Apri il menu principale

Scuola di mistica fascista Sandro Italico Mussolini

(Reindirizzamento da Scuola di Mistica Fascista)
(LA)

«Per orbis unionem sub Lictorii signo.»

(IT)

«Per l'unione del mondo sotto il segno del Littorio.»

(Motto della Scuola di mistica fascista lanciato da Niccolò Giani[1])

La Scuola di mistica fascista Sandro Italico Mussolini, fondata nel 1930 a Milano da Niccolò Giani, si poneva l'obiettivo di forgiare la futura classe dirigente del Partito Nazionale Fascista (PNF). All'interno di essa si sviluppò una corrente di pensiero[2][3] fideista[4] tutta interna al fascismo nota come "Mistica fascista".

Indice

La ScuolaModifica

La fondazione della scuolaModifica

 
Arnaldo Mussolini si reca ad assistere all'apertura della scuola 1930

La scuola nacque per la volontà di Niccolò Giani e di un gruppo di studenti del GUF milanese il 10 aprile 1930 nella Casa del Fascio di piazza Belgioioso[5] dopo aver ottenuto il patrocinio del GUF milanese e dell'Istituto Fascista di Cultura[6] presieduto da Leo Pollini. Queste due organizzazioni avevano il diritto nominale di scegliere il direttore.

L'apertura era già stata anticipata dallo stesso Giani il 4 aprile sul foglio dei GUF "Libro e moschetto"[7] della Scuola di mistica fascista che fu fondata nella stessa primavera nel capoluogo lombardo sotto il patronato di Arnaldo Mussolini e alla presenza del cardinale Alfredo Ildefonso Schuster[8].

L'istituto milanese, provvisoriamente locato in Via san Francesco d'Assisi per raccogliere le adesioni, svolse la sua prima riunione il 10 aprile nell'aula magna della casa del fascio di Piazza Belgioioso[7]. Parteciparono numerosi gerarchi fascisti tra cui il segretario del GUF Andrea Ippoliti. Giani illustrò nel corso dell'appuntamento gli obiettivi della scuola che non erano di creare un semplice doppione di una delle tante organizzazioni del regime, ma di realizzare un completamento educativo per gli studenti iscritti ai GUF[7].

La sede di via PellicoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Mistica fascista.
 
Uno dei quaderni della Scuola di Mistica pubblicati per volontà di Giani

In seguito, trasferitasi in via Silvio Pellico la Scuola fu intitolata a Sandro Italico Mussolini, il 29 novembre 1931. Nello stesso giorno Arnaldo Mussolini tenne il discorso "Coscienza e dovere" che inaugurò il nuovo anno scolastico e che fornì la traccia per il decalogo[9] che Giani stese tempo dopo. Niccolò Giani tra il 9 e il 15 ottobre 1932 elaborò una sorta di manifesto programmatico in cui enunciò i principi fondanti della Scuola:

«Compito nostro deve essere soltanto quello di coordinare, interpretare ed elaborare il pensiero del Duce. Ecco perché è sorta una Scuola di mistica fascista ed ecco il suo compito: elaborare e precisare i nuovi valori del fascismo che sono nell'opera del Duce.»

(Niccolò Giani in La marcia sul mondo del 9-15 ottobre 1932[10])

La scuola si proponeva l'obiettivo di far rivivere l'anima del Fascismo più vero, quello della trincea e dei primi anni del movimento, consegnandolo idealmente alle nuove generazioni[11], si proponeva in particolare di essere il centro di formazione politica dei futuri dirigenti del Fascismo. I principi-chiave sui quali l'insegnamento si basava erano l'attivismo volontaristico, la fede nell'Italia dalla quale si riteneva derivasse quella in Benito Mussolini e nel Fascismo, l'anti-razionalismo, un certo connubio tra religione e politica, la polemica con la liberal-democrazia e il socialismo, il culto della "romanità". Giani ne fu il direttore e presidente divenne Vito Mussolini, nipote del Duce. Ferdinando Mezzasoma ne fu vicepresidente. Luigi Stefanini fu per alcuni anni, "consultore", cioè consulente ufficiale della Scuola. In via Pellico, avendo a disposizione diversi uffici fu più facile organizzare il lavoro e all'interno di essi trovarono spazio circa cinquemila volumi solitamente riguardanti il fascismo ma anche di altro genere come una collezione del giornale socialista L'Avanti rilevata dalla Confederazione Generale del Lavoro[12]. Numerosi erano inoltre i corsi che spaziavano dai più svariati argomenti[12]. L'attività principale della scuola si esplicava nell'organizzare conferenze e convegni in cui si affrontavano tematiche inerenti[12]. Numerosi erano inoltre i corsi che spaziavano dai più svariati argomenti ma solitamente inerenti al fascismo[12].

