Ariana Grande

cantautrice e attrice statunitense
Ariana Grande
Ariana Grande Grammys Red Carpet 2020.png
Ariana Grande ai Grammy Awards del 2020
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenerePop[1]
Dance pop[1]
Contemporary R&B[2]
Periodo di attività musicale2008 – in attività
Strumentovoce
EtichettaRepublic Records
Album pubblicati12
Studio6
Live1
Colonne sonore1
Raccolte2
Logo ufficiale
Sito ufficiale

Ariana Grande-Butera (IPA: [ˌɑriˈɑːnə ˈɡrɑːnde]; Boca Raton, 26 giugno 1993[3]) è una cantautrice e attrice statunitense.

Vincitrice di due Grammy Awards, un Brit Award, due Billboard Music Awards, tre American Music Awards, nove MTV Video Music Awards e 27 Guinness World Records, ha iniziato la sua carriera nel 2008, nel musical di Broadway, 13, ed è poi divenuta famosa grazie al ruolo di Cat Valentine nelle sitcom di Nickelodeon: Victorious (2010–2013) e il suo spin-off, Sam & Cat (2013–2014). Nel 2011 ha firmato un contratto con l'etichetta Republic Records, pubblicando nel dicembre dello stesso anno il primo singolo Put Your Hearts Up. In seguito ha lavorato per altri due anni al suo album di debutto, Yours Truly, pubblicato nel 2013 e che ottenne subito il primo posto nella Billboard 200, mentre il suo singolo principale, The Way, ha raggiunto la top ten della Billboard Hot 100.

Il suo secondo album in studio, My Everything (2014), ha venduto oltre 9 milioni di copie in tutto il mondo, diventando il più grande successo della cantante, grazie soprattutto ai numerosi singoli estratti, quali One Last Time, Problem e Break Free. Anche il suo terzo album in studio, Dangerous Woman (2016), ottenne un simile successo, grazie ai singoli di fama internazionale Into You, Side to Side e Dangerous Woman. I suoi successori, Sweetener (2018) e Thank U, Next (2019) hanno entrambi debuttato al numero uno in diversi paesi. Il primo ha vinto un Grammy Award al miglior album pop vocale, mentre il secondo è riuscito infatti a vendere 360 000 copie nella prima settimana, diventando il più grande debutto di Ariana Grande. Il disco ha generato le sue due prime numero uno nella Billboard Hot 100, il singolo omonimo e 7 Rings, raggiunte poi da Stuck with U, Rain on Me – con il quale ha vinto il secondo Grammy, ricevendo il premio Best Pop Duo/Group Performance – e Positions nel 2020, rendendola l'artista con più debutti in prima posizione di tale classifica. Sempre nel 2020 ha pubblicato il sesto album in studio Positions, che ha anch'esso esordito ai vertici delle classifiche, e che, a differenza dei suoi predecessori, è prevalentemente R&B.

Nel corso della sua carriera ha venduto oltre 85 milioni di dischi solo negli Stati Uniti e ciascuno dei suoi album in studio è stato certificato disco di platino o più dalla Recording Industry Association of America[4]. Inoltre, la rivista Time ha nominato Ariana Grande come una delle 100 persone più influenti al mondo nel 2016 e nel 2019. Billboard l'ha invece riconosciuta come "donna dell'anno" nel 2018. Dopo aver accumulato oltre 90 miliardi di stream finora, Grande è l'artista femminile più trasmessa in streaming di tutti i tempi[5], nonchè la musicista più seguita su Instragram dal 2019[6]. Attiva nel sociale, Ariana Grande sostiene l'uguaglianza di genere, razziale e LGBT.

Biografia

Primi anni

Ariana Grande-Butera, il cui nome è ispirato alla principessa Oriana di Felix the Cat, è nata il 26 giugno 1993 a Boca Raton, in Florida,[7][8] da Joan Grande, nativa di Brooklyn e manager esecutiva, oltreché proprietaria di un'azienda che produce strumenti per la comunicazione e allarmi di sicurezza per la Marina[9] e Edward Butera, il quale possiede una società di progettazione grafica a Boca Raton[10][11]; nel 1993, i due si sono trasferiti da New York in Florida e si sono separati quando Ariana aveva quasi nove anni.

Ariana Grande si dichiara italo-americana[12] con ascendenze siciliane, abruzzesi[13] e calabresi[14]; i suoi bisnonni Antonio Grande e Filomena Venditti emigrarono nel 1912 da Gildone, in Molise, fino agli Stati Uniti.[15][16][17]. Inoltre, Ariana ha un fratello di dieci anni più grande da parte di madre, Frankie Grande, anch'egli attivo nel mondo dello spettacolo[18][19][20]. Sin da piccola mostrò attitudine e passione per il canto, la recitazione e il ballo, tant'è che a soli quattro anni venne chiamata dalla Nickelodeon per un ruolo nello show All That.

La giovane Ariana si esibì nel teatro per bambini di Fort Lauderdale,[21] interpretando il suo primo ruolo da protagonista in Annie e, sotto l'influenza di Gloria Estefan, iniziò a dilettarsi nel canto. Tra i musical in cui compare Ariana Grande figurano Il mago di Oz e La bella e la bestia.[12][22] All'età di 8 anni si esibì in una sala karaoke su una nave da crociera, dove venne notata dalla sopracitata Gloria Estefan, e fece la sua prima apparizione nella televisione nazionale cantando The Star-Spangled Banner per i Florida Panthers.[23] A dieci anni contribuì a fondare il gruppo dei Kids Who Care (letteralmente, "bambini che ci tengono"), nella Florida del Sud, con cui si esibì in numerose occasioni per beneficenza; solo nel 2007, per esempio, il gruppo incassò più di cinquecentomila dollari.

2008-2013: Broadway e il successo con Victorious e Sam & Cat

 
Ariana Grande al Tribeca Film Festival nel 2010.

Nel 2008, anno in cui iniziò la sua attivià nel mondo della musica, recitò nel ruolo della cheerleader Charlotte nel musical 13 di Broadway,[24] per la quale ricevette il premio di miglior attrice dalla Asociación Nacional de Teatro Juvenil:[25] per recitare in quest'ultimo, prese la decisione di smettere di frequentare la North Broward Preparatory School rimanendone però iscritta; grazie ai materiali inviati dalla scuola, Ariana riuscì a prendere lezioni con professori privati.[3][26] In questo periodo cantò svariate volte al jazz club di New York, Birdland, situato sulla cinquantaduesima strada.[27] L'anno successivo, a cominciò a registrare cover delle canzoni dei suoi artisti preferiti, pubblicandole sul suo canale di YouTube.[28]

In concomitanza con ciò, Grande venne scritturata nello show televisivo Nickelodeon Victorious insieme alla co-protagionista di 13, Elizabeth Gillies. Nella sitcom, ambientata in una scuola superiore di arti dello spettacolo, interpretò Cat Valentine, una studente gentile quanto goffa, la quale nutre un sentimento d'amore verso Robbie, interpretato da Matt Bennett. Per il ruolo, Ariana Grande, su richiesta del produttore esecutivo Dan Schneider, dovette tingersi i capelli di rosso fuoco ogni due settimane.[29] La serie inizò le riprese nel mese di ottobre 2009 ed andò in onda il 27 marzo 2010, raggiungendo un pubblico di 5,7 milioni di spettatori: divenne così il secondo pubblico più vasto mai raggiunto da una serie live-action nella storia della Nickelodeon.[30][31] Il ruolo contribuì ad aumentare la fama di Grande, ma rimase più interessata a una carriera musicale, affermando che recitare è "divertente, ma la musica è sempre stata prima di tutto per me". Nel 2010 recitò e partecipò alla creazione del personaggio di Miriam, nel musical Cuba Libra, scritto e prodotto da Desmond Child.[3]

Nell'agosto del 2011 uscìla prima colonna sonora di Victorious: Music from the Hit TV Show, dove cantò Give It Up, duettando con Elizabeth Gillies.[32] Lo stesso anno, doppiò la Principessa Diaspro nella serie di Nickelodeon Winx Club[33][34] e pubblicò il suo primo singolo, denominato Put Your Hearts Up.[35]

 
Ariana Grande durante la première di Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 2 nel 2011

All'inizio del 2012 venne pubblicato il videoclip di Put Your Hearts Up su Vevo, in seguito oscurato a causa dell'insoddisfazione della cantante per il lavoro svolto.[36] Nell'agosto del medesimo anno, venne annunciata la conclusione di Victorious con la quarta stagione.[37] Durante il Television Critics Association Summer Press Tour il 3 agosto, annunciò che avrebbe recitato in Sam & Cat, interpretando il suo precedente ruolo di Victorious insieme a Jennette McCurdy, per una sitcom tradizionale.[38] Sam & Cat venne ufficialmente annunciato da Nickelodeon il 29 novembre 2012; l'11 luglio, Nickelodeon aumentò di 20 episodi la prima stagione, rendendola di quaranta puntate.[39][40] La terza colonna sonora di Victorious venne pubblicata il 6 novembre 2012 ed fu intitolata Victorious 3.0. Il primo singolo, nonché l'unico brano cantato da Grande nell'album, è LA Boyz (in duetto con Victoria Justice); il video musicale viene pubblicato il 14 ottobre 2012.[41][42]

Nel dicembre 2012 recitò nel ruolo di Biancaneve nella produzione di Pasadena Playhouse, A Snow White Christmas, con Charlene Tilton e Neil Patrick Harris.[43] Successivamente, Grande duettò anche con il cantante britannico Mika per la versione singolo del brano Popular Song[44] e decise di pubblicare diverse cover sul web[45], come quella di I Believe in You and Me, della celebre Whitney Houston.[46]

2013: Il debutto nella musica con Yours Truly

 Lo stesso argomento in dettaglio: Yours Truly (Ariana Grande).

Nel giguno 2013, dopo tre anni di lavoro, Grande completò il suo primo album di inediti, Yours Truly, [47]pubblicando, il 26 marzo 2013, il primo singolo estratto dall'album, The Way, in collaborazione con Mac Miller.[48][49] Il brano entrò subito nella top 10 della Billboard Hot 100, raggiungendo poi la posizione #9.[50] Due giorni dopo la pubblicazione del singolo, venne pubblicato, sul canale Vevo della cantante, il videoclip del brano, che al 2021 conta oltre 400 milioni di visite. Inoltre, The Way ricevette la certificazione di disco di platino negli Stati Uniti (RIAA) e disco d'oro in Australia (ARIA).[51][52]

Il secondo singolo dell'album, Baby I, arrivò nei negozi il 22 luglio ,[53] mentre il rispettivo videoclip viene pubblicato il 6 settembre seguente.[54] La canzone scalò la classifica statunitense fino alla posizione #21.[55] Il 7 agosto venne rilasciato il brano Right There (feat. Big Sean) come terzo singolo estratto da Yours Truly,[56] mentre il 30 ottobre dello stesso anno venne poi pubblicato il rispettivo videoclip.[57] Anche Right There fece il suo ingresso nella Billboard Hot 100.[55] L'album venne pubblicato il 2 settembre 2013 nel Regno Unito, e un giorno dopo negli Stati Uniti d'America, tramite la Republic Records.Yours Truly debutò alla posizione #1 della Billboard 200, vendendo 138 000 copie nella sua prima settimana.[58] Il disco, oltre a i tre singoli precedentemente presentati, presentava la hit europea Popular Song rilasciata l'anno precedente.[59]

Nell'estate del 2013, Ariana venne scelta da Justin Bieber per aprire i concerti della sua tappa nordamericana del Believe Tour. [60] Il 13 agosto, invece, intraprese The Listening Session, tour di dieci concerti che la tennero occupata fino al 9 settembre dello stesso anno. Ques'ultimo, volto a promuovere il suo disco negli Stati Uniti,[61] presentava anche una data in Canada. Il 25 agosto 2013 si esibì per la prima volta agli MTV Video Music Awards 2013, portando i singoli Baby I e The Way.[62][63] Per i successivi MTV Europe Music Awards 2013 di Amsterdam, invece, Grande fu presentatrice del backstage.[64][65] Nella stessa serata portò il singolo di fama internazionale The Way, accompagnato da Tattooed Heart, brano presente in Yours Truly. La Grande riuscì a trionfare, portando a casa il premio di Nuovo artista dell'anno.[66]

A fine 2013, Grande lanciò diverse canzoni natalizie:[67] Last Christmas, Love is everything, Snow in California, e Santa Baby (feat. Elizabeth Gillies).[68] Il 28 novembre 2013, durante il giorno del ringraziamento a New York, Grande partecipò all’87th Annual Macy's Thanksgiving Day Parade, interpretando la sua cover del brano natalizio Last Christmas, mentre il 17 dicembre 2013, venne pubblicato il suo primo EP intitolato Christmas Kisses, contenente tutte e quattro le canzoni natalizie presentate in precedenza.[69] Il 31 dicembre seguente, Grande si esibì con le sue hit The Way e Right There all'evento di fine anno Dick Clark's New Year's Rockin' Eve.[70]

2014-2015: L'inizio del successo planetario con My Everything e l'Honeymoon Tour

 Lo stesso argomento in dettaglio: My Everything (Ariana Grande).

Il 27 aprile 2014, Ariana Grande presentò in anteprima ai Radio Disney Awards il brano Problem.[71] Il singolo venne pubblicato il giorno seguente come primo singolo estratto dall'imminente secondo disco.[72] Il brano, in collaborazione con la rapper Iggy Azalea, ottenne un enorme successo globale, e raggiunge la posizione #2 della Billboard Hot 100;[73] divenne, inoltrre, anche uno dei singoli più venduti del 2014, nonché una delle più grandi hit dell’intera carriera della cantante, vendendo in totale oltre 20 milioni di copie in tutto il mondo.[74] Con Problem, Ariana Grande vinse il premio come Miglior Video Pop agli MTV Video Music Awards 2014.[75] Infine, al 2021, il brano può fregiarsi di più di 1 miliardo e 200 milioni di visualizzazioni su YouTube, alle quali si aggiungono i più di 600 milioni di ascolti sulla piattaforma Spotify.[76][77]

Il 3 luglio 2014, venne pubblicato il singolo Break Free, in collaborazione con il dj Zedd:[78] il brano riscosse anch'esso un grandissimo successo planetario, vendendo decine di milioni di copie. Il video del brano venne pubblicato il 13 agosto tramite il canale Vevo della cantante.[79] Break Free raggiunse così la posizione #4 della Billboard Hot 100.[80]

 
Ariana Grande durante l'HoneyMoon Tour a Giacarta nel 2015

Il 29 luglio 2014, Ariana Grande collaborò, insieme alla rapper Nicki Minaj, al singolo Bang Bang, brano estratto dall'imminente album della cantante britannica Jessie J.[81] Il brano scalò velocemente le classifiche di iTunes, arrivando alla prima posizione in numerosi paesi tra cui Stati Uniti e Hong Kong.[82] Nella sua prima settimana, Bang Bang debuttò direttamente alla posizione #6 della Billboard Hot 100, con oltre 230 000 copie vendute. Raggiunse in seguito la posizione #3.[83] Poco dopo, Grande diventò una dei pochissimi artisti della storia ad avere ben tre singoli (Bang Bang, Break Free e Problem) contemporaneamente nella top 10 della Billboard Hot 100.[82] Il 25 agosto 2014, Ariana Grande pubblicò il suo secondo album in studio, My Everything, che debuttò alla posizione #1 sulla Billboard 200.[84] Il 30 settembre, un mese dopo aver pubblicato il singolo promozionale Best Mistake (feat. Big Sean), Grande estrasse da My Everything il terzo singolo ufficiale, Love Me Harder, in collaborazione con il cantante canadese The Weeknd.[85] Il singolo ottenne senza dubbio un grande successo, raggiungendo la posizione #7 della Billboard Hot 100.

Il 24 novembre, Ariana Grande pubblico il singolo natalizio Santa Tell Me.[86] Il brano viene ancora oggi considerato da molti una delle principali hit natalizie. Durante il periodo festivo del 2020, infatti, Santa Tell Me ha accumulato più di 12 milioni di ascolti su Spotify in sole 24 ore, diventando la terza canzone più riprodotta in un solo giorno, appena dietro All I Want for Christmas Is You di Mariah Carrey e Last Chistmas degli Wham!.[87] Ariana Grande comparve anche all'album Dark Sky Paradise del rapper e collaboratore Big Sean,[88] con il quale ebbe una relazione tra il 2014 e il 2015.

Il 17 febbraio 2015 venne estratto infine il quarto ed ultimo singolo dell'album My Everything, One Last Time,[89] di cui venne prodotto anche il video musicale, che ottiene la certificazione Vevo alcuni giorni dopo la sua pubblicazione.[90] Il brano raggiunse in poco tempo la top 15 della classifica statunitense, diventando l'ennesima hit planetaria della cantante. Il 25 febbraio 2015 iniziò il The Honeymoon Tour, la seconda serie di concerti e il primo tour mondiale da solista della cantante, per promuovere My Everything[91]: i concerti iniziarono presso la provincia di Independence e finirono a San Paolo in Brasile il 25 ottobre dello stesso anno; la serie di spettacoli toccò anche l'Italia il 25 maggio, per una data sold out al Mediolanum Forum di Milano.[92]

2015-2017: Attività televisive, Dangerous Woman e l'attentato di Manchester

 Lo stesso argomento in dettaglio: Dangerous Woman (album Ariana Grande).

A maggio 2015, la cantante è già al lavoro per il suo terzo album, con l'aiuto di molti produttori, tra cui Cashmere Cat, con il quale pubblica il singolo Adore.[93] Tramite Twitter, la cantante annuncia il possibile nome del nuovo album, Moonlight, dichiarando che sarebbe potuto uscire nella prima metà del 2016.[94]

A marzo, viene scelta per la serie televisiva horror Scream Queens, ottenendo il ruolo di Chanel #2, una studentessa diciannovenne che prende parte ad una sorellanza.

Il settembre 2015 viene pubblicato il brano E più ti penso, in cui la cantante duetta con il tenore Andrea Bocelli cantando in lingua italiana, incluso nel seguente album del cantautore, Cinema, pubblicato il 23 ottobre dello stesso anno.[95] Il video del brano esce il 13 ottobre. Vede scene girate tra Roma e Tokyo ed è diretto da Gaetano Morbioli.[96]

Il 30 ottobre 2015 pubblica il singolo Focus, accompagnato dal video musicale,[97] che al 2021 conta quasi 1 miliardo di visite. Di grandissimo successo soprattutto in Asia ed Europa, Focus è il primo brano da solista di Ariana Grande a entrare nella top 10 della Billboard Hot 100, raggiungendo la posizione #7.

Il 18 dicembre 2015 viene pubblicato Christmas & Chill, un EP di sei tracce basato sul Natale con appropriati sound e testi.[98]

 
Ariana Grande intervistata da Pure Dope Magazine l’8 aprile 2016

L'11 febbraio 2016 esce il film Zoolander 2 in cui Ariana recita nel ruolo di Latex BDSM, una ragazza che tenta di sedurre Hansel McDonald (ruolo interpretato da Owen Wilson).

Pochi giorni dopo, Ariana Grande annuncia il titolo ufficiale del suo terzo album in studio, Dangerous Woman.

Il primo singolo del disco, l'omonimo Dangerous Woman, viene pubblicato l'11 marzo 2016. La canzone raggiunge la posizione numero #8 della Billboard Hot 100, diventando l’ennesima top 10 hit della pop star, con più di 1 miliardo e mezzo di riproduzioni, tra YouTube e Spotify combinati, al 2021. Il brano è subito seguito dalla pubblicazione del singolo promozionale Be Alright, reso disponibile per lo streaming la settimana seguente. Be Alright debutta nella top 50 della classifica statunitense, nonostante la mancanza di un relativo videoclip e del supporto radio.

Il 18 marzo esce esclusivamente per lo streaming il brano Let Me Love You, inciso in collaborazione con il rapper Lil Wayne. La canzone viene promossa da un videoclip, pubblicato sull’account YouTube della Grande.

L'album viene infine pubblicato il 20 maggio dello stesso anno. Dangerous Woman debutta alla posizione #2 della Billboard 200, per poi rimanere in classifica per 154 settimane, diventando l’ottavo album femminile più longevo in classifica del decennio.

Il 23 maggio 2016 viene rilasciato il videoclip di Into You, secondo singolo ufficiale del disco. La canzone replica il successo di Dangerous Woman, raggiungendo la top 15 negli Stati Uniti e accumulando, sia su Spotify che su YouTube, più di 800 milioni di riproduzioni, raggiungendo quindi un totale di quasi 2 miliardi.

Il 28 agosto 2016 la Grande si esibisce agli MTV Video Music Awards con il terzo singolo ufficiale di Dangerous Woman, Side to Side, in collaborazione con la rapper Nicki Minaj. Il videoclip della canzone viene pubblicato la notte stessa e raggiunge il miliardo di visualizzazioni in pochi mesi. Al 2021, è il video più visto di Ariana Grande con più di 1 miliardo e 900 milioni di visualizzazioni; anche su Spotify supera il miliardo di ascolti. Side To Side è considerata così una delle collaborazioni femminili di maggior successo della storia, nonché una delle più grandi hit del decennio 2010-2020. Il brano scala la Billboard Hot 100 fino ad arrivare alla posizione #4.

Nel novembre 2016, Grande collabora con Stevie Wonder al singolo Faith, utilizzato come colonna sonora del film Sing.

Il 20 novembre dello stesso anno, Ariana Grande è insignita del rinomato premio di Artist Of The Year agli American Music Awards.

Il 7 dicembre 2016, invece, ritorna nelle scene televisive e prende parte al musical Hairspray Live!, recitando nel ruolo di Penny.

Il 26 febbraio 2017 viene pubblicato il video musicale del brano Everyday, in collaborazione con il rapper Future. Everyday è l’ultimo singolo estratto da Dangerous Woman. Riscuote un buon successo superando le 200 milioni di views su YouTube e facendo il suo ingresso nella Billboard Hot 100.

Ariana Grande appare nella copertina dell’edizione di aprile 2017 della nota e celebre rivista Cosmopolitan.

 
Ariana Grande durante il suo Dangerous Woman Tour nel 2017

Nel febbraio 2017, Grande dà il via al suo secondo tour mondiale, il Dangerous Woman Tour, con tappe in Europa (tra cui una al PalaLottomatica di Roma e una al Palasport Olimpico di Torino per due date sold out), America, Oceania e Asia.[99]

La sera del 22 maggio 2017, al termine della tappa presso la Manchester Arena, un attentato terroristico provoca 22 vittime e più di 500 feriti tra gli spettatori dello show; l'artista rimane illesa.[100] In risposta a tale avvenimento, viene organizzato, per il 4 giugno seguente, un concerto di beneficenza intitolato One Love Manchester, al quale la Grande invita a partecipare artisti di primo piano della musica pop internazionale.[101] Vengono raccolti così circa 18,5 milioni di euro, destinati poi alla Croce Rossa Britannica.[102] Il concerto vede esibizioni degli artisti Katy Perry, Miley Cyrus, Liam Gallagher e molti altri.[103] Per riconoscere i suoi sforzi, il Consiglio Comunale di Manchester nomina la Grande la prima cittadina onoraria di Manchester.[104] Il tour riprende il 7 giugno a Parigi e si conclude il 21 settembre 2017 ad Hong Kong.[105][106]

Ad agosto 2017, la Grande appare in un episodio di Apple Music Carpool Karaoke, interpretando canzoni insieme a Seth MacFarlane.[107] Diventa inoltre un'ambasciatrice del marchio Reebok per un anno.[108]

In un periodo che va dal 2015 al 2017, Grande mette in commercio cinque fragranze con Luxe Brands, incassando oltre 150 milioni di dollari in vendite globali.[109][110]

Nel dicembre 2017, la rivista Billboard l'ha nominata Female Artist Of The Year.[111]

2018: L'inizio di una nuova era con Sweetener

 Lo stesso argomento in dettaglio: Sweetener.

Il 20 aprile 2018, Ariana Grande torna sulla scena musicale dopo mesi di silenzio, pubblicando il singolo No Tears Left to Cry, primo estratto dal suo imminente quarto album in studio.[112] Lo stesso giorno si esibisce per la prima volta al festival musicale Coachella a Indio, California, portando No Tears Left To Cry.[113] La canzone debutta alla posizione #3 della Billboard Hot 100, mentre raggiunge la prima posizione su iTunes in oltre 90 paesi.[114] Grazie ai testi della stessa interprete, il brano vuole inviare un messaggio d'amore contro la paura, facendo riferimento all'attentato di Manchester.[115][116] Al 2021, il brano conta più di 2 miliardi di riproduzioni tra Spotify e YouTube combinati.[117][118]

Il 1º maggio partecipa al The Tonight Show Starring Jimmy Fallon, dove si esibisce nuovamente con No Tears Left to Cry e annuncia il titolo del suo quarto album in studio: Sweetener. Rivela inoltre il titolo di diverse tracce del disco, nonché alcune curiosità sulla scrittura e realizzazione di esso.[119]

Il 2 giugno canta al Wango Tango una parte del brano The Light Is Coming, in collaborazione con Nicki Minaj, pubblicato successivamente il 20 giugno come primo singolo promozionale del disco.[120] Sempre il 20 giugno, oltre al brano e al suo relativo videoclip, vengono resi disponibili il pre-ordine dell'album Sweetener e il nuovo merchandising sul sito ufficiale della cantante.[121]

Sempre a giugno 2018, Ariana Grande partecipa ai brani Dance to This, singolo del cantante australiano Troye Sivan[122], e Bed, con Nicki Minaj.[123]

Il 13 luglio 2018 viene pubblicato a sorpresa il secondo singolo ufficiale dell’album, intitolato God Is a Woman.[124] Merito anche delle forti immagini del video musicale, God is a Woman si riferisce alla potenza della sessualità femminile, ed è considerato da molti uno dei principali inni femministi della scena musicale pop internazionale degli ultimi anni. In chiave female-power, God Is a Woman illustra nel suo videoclip tantissimi riferimenti evocativi e simbologie provenienti dal mondo dell'arte, dalla Creazione di Adamo di Michelangelo, in cui Ariana è Dio, alla Lupa capitolina, fino al monologo, che nel video è interpretato con la voce di Madonna, che fa riprende il celebre Ezechiele 25:17, il passaggio biblico inventato da Quentin Tarantino.[125] Durante la sua settimana di debutto, il brano si posiziona undicesimo all'interno della Billboard Hot 100, per poi raggiungere la top 10 della classifica a seguito dell'uscita dell'album, piazzandosi alla posizione #8.[126]

Sweetener viene rilasciato il 17 agosto 2018, debuttando direttamente in vetta alla Billboard 200.[127] Acclamato sia dal pubblico che dalla critica, Sweetener è per Grande un simbolo di rinascita, che la introduce nel mondo del vero R&B e della musica nu-disco, stili nuovissimi e differenti dal già sperimentato pop. Come dalla stessa Grande affermato, Sweetener, letteralmente addolcente, vuol far ricordare agli ascoltatori come sia importante cercar di portare dolcezza e luce anche nei momenti più difficili, facendo riferimento al doloroso periodo affrontato dalla Grande a seguito dell'attentato al Dangerous Woman Tour l'anno precedente.[119][128]

Nei giorni adiacenti all’uscita dell’album, Grande partecipa ad una puntata del Carpool Karaoke di James Corden[129] e al The Tonight Show Starring Jimmy Fallon, programma in cui si esibisce con una cover di (You Make Me Feel Like) A Natural Woman, in onore della morte di Aretha Franklin.[130]

Il 21 agosto 2018 si esibisce agli MTV Video Music Awards di New York con il singolo God Is a Woman, cerimonia in cui vince il premio di Best Pop Video per No Tears Left to Cry.[131]

Il 20 agosto 2018, Ariana Grande intraprende The Sweetener Sessions, un piccolo tour svoltosi in alcuni teatri di Nord America ed Europa per promuovere l'uscita di Sweetener. Il tour è iniziato a New York e si è concluso a Londra il 4 settembre dello stesso anno, avendo un totale di quattro date.

Il 29 settembre 2018 Spotify allestisce una mostra in tema Sweetener sempre a New York, in onore del grande successo riscontrato dall’album nella piattaforma streaming.[132]

Nel novembre 2018 viene pubblicato il videoclip del brano Breathin, nonché nona traccia di Sweetener.[133] La canzone, già inviata alle radio statunitensi nel mese di settembre come terzo e ultimo singolo del disco, affronta la tematica del disturbo d'ansia.[128] In una scena del videoclip, ambientato in un'affollata stazione ferroviaria, nella quale una confusa Ariana è smarrita, si scorge di sfuggita un grande tabellone, indicante diversi orari di partenza. Nel tabellone si riescono a leggere titoli di diverse canzoni, successivamente svelate come tracce del successivo album in studio della cantante, di cui lei stessa rivela il titolo poco dopo: Thank U, Next.[134][135] Breathin scala la celebre Billboard Hot 100 fino alla posizione #12.[126]

2019: I record di Thank U, Next e lo Sweetener World Tour

 Lo stesso argomento in dettaglio: Thank U, Next.

Il singolo principale omonimo di Thank U, Next viene pubblicato a sorpresa il 3 novembre 2018.[136] La canzone debutta alla posizione #1 della Billboard Hot 100, diventando il primo singolo della cantante a raggiungere tale traguardo.[137] Di enorme successo, viene rapidamente certificato disco di platino negli Stati Uniti,[138] mentre il videoclip del brano batte il record per il video più visto su YouTube entro le prime 24 ore dalla pubblicazione.[139] Il music video di Thank U, Next diviene anche il più veloce a raggiungere 100 milioni di riproduzioni. Su Spotify, invece, il brano diventa il più veloce a raggiungere 100 milioni di ascolti, raggiungendo questo traguardo in soli 11 giorni, e la canzone più ascoltata da un'artista femminile in un periodo di 24 ore, con 9,6 milioni di riproduzioni.[140]

Il 7 novembre 2018, la Grande è ospite al The Ellen Show, dove si esibisce con gli ultimi singoli Breathin e Thank U, Next. Il 6 dicembre seguente, invece, Ariana si esibisce ai Billboard Women in Music[141], cerimonia in cui riceve il riconoscimento di Donna dell'anno.[141]

Il 14 dicembre 2018 arriva nei negozi il brano Imagine, singolo promozionale dell'imminente album, che a seguito dell'uscita del disco raggiunge la posizione #21 della Billboard Hot 100, senza videoclip e senza supporto radio.[142][143]

Il secondo singolo ufficiale estratto da Thank U, Next, 7 Rings, viene pubblicato il 18 gennaio 2019. Debutta immediatamente alla posizione #1 della Billboard Hot 100, rendendo quindi Ariana Grande la terza artista femminile con più debutti in prima posizione.[144] La canzone batte i diversi record nel settore dello streaming già raggiunti dal brano Thank U, Next: 7 Rings riesce infatti a raggiungere 100 milioni di riproduzioni in soli 9 giorni, più di qualsiasi altra canzone. Inoltre, il brano rimane in vetta alla Hot 100 per ben 8 settimane, più di qualsiasi altro brano della Grande,[145] e diventa ben presto una hit globale di enorme successo: al 2021, 7 Rings conta infatti più di 1 miliardo e 400 milioni di ascolti su Spotify, il che lo rende quindi uno dei 50 brani con più riproduzioni della storia della piattaforma. Anche il video clip supera il miliardo di visite. 7 Rings viene da molti considerato il più grande successo nella carriera della cantante, insieme alle celebri Problem, Side to Side e Thank U, Next.

Il disco Thank U, Next viene pubblicato l'8 febbraio 2019. Debutta alla posizione #1 della Billboard 200, vendendo 360 000 copie, segnando il più alto debutto della Grande. Ricevendo recensioni eccellenti dalla critica, Thank U, Next batte il record per i più ascolti accumulati da un album pop e da un album femminile in una sola settimana su Spotify, sia globalmente che negli Stati Uniti.[146]

La Grande diventa, grazie al rilascio del terzo singolo dell'album, la prima solista in assoluto a occupare i primi tre posti della Billboard Hot 100. Durante la settimana coincidente all'uscita dell'atteso disco, infatti, 7 Rings rimane stabile in prima posizione, Break Up with Your Girlfriend, I'm Bored debutta alla posizione #2, e Thank U, Next risale alla posizione #3.[147] Nel Regno Unito, invece, Ariana Grande diviene la seconda artista solista femminile ad occupare contemporaneamente la prima e la seconda posizione in classifica, e la prima artista a sostituirsi alla prima posizione due volte consecutivamente.[148] Il video di Break Up with Your Girlfriend, I'm Bored viene pubblicato l'8 febbraio 2019.[149]

Il 12 febbraio 2019, Ariana Grande vince il suo primo Grammy Award, ottenendo il premio Best Pop Vocal Album con Sweetener, mentre il 20 febbraio 2019 vince un Brit Award come Artista solista femminile internazionale.[150]

 
Ariana Grande durante una delle tappe dello Sweetener World Tour alla O2 Arena di Londra nel 2019, che si esibisce con No Tears Left To Cry

Il 18 marzo 2019, la Grande intraprende il suo terzo tour mondiale, lo Sweetener World Tour, allo scopo di promuovere entrambi gli album Sweetener e Thank U, Next. Il tour la tiene occupata fino al 22 dicembre dello stesso anno, con un totale di 101 tappe.[151]

La cantante viene nominata in nove categorie dei Billboard Music Awards 2019.[152] Si esibisce alla cerimonia con una performance pre-registrata durante il suo show a Vancouver dello Sweetener World Tour.[153]

Durante l'anno è l'headliner di due tra i più importanti festival musicali degli Stati Uniti, ovvero il Coachella[154] e il Lollapalooza.[155]

A giugno 2019, Ariana annuncia di essere produttrice esecutiva della colonna sonora di Charlie's Angels, insieme a Savan Kotecha, Ilya e Max Martin. Una collaborazione con le colleghe Miley Cyrus e Lana Del Rey, intitolata Don't Call Me Angel, viene estratta come primo singolo della colonna sonora il 13 settembre 2019. Don't Call Me Angel raggiunge la posizione #13 della Billboard Hot 100.[156]

Ad agosto 2019 viene pubblicato il singolo Boyfriend con il duo Social House, in vista del loro EP di debutto. Il brano debutta alla pozione #8 della Billboard Hot 100, diventando la quarta top 10 hit dell'anno per la Grande.[157]

Ariana co-scrive inoltre il singolo di debutto da solista della cantante Normani, intitolato Motivation, che viene messo in commercio il 16 agosto 2019.[158]

La Grande appare nella copertina dell’edizione di Agosto 2019 della nota rivista Vogue insieme al cane Toulouse.

Continua a vincere premi, come i tre MTV Video Music Awards il 26 agosto. Ariana Grande perde tuttavia la categoria più prestigiosa, il Video Of The Year, dove era nominata con Thank U, Next.[159] Boyfriend vince però Canzone migliore dell'estate, 7 Rings invece Migliore direzione artistica. Infine, viene nominata Artista dell'anno.

Il 25 ottobre 2019 viene pubblicato invece il remix del brano Good as Hell della cantante e rapper Lizzo, a cui Grande prende parte[160].

Il 23 dicembre, invece, pubblica K Bye for Now (SWT Live), l'acclamato album dal vivo, in seguito alla conclusione dello Sweetener World Tour.[161]

A gennaio 2020, i singoli 7 Rings e Thank U, Next raggiungono il miliardo di streams su Spotify, mentre il 26 dello stesso mese partecipa ai Grammy Awards, esibendosi con un medley di Imagine, My Favorite Things, 7 Rings e Thank U, Next, evento che segnerà la fine dell'era di Thank U, Next.

Il 23 febbraio 2020 appare nella seconda puntata della seconda stagione della tragicommedia Kidding - Il fantastico mondo di Mr. Pickles di Jim Carrey, intitolata Up, Down and Everything in Between, che vede la cantante nei panni di Piccola Grande, una fata della speranza; le scene vengono girate nell'estate precedente durante una pausa dallo Sweetener World Tour.[162]

2020-presente: Collaborazioni, Positions e Ariana Grande: Excuse Me, I Love You

 Lo stesso argomento in dettaglio: Positions e Ariana Grande: Excuse Me, I Love You.

L'8 maggio 2020 uscì Stuck with U in collaborazione con Justin Bieber, brano i cui proventi vennero destinati ai figli degli operatori sanitari in prima linea nella battaglia per il COVID-19.[163] Il 22 maggio venne pubblicata invece la collaborazione con Lady Gaga, Rain on Me, secondo singolo ufficiale di Chromatica, sesto album di quest'ultima.[164] La data di uscita del singolo coincise con la data dell'attentato di Manchester, che ha avuto luogo nel concerto del Dangerous Woman Tour di Grande. Il brano, infatti, vuole ricordare come dal dolore si possano sempre trovare aspetti positivi da cui rialzarsi. Entrambi i singoli esordirono alla prima posizione della Billboard Hot 100, rendendo Ariana Grande l'unica artista nella storia ad aver avuto quattro debutti in vetta alla classifica statunitense.[165] Il 30 agosto, Grande eseguì Rain on Me insieme a Lady Gaga agli MTV Video Music Awards 2020; successivamente, la cantante ricevette quattro premi, di cui tre riguardanti Rain on Me e un altro riguardante Stuck with U. Nella medesima serata, Rain on Me vinse il rinomato premio di Song Of The Year.[166]

Dopo alcuni rumors circolati su Twitter, e un'anteprima dell'audio di un nuovo brano, il 14 ottobre 2020 la cantante annunciò un nuovo disco, la cui l'uscita era prevista entro la fine del mese.[167] Alcuni giorni dopo, tramite un countdown pubblicato sul sito della cantante, venne rivelato il titolo del progetto, Positions, nonché la data di pubblicazione, il 30 ottobre 2020.[168] Il brano omonimo fu pubblicato come singolo apripista del disco il 23 ottobre 2020, insieme al relativo videoclip. In quest'ultimo, la cantante viene ritratta come presidente degli Stati Uniti, rendendo Positions un vero inno all'emancipazione femminile; nelle scene del video musicale lo Studio Ovale, è possibile infatti riconoscere il giardino sud della Casa Bianca e il Gabinetto degli Stati Uniti d'America.[169] Il singolo debuttò alla posizione #1 della Billboard Hot 100, rendendo Ariana la prima e unica artista della storia della musica a debuttare tre volte in un anno direttamente in vetta alla classifica dei singoli più venduti negli Stati Uniti,[170] ed estendendo anche il suo record quale cantante con il maggior numero di debutti al primo posto nella storia della celebre chart: ben cinque.[171] L'album, composto da 14 tracce, comprese collaborazioni con Doja Cat, The Weeknd e Ty Dolla $ign.[172] Il disco esordì in vetta alla Billboard 200, segnando la quinta numero uno della cantante in tale classifica,[173] trainato anche dal secondo singolo 34+35, estratto la settimana stessa, con un video pubblicato nel novembre seguente.[174] A seguito del ragguardevole successo nelle piattaforme streaming, 34+35 diventa la quarta top 10 hit dell'anno per la Grande, debuttando direttamente alla posizione #8.[175] Di grande successo sono anche le tracce POV e Motive.La prima in particolare, grazie all'applicazione TikTok, divenne il brano non-singolo più longevo nella storia della Billboard Hot 100 per un'artista femminile, trascorrendo ben sei settimane in tale classifica, privo di videoclip e senza alcuna produzione radio.

Nel dicembre 2020, Grande e Jennifer Hudson collaborarono con Mariah Carey per il remix della canzone Oh Santa!,[176] che rientrò nella classifica statunitense al numero #76. Sempre nello stesso mese, uscì su Netflix l'attesissimo docu-film Ariana Grande: Excuse Me, I Love You,[177] il quale ripercorre lo svolgimento dello Sweetener World Tour tenutosi tra Nord America ed Europa nel 2019, a favore dei precedenti dischi Sweetener e Thank U, Next.[178]

Il 15 gennaio 2021, venne pubblicato il remix del brano 34+35, con la partecipazione delle rapper statunitensi Doja Cat e Megan Thee Stallion. Grazie al remix e al relativo video, pubblicato il 12 febbraio seguente, 34+35 scalò la top 10 della Billboard Hot 100, arrivando alla posizione #2. Insieme all'uscita del nuovo video musicale, venne annunciata la versione deluxe dell'album. Una settimana dopo l'uscita del videoclip di 34+35 Remix, venne messa in commercio la versione deluxe di Positions, comprendente quattro inediti e il sopracitato remix.[179] Positions (Deluxe Edition), dunque, divenne l'album femminile in versione deluxe più riprodotto in 24 ore nella storia di Spotify.[180] Inoltre, a seguito del rilascio del supporto in vinile del disco, Positions diventò l'LP femminile più venduto (32 000 copie) in una sola settimana da un'artista femminile in suolo statunitense.[181]

Il 14 marzo 2021, a corollario di un'ottima annata della cantautrice statunitense, vinse il secondo Grammy Award della sua carriera, ricevendo il premio di Best Pop Duo/Group Performance con Rain on Me, sopracitato singolo in collaborazione con Lady Gaga. Il 31 marzo seguente annuncò la sua partecipazione quale coach nella ventunesima stagione di The Voice, il cui inizio fu in programma per il 20 settembre successivo[182].

