Apri il menu principale
La Via degli Abruzzi.

La via degli Abruzzi era l'antico itinerario che collegava Firenze e Napoli passando attraverso l'Abruzzo.[1]

Ne è documentato l'utilizzo sin dall'alto medioevo anche se la via ebbe il suo periodo d'oro tra il XIII ed il XV secolo, quando rappresentò una fondamentale infrastruttura per il commercio della lana e dello zafferano, prodotti nell'aquilano,[2] e consentì l'ascesa economica e politica della capitale abruzzese.[3]

Indice

DescrizioneModifica

La strada metteva in comunicazione le due grandi capitali, Firenze e Napoli, toccando anche Perugia, L'Aquila, Sulmona, Isernia e Capua;[4] come ricordato dal mercante toscano Pegolotti nel suo La pratica della mercatura (1343), poteva essere percorso in circa 12 giorni.[4] Più che di un singolo itinerario, si trattava di un sistema di assi commerciali che, attraverso tre nazioni (Repubblica di Firenze, Stato della Chiesa e Regno di Napoli), consentiva il collegamento tra l'Italia settentrionale e quella meridionale, allontanandosi dalla logica romanocentrica delle strade consolari.

Il primo tratto − congiungente Firenze, Perugia e Spoleto − era anche detto "via Umbra" e si sovrapponeva parzialmente alla via Flaminia; questo si univa alla Via degli Abruzzi propriamente detta in prossimità di Cotilia. Per un breve tratto, fino ad Antrodoco, la strada ricalcava la via Salaria; da questo punto, e fino all'ingresso nel Sannio, l'itinerario coincideva quasi totalmente con quello dell'attuale strada statale 17, a sua volta derivante in parte dalla via Claudia Nova e in parte a quello del tratturo L'Aquila-Foggia. Infine, da Bojano, l'itinerario piegava verso ovest in direzione di Napoli. La strada si prolungava a nord verso Milano e Venezia seguendo vari percorsi.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Cristiana Pasqualetti, La via degli Abruzzi e le arti nel Medioevo, L'Aquila, One Group, 2014, ISBN 8889568399.
  • Paola Pierucci, L'economia dell'Abruzzo tra continuità e mutamenti (secc. XIV-XIX), Milano, Franco Angeli, 2016, ISBN 8891747726.

Voci correlateModifica

  Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti