Apri il menu principale
XVI Giochi paralimpici estivi
IPC logo (2004).svg
Discover Tomorrow (未来(あした)をつかもう)
Città ospitanteTokyo, Giappone
Nazioni partecipanti(vedi sotto)
Cerimonia apertura25 agosto 2020
Cerimonia chiusura6 settembre 2020
StadioStadio Olimpico
Cronologia dei Giochi paralimpici
Giochi precedentiGiochi successivi
Rio de Janeiro 2016 Parigi 2024

I XVI Giochi paralimpici estivi (第十六回パラリンピック競技大会 Dai Jūroku-kai Pararinpikku Kyōgi Taikai?) si svolgeranno a Tokyo, la capitale del Giappone, dal 25 agosto al 6 settembre 2020.[1] Sarà la seconda volta che la città di Tokyo ospiterà i giochi paralimpici dopo l'edizione del 1964.[2]

In questa edizione entreranno a far parte del programma le gare di badminton e taekwondo paralimpico, mentre saranno eliminati la vela paralimpica e il calcio a 7-un-lato.[3]

Indice

AssegnazioneModifica

Come da accordi del 2001 tra il Comitato Paralimpico Internazionale e il Comitato Olimpico Internazionale, il paese selezionato per ospitare i giochi olimpici dovrà ospitare anche i corrispondenti giochi paralimpici.[4] Il 7 settembre 2013 durante la 125ª sessione del CIO svoltasi a Buenos Aires, la città di Tokyo ha ottenuto l'organizzazione dei Giochi della XXXII Olimpiade e di conseguenza anche dei XV Giochi paralimpici estivi. La città giapponese ha vinto la concorrenza della città turca di Istanbul e della città spagnola di Madrid.[5]

Risultati assegnazione della XXXII Olimpiade
Città Nazione 1º turno Spareggio 2º turno
Tokyo   Giappone 42 - 60
Istanbul   Turchia 26 49 36
Madrid   Spagna 26 45 -

Sviluppo e preparazioneModifica

Sedi di garaModifica

Zona Heritage
Altri impianti
  • Asaka Shooting Range: Tiro
  • Izu Velodrome: Ciclismo su pista
  • Makuhari Messe: Boccia, pallavolo paralimpica, scherma in carrozzina
Zona Tokyo Bay
  • Ariake Coliseum: Tennis in carrozzina
  • Dream Island Archery Park: Tiro con l'arco
  • Dream Island Stadium: Equitazione
  • Odaiba: Ciclismo su strada, paratriathlon
  • Tokyo Aquatics Centre: Nuoto
  • Olympic Gymnastics Centre: Goalball
  • Sea Forest Waterway: Canottaggio, paracanoa
  • Seaside Park Stadium: Calcio a 5-un-lato
  • Ariake Arena: Pallacanestro in carrozzina

SportModifica

Nel programma dei XVI Giochi paralimpici estivi saranno presenti 22 discipline. Come in passato, le prove a squadre di goalball, pallavolo paralimpica, e pallacanestro in carrozzina saranno sia maschili che femminili e quelle di rugby in carrozzina miste, mentre quelle di calcio paralimpico saranno solo per uomini.[3]

Nel mese di gennaio 2014, il Comitato Paralimpico Internazionale ha iniziato ad accettare le offerte per i nuovi sport da aggiungere al programma, che includevano: calcio per amputati, badminton, pallacanestro a 3 per atleti con disabilità intellettiva, hockey con sedia a rotelle elettrica, calcio in carrozzina e taekwondo.[6] Il 31 gennaio 2015, il Comitato Paralimpico Internazionale ha annunciato che il badminton e il taekwondo saranno aggiunti al programma paralimpico mentre la vela e il calcio a 7-un-lato saranno eliminati per via dello scorso seguito internazionale.[3]

  •   Atletica leggera
  •   Badminton
  •   Boccia
  •   Calcio a 5-un-lato
  •   Canottaggio
  •   Ciclismo
  •   Equitazione
  •   Goalball
  •   Judo
  •   Nuoto
  •   Pallavolo
  •   Paracanoa
  •   Paratriathlon
  •   Pallacanestro in carrozzina
  •   Pesistica
  •   Rugby in carrozzina
  •   Scherma in carrozzina
  •   Taekwondo
  •   Tennis in carrozzina
  •   Tennistavolo
  •   Tiro
  •   Tiro con l'arco

NoteModifica

  1. ^ (JAENFR) Games Plan, su tokyo2020.jp. URL consultato il 22 agosto 2016.
  2. ^ (JAENFR) The Tokyo 1964 Olympic Games, su tokyo2020.jp. URL consultato il 22 agosto 2016.
  3. ^ a b c (EN) IPC announces final Tokyo 2020 Paralympic sports program, su paralympic.org, 31 gennaio 2015. URL consultato il 22 agosto 2016.
  4. ^ (EN) Paralympics 2012: London to host 'first truly global Games', su bbc.com, 21 maggio 2012. URL consultato il 22 agosto 2016.
  5. ^ (EN) 2020 Olympics Vote Total Box, su espn.com, 7 settembre 2013. URL consultato il 22 agosto 2016.
  6. ^ (EN) Sports apply for 2020 Tokyo Paralympic inclusion, su bbc.com, 22 gennaio 2014. URL consultato il 22 agosto 2016.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Sport per disabili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport per disabili