Apri il menu principale

Prima Categoria 1909-1910

13º campionato italiano di calcio di prima divisione
Prima Categoria 1909-1910
Competizione Prima Categoria
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 13ª (7ª di Prima Categoria)
Organizzatore FIGC
Date dal 7 novembre 1909
al 29 maggio 1910
Luogo Italia Italia
Partecipanti 9
Formula Girone unico
Risultati
Vincitore Inter
(1º titolo)
Secondo Pro Vercelli
Terzo Juventus
Statistiche
Incontri disputati 73
Gol segnati 313 (4,29 per incontro)
Inter 1º Scudetto 1909-10.jpg
La rosa del primo scudetto nerazzurro
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1909 1910-1911 Right arrow.svg

La Prima Categoria 1909-1910 fu la 13ª edizione della massima serie del campionato italiano di calcio, disputatosi dal 7 novembre 1909 al 29 maggio 1910. Il campionato fu vinto dall'Inter, al suo primo titolo, dopo la vittoria dello spareggio con la Pro Vercelli. Fu il primo campionato a girone unico disputato in Italia, formula che sarebbe stata introdotta stabilmente solo venti anni dopo.

StagioneModifica

Il torneo fu il tredicesimo campionato italiano di calcio organizzato dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC).

NovitàModifica

L'Ausonia prende parte per la prima volta al campionato.

La grande riformaModifica

Nell'agosto 1909 l'Assemblea annuale della Federazione tenutasi a Milano mise in atto una storica rivoluzione nel campionato. Ispirandosi al modello della First Division britannica, vennero abolite le eliminatorie regionali istituendo un girone unico per l'assegnazione del titolo nazionale. La formula era molto semplice, perché ogni squadra avrebbe incontrato ogni sua avversaria due volte, una giocando in casa ed una in trasferta. Il risultato fu un drastico aumento delle gare e l'inizio del torneo in autunno. Escluse le formazioni del Veneto reduci da prestazioni fallimentari, vennero ammesse al torneo dieci squadre del Triangolo industriale, cioè le nove dei due campionati della precedente annata più i milanesi dell'Ausonia, accettata in virtù dei buoni risultati conseguiti nelle ultime amichevoli; tuttavia, la defezione del Piemonte per motivi economici, logistici e soprattutto sportivi, lasciò il torneo zoppo.[1][2]

Nell'Assemblea federale del 1909 si decise inoltre di unificare i due tornei federale e italiano in un solo campionato nazionale a girone unico, pur continuando ad assegnare i due riconoscimenti di Campione Federale, promosso dopo la passata stagione a titolo assoluto di "Campione d'Italia", e di Campione Italiano, retrocesso invece a titolo "minore". Secondo l'articolo 2 del Regolamento dei Campionati della FIGC promulgato a Milano l'8 agosto 1909 (esattamente 3 mesi prima dell'inizio):

«I Campionati Nazionali di calcio sono di I e II Categoria. Quello di I Categoria è suddiviso in Campionato Federale e Campionato Italiano. Al primo possono prendere parte anche giuocatori di nazionalità estera, residenti in Italia, il secondo è riservato esclusivamente ai giuocatori di nazionalità italiana.»

La suddivisione tra un campionato federale aperto a tutti e uno italiano riservato ai soli giocatori italiani, che caratterizzò le due stagioni precedenti, non fu, dunque, abolita de iure[3] in quanto, pur disputandosi un unico torneo, vennero assegnati due titoli distinti. A chiarire il regolamento in modo chiaro è un articolo del Corriere della sera datato 24 ottobre 1909:[2]

«un'altra novità di quest'anno è l'abbinamento del campionato federale con quello italiano in un solo ed unico campionato: ogni squadra, all'atto dell'iscrizione ai campionati federali, indica se intende concorrere anche a quelli italiani. Così se una squadra, composta esclusivamente di campioni italiani, riuscisse a classificarsi in testa ai prossimi campionati, verrebbe ad esser detentrice di entrambi i titoli di Campione federale e campione italiano 1910. La medesima squadra, classificandosi p.e. sesta, dopo battute le altre squadre italiane concorrenti, sarebbe sesta classificata nei Campionati federali e prima in quelli italiani.»

