Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando famiglia D'Avise, vedi D'Avise (famiglia).
Avise
comune
(IT) Comune di Avise
(FR) Commune d'Avise
Avise – Stemma Avise – Bandiera
Avise – Veduta
Il capoluogo e il castello di Avise
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneValle d'Aosta-Stemma.svg Valle d'Aosta
ProvinciaNon presente
Amministrazione
SindacoMaria Romana Lyabel (lista civica Pour Avise) dal 24/05/2010
Lingue ufficialiFrancese, italiano
Territorio
Coordinate45°42′31.32″N 7°08′25.8″E / 45.7087°N 7.1405°E45.7087; 7.1405 (Avise)Coordinate: 45°42′31.32″N 7°08′25.8″E / 45.7087°N 7.1405°E45.7087; 7.1405 (Avise)
Altitudine775 m s.l.m.
Superficie52,62 km²
Abitanti297[2] (28-2-2017)
Densità5,64 ab./km²
FrazioniCerellaz, Charbonnière, La Clusaz, Le Coudray, Le Cré, Le Pré, Le Thomasset, Plan, Runaz, Vedun[1]
Comuni confinantiArvier, La Salle, La Thuile, Saint-Nicolas, Saint-Pierre, Saint-Rhémy-en-Bosses, Valgrisenche
Altre informazioni
Cod. postale11010
Prefisso0165
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT007006
Cod. catastaleA521
TargaAO
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona F, 3 395 GG[3]
Nome abitanti(IT) avisani
(FR) avisiens
Patronosan Brizio
Giorno festivo13 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Avise
Avise
Avise – Mappa
Posizione del comune di Avise all'interno della Valle d'Aosta
Sito istituzionale

Avise (Oveuzo in patois valdostano) è un comune italiano di 297 abitanti dell'alta Valle d'Aosta.

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

Avise sorge su di una sporgenza rocciosa a picco sulla forra di Pierre-Taillée, all'imbocco della Valdigne.

ClimaModifica

StoriaModifica

La sua posizione strategica fece sì che per secoli fosse baluardo a difesa dei traffici commerciali verso il valico alpino del Colle del Piccolo San Bernardo, fin dall'epoca romana a protezione della via delle Gallie, strada romana consolare fatta costruire da Augusto per collegare la Pianura Padana con la Gallia. I racconti di Horace-Bénédict de Saussure raccolti in Voyage dans les Alpes indicano che il passaggio di Pierre-Taillée fosse difeso da due ponti levatoi, un corpo di guardia e un portone.[5]

Ancora, durante il medioevo, la posizione strategica di Avise permise il prosperare della nobile famiglia dei d'Avise, una delle poche a potersi permettere di non sottomettersi a Casa Savoia e a potersi permettere di costruire ben tre castelli a distanza di poche centinaia di metri l'uno dall'altro. Sul Castello di Avise, in particolare, è di monito ai passanti il motto: «Qui tost Avise, tart se repent».[6]

Durante le invasioni delle truppe francesi nel 1691 e nel 1704, Avise giocò un ruolo di rilievo.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

CulturaModifica

BibliotecheModifica

In frazione Runaz, nella Maison de Mosse, ha sede la biblioteca comunale.

MuseiModifica

EventiModifica

La Fiha de la fiocca, dal patois valdostano Festa della panna, l'ultima domenica di giugno al villaggio Baulin (pron. Béileun), nella bassa Valgrisenche. La panna viene fatta artigianalmente grazie a un fouet (in francese, "frusta") dentro una barma (in patois valdostano, una cavità nella roccia).

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[7]

 

EconomiaModifica

Come in molti comuni valdostani anche nel comune di Avise si produce energia idroelettrica. La centrale omonima sfrutta le acque della Dora di Valgrisenche ed è gestita dalla Compagnia Valdostana delle Acque (CVA).[8]

Infrastrutture e trasportiModifica

FerrovieModifica

Avise ha una propria stazione ferroviaria che si trova sulle linea Aosta-Pré-Saint-Didier; tale linea nacque con scopi industriali e vi viene svolto servizio passeggeri regolare ad opera di Trenitalia, nell'ambito del contratto di servizio stipulato con la Regione Valle d'Aosta.

AmministrazioneModifica

Fa parte della Unité des Communes valdôtaines Grand Paradis.

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
5 agosto 1988 28 maggio 1990 Roberto Clusaz uv Sindaco [9]
28 maggio 1990 29 maggio 1995 Roberto Clusaz uv Sindaco [9]
29 maggio 1995 8 maggio 2000 Maurizio Vauthier uv Sindaco [9]
8 maggio 2000 9 maggio 2005 Maurizio Vauthier lista civica Sindaco [9]
9 maggio 2005 24 maggio 2010 Maria Romana Lyabel lista civica Sindaco [9]
24 maggio 2010 10 maggio 2015 Maria Romana Lyabel lista civica Sindaco [9]
28 maggio 2015 in carica Maria Romana Lyabel Sindaco [9]

SportModifica

In questo comune si gioca a Fiolet, caratteristico sport tradizionale valdostano.[10]

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Nello statuto comunale i toponimi sono riportati in patois avisien (Hèla, Tsarbon, La Cluza, Lo Coudrai, Lo Cri, Lo Prò, Lo Tomassè, Plan, Runa, Vedeun): Comune di Avise - Statuto (PDF), su incomune.interno.it. URL consultato l'8 gennaio 2018.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2017.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Le zone sismiche in Italia: Valle-Aosta, statistica 2006, www.abspace.it
  5. ^ voie romaine de Gaulle “Pierre Taillee”, vestiges de fortifications Archiviato il 28 ottobre 2011 in Internet Archive.
  6. ^ Storia sul sito del Comune di Avise
  7. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  8. ^ CVA, Gli impianti, su cva-ao.it. URL consultato il 1º novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 3 novembre 2013).
  9. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/
  10. ^ Dati 2011. Cfr. Anna Maria Pioletti (a cura di), Giochi, sport tradizionali e società. Viaggio tra la Valle d'Aosta, l'Italia e l'Unione Europea, Quart (AO), Musumeci, 2012, pp. 74-100, ISBN 978-88-7032-878-3.

BibliografiaModifica

  • Louis Lyabel, Notes historiques sur la paroisse d'Avise, Aosta: Tipografia Valdostana, 1959
  • Nouvelles d'Avise, notiziario a cura della Biblioteca comunale.
  • Julien Pignet, La famille d'Avise: notes généalogiques, Aoste: ITLA, 1963
  • Mario Govi, Contributo alla conoscenza della zona mesozoica di Avise (Alta Valle d'Aosta), Roma: Aziende tipografiche Eredi G. Bardi, 1966
  • Fausta Baudin (a cura di), Inventaire du fonds d'Avise, Archivum Augustanum, 11, 2010, pp. 255 e segg
  • Nicole Denarier e Lara Domaine (a cura di), Trentennale Comité des traditions d'Avise, 1972-2002, con testimonianze raccolte da Giorgio Concadoro, Nicole Denarier, Lara Domaine, Arturo Jacquemod, Elvis Milliery, 2003.
  • Avise autrefois: le village de Cerellaz, a cura della Maison de Mosse, Runaz (Avise), 1998
  • Guida Rurale della Valle d'Aosta. Comunità Montana Grand Paradis (Assessorato Agricoltura e Risorse Naturali - Regione Autonoma Valle d'Aosta), 2009.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN245395175 · WorldCat Identities (EN245395175
  Portale Valle d'Aosta: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Valle d'Aosta