Apri il menu principale

Sandy Dennis, nome completo Sandra Dale Dennis (Hastings, 27 aprile 1937Westport, 2 marzo 1992), è stata un'attrice statunitense.

Indice

CarrieraModifica

Dopo le prime esperienze d'attrice in compagnie teatrali di provincia, Sandy Dennis si trasferì a New York all'inizio degli anni sessanta per lavorare nel circuito teatrale off Broadway[1]. Vinse per due anni consecutivi il Tony Award, uno nel 1963 per A Thousand Clowns e uno nel 1964 per Any Wednesday[1]. Allieva del prestigioso Actor's Studio, ottenne una piccola parte in Splendore nell'erba (1961) di Elia Kazan, uno dei fondatori della celebre scuola di recitazione[2].

Al suo primo ruolo importante per il grande schermo e nonostante la poca esperienza cinematografica, conquistò subito il premio Oscar alla miglior attrice non protagonista nel 1967 per la sua interpretazione della moglie alcolizzata, timida e introversa[1] di George Segal in Chi ha paura di Virginia Woolf? (1966).

In piena epoca di veloce mutamento nei modelli culturali, la Dennis si impose per le sue interpretazioni di personaggi femminili complessi e tormentati, rappresentativi delle patologie nevrotiche di una società opulenta e contraddittoria[2]. Il suo talento drammatico venne confermato con una magistrale prova in La volpe (1967) e nel dramma Quel freddo giorno nel parco (1969) di Robert Altman[2]. In seguito diede il meglio delle proprie possibilità anche in ruoli da commedia leggera e agrodolce, come quello dell'insegnante maltrattata in Su per la discesa (1967), e come moglie di Jack Lemmon in Un provinciale a New York (1970)[1], rivelandosi una sorprendente e perfetta spalla del celebre protagonista maschile[2].

Dopo aver lavorato per un certo periodo alla televisione, tornò sul grande schermo in film come Jimmy Dean, Jimmy Dean (1982) di Robert Altman (1982), e Un'altra donna (1988) di Woody Allen[2].

Già compagna del musicista Gerry Mulligan[1], e successivamente dell'attore Eric Roberts, Sandy Dennis morì nel 1992, a soli 56 anni, per un cancro alle ovaie.

Filmografia parzialeModifica

Doppiatrici italianeModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Il chi è del cinema, De Agostini, 1984, Vol. I, pag. 141
  2. ^ a b c d e Le Garzantine - Cinema, Garzanti, 2000, pag. 293

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN39566261 · ISNI (EN0000 0001 1400 9944 · LCCN (ENno93019709 · GND (DE12031648X · BNF (FRcb13939407f (data) · WorldCat Identities (ENno93-019709