Apri il menu principale
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Eudicotiledoni
Primula aka.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Rosopsida
Ordini e famiglie (APG II)

Le eudicotiledoni (Eudicotyledones) o tricolpate (Tricolpates) sono un gruppo tassonomico che include quasi tutte le dicotiledoni di base. Alcuni autori trattano questo gruppo come una classe singola: Rosopsida, mentre altri lo suddividono in ulteriori classi.

Le eudicotiledoni si distinguono per la produzione di polline tricolpato, o forme derivate da esso. Questo tipo di polline possiede tre o più pori in solchi detti colpi, a differenza di quello monosolcato, con poro singolo, della maggior parte delle Gimnosperme e del resto delle Angiosperme.

TassonomiaModifica

Le eudicotiledoni sono distinte in due gruppi, le cosiddette "eudicotiledoni (o tricolpate) basali" e il "nucleo delle eudicotiledoni (o tricolpate)"[1]. Il primo gruppo è un gruppo parafiletico. Il secondo gruppo è monofiletico[2] e comprende, accanto a numerosi ordini non chiaramente correlati fra loro, due ampi cladi monofiletici, il clade delle rosidi e quello delle asteridi.

In uno studio del 2010[3], il nucleo delle eudicotiledoni è suddiviso in due cladi, le Gunnerales e le Pentapetalae, clade che, comprendendo il resto delle piante del nucleo delle eudicotiledoni, è suddiviso nei tre cladi:

All'interno del nucleo delle eudicotiledoni, i gruppi più numerosi sono rosidi e asteridi.

Questa divisione delle eudicotiledoni è riepilogata nel seguente cladogramma[4]:


eudicotiledoni

eudicotiledoni basali (gruppo parafiletico: Ranunculales, Sabiaceae, Proteales, Trochodendrales, Buxales)

nucleo delle eudicotiledoni

Gunnerales

Pentapetalae

Dilleniaceae

superrosidi

Saxifragales

Vitales

rosidi

superasteridi

Santalales

Berberidopsidales

Caryophyllales

asteridi

Albero filogenetico delle famiglie (APG II)Modifica

Le famiglie tra parentesi costituiscono ulteriori suddivisioni monofiletiche ritenute accettabili ma non consigliate dall'APG.

NoteModifica

  1. ^ Worberg A, Quandt D, Barniske A-M, Löhne C, Hilu KW, Borsch T (2007) Phylogeny of basal eudicots: insights from non-coding and rapidly evolving DNA. Organisms, Diversity and Evolution 7 (1), 55-77.
  2. ^ Douglas E. Soltis, Pamela S. Soltis, Peter K. Endress, and Mark W. Chase. Phylogeny and Evolution of Angiosperms. Sinauer Associates: Sunderland, MA, USA. (2005).
  3. ^ Michael J. Moore, Pamela S. Soltis, Charles D. Bell, J. Gordon Burleigh e Douglas E. Soltis, Phylogenetic analysis of 83 plastid genes further resolves the early diversification of eudicots, in Proceedings of the National Academy of Sciences, vol. 107, nº 10, 2010, pp. 4623–4628, DOI:10.1073/pnas.0907801107, PMC 2842043, PMID 20176954.
  4. ^ Cladogramma basato su:
    P.F. Stevens, Trees, su Angiosperm Phylogeny Website, 2001–2014. URL consultato il 17 novembre 2014.
    P.F. Stevens, Eudicots, su Angiosperm Phylogeny Website, 2001–2014. URL consultato il 17 novembre 2014.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica