Apri il menu principale

Republic Records

etichetta discografica statunitense
Republic Records
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
Fondazione1995
Fondata daMonte Lipman
Avery Lipman
Sede principaleNew York
Noterepublicrecords.com
Sito web

La Republic Records è un'etichetta discografica americana di proprietà di Universal Music Group (UMG). Fondata da Avery Lipman e Monte Lipman come etichetta indipendente nel 1995, è stata acquisita da UMG nel 2000. Republic è stata inizialmente un'impronta del gruppo Universal / Motown Records, ed è stata ribattezzata Universal Republic Records dopo una riorganizzazione nel 2006 prima di tornare al suo nome originale nel 2012.[1][2][3]

Gli artisti firmati alla Republic Records includono Ariana Grande, Nicki Minaj, Drake, Lil Wayne, Amy Winehouse, Nav, The Weeknd, Jessie J, Greta Van Fleet, Taylor Swift, Black Veil Brides, Andy Black, Lorde, MIKA, Christina Grimmie, Florence and the Machine, Post Malone, Hailee Steinfeld, Julia Michaels, Austin Mahone, 3 Doors Down and DNCE.[4] È la filiale della musica country che la Repubblica Nashville ha firmato Florida Georgia Line, The Band Perry, e Eli Young Band.

StoriaModifica

Secondo Avery Lipman, lui e suo fratello Monte hanno concepito Republic Records al tavolo della cucina nel loro appartamento:

Io e mio fratello lavoravamo in case discografiche. Era nel mezzo di un lavoro e abbiamo iniziato a pubblicare dischi per hobby. Avevamo un approccio di base sul business. Il primo disco che abbiamo pubblicato andò molto bene. Era "Bloodhound Gang".[5]

La Republic Records venne costituita nel 1995 come sussidiaria della Geffe Records di MCA, ma poco dopo la distribuzione passò alla nuova Universal Records. I fratelli Lipman accettarono un'offerta da Universal nel 2008 e si dimisero dalla UMG nel 2011.[6][7]

Universal Records: 1999–2005Modifica

Universal Music Group ha acquisito la Repubblica Records dei fratelli Lipman come una sussidiaria interamente controllata nel 1999. Monte Lipman è stato nominato presidente della neonata etichetta Universal Records e Avery Lipman è stato nominato il suo chief operating officer. Hanno riferito a Doug Morris (presidente di Universal Music Group) e Mel Lewinter, presidente di Universal Records Group.

Universal Republic Records: 2006-2012Modifica

A partire dal 2006, Universal Republic Records ha adottato una strategia di crescita basata sul partenariato A&R. Le transizioni dell'industria musicale si sono dimostrate efficaci, e la Universal Republic Records ha continuato a crescere negli anni fino del declino del settore. Nell'estate del 2011, sono state apportate modifiche alla casa discografica Motown Republic Group, Motown Records è stata separata dalla Universal Motown Records (facendola dismettere e trasferendo gli artisti di entrambe a Motown Records o Universal Republic Records) e il marchio fu fuso con The Island Def Jam Music Group, rendendo Republic Universal Records un'unica etichetta discografica.

 
Attuale logo dell'etichetta
 
Il precedente logo utilizzato fino al 2012

Rinascita della Republic Records: 2012-presenteModifica

Nell'ottobre 2012, la Universal Republic Records si è nuovamente ribattezzata come Republic Records per segnare l'arrivo del produttore Rick Rubin.[8] Tutti gli artisti del roster della Universal Republic Records furono trasferiti alla Republic Records. L'etichetta ha pubblicato album di Lil Wayne, Kid Cudi e Tyga; secondo il vice presidente esecutivo Charlie Walk, la nuova Republic Records era l'etichetta numero uno della colonna sonora.[9] Il 31 marzo 2014 è stato annunciato che Big Machine e Republic Records avevano ripreso Dot Records e Chris Stacey avrebbe diretto l'etichetta.[10] Dot era la terza etichetta (dopo Valory e Republic Nashville) introdotta come parte del Big Machine Label Group.[11]

Il 20 giugno 2014 è stato annunciato che la Repubblica si era unita al VH1 per una campagna "Make a Band Famous", che avrebbe scelto un artista per le apparizioni in rete e l'elenco della Repubblica.[12] VH1 and Republic used social media for the campaign.[13] Republic Records had songs in six of the top-10 spots on the Mediabase Top 40 Chart in 2015, tying a 2013 record.[14]

Artisti degni di notaModifica

SussidiarieModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Universal Signs New Agreement With Republic's Monte and Avery Lipman, in The Hollywood Reporter. URL consultato il 21 febbraio 2018.
  2. ^ Chuck Taylor, Lipman to head up Universal Records, in Billboard, 15 gennaio 2000. URL consultato il 21 febbraio 2018.
  3. ^ Gayle Mitchell, Stop in the Name of Shiny Toy Guns, in Billboard, 10 febbraio 2007. URL consultato il 21 febbraio 2018.
  4. ^ (EN) Artists | Republic Records, in Republic Records. URL consultato il 21 febbraio 2018.
  5. ^ Interview with Avery Lipman, HitQuarters, 7 Aug 2006. URL consultato il 23 novembre 2010.
  6. ^ (EN) AVERY LIPMAN APPOINTED CO-PRESIDENT AND COO OF UNIVERSAL REPUBLIC RECORDS - UMG, in UMG, 7 gennaio 2008. URL consultato il 5 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2017).
  7. ^ (EN) Universal Republic's Lipman Brothers Re-Sign With UMG, in The Hollywood Reporter. URL consultato il 5 dicembre 2017.
  8. ^ "Republic Records", Pentagram (design firm), New York, 25 October 2012. Retrieved on 29 April 2018.
  9. ^ Phil Gallo, Q&A: Charlie Walk, Republic's New EVP, on Returning to a Major, Long-Term Strategy, in Billboard, 4 febbraio 2014. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  10. ^ BIG MACHINE LABEL GROUP AND REPUBLIC RECORDS REVIVE LEGENDARY DOT RECORDS, universal music.com, 2014. URL consultato il 2 aprile 2014.
  11. ^ (EN) Scott Borchetta, Chris Stacey on the Relaunch of Dot Records, Big Machine's Latest Imprint, in Billboard. URL consultato il 5 dicembre 2017.
  12. ^ (EN) VH1 and Republic Records Team to Make a Band Famous, su www.adweek.com. URL consultato il 6 dicembre 2017.
  13. ^ Hugh McIntyre, VH1 and Republic Records Use Social Media To, in Forbes. URL consultato il 18 agosto 2015.
  14. ^ Republic Records Promotion Dominates Top 40 Scoring 6 Spots In Top 10, in All Access. URL consultato il 18 agosto 2015.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica