Vincenzo Gonzaga (duca di Guastalla)

nobile
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri omonimi, vedi Vincenzo Gonzaga.
Vincenzo Gonzaga
Vincenzo Gonzaga duca di Guastalla.jpg
Duca di Guastalla
Crown of italian duke (corona normale).svg
Coat of arms of the House of Gonzaga-Guastalla.svg
In carica 1694 - 1702
1704 - 1714
Predecessore Ferdinando Carlo di Gonzaga-Nevers
Successore Antonio Ferrante Gonzaga
Trattamento Sua Altezza Reale
Altri titoli Principe di Sabbioneta, Principe di Bozzolo, Marchese di Ostiano
Nascita 1634
Morte Guastalla, 28 aprile 1714
Dinastia Gonzaga
Padre Andrea Gonzaga
Madre Laura Crispiano di Fusara
Coniugi Teodora Porzia Guidi di Bagno
Maria Vittoria Gonzaga
Figli Maria Isabella
Antonia
Eleonora Luisa
Antonio Ferrante
Giuseppe Maria

Vincenzo Gonzaga (163428 aprile 1714) è stato un nobile italiano, quarto duca di Guastalla dal 1693 al 1714, con una pausa fra il 1702 ed il 1714.

Ducato di Guastalla
Gonzaga
Coat of arms of the House of Gonzaga-Guastalla.svg

Ferrante II
Cesare II
Ferrante III
Vincenzo
Antonio Ferrante
Giuseppe Maria
Modifica

BiografiaModifica

Vincenzo era figlio di Andrea Gonzaga, Conte di San Paolo, e nipote di Ferrante II Gonzaga, Conte e poi Duca di Guastalla.

Dopo un primo matrimonio senza eredi con Teodora Porzia Guidi di Bagno (?-1672), egli sposò nel 1679 Maria Vittoria Gonzaga (1659 - 1707), figlia minore di suo cugino, il Duca di Guastalla Ferrante III Gonzaga.

Quando Ferrante III morì nel 1678 senza eredi, Guastalla venne temporaneamente governata da Ferdinando Carlo di Gonzaga-Nevers, Duca di Mantova e del Monferrato, che aveva sposato Anna Isabella Gonzaga, figlia maggiore del Duca Ferrante III.

Vincenzo divenne Duca di Guastalla nel 1692.

Vincenzo Gonzaga ereditò nel 1707 anche i feudi di Bozzolo e Pomponesco, e nel 1710 anche quello di Sabbioneta. Rientrato nel suo ducato poco tempo dopo la cacciata dei francesi, il duca Vincenzo lo trovò completamente devastato: i vecchi tesori e capolavori d'arte erano spariti, saccheggiati dalle soldatesche; gli archivi di Stato erano stati svaligiati; la reggia era ridotta ad un bivacco. Vincenzo non sapeva dove trovare i fondi per ricostruire lo Stato. Problemi ne diede anche la famiglia: infatti il cugino Ferdinando Carlo di Gonzaga-Nevers, duca di Mantova e del Monferrato, non avendo eredi, minacciò di avvelenargli i figli, temendo di esserne spodestato. Per paura di queste minacce, il duca tenne la sua prole rinchiusa in un castello, guardato a vista da guardie armate fino ai denti. Con la caduta del duca di Mantova Ferdinando Carlo, Vincenzo Gonzaga mobilitò la sua diplomazia per chiedere l'investitura al Ducato di Mantova, richiesta che trovò la risposta imperiale da parte dell'imperatore, il quale rispose che non aveva alcuna intenzione di restituire il ducato ai Gonzaga ma di appropriarsene per sé e la sua successione Asburgica, perché nel trattato di Rastatt venne stabilito fin dall'inizio che con la conclusione del fronte italiano nella Guerra di successione spagnola, il mantovano sarebbe passato alla famiglia degli Asburgo, nella persona dell'imperatore Carlo VI. La notizia scosse talmente il duca Vincenzo Gonzaga, che morì di crepacuore, per l'offesa subita dal trattato e l'incredibile voltafaccia degli Asburgo, sapendo che Vincenzo Gonzaga aveva sempre favorito le truppe imperiali durante il conflitto. Alla sua morte, il 28 aprile 1714, a 78 anni, venne succeduto dal maggiore dei suoi figli maschi, Antonio Ferrante.

DiscendenzaModifica

Vincenzo e Maria Vittoria ebbero cinque eredi:[1][2]

Vincenzo ebbe due omonimi altrettanto famosi, membri della sua illustre prosapie: il primo di questi fu suo zio Vincenzo (1602-1694), figlio di Ferrante II, che fu Viceré di Catalogna dal 1664 al 1667 e Viceré di Sicilia nel 1678, mentre il secondo fu suo cugino Vespasiano Vincenzo (1621-1687), che fu viceré di Valencia nel 1663.

OnorificenzeModifica

  Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (austriaco)

NoteModifica

  1. ^ Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Gonzaga di Mantova, Torino, 1835.
  2. ^ Genealogia dei Gonzaga di Guastalla.

BibliografiaModifica

  • Luigi Tonini, San Martino dall’Argine nella storia. Alla ricerca delle nostre radici, Mantova, 2003, ISBN 9-788888-091549.
  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Gonzaga di Mantova, Torino, 1835.

Voci correlateModifica