La scuola divenne inoltre editrice di una serie di quaderni che affrontavano differenti problematiche e a partire dal 1937, sempre per iniziativa di Giani, fu creata nell'ambito della scuola la rivista, Dottrina fascista, che vi pubblicò nel 1939 il "Decalogo dell'italiano nuovo", tratto dagli scritti e discorsi di Arnaldo Mussolini[13].

L'acquisizione del "Covo"Modifica

 
L'incontro a Roma del 1939 con Mussolini in cui si decise la cessione del "Covo" alla Scuola

Nel 1939, con una cerimonia presieduta dal segretario del PNF Achille Starace la sede ufficiale si spostò nel medesimo edificio che ospitò ai suoi inizi il giornale Il Popolo d'Italia, chiamato "il Covo". Il "Covo" negli anni era stato trasformato in un museo permanente della "Rivoluzione fascista" e a partire dal 15 novembre 1939 l'intera palazzina era stata proclamata "monumento nazionale" con tanto di guardia di "onore" svolta da squadristi e combattenti[14]. Il 20 novembre, per esplicita decisione di Mussolini[14], fu ufficialmente consegnata ai giovani della scuola. L'evento fu vissuto come una autentica consacrazione dei giovani insegnanti riuniti intorno a Giani[14]. In realtà la consegna era già stata disposta il 18 ottobre 1939, come risulta da un foglio d'ordini del PNF[14] e in quell'occasione il consiglio direttivo era stato ricevuto a Roma da Mussolini. Mussolini li aveva spronati a continuare nella loro attività.

«Il fascismo deve avere i suoi missionari, cioè degli uomini che sappiano convincere alla fede intransigente e combattere fino all'estremo sacrificio per la propria fede. Ogni rivoluzione ha tre momenti: si comincia con la mistica, si continua con la politica, si finisce con l'amministrazione. Quando una rivoluzione diventa amministrazione si può dire che è terminata, liquidata...»

(Mussolini rivolto alla dirigenza della Scuola di mistica fascista[15])

I dirigenti intervenuti della Scuola di mistica intendevano utilizzare la vecchia sede de "Il Popolo d'Italia" per trasformarla in un "Sacrario della rivoluzione fascista" creando al suo interno un itinerario con al primo piano i cimeli riguardanti primi anni del movimento fascista. Al secondo e al terzo i cimeli e la documentazione relativi agli anni che hanno portato alla Marcia su Roma e infine al quarto gli anni più recenti[15].

Il convegno del decennale della fondazioneModifica

 
Convegno del 1940

Tra il 19 e il 20 febbraio 1940 a Milano, in occasione del decennale dalla fondazione, fu tenuto il "1º Convegno nazionale di mistica fascista" in una sala di palazzo Marino che nelle intenzioni degli organizzatori avrebbe dovuto essere il primo della serie[14]. Obiettivo che sfumò a causa dell'entrata in guerra. A presiedere il convegno fu chiamato Ferdinando Mezzasoma che era al contempo vice segretario della Scuola e del Partito Nazionale Fascista. L'argomento delle due giornate era: "Perché siamo dei mistici?"[16]

L'incontro vide circa 500 partecipanti ed ebbe l'adesione della maggior parte degli intellettuali italiani dell'epoca, compresi rettori e docenti universitari. Julius Evola fu tra i sostenitori di questa iniziativa per le possibilità che essa avrebbe potuto offrire nella creazione di un'élite ispirata ai valori tradizionali da lui propugnati. Numerosi interventi furono riportati e pubblicati sui "Quaderni" voluti da Giani.

I "mistici" partono volontari per il fronteModifica

Dopo l'entrata dell'Italia nella seconda guerra mondiale il 10 giugno, la Scuola fu affidata al reggente Salvatore Atzeni,[17] e l'attività venne sospesa, in quanto gran parte dei dirigenti era partita volontaria su impulso dello stesso Niccolò Giani. Nella guerra caddero lo stesso Giani nel 1941 e altri docenti, come Guido Pallotta e Berto Ricci. Nel 1943, avendo perso in guerra gran parte dei propri docenti[18], la scuola cessò definitivamente la propria attività. Alla stipula dell'Armistizio di Cassibile quattordici membri della Scuola risultavano caduti in guerra di cui quattro decorati con medaglia d'oro al valor militare alla memoria.[19]

I docentiModifica

Studi sulla ScuolaModifica

La Scuola di Mistica fascista è stata finora oggetto di interesse assai limitato: illustri studiosi quali Bobbio, Casucci, Isnenghi[21], Nolte, De Felice, Gentile, Ledeen[22] hanno tracciato al riguardo brevissimi cenni inserendoli in opere di più ampio raggio. Maggiore approfondimento è stato invece mostrato da Daniele Marchesini, Betri[23], Signori, La Rovere[24], un giornalista del calibro di Bocca, de Antonellis[25] e Giannantoni[26]. Il primo a mostrare interesse per l'argomento fu, da destra, il politologo Marco Tarchi[27] mentre al Marchesini va il primato di esser stato l'unico, fino al 2003, ad aver dedicato all'argomento un intero studio.[28] Col 2004 rifiorisce un certo interesse per la Mistica Fascista: sono infatti pubblicati, una all'insaputa dell'altra, ben due opere: L. Fantini, Essenza mistica del fascismo totalitario. Dalla scuola di Mistica Fascista alle Brigate Nere a cura dell'Associazione Culturale 1º dicembre 1943, Perugia 2004 e A. Grandi Gli eroi di Mussolini. Niccolò Giani e la Scuola di Mistica Fascista, Rizzoli, Milano 2004

Opere di autori legati alla ScuolaModifica

  • AA. VV. Quaderni della Scuola di Mistica Fascista Sandro Italico Mussolini, Roma, Dottrina Fascista, anni 1938-1942
  • AA. VV. Lineamenti su l'ordinamento sociale dello stato fascista, Giuffré, Milano, 1937
  • Armando Carlini, Saggio sul pensiero filosofico e religioso del Fascismo, Roma, Ist. Naz. di Cultura Fascista (Biblioteca I.N.C.F.; 2), 1942
  • Julius Evola, Tre aspetti del problema ebraico, Roma, Ed. Mediterranee, 1936
  • Julius Evola, La scuola di Mistica Fascista - Scritti su mistica, ascesi e libertà 1940-1941, Napoli, Controcorrente Edizioni - Fondazione Julius Evola, 2009
  • Julius Evola, Il mito del sangue, Milano, Hoepli, 1937
  • Julius Evola, Indirizzi per una educazione razziale, Napoli, Conte Ed., 1941
  • Julius Evola, Sintesi di dottrina della razza, Milano, Hoepli, 1941
  • Niccolò Giani, Perché siamo antisemiti, SMF, Milano, 1939-XVII
  • Niccolò Giani, La mistica come dottrina del fascismo, SMF, Milano, 1939-XVII
  • Niccolò Giani, Perché siamo dei mistici, SMF, Milano, 1940-XVIII
  • Niccolò Giani, Mistica della Rivoluzione Fascista, Il Cinabro, Catania, 2010
  • Ferdinando Mezzasoma, Introduzione al primo Convegno Nazionale, SMF, Milano, 1940-XVIII
  • Paolo Orano, Gli ebrei in Italia, Roma, Pinciana, 1937
  • Giorgio Pini, Il covo di Via Paolo da Cannobio. 15 novembre 1914-15 novembre 1920, SMF, Milano, 1932-X
  • Gastone Silvano Spinetti, Mistica Fascista nel pensiero di Arnaldo Mussolini, Hoepli, Milano, 1936-XIV. Fascismo e libertà (verso una nuova sintesi), Cedam, Padova, 1940-XVIII

Galleria d'immaginiModifica

Visite al "Covo"

