Apri il menu principale

Sergio Angelini

calciatore e allenatore di calcio italiano
Sergio Angelini
SergioAngelini.jpg
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 1958 - giocatore
1959 - allenatore
Carriera
Giovanili
Querceta
Squadre di club1
1932-1933 Nuova Italia ? (?)
1933-1936 Viareggio 46 (14)
1936-1942 Livorno 53 (20)
1942-1943 Perugia ? (?)
1943-1944 VV.FF. Spezia 12 (7)
1945-1946 Prato 21 (12)
1946-1948 Viareggio 67 (24)
1948-1950 Pro Sesto 64 (14)
1950-1952 Massese 35 (17)
1957-1958 Pietrasanta Marina ? (?)
Carriera da allenatore
1958-1959Pietrasanta Marina
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Sergio Angelini (Querceta, 15 agosto 1914Forte dei Marmi, 23 gennaio 1990) è stato un calciatore e allenatore di calcio italiano, di ruolo attaccante.

Indice

CarrieraModifica

Cresce nel club del paese natìo ovvero il Querceta, club militante nei campionati di Seconda Divisione e Terza Divisione toscana. In seguito alla fusione tra Querceta e Forte dei Marmi che dette luogo ad una nuova società chiamata Nuova Italia, vestì anche la maglia di questo club.[1]

Dopo un'esperienza al Viareggio, fu notato dal Livorno che lo tesserò tra il 1936 e il 1942 per complessive quattro stagioni in Serie A e due in Serie B.

Durante l'occupazione tedesca dell'Italia, disputò il Campionato Alta Italia 1944 con la maglia dei Vigili del Fuoco di La Spezia, vincendo quella competizione.[2] Alla ripresa dei campionati regolari, torna al Livorno che lo pone in lista di trasferimento.[3] Veste quindi la maglia del Prato;[4] in seguito torna al Viareggio, del quale risulta essere il miglior marcatore in Serie B con 36 reti.[5]

Finì la sua carriera da calciatore con la maglia del Pietrasanta Marina, di cui poi divenne anche allenatore.

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

Competizioni nazionaliModifica

Livorno: 1936-1937
VV.FF. Spezia: 1944
Prato: 1945-1946

NoteModifica

  1. ^ Quando i calciatori avevano la coda (PDF), Versilia oggi.
  2. ^ Lo "Scudetto" del 1944 Acspezia.com
  3. ^ Le liste di trasferimento dei calciatori, Il Corriere dello Sport, 25 settembre 1945, pag.2
  4. ^ Storia del Prato - 1945-46, Tifonet.it. URL consultato il 15 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 2 settembre 2012).
  5. ^ Zebre, gettone numero 1.000 tra i "pro"[collegamento interrotto], Il Tirreno.

BibliografiaModifica

  • Mario Di Luca, Amaranto d'altri tempi: 1933-1943, Livorno, Debatte, 2007, p. 197, ISBN 88-86705-95-6.

Collegamenti esterniModifica