Il 2 aprile seguente venne pubblicato il settimo album della cantante statunitense Demi Lovato. Met Him Last Night, la nona traccia del disco, nonché secondo singolo ufficiale, vide la Grande come ospite.[183] Il brano fu scritto dalla stessa Ariana e prodotto da Tommy Brown e Peter Lee Johnson.[184] Pochi giorni dopo l'uscita del brano con Demi Lovato, venne annunciato dal cantante canadese The Weeknd la terza collaborazione con Ariana Grande, questa volta ospite nel remix di Save Your Tears. Il nuovo brano, promosso anche da una performance agli iHeart Radio Music Awards, venne pubblicato il 23 aprile, accompagnato dal relativo video realizzato in animazione.[185] La canzone raggiunse la vetta della Billboard Hot 100, diventando la sesta #1 per entrambi gli artisti.[186] Riscosse un notevole successo commerciale, rimanendo in vetta alla sopracitata classifica per due settimane consecutive.[187] Ariana Grande divenne così la prima artista donna della storia a totalizzare tre duetti in vetta alla celebre classifca americana, seconda solo a Paul McCartney.[188]

Il 15 maggio 2021, sposò in gran segreto Dalton Gomez, agente immobiliare nella compagnia real estate Aaron Kirkman Group. I due erano comparsi insieme nel videoclip della sua canzone Stuck With U.[189]

Inoltre, in occasione del quinto anniversario di Dangerous Woman, il 20 maggio 2021 fu distribuita digitalmente un'edizione speciale dell'album, comprensiva dei brani Jason's Song (Gave It Away) e Step on Up, entrambi precedentemente inclusi nell'edizione CD dell'album venduta esclusivamente nei negozi Target.[190]

Il 21 giugno seguente venne rilasciato, tramite il canale Vevo della cantante, un video-performance del brano POV,[191] già inviato nel mese di aprile alle radio statunitensi come terzo singolo estratto da Positions. Dopo aver trascorso diverse settimane nella classifica airplay USA insieme ai singoli 34+35 e Positions, durante i mesi di aprile e maggio, POV rese Ariana Grande la sola artista della storia ad aver occupato la top 10 di tale classifica con ben tre singoli.[192] Promosso da un lyric-dance video,[193] POV raggiunse la top 5 della classifica radio Billboard nel mese di giugno.[194] Il brano inoltre scalò la celebre Billboard Hot 100 fino alla top 30, piazzandosi alla posizione #27.[195] Il 25 giugno, inoltre, venne messo in commercio il terzo disco della rapper statunitense Doja Cat, contenente I Don't Do Drugs, traccia nella cui la Grande è ospite.[196]

Tra il giugno e il luglio del 2021, come avvenuto per la promozione del singolo POV, la cantante rilasciò a fini promozionali cinque nuove performance di brani estratti dall'ultimo album in studio Positions. Tali performance, pubblicate tramite il suo canale YouTube in collaborazione con Vevo, compresero registrazioni dal vivo dei brani Safety Net (in collaborazione con Ty Dolla $ign), My Hair, 34+35, Off The Table (in collaborazione con The Weeknd) e Positions.[197] Il 15 ottobre uscì l'album di Kelly Clarkson, già sua collega a The Voice, nel quale comprve Ariana Grande quale ospite nell'ottava traccia, Santa, Can't You Hear Me[198].

Stile e influenze musicali

Stile e generi musicali

La musica di Ariana è generalmente descritta come pop ed R&B con elementi di EDM, hip hop,[1][199][200][201] e trap,[202][203][204] quest'ultima delle quali ha visto una maggiore incorporazione nella sua musica man mano che la sua carriera è progredita, apparendo in primo piano nella sua EP Christmas & Chill, e in seguito molto presente nei suoi quarto e quinto album in studio, Sweetener e Thank U, Next. Ariana Grande ha detto che è cresciuta ascoltando principalmente musica pop e musica anni '90.[199] Il suo album di debutto, Yours Truly venne complimentato per aver ricreato l'"atmosfera" degli anni '90 dell'R&B con l'aiuto del cantautore e produttore Babyface.[205] L'album seguente, My Everything, è stato descritto come un'evoluzione dal suo primo album con nuovi suoni che esplorassero i generi EDM ed elettropop.[206] La recensione del Los Angeles Times del suo terzo album, Dangerous Woman, diceva che è "impressionante quanto completamente trasmette l'ambiente emotivo di ogni canzone qui, anche quando una contraddice direttamente un'altra.... Si sta... adattando [a] stili diversi".[207] Elias Leight di Rolling Stone ha dichiarato che "la cantante abbraccia molto il suono dell'hip-hop del Sud [degli Stati Uniti] nel suo quarto album Sweetener".[208] Per quanto riguarda Thank U, Next Craig Jenkins di Vulture ha dichiarato che Ariana fosse cambiata e si fosse avvicinata allo stile di trap e hip hop, pieno di sfumature R&B.[209]

Influenze ed estensione vocale

Whitney Houston (a sinistra) e Mariah Carey (a destra) hanno maggiormente influenzato la carriera di Ariana Grande

Le cantanti che hanno influenzato maggiormente Ariana Grande sono state Whitney Houston e Mariah Carey, come lei stessa ha affermato:[210][211]

Tra le altre fonti di ispirazione, Gloria Estefan[212], Fergie[210] Destiny's Child, Beyoncé,[213], India.Arie e Brandy Norwood.

La voce di Ariana Grande ha un registro di soprano lirico-leggero e copre 4 ottave, 6 toni e 1 semitono e il registro di fischio.[214][215][216] Grazie alle sue abilità canore, è stata molte volte paragonata a Mariah Carey, tanto da acquistare l'appellativo di "mini Mariah Carey" o "nuova Mariah Carey".[217]

La voce di Ariana è stata elogiata da numerosi cantanti quali Kelly Clarkson, Lady Gaga, Chris Martin[218] e Katy Perry.[219]

Immagine pubblica

 
Ariana Grande durante il Dangerous Woman Tour nel 2017

Ariana Grande ha citato Audrey Hepburn come la sua più grande influenza stilistica durante i suoi primi anni di carriera, ma ha iniziato a trovare l'imitazione dello stile di Hepburn "un po' noiosa" mentre la sua carriera progrediva.[220][221] Ha anche tratto ispirazione da attrici degli anni '50 e '60, tra cui Ann-Margret, Nancy Sinatra e Marilyn Monroe.[221] L'aspetto modesto di Ariana Grande all'inizio della sua carriera è stato descritto come "adatto all'età", rispetto ad altre pop star che sono cresciute agli occhi del pubblico.[222] Jim Farber del New York Daily News ha scritto nel 2014 che Ariana ha ricevuto meno attenzione "per quanto poco indossa o per come si muove graficamente rispetto a come canta".[223] Quell'anno, ha iniziato a indossare gonne corte e mezze magliette con stivali alti fino al ginocchio in spettacoli e su red carpet.[224] Dopo anni passati a tingersi i capelli di rosso per interpretare Cat Valentine, Ariana Grande ha iniziato ad indossare delle extension.[225][226] Anne T. Donahue di MTV News ha affermato che la sua iconica coda di cavallo riceve più attenzione delle sue audaci scelte di moda.[227]

Attivismo

 
Ariana Grande alla Giornata mondiale del gioco nel 2013

All'età di 10 anni, Ariana Grande ha cofondato il gruppo musicale di bambini Kids Who Care, in South Florida, con il quale ha cantato diverse volte per beneficenza, guadagnando più di 500 000 dollari, solo nel 2007.[228] Nell'estate del 2009, come membro della organizzazione a scopo caritatevole Broadway in South Africa, Grande ha intrattenuto e insegnato a ballare e cantare ai bambini in Gugulethu, in Sudafrica, insieme a suo fratello Frankie. La Grande è anche partner di Kleenex per la sua campagna "Shield Sneeze Swish".[229]

Ha recitato con Bridgit Mendler e Kat Graham nella rivista Seventeen in una campagna pubblica del 2013 per porre fine al bullismo online chiamato "Elimina dramma digitale".[230] Dopo aver visto il film Blackfish quell'anno, ha invitato i fan a smettere di supportare SeaWorld ed è diventata vegana.[10][231] A settembre 2014, Grande ha partecipato al programma televisivo di beneficenza Stand Up to Cancer, eseguendo la sua canzone "My Everything" in memoria di suo nonno, che era morto di cancro il luglio precedente.[232] Grande ha adottato diversi cani da salvataggio come animali domestici e ha promosso l'adozione di animali domestici in alcuni dei suoi concerti.[233] Nel 2016, ha lanciato con MAC Cosmetics una linea di labbra chiamata "Ariana Grande's MAC Viva Glam", i cui profitti avvantaggiano le persone colpite da HIV e AIDS.[234][235]

Vita privata

Grande ha dichiarato di essere ipoglicemica.[236] Ha altresì ammesso di avere sofferto di disturbi da stress post-traumatici e disturbi d'ansia a seguito dell'attentato di Manchester del 22 maggio 2017.[237][238] Ha raccontato sui social media di essere quasi scappata durante la sua performance nella trasmissione A Very Wicked Halloween del 2018 a causa della sua ansia.[239] Ha poi dichiarato di aver ricevuto cure da professionisti di salute mentale per più di un decennio da quando i suoi genitori hanno divorziato.[240]

Grande è stata educata al cattolicesimo: se ne allontana quando, durante il pontificato di Benedetto XVI,[241] il Pontefice assume posizioni contrastanti su tutto ciò che lei amava e in cui credeva.[242] La critica mossa dalla cantante riguarda la posizione della Chiesa sull'omosessualità,[243] argomento a cui è molto attenta per via dell'orientamento sessuale del fratellastro Frankie.[244] Ha seguito gli insegnamenti della Cabala ebraica fin dall'età di dodici anni, insieme a Frankie,[244] credendo che "la base sta nell'idea che se sei gentile con gli altri, ti accadranno cose buone".[245] Alcune delle sue canzoni, come Break Your Heart Right Back, sono di supporto ai diritti LGBT.[246] Durante le elezioni presidenziali statunitensi del 2020, ha espresso il suo sostegno a Joe Biden, sfidante del presidente in carica Donald Trump, poi risultato il vincitore[247].

Grande ha incontrato l'attore Graham Phillips nel cast del musical 13 nel 2008 e lo ha frequentato fino al 2011.[248] Da dicembre 2012 ad agosto 2013, ha frequentato il comico Jai Brooks, un membro dei The Janoskians.[249] Ad ottobre 2014, Grande ha confermato di essersi fidanzata con il rapper Big Sean.[250] Ad aprile 2015, la coppia ha concluso la relazione.[251] Ha frequentato il ballerino Ricky Alvarez da luglio 2015 a luglio 2016. Dopo aver registrato The Way con Mac Miller nel 2012, i due hanno iniziato a uscire a settembre 2016.[252] La relazione si è conclusa a maggio 2018. Alcune settimane dopo, iniziò a frequentare l'attore e comico Pete Davidson. I due hanno interrotto la loro relazione nell'ottobre 2018.[253] A gennaio 2020 Grande ha iniziato a frequentare l'agente immobiliare Dalton Gomez. A giugno dello stesso anno i due hanno reso ufficiale il fidanzamento.[254] Il 15 maggio 2021 la coppia si è sposata in una cerimonia casalinga per pochi intimi.[255]

Discografia

 Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Ariana Grande.

Album in studio

EP

Album dal vivo

Colonne sonore

Raccolte

Filmografia

Attrice

Cinema

Televisione

Doppiatrice

Programmi televisivi

Teatro

Tournée

Artista principale

Tour promozionali

Artista d'apertura

Riconoscimenti

 Lo stesso argomento in dettaglio: Premi e riconoscimenti di Ariana Grande.

Doppiatrici italiane

Nelle versioni in italiano dei suoi film, serie tv o programmi televisivi, Ariana Grande è stata doppiata da:[257]

Da doppiatrice è stata sostituita da:

Note

  1. ^ a b c (EN) Stephen Thomas Erlewine, Ariana Grande, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 24 agosto 2018.  
  2. ^ (EN) Amanda Dobbins, Ariana Grande 101: Is She Really the New Mariah, su vulture.com, Vulture, 4 settembre 2013. URL consultato il 24 agosto 2018 (archiviato il 6 giugno 2019).
  3. ^ a b c About « Official Ariana Grande
  4. ^ (EN) The Voice: Ariana Grande's Salary & How Much Money She's Made On Show, su ScreenRant, 5 maggio 2021. URL consultato il 24 settembre 2021.
  5. ^ <img alt="" src="https://www thewrap com/wp-content/uploads/2019/07/Sean-Burch-96x96 png" srcset="https://www thewrap com/wp-content/uploads/2019/07/Sean-Burch-192x192 png 2x" class="avatar avatar-96 photo" height="96" width="96" loading="lazy">Sean Burch | March 8, Ariana Grande Tops List of Most Streamed Female Artists on Apple Music (Exclusive), su TheWrap, 8 marzo 2019. URL consultato il 24 settembre 2021.
  6. ^ Chi sono i cantanti più seguiti su Instagram?, su Notizie Musica, 14 agosto 2020. URL consultato il 24 settembre 2021.
  7. ^ (EN) Matt Collar, Ariana Grande Biography, su allmusic.com, AllMusic. URL consultato il 22 maggio 2010 (archiviato il 26 giugno 2019).
  8. ^ (EN) Connor Adams Sheets, Who Is Ariana? All About Ariana Grande, Leader of the Arianators, in International Business Times, 6 ottobre 2013. URL consultato il 7 febbraio 2015 (archiviato il 12 giugno 2018).
  9. ^ (EN) Katie Connor, Ariana Grande Is Here to Save Us, su Elle, 11 luglio 2018. URL consultato il 24 agosto 2019 (archiviato il 29 gennaio 2020).; (EN) Craig McLean, Ariana Grande: 'If you want to call me a diva I'll say: cool', su The Daily Telegraph, 17 ottobre 2014. URL consultato il 24 agosto 2019 (archiviato il 9 ottobre 2019).; and (EN) Matt Mauney, Ariana Grande celebrates 21st birthday at Disney World, su Orlando Sentinel, 24 giugno 2014. URL consultato il 24 agosto 2019 (archiviato il 2 novembre 2019).; (EN) Joe La Pluma, Ariana Grande: "Shadow of a Doubt", su Complex Magazine. URL consultato il 24 agosto 2019 (archiviato l'11 luglio 2014).; (EN) About Hose-McCann Communications, su hose-mccann.com, Hose-McCann Communications. URL consultato il 24 agosto 2019 (archiviato il 26 agosto 2019).
  10. ^ a b (EN) Jim Farber, Ariana Grande owes her stardom to singing, not sex appeal, in New York Daily News, 14 agosto 2014. URL consultato il 7 febbraio 2015 (archiviato il 15 giugno 2018).
  11. ^ (EN) Lizzy Goodman, Billboard Cover: Ariana Grande on Fame, Freddy Krueger and Her Freaky Past, su Billboard, 15 agosto 2014. URL consultato il 1º settembre 2014 (archiviato il 18 maggio 2019).
  12. ^ a b (EN) Mark Savage, Ariana Grande: The diva with a heart, su bbc.com, BBC, 23 maggio 2017. URL consultato il 25 ottobre 2017 (archiviato il 13 giugno 2018).
  13. ^ (EN) Archived copy, su mobile.twitter.com. URL consultato il 29 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2018).
  14. ^ Ariana Grande è a Roma, in ginger generation. URL consultato il 4 luglio 2021 (archiviato il 9 luglio 2021).
  15. ^ Chi è Ariana Grande, in Famiglia Cristiana. URL consultato l'8 novembre 2018 (archiviato il 9 novembre 2018).
  16. ^ Gildone sogna la visita di Ariana Grande: "Questa è casa sua", in Primonumero, 20 giugno 2017. URL consultato l'8 novembre 2018 (archiviato il 9 novembre 2018).
  17. ^ Manchester, sconcerto in paese Molise Archiviato il 9 novembre 2018 in Internet Archive. ansa.it
  18. ^ Ariana Grande racconta la-sua vera famiglia, su magazine.nicktv.it (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2015).
  19. ^ (EN) Michael Musto, Frankie Grande, Ariana Grande's Half Brother, Stars in Rock of Ages, in The New York Times, 12 novembre 2014.
  20. ^ (EN) Erica Gonzales, Ariana Grande Had the Perfect Response When Her Brother Came Out, in Harper's Bazaar, 14 dicembre 2016. URL consultato il 24 agosto 2019 (archiviato il 29 dicembre 2019).
  21. ^ (EN) Anne Geggis, America's Tweetheart: Boca-born singer/actress big on Twitter, su Sun-Sentinel, 31 agosto 2012. URL consultato il 13 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2018).
  22. ^ (EN) Lauren Nostro, Who Is Ariana Grande? – Growing Up and Starting to Sing, su Complex. URL consultato il 24 agosto 2019 (archiviato il 19 luglio 2019).
  23. ^ (EN) About Ariana Grande, su mtv.com, MTV. URL consultato il 28 agosto 2014 (archiviato il 16 febbraio 2017).
  24. ^ (EN) Ben Brantley, Stranger in Strange Land: The Acne Years, in The New York Times, Nytimes.com, 6 ottobre 2008. URL consultato l'11 settembre 2014 (archiviato il 9 febbraio 2018).
  25. ^ (EN) TFK Staff, Ariana Grande | TIME For Kids, su Time, Time for Kids, 5 dicembre 2013. URL consultato il 7 settembre 2014 (archiviato il 7 settembre 2014).
  26. ^ Ariana Grande: From Boca to Broadway, su Girl2watch.com, 4 maggio 2010. URL consultato il 23 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2010).
  27. ^ Ariana Grande – about, su arianagrande.info, arianagrande.com. URL consultato il 6 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2011).
  28. ^ (EN) Cuenta oficial de Ariana en Youtube, su Youtube. URL consultato il 27 de octubre 2013 (archiviato il 15 luglio 2020).
  29. ^ (EN) Nicole Eggenberge, "Ariana Grande Explains Hair Extensions: Natural Hair Looks "Absolutely Ratchet", in US magazine, 22 gennaio 2014. URL consultato il 28 aprile 2015 (archiviato il 14 ottobre 2017).
  30. ^ (EN) Edward Wyatt, First the Tween Heart, Now the Soul, in New York Times, 25 marzo 2010. URL consultato il 30 agosto 2014 (archiviato il 15 agosto 2017).
  31. ^ (EN) Robert Seidman, Nickelodeon Scores 2nd Biggest "Kids' Choice Awards"; "Victorious" Bows to 5.7 Million, in Tvbythenumbers.com, 29 marzo 2010. URL consultato il 3 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2010).
  32. ^ (EN) "Victorious: Music from the Hit TV Show" by Victoria Justice and Victorious cast, su iTunes. URL consultato il 2 aprile 2020 (archiviato il 12 giugno 2018).
  33. ^ (EN) James Dinh, Greyson Chance Gets Revenge In 'Unfriend You' Video, su mtv.com, MTV, 28 giugno 2011. URL consultato il 2 aprile 2020 (archiviato il 15 agosto 2017).
  34. ^ (EN) Brittany Spanos, Ariana Grande: 7 Forgotten Screen Cameos, su Rolling Stone, Wenner Media LLC, 20 maggio 2016. URL consultato il 2 aprile 2020 (archiviato il 31 agosto 2017).
  35. ^ (EN) Put Your Hearts Up – Single by Ariana Grande, su iTunes. URL consultato il 2 aprile 2020 (archiviato il 19 ottobre 2018).
  36. ^ Andy Greene, How Ariana Grande and Max Martin Made 'Problem' the Song of the Summer, su Rolling Stone, Wenner Media LLC, 22 maggio 2014. URL consultato il 2 aprile 2020 (archiviato il 7 aprile 2018).
  37. ^ (EN) M exclusive Victorious Will Not be Returning For Season Four!, su M-magazine. URL consultato il 26 de octubre 2013 (archiviato il 21 ottobre 2013).
  38. ^ (EN) Patrick Kevin Day, Nickelodeon greenlights an 'iCarly' spinoff and other new shows, su Los Angeles Times, 26 ottobre 2013. URL consultato l'11 dicembre 2013 (archiviato il 29 ottobre 2013).
  39. ^ (EN) Philiana Ng, Nickelodeon's 'Sam & Cat' Doubles Season 1 Order (Exclusive), su The Hollywood Reporter, 7 novembre 2013. URL consultato il 29 aprile 2019 (archiviato il 19 marzo 2019).
  40. ^ (EN) Kimberly Nordyke, Nickelodeon Greenlights Spinoff of 'iCarly,' 'Victorious', su The Hollywood Reporter, 29 novembre 2012. URL consultato il 29 aprile 2019 (archiviato il 19 marzo 2019).
  41. ^ (EN) Amy Sciarretto, 'Victorious 3.0: Even More Music from the Hit TV Show' Lands November 6, su popcrush.com, PopCrush, 16 ottobre 2012. URL consultato il 31 agosto 2014 (archiviato il 3 aprile 2019).
  42. ^ (EN) Victoria Justice & Ariana Grande: "L.A. Boyz", su nick.com, Nickelodeon. URL consultato il 31 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2014).
  43. ^ (EN) BWW News Desk, Ariana Grande, Charlene Tilton and Neil Patrick Harris Headline A Snow White Christmas at Pasadena Playhouse, 12/13-23 – BroadwayWorld.com, su pasadena plauhouse.org, 7 settembre. URL consultato il 26 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2013).
  44. ^ (EN) Joseph Vinaixa, MIKA “Popular Song” (featuring Ariana Grande) [Video Premiere], su josepvinaixa.com, 29 aprile 2013. URL consultato il 2013 (archiviato dall'url originale l'11 novembre 2013).
  45. ^ (EN) Emotions - Ariana Grande (Mariah Carey cover) Archiviato il 22 ottobre 2013 in Internet Archive. 07/25/12.
  46. ^ Ariana Grande singing I Believe in You and Me by Whitney Houston Archiviato il 28 ottobre 2013 in Internet Archive., consultato il 18 novembre 2012.
  47. ^ (EN) Ariana Grande Finishes Recording First Album, su Fanlala, 24 giugno 2013. URL consultato il 27 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2013).
  48. ^ (EN) El lanzamiento, su Twitter, 27 ottobre. URL consultato l'11 dicembre 2013 (archiviato il 30 ottobre 2013).
  49. ^ (EN) The Way, su apple.com, 27 ottobre. URL consultato il 29 aprile 2019 (archiviato il 2 marzo 2018).
  50. ^ (EN) ShieldSquare Captcha, su www.songfacts.com. URL consultato il 24 maggio 2021 (archiviato il 24 maggio 2021).
  51. ^ (EN) The Way, certificaciones de platino. RIAA., su RIAA, 27 ottobre. URL consultato il 2013 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  52. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2013 Singles, su ARIA, 27 de octubre. URL consultato l'11 dicembre 2013 (archiviato l'8 maggio 2013).
  53. ^ (EN) Avery Thompson, Ariana Grande Announces New Single ‘Baby I’, su Hollywoodlife, 15 luglio 2013. URL consultato il 29 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2019).
  54. ^ Ariana Grande - Baby I. URL consultato il 24 maggio 2021 (archiviato il 20 maggio 2021).
  55. ^ a b Ariana Grande, su Billboard. URL consultato il 24 maggio 2021 (archiviato il 20 maggio 2019).
  56. ^ Right There - Ariana Grande (feat. Big Sean). URL consultato il 24 maggio 2021 (archiviato il 24 maggio 2021).
  57. ^ (EN) Jason Lipshutz, Ariana Grande, Big Sean Masquerade in 'Right There' Video: Watch, su Billboard, 30 ottobre 2013. URL consultato il 2 aprile 2020 (archiviato il 14 giugno 2018).
  58. ^ (EN) Yours Truly debuta en el número uno, su Rap up, 27 ottobre 2013. URL consultato l'11 dicembre 2013 (archiviato il 24 giugno 2019).
  59. ^ Alberto Graziola, Ariana Grande, Yours Truly tracklist album, su Soundsblog, 30 agosto 2013. URL consultato il 24 maggio 2021 (archiviato il 24 maggio 2021).
  60. ^ ariannagalati, Justin Bieber e Ariana Grande sono amici, su Gossip Blog, 9 agosto 2013. URL consultato il 24 maggio 2021.
  61. ^ (EN) Jocelyn Vena, "Ariana Grande 'Working Out A Lot' Before Justin Bieber Tour", su mtv.com, MTV, 29 luglio 2013. URL consultato il 2 aprile 2020 (archiviato il 1º luglio 2018).
  62. ^ (EN) About the MTV VMA 2013, su Internet Archive. URL consultato il 2 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2016).
  63. ^ (EN) Austin Mahone & Ariana Grande At VMAs Pre-Show: Who Was Better?, su Internet Archive, 25 agosto 2013. URL consultato il 2 aprile 2020 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2016).
  64. ^ (EN) Ariana Grande To Take Us Behind 2013 MTV EMA As Backstage Host!, su MTV EMA, 10 ottobre 2013. URL consultato l'11 dicembre 2013 (archiviato il 1º novembre 2013).
  65. ^ (EN) Tehrene Firman, Ariana Grande Is Hosting the Backstage Action at the MTV EMAs!, su J14. URL consultato l'11 dicembre 2013 (archiviato il 5 novembre 2013).
    «We're sure Arianators in Amsterdam are getting pretty excited because Ariana Grande just announced she'll be hosting all the backstage action at the MTV EMAs on November 10th».
  66. ^ (EN) Ariana Grande Smashed The American Music Awards, Just Ask Kelly Clarkson, su MTV, 25 novembre 2013. URL consultato l'11 dicembre 2013 (archiviato il 13 marzo 2014).
  67. ^ Biografia Ariana Grande, su sentireascoltare.com, 10 settembre 2014. URL consultato il 10 settembre 2014 (archiviato il 10 settembre 2014).
  68. ^ (EN) Christina Garibaldi, Ariana Grande's #1 Christmas Gift?, su MTV, 26 novembre 2013. URL consultato l'11 dicembre 2013 (archiviato l'8 dicembre 2013).
  69. ^ (EN) Ariana Grande- Christmas Kisses (2013), su newalbumreleases.net, New Album Releases. URL consultato il 18 dicembre 2013 (archiviato il 18 dicembre 2013).
  70. ^ (EN) 'Dick Clark's New Year's Rockin' Eve' Wins Monday Night, Draws Most Viewers Since 2000, su Billboard. URL consultato il 1º gennaio 2014 (archiviato il 13 settembre 2018).
  71. ^ Ariana Grande Debuts “Problem” With Sexy Radio Disney Music Awards Performance: Watch | Idolator, su Music News, Reviews, and Gossip on Idolator.com. URL consultato il 14 febbraio 2016 (archiviato il 4 agosto 2021).
  72. ^ Ariana Grande feat. Iggy Azalea Problem, su Radio Crik Crok, Ascolta La Più Forte!. URL consultato il 24 maggio 2021 (archiviato il 24 maggio 2021).
  73. ^ (EN) Ariana Grande - Chart history (Hot 100), su billboard.com, Billboard. URL consultato il 2 aprile 2020 (archiviato il 7 dicembre 2019).
  74. ^ (EN) IFPI publishes Digital Music Report 2015, su ifpi.org, International Federation of the Phonographic Industry, 14 aprile 2015. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato il 14 aprile 2015).
  75. ^ 25 Agosto 2014 Di Spallanzanis, Ariana Grande vince e canta agli MTV VMAs (e lancia My Everything), su Nick Magazine. URL consultato il 14 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2015).
  76. ^ Ariana Grande ft. Iggy Azalea - Problem (Official Video). URL consultato il 24 maggio 2021 (archiviato l'11 dicembre 2019).
  77. ^ Ilya Salmanzadeh is a songwriter, su artists.spotify.com. URL consultato il 24 maggio 2021 (archiviato il 24 maggio 2021).
  78. ^ Ariana Grande - Break Free feat. Zedd (Audio). URL consultato il 24 maggio 2021 (archiviato il 4 agosto 2021).
  79. ^ Ariana Grande - Break Free ft. Zedd. URL consultato il 24 maggio 2021 (archiviato l'11 dicembre 2019).
  80. ^ (EN) Gary Trust, Ariana Grande, Iggy Azalea Triple Up In Hot 100's Top 10, MAGIC! Still No. 1, su billboard.com, Billboard, 20 agosto 2014. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato il 13 giugno 2018).
  81. ^ (EN) Jason Lipshutz, Jessie J, Ariana Grande, Nicki Minaj Combine For 'Bang Bang' Single, in Billboard, 1º luglio 2014. URL consultato il 20 agosto 2014 (archiviato il 29 febbraio 2020).
  82. ^ a b (EN) Gary Trust, Ariana Grande, Iggy Azalea Triple Up In Hot 100's Top 10, MAGIC! Still No. 1, in Billboard. URL consultato il 20 agosto 2014 (archiviato il 18 febbraio 2017).
  83. ^ (EN) Billboard Boxscore :: Current Scores, in Billboard, Prometheus Global Media, 6 maggio 2015. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato il 6 maggio 2015).
  84. ^ (EN) Keith Caulfield, Ariana Grande Nabs Second No. 1 Album In Less Than a Year, su Billboard, 2 settembre 2014. URL consultato il 5 settembre 2014 (archiviato l'8 luglio 2017).
  85. ^ (EN) Lewis Corner, Ariana Grande, Weeknd duet 'Love Me Harder' for single release, su Digital Spy, Hachette Filipacchi Médias, 17 settembre 2014. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato il 4 luglio 2020).
  86. ^ (EN) Santa Tell Me – Single by Ariana Grande, su iTunes, Apple. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato l'11 dicembre 2014).
  87. ^ (EN) Mariah Carey's 'All I Want For Christmas Is You' Again Breaks Spotify Streaming Record, Wham!, Ariana Grande Songs Make Top 3 All-Time, su Headline Planet, 25 dicembre 2020. URL consultato il 19 gennaio 2021 (archiviato il 25 gennaio 2021).
  88. ^ (EN) Erika Ramirez, The Juice Podcast: Big Sean On 'Dark Sky Paradise,' Recording With Ariana Grande & Kanye West, su billboard.com, Billboard, 20 febbraio 2015. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato il 27 febbraio 2020).
  89. ^ (EN) Lowenna Waters, Ariana Grande's One Last Time re-released on iTunes as charity track to support Manchester, su The Daily Telegraph, Telegraph Media Group, 3 giugno 2017. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato il 4 giugno 2017).
  90. ^ (DE) Über 100 Millionen Views: “One Last Time” von Ariana Grande ist “VEVO Certified”, su universal-music.de, Universal Music Group. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato il 5 luglio 2020).
  91. ^ (EN) Yuliasri Perdani, Ariana Grande to debut in Jakarta soon, in The Jakarta Post, 16 giugno 2015. URL consultato il 27 agosto 2019 (archiviato il 24 ottobre 2019).
  92. ^ Gioia Giudici, Ariana Grande, sold out e sorprese al Forum, su ansa.it, ANSA, 25 maggio 2015. URL consultato il 3 aprile 2020 (archiviato il 4 luglio 2020).
  93. ^ (EN) Maeve McDermott e Patrick Ryan, The 50 best songs of 2015, in USA Today, 22 dicembre 2015. URL consultato il 27 agosto 2019 (archiviato il 23 giugno 2018).
  94. ^ (EN) Madeline Roth, Ariana Grande Revealed Her New Album Title – And It's Literally Out of This World, su mtv.com, MTV, 30 maggio 2015. URL consultato il 29 marzo 2020 (archiviato il 30 maggio 2015).
  95. ^ quotidiano.net, http://www.quotidiano.net/caff%C3%A8/ariana-grande-bocelli-1.1333743 (archiviato il 26 settembre 2015).
  96. ^ «E più ti penso»: duetto Bocelli-Arianna Grande, su Il Secolo XIX, GEDI Gruppo Editoriale, 13 ottobre 2015. URL consultato il 29 marzo 2020 (archiviato il 29 marzo 2020).
  97. ^ Focus - Single, su itunes.apple.com, iTunes. URL consultato il 29 marzo 2020 (archiviato il 7 marzo 2016).
  98. ^ (EN) Christmas & Chill - EP, su iTunes, 18 dicembre 2015. URL consultato il 29 marzo 2020 (archiviato il 15 febbraio 2019).
  99. ^ (EN) Ariana Grande - Dangerous Woman Tour, su arianagrande.com. URL consultato il 12 marzo 2017 (archiviato il 31 gennaio 2017).
  100. ^ Redazione, Attentato terroristico al concerto di Ariana Grande, su ansa.it, ANSA, 23 maggio 2017. URL consultato il 23 maggio 2017 (archiviato il 23 maggio 2017).
  101. ^ Paolo Gallori, Manchester risponde ad Ariana Grande. Iniziato il concerto One Love: "Qui non c'è paura", su repubblica.it, la Repubblica, 4 giugno 2017. URL consultato il 4 giugno 2017 (archiviato il 4 giugno 2017).
  102. ^ (EN) Jon Blistein, Families of Ariana Grande Concert Attack Victims to Receive $324,000, in Rolling Stone, 15 agosto 2017. URL consultato il 27 agosto 2019 (archiviato il 16 giugno 2018).
  103. ^ (EN) Richard Smirke, Bravery, Resilience Shine as Ariana Grande Leads All-Star Benefit Concert for Victims of Manchester Bombing, in Billboard, 4 giugno 2017. URL consultato il 27 agosto 2019 (archiviato il 2 novembre 2019).
  104. ^ (EN) Eoghan Macguire, Manchester Names Ariana Grande Honorary Citizen, in NBC News, 12 luglio 2017. URL consultato il 27 agosto 2019 (archiviato il 10 ottobre 2019).
  105. ^ (EN) Jess Lynch, Ariana Grande proves she's an unstoppable force as she resumes her world tour, in Cosmopolitan, 7 giugno 2017. URL consultato l'8 giugno 2017 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2017).; e Sandra} Gonzalez, Ariana Grande honors 'angels' as tour resumes, su cnn.com, CNN, 7 giugno 2017.; e (EN) Billboard, Ariana Grande Wraps Up First Tour of Mainland China, su billboard.com, 1º settembre 2017.
  106. ^ (EN) Deepa Lakshmin, Ariana Grande Wrote A Beautiful Goodbye Note To Her Dangerous Woman Tour, in MTV, 21 settembre 2017. URL consultato il 27 agosto 2019 (archiviato il 26 giugno 2019).
  107. ^ (EN) Ruthie Fierberg, Ariana Grande and Seth MacFarlane Sing Little Shop's 'Suddenly Seymour' on Carpool Karaoke, in People, 22 agosto 2017. URL consultato il 27 agosto 2019 (archiviato il 7 settembre 2019).
  108. ^ (EN) Isis Briones, 48 Hours in Hong Kong With Ariana Grande, in Billboard, 29 settembre 2017. URL consultato il 27 agosto 2019 (archiviato il 13 settembre 2019).
  109. ^ Leanne Bayley, Ariana Grande is launching her first fragrance, in Glamour Magazine, 20 febbraio 2015. URL consultato il 19 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 3 aprile 2015).; Sasha Geffen, Ariana Grande Accidentally Revealed Her New Perfume On Snapchat: See The Pics, in MTV, 20 giugno 2015. URL consultato il 30 ottobre 2016 (archiviato il 14 settembre 2019).; (EN) Ariana Grande Launches Her Second Fragrance Frankie, in International Business Times, 20 gennaio 2016. URL consultato il 27 agosto 2019 (archiviato il 19 marzo 2019).; e (EN) Dobrina Zhekova, Ariana Grande Launches Sweet Like Candy Fragrance – Celebrity Perfumes, in InStyle, 20 luglio 2016. URL consultato il 27 agosto 2019 (archiviato il 19 marzo 2019).
  110. ^ (EN) Megan Decker, You'll Never Guess How Much Money Ariana Grande's New Perfume Has Grossed, in Refinery29, 6 dicembre 2017. URL consultato il 27 agosto 2019 (archiviato il 30 agosto 2018).
  111. ^ (EN) Ross McNeilage, Ariana Grande Is Billboard's Female Artist of the Year, in MTV, 2 dicembre 2017. URL consultato il 27 agosto 2019 (archiviato il 19 marzo 2019).
  112. ^ (EN) Hugh McIntyre, Ariana Grande Returns To Pop With New Single 'No Tears Left to Cry', in Forbes. URL consultato il 20 aprile 2018 (archiviato il 20 aprile 2018).
  113. ^ Ariana Grande, esibizione a sorpresa al Coachella | Sky TG24. URL consultato il 21 aprile 2018 (archiviato il 21 aprile 2018).
  114. ^ (EN) Xander Zellner, Ariana Grande Scores 9th Billboard Hot 100 Top 10 With 'No Tears Left to Cry', su Billboard, 30 aprile 2018. URL consultato il 28 marzo 2020 (archiviato il 2 maggio 2018).
  115. ^ Dopo la tragedia di Manchester, Ariana Grande è tornata per celebrare un nuovo inizio col brano "No Tears Left To Cry", su Fidelity News, 30 aprile 2018. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato il 9 luglio 2021).
  116. ^ Ariana Grande: il ritorno con «No Tears Left to Cry», su VanityFair.it, 20 aprile 2018. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato il 9 luglio 2021).
  117. ^ no tears left to cry. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato il 28 luglio 2021).
  118. ^ (EN) Ariana Grande's 'No Tears Left to Cry' Video Joins YouTube's Billion Views Club, su Billboard. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato il 10 luglio 2021).
  119. ^ a b Ariana Grande Spills All the Tea About Her Album Title and Release. URL consultato il 6 luglio 2021 (archiviato il 21 maggio 2021).
  120. ^ (EN) Ariana Grande Performs 'The Light Is Coming' Live For The First Time: Watch, in Billboard. URL consultato il 4 giugno 2018 (archiviato il 26 dicembre 2019).
  121. ^ (EN) Ariana Grande Reveals Date of 'The Light Is Coming' Single Release & Album Pre-Order, su Billboard. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato l'11 luglio 2021).
  122. ^ (EN) Patrick Crowley, Troye Sivan & Ariana Grande Drop Sexy 'Dance To This': Listen, su Billboard, 13 giugno 2018. URL consultato il 28 marzo 2020 (archiviato il 28 marzo 2020).
  123. ^ (EN) Nick Mojica, Nicki Minaj Taps Singer Ariana Grande for New Song "Bed", su XXL, Harris Publications, 14 giugno 2018. URL consultato il 28 marzo 2020 (archiviato il 7 giugno 2019).
  124. ^ (EN) Ariana Grande Drops New Song “God is a Woman”, su Highsnobiety, 13 luglio 2018. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato il 4 agosto 2021).
  125. ^ (EN) Susana Cristalli, Here Are All Of The References You Missed In Ariana Grande's "God Is A Woman" Music Video, su BuzzFeed. URL consultato il 6 luglio 2021 (archiviato il 9 luglio 2021).
  126. ^ a b Ariana Grande, su Billboard. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato l'11 luglio 2021).
  127. ^ (EN) Keith Caulfield, Ariana Grande's 'Sweetener' Album Aiming for No. 1 on Billboard 200 Chart, su Billboard, 21 agosto 2018. URL consultato il 28 marzo 2020 (archiviato il 28 marzo 2020).
  128. ^ a b IL NUOVO SINGOLO DI ARIANA GRANDE E' BREATHIN, su Radio Pico, 19 settembre 2018. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato il 5 gennaio 2019).
  129. ^ (EN) Rania Aniftos, Ariana Grande Announces 'Carpool Karaoke' Air Date, su Billboard, 8 agosto 2018. URL consultato il 28 marzo 2020 (archiviato il 28 marzo 2020).
  130. ^ (EN) Karen Han, Watch: Ariana Grande sings “A Natural Woman” in tribute to Aretha Franklin, su Vox, Vox Media, 17 agosto 2018. URL consultato il 28 marzo 2020 (archiviato il 28 marzo 2020).
  131. ^ (EN) MTV VMAs 2018: Ariana Grande wins best pop video while Camila Cabello scoops top prize, su telegraph.co.uk, The Daily Telegraph, 21 agosto 2018. URL consultato il 28 marzo 2020 (archiviato il 28 marzo 2020).
  132. ^ (EN) Inside the Divine World of Spotify’s Ariana Grande ‘Sweetener The Experience’, su Spotify, 29 settembre 2018. URL consultato il 28 marzo 2020 (archiviato il 28 marzo 2020).
  133. ^ Ariana Grande, breathin | Testo, Traduzione e Video, su Canzoni Web, 10 novembre 2018. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato il 9 luglio 2021).
  134. ^ Liliana Corradini, Ariana Grande: nel video di "Breathin" svela tre inediti del nuovo album?, su Radio Bruno, 9 novembre 2018. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato il 9 luglio 2021).
  135. ^ (EN) Bonnie Stiernberg, Ariana Grande Teases New Album 'Thank U, Next', su Billboard, 3 novembre 2018. URL consultato il 3 novembre 2018 (archiviato il 12 giugno 2019).
  136. ^ (EN) thank u, next – Single by Ariana Grande, su iTunes, 3 novembre 2018. URL consultato il 4 novembre 2018 (archiviato il 4 novembre 2018).
  137. ^ (EN) Ariana Grande Achieves First Billboard Hot 100 No. 1 as 'Thank U, Next' Debuts on Top, in Billboard. URL consultato il 13 novembre 2018 (archiviato il 20 marzo 2019).
  138. ^ (EN) Ariana Grande – Gold & Platinum, su Recording Industry Association of America. URL consultato il 4 agosto 2021.
  139. ^ (EN) Ariana Grande's 'Thank U, Next' Has the Biggest Music Video Debut in YouTube History, in Billboard. URL consultato il 7 marzo 2019 (archiviato il 5 dicembre 2018).
  140. ^ (EN) Ariana Grande breaks 100m Spotify streams record with "thank u, next", in Fader. URL consultato il 7 marzo 2019 (archiviato il 26 luglio 2020).
  141. ^ a b (EN) Ariana Grande Declares 'I Look Forward to Embracing Whatever Comes My Way' at Billboard Women in Music 2018: Watch, su Billboard, Billboard-Hollywood Reporter Media Group, 6 dicembre 2018. URL consultato il 28 marzo 2020 (archiviato il 28 marzo 2020).
  142. ^ (EN) Joshua Espinoza, Hear Ariana Grande's New Single "Imagine", su Complex, 14 dicembre 2018. URL consultato il 28 marzo 2020 (archiviato il 28 marzo 2020).
  143. ^ Ariana Grande, su Billboard. URL consultato il 17 aprile 2021 (archiviato il 7 dicembre 2019).
  144. ^ (EN) Ariana Grande breaks her own record (again) with '7 Rings', su MTV UK, 19 gennaio 2019. URL consultato il 26 gennaio 2019 (archiviato il 20 gennaio 2019).
  145. ^ (EN) The 7 Records Ariana Grande Has Already Broken With '7 Rings', su Forbes. URL consultato il 31 gennaio 2019 (archiviato il 23 febbraio 2020).
  146. ^ (EN) Keith Caulfield, Ariana Grande's 'Thank U, Next' Debuts at No. 1 on Billboard 200 Chart With Biggest Streaming Week Ever for a Pop Album, in Billboard, 17 febbraio 2019. URL consultato il 18 febbraio 2019 (archiviato il 5 gennaio 2020).
  147. ^ (EN) Ariana Grande, su Republic Records, 23 marzo 2017. URL consultato il 4 luglio 2021 (archiviato il 27 aprile 2021).
  148. ^ (EN) Ariana Grande just made UK chart history, su The Independent, 15 febbraio 2019. URL consultato il 19 maggio 2019 (archiviato il 18 marzo 2020).
  149. ^ Ariana Grande: Break Up With Your Girlfriend, I’m Bored, il video ufficiale, su Rnbjunk.com, 8 febbraio 2019. URL consultato il 4 luglio 2021 (archiviato il 9 luglio 2021).
  150. ^ (EN) Joe Lynch, Brit Awards 2019 Winners: The Complete List, su billboard.com, Billboard, 20 febbraio 2019. URL consultato il 20 febbraio 2019 (archiviato il 21 febbraio 2019).
  151. ^ (EN) Lars Brandle, Ariana Grande Announces 'Sweetener' World Tour: See the Dates, in Billboard, 25 ottobre 2018. URL consultato il 25 ottobre 2018 (archiviato il 29 marzo 2019).
  152. ^ (EN) Joe Lynch, 2019 Billboard Music Awards Winners: The Complete List, su Billboard, 1º maggio 2019. URL consultato il 19 maggio 2019 (archiviato il 18 ottobre 2019).
  153. ^ (EN) Stephen Daw, Ariana Grande Gives Epic Performance Of '7 Rings' at the 2019 BBMAs: Watch, su Billboard, 1º maggio 2019. URL consultato il 19 maggio 2019 (archiviato il 27 maggio 2019).
  154. ^ ARIANA GRANDE È HEADLINER DEL COACHELLA 2019: LA LINEUP COMPLETA DELLA NUOVA EDIZIONE DEL FESTIVAL, su MTV, Viacom International Media Networks Italia, 3 gennaio 2019. URL consultato il 28 marzo 2020 (archiviato il 28 marzo 2020).
  155. ^ (EN) 2019 Lineup, su Lollapalooza. URL consultato il 28 marzo 2020 (archiviato il 3 aprile 2019).
  156. ^ Ariana Grande, Lana Del Rey e Miley Cyrus pubblicano 'Don't call me angel', su Rolling Stone Italia, 13 settembre 2019. URL consultato il 13 settembre 2019 (archiviato il 4 luglio 2020).
  157. ^ (EN) Ben Henry, Ariana Grande Revealed What Her New Song "Boyfriend" Is About And TBH It's Very Relatable, su BuzzFeed. URL consultato il 2 agosto 2019 (archiviato il 2 gennaio 2020).
  158. ^ (EN) Charles Holmes, Normani Reveals Ariana Grande Wrote on Her New Single, su Rolling Stone, 8 agosto 2019. URL consultato il 9 agosto 2019 (archiviato l'11 dicembre 2019).
  159. ^ (EN) Kimberly Nordyke, MTV Video Music Awards: Taylor Swift, Jonas Brothers, Cardi B Among Winners, su hollywoodreporter.com, The Hollywood Reporter, 26 agosto 2019. URL consultato il 26 agosto 2019 (archiviato il 27 agosto 2019).
  160. ^ (EN) Copia archiviata, su www.iheart.com. URL consultato il 10 novembre 2019 (archiviato il 28 dicembre 2019).
  161. ^ (EN) Hugh McIntyre, Ariana Grande Surprise-Drops Her First Live Album 'K Bye For Now', su forbes.com, Forbes. URL consultato il 23 dicembre 2019 (archiviato il 24 dicembre 2019).
  162. ^ (EN) 'Kidding' Season 2 Episode 5 will see Ariana Grande’s green fairy arrive on Jeff's show as old set collapses, su meaww.com, Meaww. URL consultato il 23 marzo 2020 (archiviato il 24 febbraio 2020).
  163. ^ Kaufman Gil, Justin Bieber & Ariana Grande Are Collaborating For a Good Cause, su billboard.com, 7 maggio 2020. URL consultato il 1º maggio 2020 (archiviato il 1º maggio 2020).
  164. ^ Ariana Grande e Lady Gaga in coppia per "Rain On Me", su www.iltempo.it. URL consultato il 24 maggio 2020 (archiviato il 1º giugno 2020).
  165. ^ Rain On Me numero 1 Billboard Hot 100: tutti i record infranti di Lady Gaga ed Ariana Grande., su Rnbjunk Musica - ultime notizie e gossip di musica, 2 giugno 2020. URL consultato il 2 giugno 2020 (archiviato il 1º ottobre 2020).
  166. ^ (EN) Denise Warner, Here Are All the Winners From the 2020 MTV VMAs, su billboard.com, 30 agosto 2020. URL consultato il 26 ottobre 2020 (archiviato il 5 settembre 2020).
  167. ^ (EN) Anna Chan, Ariana Grande Just Revealed She's Releasing a New Album Really, Really Soon, su billboard.com, Billboard, 14 ottobre 2020. URL consultato il 18 ottobre 2020 (archiviato il 15 ottobre 2020).
  168. ^ (EN) Allison Hussey, Ariana Grande Teases "Positions," Coming Next Week, su Pitchfork, 17 ottobre 2020. URL consultato il 18 ottobre 2020 (archiviato il 18 ottobre 2020).
  169. ^ (EN) Brittany Spanos, Althea Legaspi, Ariana Grande Multitasks Running the Country and Home Life in 'Positions' Video, su rollingstone.com, Rolling Stone, 23 ottobre 2020. URL consultato il 23 ottobre 2020 (archiviato il 26 ottobre 2020).
  170. ^ 3 November 2020, Ariana Grande è la prima artista nella storia ad aver debuttato alla n°1 della Billboard Hot 100 tre volte in un anno, su News Mtv Italia, 3 novembre 2020. URL consultato il 9 dicembre 2020.
  171. ^ (EN) Most songs to debut at number one on the Billboard Hot 100, su Guinness World Records. URL consultato il 25 maggio 2021 (archiviato il 25 maggio 2021).
  172. ^ (EN) Chris DeVille, Premature Evaluation: Ariana Grande Positions, su stereogum.com, Stereogum, 29 ottobre 2020. URL consultato il 30 ottobre 2020 (archiviato il 1º novembre 2020).
  173. ^ (EN) Ariana Grande's Positions Debuts At No. 1, su The Honey POP, 10 novembre 2020. URL consultato il 25 maggio 2021 (archiviato il 25 maggio 2021).
  174. ^ Francesca Redazione, Testo, traduzione, audio e video di 34+35 di Ariana Grande, su Team World, 17 novembre 2020. URL consultato il 25 maggio 2021 (archiviato il 25 maggio 2021).
  175. ^ (EN) The Players Behind Ariana Grande's '34+35': See the Full Credits, su Billboard. URL consultato il 25 maggio 2021 (archiviato il 25 maggio 2021).
  176. ^ Mariah Carey, Ariana Grande, And Jennifer Hudson's 'Oh Santa!' Remix Is Here To Cheer You Up, su elle.com. URL consultato l'11 dicembre 2020 (archiviato il 7 dicembre 2020).
  177. ^ (ES) Destacados TV, Ariana Grande tendrá un documental en Netflix, trata sobre un concierto, su Destacados TV Revista, 11 dicembre 2020. URL consultato il 28 maggio 2021 (archiviato il 4 agosto 2021).
  178. ^ Arriva il primo show di Ariana Grande su Netflix, Excuse Me, I Love You dallo Sweetener Tour (trailer), su Optimagazine: ultime news, video e notizie italiane e dal mondo, 9 dicembre 2020. URL consultato il 9 dicembre 2020 (archiviato il 10 dicembre 2020).
  179. ^ SpettacoliNEWS, Ariana Grande: disponibile in digitale “Positions” Deluxe, su www.spettacolinews.it. URL consultato il 19 febbraio 2021 (archiviato il 4 agosto 2021).
  180. ^ https://twitter.com/grandelovesick2/status/1363229704157876230, su Twitter. URL consultato il 27 aprile 2021 (archiviato il 28 aprile 2021).
  181. ^ (EN) Hugh McIntyre, Ariana Grande Breaks Another Billboard Record With ‘Positions’, su Forbes. URL consultato il 27 aprile 2021 (archiviato il 27 aprile 2021).
  182. ^ Ariana Grande sarà coach nella 21esima stagione di The Voice USA, su Revenews, 31 marzo 2021. URL consultato il 29 ottobre 2021.
  183. ^ Demi Lovato e Ariana Grande insieme in un nuovo singolo, su timgate.it. URL consultato il 23 giugno 2021 (archiviato il 29 giugno 2021).
  184. ^ 12 April 2021, Demi Lovato ha confermato l'arrivo del videoclip di "Met Him Last Night" feat. Ariana Grande, su News Mtv Italia, 12 aprile 2021. URL consultato il 23 giugno 2021 (archiviato il 24 giugno 2021).
  185. ^ 28 May 2021, The Weeknd e Ariana Grande hanno cantato insieme per la prima volta dal vivo "Save Your Tears", su News Mtv Italia, 28 maggio 2021. URL consultato il 23 giugno 2021 (archiviato il 24 giugno 2021).
  186. ^ The Weeknd, su Billboard. URL consultato il 23 giugno 2021 (archiviato il 1º giugno 2020).
  187. ^ https://twitter.com/arianagrande/status/1391858306847625216, su Twitter. URL consultato il 17 maggio 2021 (archiviato il 17 maggio 2021).
  188. ^ https://twitter.com/billboardcharts/status/1389280265189609477, su Twitter. URL consultato il 17 maggio 2021 (archiviato il 17 maggio 2021).
  189. ^ Matrimonio a sorpresa: Ariana Grande si è sposata in casa, con 20 invitati, su D.it Repubblica, 18 maggio 2021. URL consultato il 19 maggio 2021 (archiviato il 18 maggio 2021).
  190. ^ (EN) To Celebrate the 5-Year Anniversary of "Dangerous Woman" Ariana Releases "Step On Up" on All Streaming Platforms, su BreatheHeavy | Exhale. URL consultato il 20 maggio 2021 (archiviato il 20 maggio 2021).
  191. ^ Pov di Ariana Grande ottiene finalmente un video dopo mesi da record: arriva anche Off The Table con The Weeknd?, su Optimagazine: ultime news, video e notizie italiane e dal mondo, 21 giugno 2021. URL consultato il 23 giugno 2021 (archiviato il 24 giugno 2021).
  192. ^ (EN) 3 Top 10 'Positions': Ariana Grande Makes History on Pop Airplay Chart, su Billboard. URL consultato il 23 giugno 2021 (archiviato il 23 giugno 2021).
  193. ^ 3 May 2021, Ariana Grande ha pubblicato lo speciale videoclip di "POV", su News Mtv Italia, 3 maggio 2021. URL consultato il 23 giugno 2021 (archiviato il 24 giugno 2021).
  194. ^ Pop Airplay Chart, su Billboard. URL consultato il 23 giugno 2021 (archiviato il 10 giugno 2019).
  195. ^ Ariana Grande, su Billboard. URL consultato il 4 luglio 2021 (archiviato l'11 luglio 2021).
  196. ^ Doja Cat torna con l’album Planet Her pronta per collaborare con importanti nomi della musica come Ariana Grande e The Wee, su Wonder Channel, 10 giugno 2021. URL consultato il 27 giugno 2021 (archiviato il 27 giugno 2021).
  197. ^ (EN) Ariana Grande Switches Up 'Positions' For Live Performance Video: Watch, su www.billboard.com, 22 luglio 2021. URL consultato il 25 luglio 2021 (archiviato il 1º agosto 2021).
  198. ^ Kelly Clarkson e Ariana Grande presentano la loro canzone di Natale “Santa, Can’t You Hear Me”, su Wonder Channel, 16 ottobre 2021. URL consultato il 29 ottobre 2021.
  199. ^ a b (EN) Jason Lipshutz, Ariana Grande Talks Breakout Hit 'The Way': Watch New Music Video, 28 marzo 2013. URL consultato il 28 marzo 2013 (archiviato il 31 marzo 2013).
  200. ^ (EN) Amanda Dobbins, Ariana Grande 101: Is She Really the New Mariah, su Vulture, 4 settembre 2013. URL consultato il 23 agosto 2018 (archiviato il 6 giugno 2019).
  201. ^ (EN) Ariana Grande’s 'Dangerous Woman' Isn’t Dangerous Or Womanly… So What?, su Noisey, 23 maggio 2016. URL consultato il 23 febbraio 2019 (archiviato il 19 marzo 2019).
  202. ^ (EN) Ariana Grande Wants to Release Music Like a Rapper, su rollingstone.com, Rolling Stone. URL consultato il 23 febbraio 2019 (archiviato il 23 dicembre 2019).
  203. ^ (EN) 6 Reasons Ariana Grande's 'Sweetener' Is Her Most Uplifting Album Yet, su billboard.com, Billboard. URL consultato il 23 febbraio 2019 (archiviato il 19 marzo 2019).
  204. ^ (EN) Every Ariana Grande Song, Ranked: Critic's Picks, su billboard.com, Billboard. URL consultato il 23 febbraio 2019 (archiviato il 5 aprile 2019).
  205. ^ (EN) Stephen Thomas Erlewine, My Everything – Ariana Grande, su allmusic.com, AllMusic, 25 agosto 2014. URL consultato il 1º settembre 2014 (archiviato il 27 giugno 2019).
  206. ^ (EN) Rob Sheffield, Ariana Grande My Everything, su Rolling Stone, 26 agosto 2014. URL consultato il 28 agosto 2014 (archiviato il 17 giugno 2018).
  207. ^ (EN) Mikael Wood, Review: Ariana Grande leaves the princess image behind with Dangerous Woman, su Los Angeles Times, 18 maggio 2016. URL consultato il 26 agosto 2019 (archiviato il 3 gennaio 2020).
  208. ^ (EN) Elias Leight, Ariana Grande's Sweetener Proves That Trap Is the New Pop, su rollingstone.com, Rolling Stone, 17 agosto 2018. URL consultato il 18 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2018).
  209. ^ (EN) Craig Jenkins, Thank U, Next Is a Phoenix Moment for Ariana Grande, su Vulture, 8 febbraio 2019. URL consultato il 26 agosto 2019 (archiviato il 14 luglio 2019).
  210. ^ a b (EN) Limelight Spotlight Q&A: Ariana Grande | Neon Limelight - Exclusive Music News, Artist Interviews, Reviews, Photos!, su neonlimelight.com. URL consultato il 30 aprile 2018 (archiviato il 15 gennaio 2012).
  211. ^ (EN) Ariana Grande Covers Whitney Houston at the White House - Rap-Up | Rap-Up, su www.rap-up.com. URL consultato il 30 aprile 2018 (archiviato il 29 giugno 2019).
  212. ^ (EN) Nickelodeon Kids, su nick-kids.net, 1º ottobre 2014. URL consultato il 30 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2014).
  213. ^ (EN) Ariana Grande Strips Down To Lingerie For Sexy 'V' Shoot, su hollywoodlife.com, Hollywoodlife, 21 febbraio 2014. URL consultato il 21 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2019).
  214. ^ (EN) Ariana Grande: Five Things To Know About The Little Girl Behind That Big Voice, in VH1 News. URL consultato il 30 aprile 2018 (archiviato il 26 giugno 2019).
  215. ^ (EN) Ariana Grande 101: Is She Really the New Mariah?, in Vulture, 4 settembre 2013. URL consultato il 30 aprile 2018 (archiviato il 6 giugno 2019).
  216. ^ (EN) Mark Savage, Ariana Grande: The diva with a heart, in BBC News, 23 maggio 2017. URL consultato il 30 aprile 2018 (archiviato il 13 giugno 2018).
  217. ^ (EN) It's Time to Stop Comparing Ariana Grande to Mariah Carey, in Billboard. URL consultato il 30 aprile 2018 (archiviato il 6 aprile 2018).
  218. ^ (EN) Ariana Grande Smashed The American Music Awards, Just Ask Kelly Clarkson, in MTV News. URL consultato il 30 aprile 2018 (archiviato il 22 aprile 2018).
  219. ^ (EN) Katy Perry Crowns 'The Best Voice' In Pop: Who Is It?, in MTV News. URL consultato il 30 aprile 2018 (archiviato il 9 aprile 2018).
  220. ^ (EN) Ariana Grande reveals her celebrity style icon, su Hello!, 3 marzo 2016. URL consultato il 3 marzo 2016 (archiviato il 7 maggio 2019).
  221. ^ a b (EN) Louby McLoughlin, Ariana Grande: 'I Look Back At Things I Wore Yesterday And Cringe', in Grazia, 20 agosto 2014. URL consultato il 20 agosto 2014 (archiviato il 7 maggio 2019).
  222. ^ (EN) Julianne Escobedo Shepherd, Ariana Grande's Fashion Focus: Breaking Down Her Many Confident Looks, su Billboard, 26 agosto 2014. URL consultato il 2 settembre 2014 (archiviato il 28 gennaio 2020).
  223. ^ (EN) Jim Farber, Ariana Grande owes her stardom to singing, not sex appeal, su New York Daily News, 14 agosto 2014. URL consultato l'11 settembre 2014 (archiviato il 5 ottobre 2014).
  224. ^ (EN) Tierneyhl, 'Total Ariana Live': See Ariana Grande's Hottest Looks Before Show, su Hollywood Life, 2 luglio 2014. URL consultato il 2 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 19 marzo 2019).; (EN) Kelsey Glein, Ariana Grande Steps Out in Style with 3 Pairs of Thigh-High Boots at the MTV VMAs, su InStyle, 25 agosto 2014. URL consultato il 2 settembre 2014 (archiviato il 29 gennaio 2015).; Caitlin Morton, Ariana Grande Is Totally Having a Nancy Sinatra Moment, su style.mtv.com, MTV, 23 aprile 2014. URL consultato il 2 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 3 settembre 2014).; e (EN) Katrina Mitzeliotis, Ariana Grande's Billboard Awards Performance Dress: Pretty In a Mini, su hollywoodlife.com, Hollywood Life, 18 maggio 2014. URL consultato il 1º settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 19 marzo 2019).
  225. ^ (EN) Myles Tanzer, Ariana Grande, su The Fader, 30 maggio 2018. URL consultato il 27 agosto 2019 (archiviato il 29 gennaio 2020).
  226. ^ (EN) Nicole Eggenberger, Ariana Grande Explains Hair Extensions: Natural Hair Looks "Absolutely Ratchet", su Us Weekly, 22 gennaio 2014. URL consultato il 3 settembre 2014 (archiviato il 14 ottobre 2017).
  227. ^ (EN) Anne T. Donahue, Do Not Be Distracted by Ariana Grande's Ponytail, su MTV, 18 aprile 2016. URL consultato il 28 agosto 2019 (archiviato il 19 marzo 2019).
  228. ^ (EN) Get To Know Ariana Grande, su The Huffington Post. URL consultato il 14 febbraio 2016 (archiviato l'11 marzo 2016).
  229. ^ (EN) For Kleenex, a Song and Dance to Sneeze To - NYTimes.com, su mobile.nytimes.com. URL consultato il 14 febbraio 2016 (archiviato il 4 agosto 2021).
  230. ^ (EN) Spread Love, Not Hate, su Seventeen Magazine. URL consultato l'8 luglio 2012 (archiviato l'11 dicembre 2014).
  231. ^ (EN) Michelle Kretzer, Ariana Grande Goes Vegan, su peta.org, Peta. URL consultato il 16 novembre 2013 (archiviato il 15 novembre 2013).
  232. ^ (EN) The Who, Ariana Grande, and Dave Matthews Help Stand Up to Cancer, su Rolling Stone, 6 settembre 2014. URL consultato il 5 settembre 2014 (archiviato il 25 agosto 2017).
  233. ^ (EN) Emilee Lindner, Ariana Grande Rescued 15 Dogs And Is Giving Them Away to Her Fans, su MTV, 20 marzo 2015. URL consultato il 27 agosto 2019 (archiviato il 20 marzo 2019).; e (EN) Kayla Caldwell, Miami-Dade Animal Services Adoption Fees Waived, su NBCMiami.com, 28 marzo 2015. URL consultato il 27 agosto 2019 (archiviato il 19 marzo 2019).
  234. ^ (EN) Jillian Ruffo, It's Here: Ariana Grande's M.A.C Viva Glam Collection Can Finally Grace Your Lips, su People StyleWatch, 13 gennaio 2016. URL consultato il 27 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2016).
  235. ^ (EN) Maeve Keirans, Ariana Grande Is a Beautiful Giant In Her New MAC Campaign, su MTV, 16 giugno 2016. URL consultato il 27 agosto 2019 (archiviato il 20 marzo 2019).
  236. ^ (EN) Gina Carbone, Nickelodeon Star Ariana Grande Addresses Eating Disorder Rumors, in WetPaint, 19 giugno 2013. URL consultato il 25 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 16 settembre 2019).; e (EN) Lizzy Goodman, Billboard Cover: Ariana Grande on Fame, Freddy Krueger and Her Freaky Past, in Billboard, 15 agosto 2014. URL consultato il 25 gennaio 2019 (archiviato il 13 giugno 2018).
  237. ^ (EN) Ariana Grande Reveals Brain Scan That Shows ‘Terrifying’ PTSD Trauma, su m.huffpost.com. URL consultato il 22 settembre 2019 (archiviato il 4 agosto 2021).
  238. ^ (EN) Ariana Grande shares brain scan and opens up about PTSD, su edition-m.cnn.com.
  239. ^ (EN) Emily Sheridan, Ariana Grande reveals she's suffering from anxiety after 'split' from Pete Davidson, in Mirror, 17 ottobre 2018. URL consultato il 28 agosto 2019 (archiviato il 29 marzo 2019).
  240. ^ (EN) Zoë Weiner, Ariana Grande Reveals She's Been in Therapy for Over a Decade: 'It's Work', in Self, 11 luglio 2018. URL consultato il 25 gennaio 2019 (archiviato il 10 giugno 2019).
  241. ^ (EN) Singer Ariana Grande Abandons Catholic Beliefs, su cathnewsusa.com, CathNewsUSA. URL consultato il 9 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2019).
  242. ^ (EN) Jim Farber, Ariana Grande owes her stardom to singing, not sex appeal, in New York Daily News, 14 agosto 2014. URL consultato il 7 febbraio 2015 (archiviato il 15 giugno 2018).
  243. ^ (EN) Duff, Seamus, Ariana Grande turned to Kabbalah after 'the Pope told me everything I loved was wrong', su metro.co.uk, Associated Newspaper Limited. URL consultato il 9 febbraio 2014 (archiviato il 17 febbraio 2014).
  244. ^ a b (EN) Brenna Ehrlich, Ariana Grande Reveals Love for Gay Brother Frankie Made Her Question Catholic Faith, in MTV, 22 ottobre 2014. URL consultato il 3 maggio 2016 (archiviato il 14 febbraio 2020).
  245. ^ (EN) David Cornell, Ariana Grande Loses Her Religion Over Pope Benedict, su inquisitr.com, The Inquisitr News. URL consultato il 18 dicembre 2013 (archiviato il 19 dicembre 2013).; e (EN) Craig McLean, Ariana Grande: 'If you want to call me a diva I'll say: cool', in The Daily Telegraph, 17 ottobre 2014. URL consultato il 24 agosto 2019 (archiviato il 9 ottobre 2019).
  246. ^ (EN) Jase Peeples, Ariana Grande Says Recording Song About Gay Affair Was 'Very Fun', su advocate.com. URL consultato il 25 gennaio 2019 (archiviato il 26 giugno 2019).
  247. ^ (EN) Ariana Grande Is 'Crying' Over Joe Biden Being Elected President: ‘THANK GOD’, su Billboard. URL consultato il 21 maggio 2021 (archiviato il 21 maggio 2021).
  248. ^ (EN) Emily Zauzmer, Graham Phillips Defends Ex-Girlfriend Ariana Grande After Doughnut Controversy: 'It Doesn't Speak to Her Character at All', in People, 22 luglio 2015. URL consultato il 22 gennaio 2018 (archiviato il 18 maggio 2016).; (EN) Daniela Cabrera, Who Has Ariana Grande Dated? The Singer Has a Thing for Guys in the Music Biz, su Bustle.com, 26 agosto 2016. URL consultato il 22 gennaio 2018 (archiviato il 27 marzo 2019).
  249. ^ (EN) 6 Reasons Ariana Grande & Jai Brooks Were Always Meant to Be, su Bustle.com, 4 maggio 2014. URL consultato il 17 novembre 2018 (archiviato il 18 novembre 2018).
  250. ^ (EN) Charlie Parrish, Ariana Grande confirms her relationship with Big Sean for the first time, in The Telegraph, 17 ottobre 2014. URL consultato il 1º dicembre 2014 (archiviato il 19 marzo 2019).
  251. ^ (EN) Archived copy, su celebrity.yahoo.com. URL consultato il 20 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 27 aprile 2015).
  252. ^ (EN) Patricia Garcia, Mac Miller on Love, Ariana Grande, and the Last Thing That Made Him Cry, in Vogue, 27 settembre 2016. URL consultato il 10 marzo 2019 (archiviato il 3 gennaio 2017).
  253. ^ (EN) Corinne Heller, Ariana Grande and Pete Davidson Break Up and Call Off Engagement, in E! News, 14 ottobre 2018. URL consultato il 10 dicembre 2018 (archiviato il 20 aprile 2019).
  254. ^ (EN) Natasha Reda, Ariana Grande and Dalton Gomez’s Relationship: A Complete Timeline, su Glamour, 28 giugno 2020. URL consultato il 17 novembre 2021.
  255. ^ Giulia Mattioli, Matrimonio a sorpresa: Ariana Grande si è sposata in casa, con 20 invitati, su D - la Repubblica delle donne, 18 maggio 2021. URL consultato il 17 novembre 2021.
  256. ^ (EN) A Snow White Christmas « The Pasadena Playhouse, su pasadenaplayhouse.org. URL consultato l'11 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 14 settembre 2012).
  257. ^ Monica Bonetto, su Il mondo dei doppiatori, AntonioGenna.net. URL consultato il 14 febbraio 2016.

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autoritàVIAF (EN86319405 · ISNI (EN0000 0000 5911 0272 · Europeana agent/base/118851 · LCCN (ENno2009050369 · GND (DE1043090436 · BNF (FRcb16941154t (data) · NDL (ENJA001194289 · WorldCat Identities (ENlccn-no2009050369