San Jose Earthquakes

società calcistica statunitense
San Jose Earthquakes
Calcio Football pictogram.svg
Logo San Jose Earthquakes 2014.png
Earthquakes; Quakes; The Boys in Blue
Los Terremotos de San José
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Azzurro e Nero.svg Azzurro, nero
Dati societari
Città San Jose
Nazione Stati Uniti Stati Uniti
Confederazione CONCACAF
Federazione Flag of the United States.svg USSF
Campionato Major League Soccer
Fondazione 1974
Scioglimento1988
Rifondazione1995
Scioglimento2005
Rifondazione2007
Proprietario Stati Uniti Lew Wolff
Presidente Stati Uniti Dave Kaval
Allenatore Spagna Alex Covelo
Stadio PayPal Park
(18000 posti)
Sito web www.sjearthquakes.com
Palmarès
Major LeagueMajor League
Titoli MLS 2
Trofei nazionali 2 MLS Supporters' Shield
Si invita a seguire il modello di voce

I San Jose Earthquakes sono una società calcistica statunitense con sede nella città di San Jose (California).

StoriaModifica

San Jose Earthquakes (1974-1988)Modifica

I San Jose Earthquakes militarono nella North American Soccer League dal 1974 al 1984 e nelle cui ultime due stagioni militò con il nome di "Golden Bay Earthquakes". Primo marcatore della storia dei Quakes è stato Mani Hernandez, che ha segnato nell'1-1 esterno del 5 maggio, esordio assoluto dei californiani, contro i Vancouver Whitecaps.[1]

La squadra fu attiva anche nel campionato indoor della NASL per tre stagioni e, nel 1982/1983, anno in cui il torneo al chiuso non si tenne per problemi economici, disputò il torneo della Major Indoor Soccer League I. Dal 1985 al 1988 partecipò alla Western Soccer Alliance.

Nel 1989 la squadra venne spostata nell'area della baia di San Francisco, pur continuando a giocare a San Jose, divenendo i S.F. Bay Blackhawks.[2]

Il nome Earthquakes derivò da un articolo di giornale apparso sul San Jose Mercury News ed è riferito all'alta sismicità del suolo californiano (earthquake significa, infatti, terremoto).

RifondazioneModifica

Parteciparono alla Major League Soccer dal 1995 al 2005, vincendo la MLS Cup nel 2001 e nel 2003 e il MLS Supporters' Shield nel 2005. Giocavano le partite interne nello Spartan Stadium, situato nel South Campus della San José State University, dove la squadra di casa (nota come i San Jose Clash dal 1995 al 1999) sconfisse il D.C. United per 1-0 nella prima partita della storia della MLS. Nel corso della stagione 2005 della MLS, nel dicembre di quell'anno, la franchigia fu messa in vendita e lo staff tecnico si trasferì a Houston (Texas), dove gioca la Houston Dynamo, erede diretta del club.

Il 18 luglio 2007 il Commissioner della Major League Soccer Don Garber ha annunciato che dal 2008 i San Jose Earthquakes sarebbero stati riammessi alla MLS, divenendo la 14ª squadra della lega.

La nuova franchigia è gestita da Lew Wolff (proprietario degli Oakland Athletics) e Ian Fisher.

CronistoriaModifica

Cronistoria del San Jose Earthquakes
  • 1974 - Fondazione del San Jose Earthquakes.
  • 1974 - 2º in Western Division ed eliminato ai quarti di finale della NASL 1974.
  • 1975 - 5º in Pacific Division della NASL 1975.
  • 1976 - 1º in Southern Division (Pacific Conference) ed eliminato in semifinale della NASL 1976.
  • 1977 - 2º in Southern Division (Pacific Conference) ed eliminato agli spareggi della NASL 1977.
  • 1978 - 4º in Western Division (American Conference) della NASL 1978.
  • 1979 - 4º in Western Division (American Conference) della NASL 1979.
  • 1980 - 4º in Western Division (American Conference) della NASL 1980.

  • 1981 - 4º in Western Division della NASL 1981.
  • 1982 - 5º in Western Division della NASL 1982.
  • 1983 - La franchigia cambia il nome in Golden Bay Earthquakes.
  • 1983 - 2º in Western Division ed eliminato in semifinale della NASL 1983.
  • 1984 - 5º in Western Division della NASL 1984.
  • 1985 - La franchigia riassume il nome San Jose Earthquakes.
  • 1985 - 1º in WASCS 1985.
  • 1986 - 6° in WSC 1986.
  • 1987 - 3° nella regular season e sconfitto in finale della WSC 1987.
  • 1988 - 3° nella regular season e sconfitto in finale della WSC 1988.
  • 1988 - Scioglimento della franchigia.

  • 1995 - Rifondazione come San Jose Clash.
  • 1996 - 4° in Western Conference ed eliminato in semifinale di Conference della MLS 1996.
  • 1997 - 5° in Western Conference della MLS 1997.
  • 1998 - 5° in Western Conference della MLS 1998.
  • 1999 - 5° in Western Conference della MLS 1999.
  • 2000 - La franchigia riassume il nome San Jose Earthquakes.
  • 2000 - 4° in Western Division della MLS 2000.

  • 2001 - 2° in Western Division e vincitrice della MLS Cup della MLS 2001.
  • 2002 - 2° in Western Conference ed eliminato ai quarti di finale della MLS 2002. Eliminato ai quarti di finale della CONCACAF Champions' Cup 2002.
  • 2003 - 1° in Western Conference e vincitrice della MLS Cup della MLS 2003.
  • 2004 - 4° in Western Conference ed eliminato in semifinale di Conference della MLS 2002. Eliminato ai quarti di finale della CONCACAF Champions' Cup 2004.
  • 2005 - 1° in Western Conference, vincitrice della MLS Supporters' Shield ed eliminato in semifinale di Conference della MLS 2005.
  • 2005 - La franchigia viene ricollocata a Houston, dando vita agli Houston Dynamo.
  • 2008 - Rifondazione della franchigia.
  • 2008 - 6° in Western Conference della MLS 2008.
  • 2009 - 8° in Western Conference della MLS 2009.
  • 2010 - 6° in Western Conference della MLS 2010.


  • 2020 - 6° in Western Conference della MLS 2020 ed eliminato al primo turno della MLS 2020.
  • 2021 - 10° in Western Conference della MLS 2021.
  • 2022 - 14° in Western Conference della MLS 2022.

Colori e simboliModifica

Due vecchi stemmi dei San Jose Earthquakes.

La prima formazione del San Jose Earthquakes aveva come colori il bianco e l'amaranto. La successiva reincarnazione del club, denominato San Jose Clash, che aveva come simbolo uno scorpione, indossava una maglia giallo e bianca con gli inserti verdi. Quando il club riassunse il nome originario, cambiò i colori sociali in nero e azzurro.

MascotteModifica

La franchigia ha avuto come mascotte dal 1996 al 1999 "José Clash", che venne sostituito dal 2000 al 2002 da "Rikter the CyberDog". Nel biennio 2004-2005 la mascotte fu "Q", che fu ripresa definitivamente dopo la rifondazione del club nel 2008.

StruttureModifica

StadioModifica

Lo stadio di casa dei San Jose Earthquakes fu per decenni lo Spartan Stadium, impianto nato nel 1933 per il football americano. Originariamente prevedeva 4.000 posti, tuttavia, nel corso delle ristrutturazioni seguenti, è arrivato a contenerne più di 30.000. Tuttora attivo, ha ospitato anche gli incontri di calcio femminile delle San Jose CyberRays dal 2001 al 2003, oltre ovviamente alla squadra di football della San José State University, la quale è anche proprietaria dell'impianto.

Dal 2015 la società si è dotata di un proprio impianto, l'Earthquakes Stadium, noto con diversi nomi (Avaya Stadium, PayPal Park) a seconda della cessione dei diritti di denominazione ad aziende terze.

Allenatori e presidentiModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori dei San Jose Earthquakes.
Allenatori
General Manager

CalciatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori dei San Jose Earthquakes.

Calciatori nella Hall of FameModifica

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

2001, 2003
2005, 2012
1985

TifoseriaModifica

Gemellaggi e rivalitàModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: California Clásico.

Una delle principali rivalità riguarda quella con il LA Galaxy: simbolo del divario tra Nord e Sud della California, è stata definita come la più storica ed intensa rivalità nella lega.[3][4] L'apice di questo scontro sportivo si raggiunse nei prima anni duemila; tra il 2001 ed il 2005, le due compagini californiane vinsero complessivamente quattro campionati (due a testa) e si contesero la vittoria nella finale dell'edizione 2001, che vide la vittoria di San Jose per la prima volta.[5]

OrganicoModifica

Rosa 2022Modifica

Aggiornata al 19 novembre 2022.

N. Ruolo Giocatore
1   P J.T. Marcinkowski
3   D Paul Marie
5   C Eric Remedi
6   C Shea Salinas
10   C Cristian Espinoza
11   A Jeremy Ebobisse
12   P Matt Bersano
13   C Nathan
14   C Jackson Yueill (capitano)
15   D Tanner Beason
16   C Jack Skahan
17   C Ján Greguš
18   C George Asomani
19   C Siad Haji
20   C Will Richmond
N. Ruolo Giocatore
21   C Gilbert Fuentes
22   C Tommy Thompson
23   D Oskar Ågren
25   C Ousseni Bouda
26   D Rodrigues
28   C Benjamin Kikanovic
29   D Carlos Akapo
30   C Niko Tsakiris
31   D Miguel Trauco
35   C Jamiro Monteiro
41   P Emmanuel Ochoa
44   A Cade Cowell
59   C Cruz Medina
77   D Casey Walls
93   C Judson

Rosa 2021Modifica

Aggiornata al 4 giugno 2021.

N. Ruolo Giocatore
1   P J.T. Marcinkowski
2   D Luciano Abecasis
3   D Paul Marie
4   D Oswaldo Alanís
5   C Eric Remedi
6   C Shea Salinas
7   C Carlos Fierro
8   A Chris Wondolowski (capitano)
9   A Javier López
10   C Cristian Espinoza
12   P Matt Bersano
14   C Jackson Yueill
N. Ruolo Giocatore
15   D Tanner Beason
16   C Jack Skahan
17   P Mario Vega
19   C Siad Haji
20   D Carlos Akapo
22   C Tommy Thompson
23   D Florian Jungwirth
25   A Andrés Ríos
26   C Eric Calvillo
29   D Jacob Akanyirige
44   A Cade Cowell
93   C Judson

NoteModifica

  1. ^ (EN) Soccer Legend Mani Hernandez Gets Unexpected Hall of Fame Call, su Metrosiliconvalley.com. URL consultato il 30 aprile 2022.
  2. ^ (EN) USA - Western Soccer Alliance/League, su Rsssf.com. URL consultato il 29 aprile 2022.
  3. ^ (EN) Galaxy vs Earthquakes, su theguardian.com, 2 luglio 2012. URL consultato il 1º maggio 2020.
  4. ^ (EN) Throw conflicted torn California Clasico, su mlssoccer.com, mlssoccer, 28 giugno 2012. URL consultato il 1º maggio 2020.
  5. ^ (EN) MLS Cup 2001, su mlssoccer.com, 28 ottobre 2001. URL consultato il 1º maggio 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN316744496 · LCCN (ENn2015039849 · WorldCat Identities (ENlccn-n2015039849
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio