7 dicembre 1725Verona, 4 dicembre 1780) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

BiografiaModifica

Terzo di sedici figli del principe Fabrizio II Colonna e di Caterina Zefirina Salviati, nacque a Roma il 7 dicembre 1725. Assunse il cognome Pamphili al momento della sua elezione al cardinalato. Numerosi furono i cardinali della famiglia Colonna: tra questi uno dei fratelli, Marcantonio Colonna.

Studiò all'Università la Sapienza, ove ottenne il dottorato in utroque iure il 9 luglio 1750.

Intrapresa la carriera ecclesiastica, il 23 luglio 1750 fu nominato referendario del tribunale della Segnatura; nel dicembre 1751 divenne relatore della Congregazione dell'immunità ecclesiastica e a novembre 1753 fu nominato chierico della Camera Apostolica e presidente delle Ripe e delle Acque.

Il 25 novembre 1759 ricevette gli ordini minori; il 30 novembre e il 22 dicembre 1759 fu ordinato suddiacono e diacono; e il 27 gennaio 1760 fu ordinato sacerdote.

Il 28 gennaio 1760 venne eletto arcivescovo titolare di Colossi; il 16 febbraio successivo ricevette l'ordinazione episcopale a Roma nel palazzo del Quirinale dalle mani di papa Clemente XIII. Il 4 marzo 1760 fu nominato nunzio apostolico in Francia, ove rimase per sei anni, durante i quali assistette all'espulsione dei Gesuiti dal regno.

Fu creato cardinale-presbitero da papa Clemente XIII nel concistoro del 26 settembre 1766. Il 1º dicembre 1768 ottenne il titolo di Santa Maria in Trastevere.

Nell'aprile 1767 ricevette in commenda l'abbazia delle Tre Fontane. Partecipò a due conclavi: quello del 1769, che portò all'elezione di papa Clemente XIV; e quello del 1774-1775, che portò all'elezione di papa Pio VI. Nel 1772 fu incaricato di fare la visita apostolica della diocesi di Nepi e Sutri. Fu camerlengo del collegio dei cardinali dal 17 febbraio 1777 al 30 marzo 1778.

Morì a Verona il 4 dicembre 1780. I suoi resti, inizialmente inumati nella cattedrale di Verona, furono in seguito trasferiti nella basilica di Santa Maria Maggiore a Roma.

Genealogia episcopaleModifica

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN89088851 · ISNI (EN0000 0000 6277 3704 · BAV ADV10297628 · WorldCat Identities (EN89088851