A tal proposito, infatti, il settimanale Foot-ball, rivista ufficiale della FIGC, indicava ogni settimana con un asterisco «le squadre che partecipano al campionato italiano», cioè Pro Vercelli, USM, Doria e Ausonia, composte unicamente da italiani: la migliore classificata tra le quattro iscritte in base agli scontri diretti avrebbe vinto il titolo di campione italiano. Contrariamente a quanto stabilito nel 1908 e nel 1909, era dunque il campione federale a essere riconosciuto come "Campione d'Italia", mentre il titolo italiano assunse un valore secondario e venne per giunta disconosciuto a posteriori.[4]

FormulaModifica

Il campionato si giocò a girone unico.

AvvenimentiModifica

Il primo torneo a girone unico fu caratterizzato da un serrato testa a testa fra l'Inter e i campioni in carica della Pro Vercelli, risolto da uno dei più controversi esiti nella storia del calcio nostrano. Dopo un brutto inizio, la formazione nerazzurra infilò un'incredibile striscia di undici successi consecutivi, ma un'inattesa sconfitta contro il Genoa avvenuta il 3 aprile 1910 impedì ai meneghini di sorpassare in classifica i vercellesi (già sicuri vincitori del titolo di "campione italiano"). Il 10 aprile l'Inter batté il Torino per 7-2 e agganciò la Pro Vercelli in testa alla graduatoria, rendendo necessario uno spareggio per l'assegnazione del titolo federale.[5] In virtù dell'articolo 8 del regolamento federale, che stabiliva che ogni eventuale spareggio si sarebbe tenuto sul campo della società col miglior quoziente reti, i piemontesi ottennero che la partita si svolgesse proprio a Vercelli.

Le controversie cominciarono quando la Federazione dovette stabilire la data della sfida: poiché il 5 e l'8 maggio si sarebbero tenuti dei match preparatori per l'esordio della Nazionale italiana del 15 maggio contro la Francia,[5] divenne necessario far giocare lo spareggio quando ancora si dovevano recuperare alcune gare di campionato ormai ininfluenti. Rimanevano, quindi, solo tre domeniche disponibili: il 17 aprile, il 24 aprile e il 1º maggio.

Il 10 aprile, appena ottenuta la certezza matematica dello spareggio, il presidente vercellese Luigi Bozino comunicò alla FIGC la sua opposizione alle prime due date e richiese la disputa della gara al 1º maggio per motivi organizzativi: il giorno 17, infatti, vari giocatori della Pro Vercelli erano occupati in una competizione studentesca organizzata dal giornale milanese il Secolo,[6] mentre il giorno 24 era in programma un torneo tra squadre militari indetto anch'esso dal Secolo, a cui la Pro doveva fornire 3 giocatori: Fresia, Felice Milano e Innocenti. I piemontesi, inoltre, erano in trattativa con l'Ausonia per disputare, sempre il 24 aprile, un'amichevole a Caresana in occasione della festa patronale.[7]

La Pro Vercelli ricevette, quindi, assicurazioni verbali sul buon esito della richiesta dal presidente della Federazione Luigi Bosisio, sebbene la decisione finale riguardo la data dello spareggio non spettasse direttamente a lui ma al Consiglio federale.[8] L'Internazionale, però, manifestò l'11 aprile il suo rifiuto alla doppia posticipazione dell'incontro: i nerazzurri, infatti, fecero presente che dal 1º maggio dovevano disputare una tournée calcistica in Toscana ed Emilia,[9] e che due dei suoi calciatori, Zoller e Fossati, avrebbero avuto degli impedimenti lavorativi.[7][10]

La svolta in questa situazione di impasse giunse il 17 aprile, quando nessun calciatore della Pro Vercelli partecipò al succitato torneo studentesco. Nonostante i vercellesi si giustificarono, sostenendo che fu il preside dell'Istituto Tecnico di Vercelli a osteggiare la presenza dei ragazzi alla manifestazione in assenza di una speciale autorizzazione dei genitori ,[11] il Consiglio federale sospettò che il rinvio fosse stato chiesto dalla Pro solo per consentire ai propri elementi un maggior riposo e per recuperare alcuni atleti acciaccati e decise il 19 aprile di confermare definitivamente la gara per il giorno 24 e di programmare per il 1º maggio l'eventuale ripetizione da giocare in caso di pareggio.[10][7][12]

In seguito, trovò parziale conferma la tesi che l'indisponibilità per infortunio di un paio di giocatori vercellesi fosse l'autentico movente dei tentativi di posticipare l'incontro. In una "ultim'ora" pubblicata da Foot-Ball, la rivista ufficiale della FIGC, tre giorni prima della data fatidica, si afferma infatti:[10]

