Apri il menu principale
Castel San Giorgio-Roccapiemonte
stazione ferroviaria
Stazione Castel S.Giorgio.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàCastel San Giorgio
Coordinate40°46′17.76″N 14°41′42″E / 40.7716°N 14.695°E40.7716; 14.695Coordinate: 40°46′17.76″N 14°41′42″E / 40.7716°N 14.695°E40.7716; 14.695
LineeCancello-Avellino
Nocera Inferiore-Mercato San Severino
Caratteristiche
Tipofermata in superficie, passante
Stato attualeIn servizio
OperatoreRete Ferroviaria Italiana
Binari1
Circumsalernitana
Logo Metropolitane Italia.svg White dot.svg  Salerno
White dot.svg  Salerno Irno
White dot.svg  Fratte Villa Comunale
White dot.svg  Fratte
White dot.svg  Pellezzano
White dot.svg  Acquamela
White dot.svg  Baronissi
White dot.svg  Fisciano
White dot.svg  Mercato San Severino
White dot.svg  Valle di Mercato San Severino
White dot.svg  Castel S. Giorgio-Roccapiemonte
White dot.svg  Lanzara-Fimiani
White dot.svg  Codola
White dot.svg  Nocera Inferiore Mercato
White dot.svg  Nocera Inferiore

La stazione di Castel San Giorgio-Roccapiemonte è una fermata ferroviaria si trova a Castel San Giorgio, in provincia di Salerno. Essa è uno dei tre impianti ferroviari che si trovano in questo comune, insieme a Codola e Lanzara-Fimiani.

È posta sul tronco comune alle linee Cancello-Avellino e Nocera Inferiore-Mercato San Severino.

PosizioneModifica

La denominazione della fermata riflette il fatto che essa è sita ai confini col territorio di Roccapiemonte che non dispone di un impianto ferroviario sul proprio territorio, anche se trova giovamento dal fatto che il territorio rocchese è vicinissimo sia alla fermata in questione, sia alla stazione di Codola, che è anch'essa nel comune di Castel San Giorgio.

Come gli altri due impianti, essa si trova sulla linea Cancello-Avellino, ed è servita dai treni della cosiddetta Circumsalernitana, che collega alcuni dei più importanti centri della zona come Salerno, Mercato San Severino, Nocera Inferiore e Sarno.

Strutture ed impiantiModifica

Lo scalo è dotato di un fabbricato viaggiatori a due piani. È diventato una fermata a metà anni novanta, dopo la rimozione del secondo binario di servizio.

MovimentoModifica

Fra i vari collegamenti, con treni regionali, contava anche un interregionale da e per Roma.

Altri progettiModifica