Apri il menu principale
Silvano Schiavon
Silvano Schiavon.JPG
Nazionalità Italia Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità strada
Ritirato 1974
Carriera
Squadre di club
1965-1966 Legnano
1967 Vittadello
1968 Pepsi Cola
1969 Sanson
1970 Salvarani
1971 Dreher
1972 G.B.C.
1973-1974 Magniflex
Nazionale
1968 Italia Italia
 

Silvano Schiavon (Scandolara, 4 novembre 1942Scandolara, 21 ottobre 1977) è stato un ciclista su strada italiano, professionista dal 1965 al 1974.

Indice

CarrieraModifica

Esordì da professionista nel 1965 appena ventiduenne, per volontà di Eberardo Pavesi patron della Legnano, e già nello stesso anno corse il Giro d'Italia, classificandosi al tredicesimo posto. Al Giro del 1966 si classificò undicesimo e nella settima tappa, da Roma a Rocca di Cambio, fu battuto di soli tre secondi dal tedesco Rudi Altig.

Nel 1967 vinse la sua prima e unica gara tra i professionisti a Marina di Massa; al Giro si classificò dodicesimo (con un secondo posto nella seconda tappa Alessandria-La Spezia) e due terzi posti (nella quarta e settima tappa) e fu per tre giorni in maglia rosa. L'anno dopo partecipò sia al Giro che alla Tour de France, cui partecipò con la nazionale italiana, ottenendo buoni piazzamenti nella tappa del Giro del Blockhaus e in quella del Tour di Saint-Gaudens.

Nel 1969, in maglia Sanson, ebbe il compito di fare da spalla a Gianni Motta nel Giro: si classificò al quarto posto (con un terzo posto nella decima tappa) e per due giorni fu in maglia rosa. Nel 1970 ottenne un terzo posto nella dodicesima tappa del Tour e si classificò undicesimo al Giro. L'anno seguente ottenne il sesto posto al Giro e nell'edizione successiva ancora l'undicesimo. Nel 1972 vinse la classifica degli scalatori nella Tour de Suisse.

Nel 1974 lasciò il professionismo e tornò al suo paese natale. Morì in un incidente sul lavoro, schiacciato dal suo trattore, nel 1977, a soli 34 anni.

PalmarèsModifica

PiazzamentiModifica

Grandi GiriModifica

1965: 13º
1966: 12º
1967: 12º
1968: 17º
1969: 4º
1970: 14º
1971: 6º
1972: 11º
1973: 27º
1974: 30º
1968: 15º
1970: ritirato

Classiche monumentoModifica

1966: 115º
1969: 101º
1972: 71º
1973: 100º

Collegamenti esterniModifica