«All'ultimo momento, veniamo a conoscenza di un incidente di particolare gravità! Mercoledì mattina [20 aprile] si sono recati a Milano vari dirigenti della Pro Vercelli. Agli amici che li hanno avvicinati, essi hanno dichiarato che sfortunatamente non parteciperanno alla grande giornata gli ottimi Rampini e Coma, ammalati entrambi. Si diceva pure che i vercellesi avessero fatto pratiche per il rinvio del match, tanto più che pare che qualche altro elemento della prima squadra sia impegnato nelle gare militari indette dal Secolo. Ma il Presidente del FC Internazionale, da noi interpellato, ci ha recisamente smentito che pratiche di tal genere siano state fatte presso il Club. La Pro Vercelli sarà dunque incompleta, a quanto si dice! Ecco una brutta notizia per quanti aspettano trepidanti la grande finale.»

Il presidente Bozino, comunque, si mantenne sulle sue posizioni ed annunciò il 23 aprile, che aveva deciso in segno di protesta di schierare la formazione giovanile composta da ragazzini dagli undici ai quindici anni, convinto che l'Internazionale avrebbe, alla fine, concesso ancora il rinvio.[13] I nerazzurri invece, rispettando gli ordini della Federazione, giocarono ottenendo uno scontato successo e la conquista del loro primo titolo nazionale, pur fra l'ostilità e gli sberleffi dei giovani giocatori avversari, nonché dei tifosi piemontesi e dei calciatori della prima squadra vercellese presenti in tribuna. A tal proposito, sempre la rivista FIGC Foot-Ball scrisse indignata:

«A noi, oggi, tocca un compito triste e ingrato [...] oggi siamo costretti a commentare, con l'animo ancora commosso da sdegno, quella che avrebbe dovuto essere l'apoteosi del tanto combattuto campionato del 1910 e che fu mutata in una giornata di grande follia, in uno spettacolo da burattini [...]

La Pro Vercelli dunque mandò in campo, in una finale di campionato di prima categoria, la sua quarta squadra: si fece rappresentare dai bambini [...] La squadra che si contrapporrà agli internazionali tarda non poco a comparire [...] Ma eccoli finalmente, i componenti la quarta squadra della Pro Vercelli, teneri bambinelli, dagli undici ai quattordici anni. E il pubblico ad acclamare, a ridere di gusto. Una folla da delirio. L'arbitro, signor Meazza dell'USM, verifica le tessere. Capitano della squadra vercellese è un bamboccio undicenne, alto sì e no un metro, che si reca dal lunghissimo Fossati, il capitano della Società milanese, a presentargli dei... cioccolatini. Poi offre a Peterlj un pezzo di gesso da lavagna: affinché segni la sua grande giornata [...]

La buffonata si inizia con un sottile spirito di raffinata malvagità, i vercellesi hanno trovato la loro più terribile forma di vendetta: hanno scagliati i loro giuocatori più piccoli di più tenera età, contro gli avversari. E hanno detto loro: – Dileggiateli, burlatevi di essi nel modo che crederete migliore. Voi non correte nessun pericolo: siete piccoli mentre essi sono grandi: essi non oseranno toccarvi. E se facessero una simile vigliaccheria, guai a loro! Forti dunque della vostra piccolezza, provocateli meglio che potrete: noi vi applaudiremo, vi incoraggeremo, li insulteremo a nostra volta [...]

Sul campo, ne avveniva d'ogni colore. Quei minuscoli prepotenti toccavano la palla con le mani, spingevano gli avversari, si fermavano in atto di comica minaccia, come avevano visto fare ai foot-ballers grandi, pretendendo di essere stati urtati. Dopo segnati i primi goals senza molta fatica, gli internazionali giuocarono solo per finire la partita. E allora, vedendo che gli avversari non volevano schiacciarli, i vercellesi stessi si segnarono dei goals. I backs tiravano essi nella propria rete. O sport, dove eri andato a finire? [...]

Finalmente la burla colossale ebbe termine: mentre gli internazionali si avviavano al loro cascinale, qualcuno di essi ebbe a ricevere calci nelle gambe da qualche spettatore imbestialito. [...] una cosa ci ha fatto veramente piacere: e cioè l'ammirevole contegno che tennero i quattro italiani e i sette svizzeri componenti il FC Internazionale. Ai dileggi, alle provocazioni, essi opposero calma e serietà, dimostrandosi superiori a tutta la bambinesca gazzarra che avveniva intorno a loro. Essi furono dei veri uomini di sport [...] non si ebbero dai componenti di questa [équipe] il minimo atto di violenza.»

