Tobin Heath

calciatrice statunitense

Tobin Powell Heath (Morristown, 29 maggio 1988) è una calciatrice statunitense, centrocampista dell'OL Reign e della nazionale statunitense.

Tobin Heath
Tobin Heath (37241235651).jpg
Heath con la maglia degli Stati Uniti nel 2017
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 168 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra OL Reign
Carriera
Giovanili
2006-2010North Carolina Tar Heels
Squadre di club1
2004-2005N.J. Wildcats7 (1)
2007-2008non conosciuta Jersey Sky Blue5 (5)
2009Pali Blues6 (1)
2010Atlanta Beat3 (0)
2011Sky Blue12 (0)
2012New York Fury1 (0)
2013Paris Saint-Germain8 (4)
2013Portland Thorns7 (0)[1]
2014Paris Saint-Germain7 (0)
2014-2020Portland Thorns61 (10)[2]
2020-2021Manchester Utd8 (4)
2021-2022Arsenal9 (2)
2022-OL Reign5 (1)
Nazionale
2004Stati Uniti Stati Uniti U-204 (0)
2008-Stati Uniti Stati Uniti181 (36)
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Pechino 2008
Oro Londra 2012
Bronzo Tokyo 2020
FIFA Women's World Cup.svg Mondiali di calcio femminile
Argento Germania 2011
Oro Canada 2015
Oro Francia 2019
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 3 settembre 2022

BiografiaModifica

Heath è nata a Morristown, New Jersey dai genitori Jeff e Cindy Heath, crescendo invece a Basking Ridge. Heath ha un fratello più piccolo, Jeffrey, e due sorelle maggiori, Perry and Katie. Sua sorella Katie, ha giocato l'NCAA Division I di tennis per l'Università del Delaware.

Nel 2019 Heath, insieme alle compagne di nazionale Christen Press, Megan Rapinoe e Meghan Klingenberg, ha fondato il brand di moda gender-neutral Re-inc, di cui è anche creative director.

Il 20 luglio 2022 si è presentata sul red carpet dei premi ESPN tenendo per mano Christen Press, giocatrice della Nazionale di calcio femminile degli Stati Uniti d'America e CEO di Re-inc, confermando la relazione romantica che da anni i fan sospettavano.

CarrieraModifica

ClubModifica

Calcio collegialeModifica

Ha ricevuto una borsa di studio per l'Università della Carolina del Nord, dove ha studiato Scienze della Comunicazione.

Ha giocato nel National Collegiate Athletic Association (NCAA) dal 2006 al 2010. Dal 2006 al 2010 veste la maglia della North Carolina Tar Heels e con i suoi 19 goal e 32 assist aiuta la squadra a vincere tre volte i campionati universitari (2006, 2008 e 2009).

Calcio professionisticoModifica

Nel 2010 fu selezionata dagli Atlanta Beat.

Il 10 dicembre 2010, Heath passò allo Sky Blue, giocò 12 partite. La squadra finì quinta nel campionato con 5 vittorie, 4 pareggi e 9 sconfitte.

Nel 2012 si unisce ai New York Fury. Gioca una sola partita, dopo essersi ripresa da un infortunio alla caviglia, prima di essere chiamata in ritiro dalla Nazionale.

Heath firmò un contratto di sei mesi con il Paris Saint-Germain all'inizio del 2013, registrando 12 apparizioni e cinque gol tra campionato e coppe.

Alla creazione della National Women’s Soccer League (NWSL) nel gennaio 2013 Heat fu allocata ai Portland Thorns FC, a cui passò dopo la conclusione della stagione con il Paris-Saint Germain. I Thorns vinsero il titolo battendo i Western New York Flash per 2-0, con un gol di Heat su punizione.

NazionaleModifica

Heath fece la prima apparizione con la Nazionale maggiore il 18 gennaio 2008 contro la Finlandia.

Ha partecipato alle Olimpiadi di Pechino nel 2008 giocando tre partite.

Heath ha preso parte alle Olimpiadi di Londra del 2012, giocando tutte e sei le partite e realizzando tre assist.

Heath ha giocato 5 delle 7 partite della 2015 FIFA Women's World Cup in Canada. Nella finale contro il Giappone terminata 5-2 ha realizzato il quinto gol su assist di Morgan Brian.

Con la Nazionale degli USA ha disputato un totale di 131 partite e realizzato 18 reti, inoltre ha vinto un Campionato mondiale e due edizioni consecutive dei giochi olimpici (2008 e 2012).

PalmarèsModifica

ClubModifica

NazionaleModifica

2008, 2011, 2013, 2015
Pechino 2008, Londra 2012
Tokyo 2020
2014, 2018
2015, 2019
2016, 2018, 2020
2018

IndividualeModifica

  • Miglior giovane: 2009
  • Atleta dell'anno: 2016

NoteModifica

  1. ^ 9 (2) se si comprendono i play-off.
  2. ^ 67 (11) se si comprendono i play-off.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica