Apri il menu principale

Simon Picone

rugbista a 15 italiano
Simon Picone
Dati biografici
Paese Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 88 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Mediano di mischia
Ritirato 2015
Carriera
Attività giovanile
1994-1999 Viterbo
Attività di club¹
1999-2000 Viterbo 1 (0)
2000-2001 Rugby Roma 1 (5)
2001-2002 Silea 19 (40)
2002-2010 Benetton Treviso 95 (70)
2012-2013 Calvisano 22 (15)
2013-2014 Viterbo
2014-2015 L’Aquila 11 (10)
Attività in franchise
2010-2012 Benetton Treviso 21 (5)
Attività da giocatore internazionale
2004-2010 Italia Italia 23 (5)

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 28 maggio 2015

Simon Picone (Roma, 26 settembre 1982) è un ex rugbista a 15 italiano, attivo in carriera nel ruolo di mediano di mischia.


BiografiaModifica

Nato a Roma da padre italiano e madre belga (dalla quale gli proviene il nome di Simon), iniziò a praticare il rugby a 8 anni durante una vacanza al Circeo[1]; quando aveva 11 anni la sua famiglia si trasferì a Viterbo e lì iniziò a giocare nel club locale nel quale rimase fino al 2000.

Nel 2000 fu ingaggiato dal Rugby Roma con cui esordì in massima divisione il 23 dicembre 2000 nella trasferta contro il Livorno, vinta 67-26 e in cui marcò anche una meta[2]; quello fu anche l'unico incontro giocato nel club della Capitale, a fine stagione si trasferì al Silea, oggi Mogliano. Nel 2002 fu ingaggiato dal Benetton Treviso.

Già messosi in luce nelle selezioni Under-19 e Under-21, nel 2004 esordì in Nazionale maggiore con John Kirwan, nel Sei Nazioni contro l'Irlanda. Scarsamente utilizzato con il successore di Kirwan, Berbizier, fu riproposto in squadra nel Sei Nazioni 2008 dal nuovo C.T. Mallett: l'unica meta in azzurro di Picone fu segnata contro l'Inghilterra nell'incontro che rappresentò all'epoca il miglior risultato dell'Italia contro la formazione d'Oltremanica, una sconfitta per 19-23[3].

Nel Benetton Treviso formò la cerniera di mediani titolari insieme ad Andrea Marcato, apertura anch'egli internazionale; con la formazione veneta vinse cinque titoli di campione d'Italia, l'ultimo nel 2008-09; con il club trevigiano affrontò anche l'esperienza in Celtic League. Nel 2012 fu a Calvisano, con cui alla sua prima stagione giunse fino alle semifinali per lo scudetto; a fine dicembre 2013, a metà campionato, decise di abbandonare il rugby professionistico[4] e rescisse il contratto con il club lombardo per tornare al Viterbo, suo club originario[5].

Alla fine della stagione, tuttavia, tornò a giocare da professionista per un ultimo anno a L’Aquila[4] in Eccellenza, contribuendo alla salvezza anticipata della squadra[6]; alla fine del campionato giunse il ritiro definitivo dalle competizioni[7].

PalmarèsModifica

NoteModifica

  1. ^ Andrea Buongiovanni, Picone, il numero nove che avanza, in la Gazzetta dello Sport, 12 febbraio 2008. URL consultato il 29 novembre 2008.
  2. ^ Volpe,  pag. 301.
  3. ^ (EN) Nabil Hassan, Italy 19-23 England, in BBC, 10 febbraio 2008. URL consultato il 28 maggio 2015.
  4. ^ a b Tommaso Cantalini, Picone: L’Aquila mi ha ridato la voglia, in il Centro, L'Aquila, 8 settembre 2014. URL consultato il 28 maggio 2015.
  5. ^ Il regalo dell'Union Viterbo: Picone, in Viterbo News 24, 25 dicembre 2013. URL consultato il 28 maggio 2015 (archiviato il 28 maggio 2015).
  6. ^ Tommaso Cantalini, Festa L’Aquila: vittoria e salvezza matematica, in il Centro, L'Aquila, 12 aprile 2015. URL consultato il 28 maggio 2015.
  7. ^ Eccellenza, l'addio degli azzurri Perugini, Zaffiri, Travagli e Picone, Federazione Italiana Rugby, 8 maggio 2015. URL consultato il 28 maggio 2015 (archiviato il 28 maggio 2015).

BibliografiaModifica

  • Francesco Volpe, Paolo Pacitti, Rugby 2009, Roma, ZESI, 2008.

Collegamenti esterniModifica