(Cronaca dell'incontro riportata da Foot-Ball, rivista ufficiale della FIGC, trascritto in Chiesa, op. cit., pp. 26-30.)

Il club interista emanò poi un durissimo comunicato in cui criticò aspramente il comportamento della Pro Vercelli e dei suoi sostenitori, giudicandolo gravemente antisportivo e minacciando di dichiarare l'anno dopo forfait ad ogni partita contro i vercellesi, dalla prima squadra alle giovanili.[6] Lo stesso giorno della sfida la Pro Vercelli, su suggerimento di un socio del Milan, presentò ricorso alla Federazione per la presunta posizione irregolare del giocatore nerazzurro Ermanno Aebi, cittadino svizzero ma spacciato, secondo i vercellesi, dall'Inter per italiano: se il ricorso fosse stato accolto, l'Inter avrebbe perso a tavolino Inter-Torino del 10 aprile e il titolo sarebbe stato assegnato automaticamente alla Pro.[14] Il ricorso venne però respinto, con la motivazione che, pur essendo Aebi svizzero «è di nascita italiana e in Italia dimora dalla sua nascita – salvo una breve interruzione per causa di studio – ciò che gli permette di non cadere in incompatibilità col disposto degli articoli [del regolamento]».[8]

Il 1º maggio la Federazione punì la Pro Vercelli, squalificando i suoi calciatori per l'intero anno 1910, oltre ad inibirli dalla Nazionale e a sanzionarli con una multa di 200 lire a testa, per aver fatto giocare la quarta squadra nonostante non potesse «subordinare le gare di campionato ad altre gare indette da società o da enti privati» e per avere «incitato i suoi giuocatori a beffarsi degli avversari, dando così nessun esempio di correttezza sportiva, né verso gli avversari, né verso i propri giuocatori». La condanna, tuttavia, venne in seguito ridotta in modo da non influenzare la stagione successiva.[8][15]

Squadre partecipantiModifica

Classifiche finaliModifica

Campionato federaleModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Inter 25 16 12 1 3 55 26 +29
2. Pro Vercelli 25 16 12 1 3 46 15 +31
3. Juventus 18 16 8 2 6 29 20 +9
4. Torino 17 16 8 1 7 45 30 +15
4. Genoa 17 16 7 3 6 31 23 +8
6. Milan 13 16 6 1 9 24 36 -12
6. US Milanese 13 16 6 1 9 35 53 -18
8. Andrea Doria 11 16 5 1 10 18 40 -22
9. Ausonia 5 16 0 5 11 16 54 -42

Legenda:

      Campione Federale (Campione d'Italia).

Note:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
Pari merito in caso di pari punti.

Campionato italiano (disconosciuto)Modifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Pro Vercelli 10 6 5 0 1 19 6 +13
2. Andrea Doria 7 6 3 1 2 9 8 +1
2. US Milanese 6 6 3 0 3 20 17 +3
4. Ausonia 1 6 0 1 0 2 19 -17

Legenda:

      Campione Italiano (titolo disconosciuto).

Note:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
Pari merito in caso di pari punti.

Squadra campioneModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Football Club Internazionale 1909-1910.
Formazione tipo (2-3-5) Giocatori (ruolo)
  Piero Campelli
  Roberto Fronte
  Alfredo Zoller I
  Hans Jenni
  Virgilio Fossati I
  Stebler
  Giovanni Capra II
  Carlo Payer I
  Ernest Peterly I
  Ermanno Aebi
  Bernard Schuler

RisultatiModifica

CalendarioModifica

Con un asterisco sono indicati gli incontri valevoli per il titolo di campione italiano.

(1ª) Prima giornata
7 nov. 0-1 US Milanese-Genoa
3-1 Torino-Juventus
1-0 Pro Vercelli-Andrea Doria*
2-2 Inter-Ausonia
(2ª) Seconda giornata
14 nov. 2-0 Juventus-Inter
2-1 Milan-Ausonia
3-2 US Milanese-Torino
5-2 Pro Vercelli-Genoa


(3ª) Terza giornata
21 nov. 1-4 Inter-Pro Vercelli
6-2 Genoa-Ausonia
2-1 US Milanese-Milan
3-0 Juventus-Torino
(4ª) Quarta giornata
28 nov. 3-1 Genoa-Andrea Doria
1-0 Inter-Juventus
6-2 Torino-Milan
0-4 Ausonia-Pro Vercelli*


(5ª) Quinta giornata
5 dic. 2-2 Ausonia-Juventus
3-4 Torino-Inter
3-6 US Milanese-Pro Vercelli*
17 apr. 1-7 [16]Andrea Doria-Milan
(6ª) Sesta giornata
12 dic. 3-1 Andrea Doria-Torino
2-0 Inter-Genoa
6-0 Juventus-Ausonia
1-0 Milan-US Milanese


(7ª) Settima giornata
19 dic. 0-1 Genoa-Milan
0-2 US Milanese-Juventus
1-2 Pro Vercelli-Inter
5-0 Torino-Andrea Doria
(8ª) Ottava giornata
2 gen. 2-6 Ausonia-Inter
0-3 Milan-Pro Vercelli
4-2 Andrea Doria-US Milanese*
24 apr. 0-2 [17]Torino-Genoa


(9ª) Nona giornata
9 gen. 13-1 Torino-US Milanese
1-2 Genoa-Pro Vercelli
24 apr. 2-0 [18][19]Milan-Andrea Doria
(10ª) Decima giornata
16 gen. 3-3 Ausonia-Genoa
5-3 Juventus-Milan
2-5 US Milanese-Inter
2-0 Andrea Doria-Pro Vercelli*


(11ª) Undicesima giornata
23 gen. 0-1 Milan-Juventus
5-1 Pro Vercelli-US Milanese*
3-0 Andrea Doria-Ausonia*
(12ª) Dodicesima giornata
30 gen. 3-0 Andrea Doria-Genoa
2-2 Ausonia-Milan
7-2 Inter-US Milanese
0-0 Juventus-Pro Vercelli


(13ª) Tredicesima giornata
6 feb. 0-0 Ausonia-Andrea Doria*
0-5 Milan-Inter
2-4 Torino-Pro Vercelli
29 mag. 2-0 [18][20]Genoa-Juventus
(14ª) Quattordicesima giornata
13 feb. 4-0 Juventus-Andrea Doria
1-0 Milan-Genoa
0-1 Pro Vercelli-Torino
5-1 US Milanese-Ausonia*


(15ª) Quindicesima giornata
20 feb. 5-0 Inter-Andrea Doria
4-0 Pro Vercelli-Milan
2-0 [18]Torino-Ausonia
1º mag. 3-3 [21]Genoa-US Milanese
(16ª) Sedicesima giornata
27 feb. 1-4 Ausonia-US Milanese*
0-0 Genoa-Torino
5-1 Inter-Milan
4-0 Pro Vercelli-Juventus


(17ª) Diciassettesima giornata
6 mar. 1-3 Andrea Doria-Inter
0-2 [18]Juventus-Genoa
0-1 Milan-Torino
3-0 Pro Vercelli-Ausonia*
(18ª) Diciottesima giornata
3 apr. 4-0 Genoa-Inter
5-0 US Milanese-Andrea Doria*


(19ª) Diciannovesima giornata
10 apr. 0-1 Andrea Doria-Juventus
7-2 Inter-Torino
(20ª) Ventesima giornata
17 apr. 0-2 [18]Ausonia-Torino
24 apr. 1-2 Juventus-US Milanese

SpareggioModifica

Vercelli
24 aprile 1910
Pro Vercelli  3 – 10[22]
referto
  Inter
Arbitro:  Meazza (Milano)

StatisticheModifica

SquadreModifica

Capoliste solitarieModifica

————————————————————————————————————————————
Pro Vercelli
10ª11ª12ª13ª14ª15ª16ª17ª18ª19ª20ª21ª22ª

Classifica in divenireModifica

10ª 11ª 12ª 13ª 14ª 15ª 16ª 17ª 18ª 19ª 20ª 21ª 22ª
 
Andrea Doria 0 0 0 0 0 2 2 4 4 6 8 10 11 11 11 11 11 11 11 11 11 11
Ausonia 1 1 1 1 2 2 2 2 2 3 3 4 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5
Genoa 2 2 4 6 6 6 6 6 6 7 7 7 7 7 8 9 11 13 13 13 15 17
Inter 1 1 1 3 5 7 9 11 11 13 13 15 17 17 19 21 23 23 25 25 25 25
Juventus 0 2 4 4 5 7 9 9 9 11 13 14 14 16 16 16 16 16 18 18 18 18
Milan 0 2 2 2 2 4 6 6 6 6 6 7 7 9 9 9 9 9 9 11 13 13
Pro Vercelli 2 4 6 8 10 10 10 12 14 14 16 17 19 19 21 23 25 25 25 25 25 25
Torino 2 2 2 4 4 4 6 6 8 8 8 8 8 10 12 13 15 15 15 17 17 17
US Milanese 0 2 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4 6 7 9 9 11 11 11 13 13
  • NOTA: a causa dei numerosi rinvii e della disomogeneità delle giornate, la classifica in divenire potrebbe rispecchiare solo in parte il reale andamento delle squadre nel campionato.

