Roger Verdi

calciatore keniota
Roger Verdi
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Altezza 155 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Termine carriera 1980 - calciatore
Carriera
Giovanili
1965-1969Wolverhampton
1969Ipswich Town
Squadre di club1
1972Vancouver Spartans? (?)
1972-1973Montréal Olympique25 (1)
1974Miami Toros10 (0)
1975-1977St. Louis Stars59 (0)
1978S.J. Earthquakes9 (0)
1979Cleveland Cobras? (?)
1979Columbus Magic? (?)
1980Phoenix Fire0 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Indoor soccer Futsal pictogram.svg
Ruolo Difensore
Termine carriera 1981
Carriera
Squadre di club
1975St. Louis Stars? (?)
1980-1981Phoenix Inferno38 (2)
 

Roger Verdi, nato Rajinder Singh Virdee (Nairobi, 4 febbraio 1953), è un ex calciatore inglese, difensore di ruolo terzino destro[1].

BiografiaModifica

Secondo figlio di due sikh di etnia punjabi, il falegname Amar Singh Virdee e la casalinga Katar Kaur, Verdi è nato a Nairobi nel 1953, nell'allora colonia britannica del Kenya.[1][2] Lasciò con la sua famiglia l'Africa a seguito della rivolta dei Mau-Mau trasferendosi in Inghilterra nel 1960, stabilendosi a Smethwick.[2] Adottò il nome Roger Verdi per adattarsi alla vita in Gran Bretagna e per sfuggire al razzismo.[2] Lasciato il calcio giocato, si trasferì a Dallas ove si impiegò nelle costruzioni.[2]

CarrieraModifica

A dodici anni firma per il Wolverhampton e poi a sedici per l'Ipswich Town guidato da Bobby Robson.[1][2] Non avendo ottenuto un contratto professionale con l'Ipswich, ottiene un ingaggio con i canadesi del Vancouver Spartans guidati dall'inglese Bobby Cram, che lo contattò personalmente per convincerlo a seguirlo in America.[1][2] Durante un incontro amichevole tra gli Spartans e la franchigia della NASL dei Montréal Olympique, si fa notare dai secondi che lo ingaggiano.[2]

Milita con l'Olympique dal 1972 al 1973 nella North American Soccer League, non riuscendo con la sua squadra a superare la fase a gironi in entrambe le stagioni.[2] Mentre militava nell'Olympique, il suo compagno di squadra Graeme Souness, in prestito dai londinesi del Tottenham, lo segnalò alla squadra madre che però non si mosse per acquistarlo.[2]

Nella stagione 1974 passa ai Miami Toros, con cui raggiunge la finale del torneo, persa ai rigori contro i Los Angeles Aztecs: partito dalla panchina, subentrò nel corso della gara al trinidadiano Warren Archibald.[3]

Nella stagione 1975 passa ai St. Louis Stars, con cui raggiunge le semifinali del torneo. Dopo non aver superato la fase a gironi nella stagione 1976, in quella del 1977 raggiunge i turni di spareggio.

Nella NASL 1978 passa ai S.J. Earthquakes, con cui non supera la fase a gironi del torneo.

Dopo l'esperienza con gli Earthquakes, Verdi disputa due campionati dell'American Soccer League per poi chiudere la carriera agonistica nell'indoor soccer con i Phoenix Inferno.

Durante la sua militanza nella NASL venne apprezzato dall'allenatore tedesco Dettmar Cramer che affermò che se Verdi fosse stato cittadino tedesco avrebbe sicuramente giocato in Bundesliga.[2]

NoteModifica

  1. ^ a b c d (EN) From Nairobi to the NASL: the unsung pioneer who marked Pele out of the game, su Theguardian.com. URL consultato il 24 marzo 2021.
  2. ^ a b c d e f g h i j (EN) Roger Verdi: Marking Pele and playing darts with George Best, su Bbc.com. URL consultato il 24 marzo 2021.
  3. ^ (ES) PREVIO CAMPEONES: LOS ANGELES AZTECS GANAN 1974 TITULO EN PENALES, su Nasl.com. URL consultato il 18 gennaio 2021.

Collegamenti esterniModifica

  • (EN) Roger Verdi, su Nasljerseys.com. URL consultato il 23 marzo 2021.