Apri il menu principale

Resurrezione (miniserie televisiva 1965)

sceneggiato televisivo del 1965 diretto da Franco Enriquez
Resurrezione
Valeria Moriconi.jpg
Valeria Moriconi
PaeseItalia
Anno1965
Formatominiserie TV
Generedrammatico
Puntate6
Durata60 min. cad.
Lingua originaleitaliano
Dati tecniciB/N
rapporto: n.d.
Crediti
RegiaFranco Enriquez
Soggettodal romanzo omonimo di Lev Tolstoj
SceneggiaturaOreste Del Buono, Franco Enriquez, Aldo Nicolaj
Interpreti e personaggi
FotografiaTonino Delli Colli
MusicheBenedetto Ghiglia
ScenografiaPino Valenti
CostumiLorenzo Ghiglia
Produttore esecutivoAldo Nicolaj
Casa di produzioneRai
Prima visione
Dal31 ottobre 1965
Al5 dicembre 1965
Rete televisivaProgramma Nazionale

Resurrezione è uno sceneggiato televisivo prodotto dalla Rai nel 1965. Strutturato in sei puntate, venne trasmesso sull'allora Programma Nazionale la domenica sera dal 31 ottobre al 5 dicembre 1965.

Girato in bianco e nero con la fotografia di Tonino Delli Colli, tratto dal romanzo Resurrezione di Lev Nikolaevic Tolstoj, venne adattato per la televisione da Oreste Del Buono, Aldo Nicolaj e Franco Enriquez[1], che ne curò anche la regia.

La scenografia era curata da Pino Valenti, i costumi da Lorenzo Ghiglia, le musiche da Benedetto Ghiglia.

Gli ascolti, secondo i dati diffusi dal Servizio Opinioni della Rai, variarono da 12,5 milioni della prima puntata[2] ai 15,7 della quinta puntata[3].

Indice

CastModifica

Il cast comprendeva, come attori principali, Alberto Lupo e Valeria Moriconi[4], affiancati da una serie di comprimari fra cui Sergio Tofano, Andrea Checchi e Luca Ronconi (regista teatrale, qui in veste di attore).

Altri interpreti erano:

ProduzioneModifica

La produzione dello sceneggiato coinvolse oltre cento attori e trecento tra figuranti e comparse. Gli interni furono girati negli Studi Rai di Napoli, gli esterni, per le scene ambientate in Siberia, nei dintorni di Roccaraso nel mese di febbraio 1965[5].

CriticaModifica

L'Enciclopedia della televisione[6], a proposito di questo sceneggiato, sottolinea come esso fosse animato "da un cast composto da 106 attori e trecento comparse" a cui vennero "imposti" - durante la lavorazione - "disagi non indifferenti".

Nonostante le ottime intenzioni registiche di restituire "in sei puntate l'inquietudine e la pietà di Tolstoi", tuttavia, l'esito finale - in termini di critica - non fu aderente alle attese.

Recensendo lo spettacolo per l'Europeo, Achille Campanile scrisse, a proposito dell'interpretazione di Valeria Moriconi[7]:

«La Moriconi, bravissima in tutte le inquadrature, nelle scene in tribunale è una Katiuscia ancora troppo fresca, troppo bella ragazza e molto appetibile. Siamo molto lontani dalla straccioneria pidocchiosa del testo, dalle tracce dell'abiezione in cui è caduta. Si può dire che è meglio, più fresca e desiderabile adesso, che quando, giovinetta, puro fiorellino appena sbocciato, correva lieta per i campi, inseguita dal principe ...»

RemakeModifica

Dello sceneggiato è stato fatto nel 2001 un remake in una coproduzione italo-franco-tedesca, con la regia dei fratelli Paolo e Vittorio Taviani e con interpreti Stefania Rocca, Giulia Lazzarini e Giulio Scarpati[8].

NoteModifica

  1. ^ Franco Enriquez ci dice come ha realizzato <<Resurrezione>>, Radiocorriere TV, 1965, n. n. 44, pp. 22-23
  2. ^ Radiocorriere TV, 1965, n. 50, p. 13
  3. ^ Radiocorriere TV, 1966, n. 2, p. 9
  4. ^ <<Resurrezione>>: dal diario dell'attrice Valeria Moriconi, Radiocorriere TV, 1965, n. n. 44, pp. 24-25
  5. ^ Mario Busiello, La Siberia in Abruzzo per la troupe di <<Resurrezione>>, Radiocorriere TV, 1965, n. 12, pp. 18-19
  6. ^ Grasso A. (a cura di), Enciclopedia della televisione, Garzanti, 2008
  7. ^ Fonte: Scompagina.org
  8. ^ Fonte: Antoniogenna.net

Collegamenti esterniModifica