Classifiche di rendimentoModifica

Rendimento andata-ritornoModifica
Andata Ritorno
Pro Vercelli 12 Inter 14
Inter 11 Pro Vercelli 13
Juventus 9 Genoa 11
Genoa 6 Torino 11
Milan 6 Juventus 9
Torino 6 US Milanese 9
Andrea Doria 4 Andrea Doria 7
US Milanese 4 Milan 7
Ausonia 2 Ausonia 3
Rendimento casa-trasfertaModifica
In casa In trasferta
Inter 13 Pro Vercelli 13
Pro Vercelli 12 Inter 12
Juventus 11 Genoa 7
Genoa 10 Juventus 7
Torino 10 Torino 7
Andrea Doria 9 Milan 5
Milan 8 US Milanese 5
US Milanese 8 Andrea Doria 2
Ausonia 4 Ausonia 1

Primati stagionaliModifica

Squadre

  • Maggior numero di vittorie: Inter e Pro Vercelli (12)
  • Minor numero di sconfitte: Inter e Pro Vercelli (3)
  • Miglior attacco: Inter (55 reti)
  • Miglior difesa: Pro Vercelli (15 reti)
  • Miglior quoziente reti: Pro Vercelli (3,07)
  • Maggior numero di pareggi: Ausonia (5)
  • Minor numero di vittorie: Ausonia (0)
  • Maggior numero di sconfitte: Ausonia (11)
  • Peggiore attacco: Ausonia (16 reti)
  • Peggior difesa: Ausonia (54 reti)
  • Peggior quoziente reti: Ausonia (0,30)

Partite

  • Partita con più reti: Torino-US Milanese 13-1 (14)

NoteModifica

  1. ^ Critiche alla rinunzia del Piemonte su La Stampa Sportiva n°46/1909 pag.9
  2. ^ a b Corriere della sera, 24 ottobre 1909, p. 3.
  3. ^ Come fece notare la Lettura Sportiva di Torino, «la famosa divisione netta, recisa, distinta delle prove di campionato in due categorie, federale e italiano, formalmente viene eliminata: non ne sussiste che la veste superficiale, la forma apparente per accontentare la maggioranza...» (Chiesa, p. 24).
  4. ^ Chiesa, pp. 24-25.
  5. ^ a b Chiesa, p. 25.
  6. ^ a b Vito Galasso, Il romanzo della grande Inter, Newton Compton Editori, Roma, 17 novembre 2016.
  7. ^ a b c Internazionale F.C., buona la seconda, calcioromantico.com
  8. ^ a b c Chiesa, p. 32.
  9. ^ Filippo Grassia, Gianpiero Lotito. Inter. Il calcio siamo noi, p. 190.
  10. ^ a b c Chiesa, p. 26.
  11. ^ Chiesa, pp. 25-26.
  12. ^ Per la decisiva del Campionato italiano (La Stampa), 23 aprile 1910. URL consultato l'11 aprile 2012.
  13. ^ Cent'anni e sembra ieri - Tanti auguri, Nazionale (La Gazzetta dello Sport), 15 maggio 2010.
  14. ^ Un reclamo della "Pro Vercelli" tendente alla squalifica dell'"Internazionale" (La Stampa), 25 aprile 1910. URL consultato il 6 novembre 2010.
  15. ^ La "Pro Vercelli" squalificata dalla Federazione (La Stampa), 2 maggio 1910. URL consultato il 6 novembre 2010.
  16. ^ Rinviata il 5 dicembre.
  17. ^ Rinviata il 2 gennaio.
  18. ^ a b c d e A tavolino.
  19. ^ Rinviata il 9 gennaio.
  20. ^ Rigiocata dopo annullamento avvenuto il 6 febbraio.
  21. ^ Rinviata il 20 febbraio.
  22. ^ Secondo altre fonti, il risultato potrebbe essere stato di 3-9 o di 3-11. Cfr. il referto del tabellino.

BibliografiaModifica

  • Carlo Chiesa, La grande storia del calcio italiano, inserto di Guerin Sportivo (5/2012)

Collegamenti esterniModifica