NoteModifica

  1. ^ Niccolò Giani, La marcia sul mondo, Novantico Editore, Pinerolo, 2010, pag. 107
  2. ^ Luigi Emilio Longo, I vincitori della guerra perduta (sezione su Niccolò Giani), Edizioni Settimo sigillo, Roma, 2003, pag.81
  3. ^ Tomas Carini, Niccolò Giani e la scuola di mistica fascista. 1930-1943, Mursia, 2009, pag. 130
  4. ^ Tomas Carini, Niccolò Giani e la scuola di mistica fascista. 1930-1943, Mursia, 2009, pag. 123
  5. ^ Aldo Grandi, Gli eroi di Mussolini. Niccolò Giani e la Scuola di mistica fascista, Milano, Rizzoli (Edizioni BUR), 2004, pag. 32
  6. ^ Aldo Grandi, Gli eroi di Mussolini. Niccolò Giani e la Scuola di mistica fascista, Milano, Rizzoli (Edizioni BUR), 2004, pag. 33
  7. ^ a b c Giacomo De Antonellis, Come doveva essere il perfetto giovane fascista, su storia illustrata n° 243 del febbraio 1978, pag 50
  8. ^ Attilio Tamaro, Venti anni di storia 1922-1943, Editrice Tiber, Roma, pag.430
  9. ^ Tomas Carini, Niccolò Giani e la scuola di mistica fascista 1930-1943, Mursia, 2009, pag.33
  10. ^ Niccolò Giani, La marcia sul mondo, Novantico Editore, Pinerolo, 2010, pag. 102
  11. ^ La Scuola di mistica fascista - Una pagina poco nota del Fascismo - PDF Archiviato il 30 luglio 2012 in Archive.is.
  12. ^ a b c d Giacomo De Antonellis, Come doveva essere il perfetto giovane fascista, su storia illustrata n° 243 del febbraio 1978, pag 51
  13. ^ Aldo Grandi, Gli eroi di Mussolini. Niccolò Giani e la Scuola di mistica fascista, cit., pag.34
  14. ^ a b c d e Giacomo De Antonellis, Come doveva essere il perfetto giovane fascista, su Storia Illustrata n° 243 del febbraio 1978, pag. 52.
  15. ^ a b Giacomo De Antonellis, Come doveva essere il perfetto giovane fascista, su Storia Illustrata n° 243 del febbraio 1978, pag. 53.
  16. ^ Aldo Grandi, Gli eroi di Mussolini. Niccolò Giani e la Scuola di mistica fascista, pag. 90
  17. ^ Aldo Grandi, Gli eroi di Mussolini. Niccolò Giani e la Scuola di mistica fascista, cit. pag. 129
  18. ^ Tomas Carini, Niccolò Giani e la scuola di mistica fascista 1930-1943, Mursia, 2009, pag.43
  19. ^ Luigi Emilio Longo, Gli eroi della guerra perduta, edizioni settimo sigillo, 2003, Roma, pag.94-95
  20. ^ Fanfani e la casa: gli anni Cinquanta e il modello italiano di welfare state. Il piano Ina-Casa.; Francesco Malgeri, Rubbettino editore, 2002, on-line su books.google.it
  21. ^ M.IsnenghiIntellettuali militanti e intellettuali funzionari. Appunti sulla cultura fascista, Einaudi, Torino, 1979, pp. 252-254
  22. ^ M.A. Ledeen Universal Fascism, New York, Howard Fertig, 1972 (trad.it. a cura di Bertolazzi, L'internazionale fascista, Laterza, Roma-Bari, 1973, pp.32-407
  23. ^ Tra politica e cultura: la Scuola di Mistica Fascista in Storia in Lombardia, VIII, 1-2, 1989, PP. 377-398
  24. ^ Storia dei GUF. Organizzazione, politica e miti della gioventù universitaria fascista 1919-1943 con pref. di Bruno Bongiovanni, Bollati Boringhieri, Torino, 2003
  25. ^ Come doveva essere il perfetto giovane fascista. La scuola di mistica del regime. in Storia Illustrata, 243, febbraio 1978, pp.46-53
  26. ^ Giannantoni, Fascismo, guerra e società nella Repubblica Sociale Italiana (Varese 1943-1945), prefaz. di Zanzi, Franco Angeli, Milano, 1984, pp. 69-70, 73-74, 181, 183, 235-236, 287-291, 294, 675, n.32, 676, n.35, 727, n. 13, 751-753, n. 15, foto 44 e 45.
  27. ^ cfr. l'introduzione di Marco Tarchi contenuta in Julius Evola, La Torre, Il Falco, Milano, 1977
  28. ^ La scuola dei gerarchi. Storia, problemi, istituzioni, Feltrinelli, 1976 Milano

BibliografiaModifica

  • AA. VV., Esoterismo e fascismo, Mediterranee, Roma 2005.
  • Luca Fantini, Essenza Mistica del fascismo. Dalla Scuola di mistica fascista alle Brigate Nere, Perugia, 2004
  • Tomas Carini, Niccolò Giani e la Scuola di Mistica fascista 1930-1943, prefazione di Marcello Veneziani, Mursia, Milano, 2009
  • Aldo Grandi, Gli eroi di Mussolini. Niccolò Giani e la Scuola di mistica fascista, Milano, Rizzoli (Edizioni BUR), 2004
  • Daniele Marchesini, La scuola dei gerarchi. Mistica fascista: storia, problemi, istituzioni, Milano, Feltrinelli, 1976
  • Niccolò Giani, Mistica della Rivoluzione Fascista, Il Cinabro, Catania, 2010
  • AA. VV, Raido - Speciale Scuola di Mistica Fascista[collegamento interrotto], Raido, Roma, 2009
  • Arnaldo Mussolini, Coscienza e dovere[collegamento interrotto], Raido, Roma, 2007

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN158256795 · LCCN (ENn78052751 · GND (DE6027276-4 · WorldCat Identities (ENn78-052751