Apri il menu principale

Valeria Solarino

attrice italiana

BiografiaModifica

Figlia di padre siciliano e madre torinese, per via della professione del papà che porta la famiglia in giro per il mondo, Valeria viene al mondo in Venezuela, tornando in Italia con i genitori quando ha appena pochi mesi: cresce quindi dapprima in Sicilia e poi stabilmente a Torino.[1] Nella città piemontese, dopo avere studiato per quattro anni presso la facoltà di lettere e filosofia dell'Università degli Studi, inizia la sua attività di attrice professionista alla scuola del Teatro Stabile.

Dopo qualche esperienza sul palcoscenico viene notata e scelta da Mimmo Calopresti per un piccolo ruolo nel film La felicità non costa niente (2003). È l'inizio di una rapida carriera: nello stesso anno interpreta il ruolo di Maja nel film Fame chimica di Paolo Vari e Antonio Bocola e, sempre nel 2003, veste i panni di Bea, una delle ragazze conosciute dai tre giovani protagonisti di Che ne sarà di noi di Giovanni Veronesi, colui che, peraltro, da allora diventerà il suo compagno di vita.[2]

Il 2005 è l'anno della consacrazione: interpreta il ruolo di Linda, accanto a Fabio Volo nel film La febbre di Alessandro D'Alatri. L'anno dopo recita ne Viaggio segreto di Roberto Andò. Nel 2008 è candidata al David di Donatello per la migliore attrice protagonista per Signorina Effe di Wilma Labate, mentre l'anno seguente ottiene vari riconoscimenti per l'interpretazione di Angela in Viola di mare.[3] Nel 2010 recita in Vallanzasca - Gli angeli del male nella parte di Consuelo, cui segue l'anno dopo Ruggine. Nel 2013 partecipa alla seconda stagione della serie televisiva Una grande famiglia nel ruolo di Giovanna.

FilmografiaModifica

 
Valeria Solarino nel 2008

CinemaModifica

TelevisioneModifica

TeatroModifica

  • Sogno di una periferia, regia di Aldo Turco (2001)
  • Risveglio di primavera, rega di Marco Plini (2001)
  • Amleto, regia di Walter Le Moli (2002)
  • Raccontare l'inferno, regia di O. Lavagna (2002)
  • Inferno, regia di Mauro Avogadro (2002)
  • Vasta è la prigione, regia di Mauro Avogadro (2003)
  • Romeo e Giulietta, regia di Jean Christophe Sais (2003)
  • Genio buono e genio cattivo, regia di Mauro Avogadro (2003)
  • Vocazione/Set, regia di Gabriele Vacis (2004)
  • Signorina Giulia (2010-2012)
  • Palamede - L'eroe cancellato, regia di Alessandro Baricco (2015-2017)
  • Una giornata particolare, regia di Nora Venturini (2016-2018)
  • Misantropo, regia di Nora Venturini (2018-2020)

VideoclipModifica

EbookModifica

  • Sogni da raccontare. 7 fiabe, OVS supports Save the Children, 2014

RiconoscimentiModifica

OnorificenzeModifica

  Cavaliere dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella»
— 19 dicembre 2018[4]

NoteModifica

  1. ^ Dario Cresto-Dina, Valeria Solarino, giovane diva: "Non voglio essere una meteora", su repubblica.it, 17 febbraio 2008.
  2. ^ Emanuele Bigi, Valeria Solarino: «Ci sposeremo da vecchi», su vanityfair.it, 3 marzo 2015.
  3. ^ CINEMA: VIOLA DI MARE VINCE NICE FESTIVAL, 19/A EDIZIONE USA [collegamento interrotto], su regione.toscana.it, 23 novembre 2009.
  4. ^ Dettaglio decorato - Solarino Sig.ra Valeria.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN12138488 · ISNI (EN0000 0001 1467 8590 · SBN IT\ICCU\RAVV\419147 · LCCN (ENno2008177967 · GND (DE1061366448 · BNF (FRcb16600841t (data) · WorldCat Identities (ENno2008-177967
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie